© 2002 - Progetto Babele Rivista Letteraria - fondata da Marco R. Capelli
Il gruppo di Progetto Babele su Facebook
SCARICA GRATUITAMENTE LA RIVISTA IN FORMATO PDF ACQUISTA UNA COPIA STAMPATA DELLA RIVISTA SCARICA O COMPRA I NUMERI ARRETRATI DELLA RIVISTA
HomePage Contatta PB Contatta il WebMaster help&faq
 
 
PB NEWS:    [24/03/2017] L'editore più povero del mondo parla sul blog "La Casa di Carta"    [13/06/2012] Terremoto in Emilia - sospensione temporanea attività Progetto Babele    [18/03/2012] Novità in arrivo per le edizioni Anordest    [13/10/2011] Il cacciatore di titoli    [29/04/2017] 14 concorsi letterari in scadenza nei prossimi quattordici giorni    EVENTI, PRESENTAZIONI, CORSI, SEMINARI, FIERE E SPETTACOLI    Presentazione del libro Come impronte nella neve scadenza 2017-05-06    ULTIMI INSERIMENTI SUL SITO AL 29/04/2017    Recensioni     Il lungo cammino del fulmine di Guglielmo Campione     È vero che il giorno sapeva di sporco di Mario Bonanno     Brando Street. La scomparsa di una comparsa di Marisa Cecchetti     Sharaz-De Le mille e una notte di Sergio Toppi    La versione di Gipo di Alberto Facchinetti    Il parere di PB     Papà mi presti i soldi che devo lavorare? di Alessia Bottone    Le rose di Eusebia di Claudio Secci    La lama nera di Dario De Judicibus    Le coincidenze necessarie di Patrizia Marzocchi    Il 18° vampiro di Claudio Vergnani    Articoli e saggi     ANTONIO ALTOMONTE «emblematico ricostruttore di perdute dimensioni».     Il mondo poetico del calabrese Rocco Nassi     FRANCESCO PERRI (Careri 1885 – Pavia 1975): il primo scrittore antifascista della letteratura italiana e il primo cantore dell’emigrazione meridionale     La donna indiana tra letteratura e realtà. Anita Desai e Kamala Markandaya.     L'esclusa di Luigi Pirandello    Racconti     I bossoli dei fratelli James di Massimo Martinelli     Ambrosia per due di Francesco Nucera     Compagni di scuola di Maria cristina Pazzini     La via uruguagia alla felicità di Frank Iodice     Lettera ad una cucciola di Cinzia Baldini    AUDIOLIBRI     Carrozza n.6 di Matteo Bertone letto da Samuele Arena     Fino alla fine dell`alba di Matteo Bertone letto da Samuele Arena     Hannah di Beppe Calabretta letto da Sandra Tedeschi     Delusione di Christian Bigiarini letto da Alberto Sannazzaro     L`ultimo di Giuseppe Foderaro letto da Luca Govoni    Biografie     Svevo, Italo (1861-1928)     Deledda,Grazia (1871-1936)     Némirovsky,Irene (1903-1942)     Rodolfo Walsh (1927-1977)     Sturluson, Snorri (1176-1241)    Traduzioni     Der Panther / La Pantera di Rainer Maria Rilke trad. di Paolo Esposito     Maternità trad. di Maria giovanna Varasano     L'oscurità amica trad. di Nicoletta Isola     Strana contrada trad. di Nicoletta Isola     Il silenzio del mare trad. di Nicoletta Isola    Poesie     Gemme rare di Elisabetta Santirocchi     Semplicemente luce di Elisabetta Santirocchi     Frantumi di Edoardo Firpo     Ricordo di Edoardo Firpo     Gioco di Edoardo Firpo    Cinema     Forbidden Voices - How to start a revolution with a laptop (Svizzera 2012) regia di Barbara Miller     Hamlet (UK - USA con Kenneth Branagh: Amleto Julie Christie: Gertrude Derek Jacobi: Claudio Kate Winslet: Ofelia 1996) regia di Kenneth Branagh     Becoming Jane (Con Anne Hathaway, James McAvoy, Julie Walters, Maggie Smith, James Cromwell 2007) regia di Julian Jarrold     The Blind Side (USA - con Sandra Bullock: Leigh Anne Tuohy Tim McGraw: Sean Tuohy Quinton Aaron: Michael Oher Jae Head: S.J. Tuohy Kathy Bates: Miss Sue 2010) regia di John Lee Hancock    Una vita nel mistero (ITALIA 2010) regia di Stefano Simone    Musica     Scimpanzè (2015) - Loris Dalì     FIN (2014) - - Thomas -     Chimera (2014) - Ottodix     Tapes (2008) - Alanis Morissette    IL FORUM DI PB    Ultimo topic: Verona Segway Tour inserito il 2017-03-22 (ultimo aggiornamento 2017-03-22)    Ultimo post: inserito da il 2017-03-22 sul topic Verona Segway Tour    
 
 
Email
PSWD
CONSIGLI DI LETTURA
Arretrati e copie stampate
PB International
PB Interactive
IN PRIMO PIANO


OnlineUtenti connessi: 7
Utenti collegati in chat 0

Dal 01/01/2003
questo sito ha generato
95.730.726
esposizioni

 
     

La flaqueza del bolchevique
di Lorenzo Silva
Pubblicato su PB14



Anno 1995 - Ediciones Destino


Una recensione di Carlo Santulli
VOTA QUESTO TESTO
Insufficiente Sufficiente Discreto Buono Ottimo

Votanti: 10199
Media 79.3 %



flaqueza del bolchevique;La

Ci sono libri che diventano film, spesso con la collaborazione dell'autore, a volte con disinteresse da parte dello stesso, altre volte con aperte polemiche dall'uno all'altro. La storia del cinema è piena di queste storie, dall'autrice di Mary Poppins, Pamela Travers, che, burbera ed anziana signora australiana, giudicava Julie Andrews troppo bella per trasporre sullo schermo la sua "nanny", a Giorgio Bassani che contestò aspramente la riduzione cinematografica del suo Il giardino dei Finzi Contini da parte di un ormai anziano Vittorio De Sica. Spesso ci sono "problemini" di soldi, a cui nemmeno i grandi della letteratura sono a volte estranei: risalendo molto indietro, Giovanni Verga aveva ceduto più o meno gratuitamente i diritti della sua Cavalleria Rusticana a vari musicisti, dichiarandosi disinteressato (e, da buon siciliano, un pelino scettico) ad una trasposizione operistica della novella. Al momento però del successo dell'opera di Pietro Mascagni, Verga pensò bene di rivalersi, e gli fece causa. Va detto per inciso che non risulta facesse causa anche agli altri musicisti, quelli che successo non lo ebbero.
Questa premessa mi serve a dire due cose. La prima è che per essere sicuri, o abbastanza sicuri, che un libro possa trasporsi in un film (o magari una novella in un'opera), bisognerebbe che contenesse un po' di luoghi comuni del cinema (o dell'arte lirica). La seconda è che anzi, per far meglio, si può scrivere il romanzo con l'idea fissa della trasposizione cinematografica. Questo sarà forse un po' banale per qualcuno, ma a me, che sono un profano di queste cose, sorprende sempre un pochino, come si possa travasare un'idea da un mezzo espressivo ad un altro.
Il libro di cui mi occupo come esempio, non è ancora uscito in italiano, anche se non è improbabile che una qualche traduzione arrivi prima o poi, in quanto già esistono quella francese e quella russa: io l'ho letto nell'originale spagnolo e devo dire, a scanso di equivoci per quanto sto per dire, non mi è dispiaciuto affatto. La storia non è nuova, anzi è vecchia come il mondo, eppure il romanzo si legge, quasi per dispetto.
Si tratta de "La flaqueza del bolchevique" (La debolezza del bolscevico) e l'autore è Lorenzo Silva, scrittore madrileno piuttosto giovane (classe 1966). Il film omonimo è già uscito in Spagna e altrove, e la protagonista è Maria Valverde (se il nome non vi dice molto, si tratta di una giovanissima attrice che prossimamente vedremo in una riduzione di Cento colpi di spazzola di Melissa P.). Questi i dati. La struttura del romanzo è già perfettamente di per sé già cinematografica, voglio dire già il film vi sia contenuto in nuce. E, non so se Silva (a proposito, guardatevi il bel sito personale http://www.lorenzo-silva.com/) ne sia consapevole o no, il libro si configura con una certa chiarezza, secondo me, come un omaggio indiretto a certa cinematografia, specie italiana, degli anni '60 e '70, non senza qualche ammiccamento a certe commedie americane.
E' un libro a tratti decisamente comico, che parte da un fatto realistico, qualcosa che purtroppo può capitare, specie a chi non ha molti soldi per procurarsi uno di quei sistemi stereo che assicurano ore di musica cambiando CD e magari anche audiocassette come fossero ballerini in un giro di valzer. Cambiare cassetta o CD è qualcosa che crea problemi al traffico ed alla circolazione stradale, anche se magari non sono riconosciuti come quelli di chi telefona mentre guida. Ora, il protagonista del libro tampona una trentenne su una decapottabile in una mattina dell'estate madrilena, cercando di cambiare cassetta. E decidendo che, benché si intuisca che non gli dispiaccia del tutto fisicamente, la ragazza gli è fortemente antipatica, anche perché non prende bene affatto la vicenda, in fondo banale, del tamponamento (e non si vede perché dovrebbe, in verità), decide, con un'ostinazione degna di uno psicopatico da thriller, di perseguitarla, incominciando dal telefono, naturalmente, ma abbastanza ridicolmente. E' una specie di American Psycho che abbia per protagonista l'Holden Caufield del romanzo di Salinger. A differenza però dello psicopatico di cui sopra, la persecuzione non è sessuale, in quanto il protagonista del romanzo, Pablo, è (abbastanza) normale, e piuttosto si appunta su un tipico vizietto evidentemente latino, quello di frodare l'ufficio delle tasse, per cui Pablo si finge un ispettore fiscale. La cosa provoca moderato scompiglio nella famiglia, ma allo scompiglio segue una certa assuefazione, anche in Pablo. Quel che succede è che la ragazza ha una sorella molto più giovane, Rosana, una quindicenne. Sente di non potersene innamorare, ma intanto iniziano a frequentarsi. E allora succede qualcosa che li legherà per sempre al loro rispettivo destino. E' però uno dei meriti dell'autore di saper gestire i rispettivi registri, rosa, vagamente erotico e un po' trasognato, comico, in modo efficace, anche perché è l'aspetto più interessante del romanzo. Com'è intrigante il fatto di introdurre l'elemento di una comica vendetta nella vicenda sentimentale per sfociare poi nel giallo più autentico, ma senza perdere mai un sorriso, anche se forzatamente sarcastico. E poi, quanto somiglia questa Madrid dove vagare da un'ombra all'altra nella canicola estiva a certe zone della Roma moderna che conosco bene.
Da dove viene allora il titolo? Dalla foto, che il protagonista del romanzo guardava con un brivido quand'era ragazzo, della famiglia dello zar Nicola II con le sue bellissime, per quel che ancora dalla foto si capisce, figlie, la più famosa delle quali è Anastasia, che una leggenda vuole sopravvissuta. Il protagonista di questo romanzo preferisce Olga e non riesce ad immaginare come il bolscevico non l'abbia guardata e non ne sia stato colpito. La debolezza, flaqueza del titolo, è tutta qui: anche Pablo ha una debolezza per Rosana; invece delle armi, è la vita a decidere per lui.


Una recensione di Carlo Santulli






Recensioni ed articoli relativi a Lorenzo Silva

(1) La flaqueza del bolchevique di Lorenzo Silva - RECENSIONE

Testi di Lorenzo Silva pubblicati su Progetto Babele

Nessun record trovato

Altre recensioni di Carlo Santulli

(1) Caos calmo di Sandro Veronesi - RECENSIONE
(2) Aspre e calde montagne, dolci e fredde pianure di Pietro Sergi - RECENSIONE
(4) Papà mi presti i soldi che devo lavorare? di Alessia Bottone - IL PARERE DI PB
(5) Il grido della terra. Missione Emilia di Fabio Clerici - IL PARERE DI PB
(6) Dio tu e le rose di Brunetto Salvarani e Odoardo Semellini - IL PARERE DI PB
(7) Amore ai tempi dello stage. Manuale per coppie di precari. di Alessia Bottone - IL PARERE DI PB
(8) A piedi scalzi dentro l anima di Sergio De Angelis - IL PARERE DI PB
(9) Lucide ossessioni di Valeria Francese, Roberta De Tomi, Claudia Barbarano - IL PARERE DI PB
(10) Quando gli squali mangiano vento di Enrico Meloni - IL PARERE DI PB
(11) Sia fatta la tua comicità. Paradise strips di Pietro Pancamo - IL PARERE DI PB
(12) Il senso del viaggio. Viaggiando nei sensi. Atlante poetico di Fabio Clerici - IL PARERE DI PB
(13) Scrivere sceneggiature per il cinema e la TV di Francesco Spagnuolo - IL PARERE DI PB
(14) L apostolo sciagurato di Maddalena Lonati - IL PARERE DI PB
(15) Le parole e la pietra di Fabio Clerici - IL PARERE DI PB
(16) Due ali nel buio di Alessandro Annulli - IL PARERE DI PB
(17) Leggerezza di Sergio De Angelis - IL PARERE DI PB
(18) Heartjob di Marco Mazzucchelli - IL PARERE DI PB
(19) Il dottor Maus e il settimo piano di Nino Genovese - IL PARERE DI PB
(20) Vento scomposto di Simonetta Agnello Hornby - IL PARERE DI PB
(21) Il favoloso teatro del gigante di David Machado - IL PARERE DI PB
>>Continua (click here)


 

Altre recensioni:





-

dal 2005-06-01
VISITE: 23228