Progetto Babele Rivista Letteraria
© 2002 - Progetto Babele Rivista Letteraria - fondata da Marco R. Capelli
Audiolibri BookShop SCARICA O COMPRA I NUMERI ARRETRATI DELLA RIVISTA
HomePage Contatta PB Il gruppo di Progetto Babele su Facebook Seguici su Youtube Linkedin
TeleScrivente:    SOSTENETE “ILCORSARONERO” RINNOVANDO L’ABBONAMENTO (07/09/2019)    Eugraphia seleziona opere per ragazzi (da sei a quindici anni) (05/09/2019)    Black Window: al via la seconda edizione! (24/06/2019)    Anobii lascia Mondadori (30/05/2019)    I libri di PB, saldi di fine stagione (28/12/2018)    [21/11/2019] 3 concorsi letterari in scadenza nei prossimi quattordici giorni    PREMIO NABOKOV scadenza 2019-11-30    Residenze Gregoriane 2019 scadenza 2019-11-30    Premio Poesia dell'Anno” (2019) scadenza 2019-11-30    EVENTI, PRESENTAZIONI, CORSI, SEMINARI, FIERE E SPETTACOLI    AUDIOLIBRI     La porta di Cesarina Bo letto da Alberto Morella (Realizzato da Riccardo Cerutti)     La Strega di Marco R. Capelli letto da C. Fratarcangeli e S.Ferrara     Quella casa sulla collina di Marcello Caccialanza letto da Alberto Sannazzaro     Fino alla fine dell`alba di Matteo Bertone letto da Samuele Arena     Carrozza n.6 di Matteo Bertone letto da Samuele Arena    RECENSIONI    I Figli di Dio di Glen Cooper    La cripta dei teschi forati di Luigi Tortora    Il Barone di Giuseppe Antonio Martino    Il Barone di Giuseppe Antonio Martino     Fossi in te io insisterei di Carlo Giuseppe Gabardini    Il Parere di PB     Cambi di prospettive di Ilaria Ferramosca     Express Tramway di Vittorio Baccelli     Promesse da marinaio di Daniele Filzi    Il lungo viaggio di Chaetodon Vagabundus di Francesco Sciortino    I buoni ed i cattivi frutti di Francesca Ricci    Articoli e saggi     Lorenzo Calogero, il “folle” medico-poeta di Melicuccà     Congiunzione e disgiunzione in Eugenio Montale     Ernest Hemingway e le Isole Borromee     Lingua e poesia nelle opere di Nino De Vita     Jack London (1876-1916), ovvero il mare sfidato    Racconti     Fonzo di Don pompeo Mongiello     Sembra avere un senso… di Carla Montuschi     Qualcosa è cambiato di Milos Fabbri     The Unknown Victim di John gerard Sapodilla     Identità riservata di Cinzia Baldini    Biografie     Svevo, Italo (1861-1928)     Deledda,Grazia (1871-1936)     Némirovsky,Irene (1903-1942)     Walsh, Rodolfo (1927-1977)     Sturluson, Snorri (1176-1241)    Traduzioni     Der Panther / La Pantera di Rainer Maria Rilke trad. di Paolo Esposito     Maternità trad. di Maria giovanna Varasano     Il silenzio del mare trad. di Nicoletta Isola     Strana contrada trad. di Nicoletta Isola     L'oscurità amica trad. di Nicoletta Isola    Poesie     Francesco di Eva Rando     Occhi di Luna di Elisabetta Santirocchi     Assenzio di Sandro Lillo Spallino     Poesie Nuove (silloge) di Alberto Accorsi     Istantanea di Natascia Secchi    Cinema     Forbidden Voices - How to start a revolution with a laptop (Svizzera 2012) regia di Barbara Miller     The Blind Side (USA - con Sandra Bullock: Leigh Anne Tuohy Tim McGraw: Sean Tuohy Quinton Aaron: Michael Oher Jae Head: S.J. Tuohy Kathy Bates: Miss Sue 2010) regia di John Lee Hancock     Becoming Jane (Con Anne Hathaway, James McAvoy, Julie Walters, Maggie Smith, James Cromwell 2007) regia di Julian Jarrold    Musica     Scimpanzè (2015) - Loris Dalì     FIN (2014) - - Thomas -     Chimera (2014) - Ottodix    
Email
PSWD
AddsZone
Save the Children Italia Onlus
Seguici su YOUTUBE
La Rivista
Copertina
Scarica gratuitamente
l'ultimo numero della rivista
Cart ARRETRATI
BookShop
PB Interactive
>>Stazione di servizio
Consigli & indirizzi per aspiranti scrittori
>>Telescrivente
Le NEWS di PB - quasi un Blog
>>L'angolo di Simone
Dedicato ai più piccoli
>>Piccolo spazio pubblicità
Le vostre inserzioni su PB
PB consiglia
Concorsi e premi letterari
29 concorsi in archivio
Eventi Mostre Presentazioni Spettacoli
0 eventi in archivio
Novità in libreria
NOVITA' IN LIBRERIA
6 novità in archivio
Assaggi
Le Recensioni
     

Nel bunker di Hitler
di Bernd Freytag von Loringhoven
Pubblicato su SITO


Anno 2005 - Einaudi, Torino
Prezzo € 13 - 155 pp.
ISBN 2147483647

Una recensione di Luca Bidoli
VOTA QUESTO TESTO
Insufficiente Sufficiente Discreto Buono Ottimo

Votanti: 8651
Media 79.66 %



Nel bunker di Hitler

Nel bunker di Hitler, 23 luglio 1944-29 aprile 1945, traduzione di Margherita Botto (ed.orig.francese, Editions Perrin, Paris, 2005)

“ Per nove mesi, dal 23 luglio 1944 al 29 aprile 1945, avevo avuto l'opportunità, rarissima per un giovane ufficiale, di incontrare Hitler quasi ogni giorno. Come aiutante di campo accompagnavo il capo di stato maggiore generale dell'esercito – il generale Heinz Guderian, e poi il suo successore, generale Hans Krebs – alle riunioni tattico-informative quotidiane. A questi incontri erano presenti i vertici della gerarchia militare, i marescialli Keitel e Goering, il generale Jodl e l'ammiraglio Doenitz, nonché un certo numero di alti dignitari del regime nazista: Himmler, Goebbels, Bormann o Ribbentrop. La Fuehrerlage era un momento centrale nella giornata di Hitler, il luogo per eccellenza dove egli poteva esercitare la sua autorità di comandante in capo delle armate e prendere le sue decisioni per l' insieme dei fronti. Avevo vissuto in diretta quelle discussioni in parte segrete.” ( pag.VIII). Scriviamolo tranquillamente, senza patemi d'animo o rimorsi, del tutto ingiustificati, in questo caso: letto questo breve trafiletto iniziale, si ha già, in sostanza, letto tutto o quasi, quello che di rilevante, utile, informativo, nuovo sugli ultimi giorni di Hitler nel bunker della cancelleria, nella Berlino stretta nella morsa dell'assedio sovietico. Che si tratti, in sostanza, di una operazione squisitamente ed esclusivamente commerciale, da sfruttare sull'onda di successi e proposte-riproposte cinematografiche, televisive, editoriali, lo sospettavamo sin dalla lettura della quarta di copertina e dai vari risvolti. I toni da imbonimento, con i richiami a un uomo che “assiste da vicino all'agonia umana e politica di colui che aveva sognato di assoggettare l' Europa al suo sogno totalitario.” , in un racconto che “ci restituisce la quotidianità dell'ultimo Hitler in tutta la sua dimensione torbida e crepuscolare, fino al precipizio ultimo dell'autodistruzione “ , sanno ben poco di letteratura seria sull'argomento, e rimandano piuttosto ad elementi di consumo di massa e di quelle forme di pruriginosa o semi-pruriginosa curiosità propria di coloro che sono attratti dalle cosiddette manifestazioni, o incarnazioni, del male. Un sottofondo wagneriano accompagna spesso troppi testi che hanno la pretesa di “illuminarci” sulla figura di Adolf Hitler. Un' ulteriore conferma della necessità solo di mercato, nel cavalcare l'onda anomala di un interesse che è in crescita esponenziale, ci viene ancora dalla quarta di copertina, dove trionfa questa frase: “ Uno dei libri che hanno ispirato il recente film La caduta di Olivier ( sic) Hirschbiegel”. Davvero interessante, perché non si riesce a capire come un testo che viene elaborato, a più mani, a partire dall'estate del 2004 -” ringrazio François e Monica d' Alançon per aver avuto l' idea di spingermi a scrivere questo libro, alla cui realizzazione hanno ampiamente contribuito le nostre lunghe conversazioni dell' estate del 2004. Mi fa piacere che sia stato pubblicato anzitutto in Francia, un paese ormai legato al mio da una solida amicizia.” ( pag.IX)- e che si pubblica quindi in Francia nel 2005, possa aver influenzato un film che esce in Germania nelle sale cinematografiche proprio nell'estate del 2004, e che, presumibilmente, dev'essere stato scritto e girato almeno, si suppone, qualche settimana prima. Fatti questi opportuni distinguo, che non possono che farci rimpiangere la Casa dello Struzzo così come l'avevamo conosciuta da ragazzi negli anni settanta, possiamo aggiungere che il testo presenta motivi reali di interesse, ma non tanto nell'ottica, fuorviante, del suo titolo. Sugli ultimi mesi nel bunker della cancelleria il barone Bernd Freytag von Loringhoven, classe 1914, non ci trasmette nulla di nuovo, salvo forse qualche piccolo episodio, dando complessivamente al lettore la sensazione che non è sufficiente essere testimoni oculari per comprendere meglio o più in profondità: il ritratto di Hitler, ad esempio, è banalmente superficiale e pieno di quei cliché che lo trasformano in un uomo ormai fisicamente a pezzi, claudicante, fanatico e in trappola, del tutto irrazionale nelle sue direttive e iniziative. Si tratta di una lettura semplicistica che non tiene conto del grado di razionalità presente anche nella fase estrema della vita del dittatore tedesco. Ma si tratta di una banalizzazione ancora peggiore perché non tiene assolutamente conto di un altro dato essenziale: già dalla fine del 1941 vi era la consapevolezza in Hitler di non poter più vincere la guerra, almeno quella guerra che lui voleva combattere e vincere. Nella fase finale del conflitto a sorreggere tutta o gran parte almeno delle sue convinzioni vi sono elementi che si riconnettono alla strategia di Federico II ( non è casuale che un suo ritratto fosse appeso nel suo scrittoio personale nel bunker della cancelleria), si può razionalmente parlare in lui di una speranza di un parallelismo storico. Federico II aveva avuto ragione della “innaturale” coalizione dei suoi nemici perché contro ogni considerazione, e con forze militari di gran lunga inferiori, aveva mostrato la sua determinazione, la sua volontà a non cedere, fino alla rottura dell'unione di forze che lo contrastava. Era questo, in definitiva, l'estremo appiglio sul quale Hitler riponeva le sue residue speranze. Paradossalmente( e forse neppure troppo ) i fatti successivi gli avrebbero dato ragione: l'alleanza tra potenze occidentali e Unione Sovietica era del tutto innaturale e avrebbe ben presto mostrato ed evidenziato i suoi limiti. A tenere uniti alleati così diversi vi erano tuttavia elementi comuni, fra tutti, il principale forse era proprio l'eliminazione e la sconfitta definitiva del Terzo Reich, oltre ad un salutare controllo reciproco.
Così come appare evidente in queste pagine il tentativo di addossare solo ed unicamente ad Hitler le responsabilità delle sconfitte militari e della catastrofe della guerra, specie sul fronte orientale, nonostante il parere dei suoi generali. La memorialistica del dopoguerra è ricchissima di testi di ufficiali e quadri degli stati maggiori tedeschi, volti soprattutto allo scopo di dimostrare che le sconfitte erano, principalmente, da attribuire al “piccolo caporale boemo”.Troppo semplice, e, ovviamente, troppo unilaterale. In questo l'autore non fa che riflettere le opinioni, molto sprezzanti e spesso errate, della sua casta di appartenenza. Così si legga a pag.61: “Hitler non accettava i consigli di nessuno, convinto di essere infallibile, in politica come nelle cose militari.” ( sbagliato),”Era un enorme egoista, ossessionato dalla conquista e poi dalla conservazione di un potere che aveva perseguito per tutta la vita.” ( semplicistico, la vera e più profonda natura del suo carattere era altra), “Il destino della Germania gli interessava solo nella misura in cui si confondeva con il suo. Nonostante tutte le belle parole il popolo tedesco era per lui solo un mezzo. Da lui non ho mai udito una parola di compassione per i soldati al fronte, i prigionieri o i feriti, i bombardamenti o i rifugiati. La sofferenza degli esseri umani non gli interessava, percepita come quantità trascurabile nello splendido isolamento dei suoi quartieri generali e, il che era peggio, non voleva vederla.” ( sono parole durissime, ma che evidenziano la non comprensione della natura profonda del dittatore, che non era assolutamente quella di un sadico o di un maniaco ). Eppure, come notavamo, qualcosa di interessante si trova, basta cercarlo nella direzione giusta, evitando di soggiacere al richiamo del “bunker della cancelleria”. L'autore discende da una antica e nobile famiglia di tedeschi del Baltico: le descrizioni del loro grado di conoscenza del mondo e della realtà più specificatamente russa non è mai banale o superficiale. Dalla storia russa i tedeschi del Baltico avevano appreso lezioni preziose: non ultimo come si organizzava, nella più completa segretezza, un complotto, senza fughe di notizie ed indiscrezioni, con cospiratori -germanici del Reich, quelli dell'attentato del 20 luglio 1944- rimproverati per essersi dimostrati troppo ciarlieri. In questi “squarci”, in piccoli aneddoti familiari e personali, si coglie, in definitiva, la ragione d'essere di questo volume.
Poco convincente, ma sicuramente politicamente appropriato, anche il mea culpa finale, con frasi che debordano in uno squisito cesello di retorica europeista e obbligo sulla vigilanza affinché determinati delitti non abbiano a ripetersi. “Quando la storia- conclude Freytag von Loringhoven- viene ad illuminare la memoria, è il miglior antidoto contro l'intolleranza e il ritorno delle illusioni.” ( pag. 144). Sarà, ma tante, troppe esperienze di questi ultimi anni, europee e non, stanno lì a dimostrarci esattamente il contrario.


Una recensione di Luca Bidoli






Recensioni ed articoli relativi a Bernd Freytag von Loringhoven

(1) Nel bunker di Hitler di Bernd Freytag von Loringhoven - RECENSIONE

Testi di Bernd Freytag von Loringhoven pubblicati su Progetto Babele

Nessun record trovato

Altre recensioni di Luca Bidoli

(1) Io con vestito leggero di Livia Candiani - RECENSIONE
(2) Il bisogno di Patria di Barberis Walter - RECENSIONE
(3) Le alpi di Marco Cuaz - RECENSIONE
(4) La fine. Amburgo 1943 di Hans Erich Nossack - RECENSIONE
(5) La ragazza del secolo scorso di Rossana Rossanda - RECENSIONE
(6) Come mio fratello di Uwe Timm - RECENSIONE
(7) La città del tardo Rinascimento di Claudia Conforti - RECENSIONE


 

Altre recensioni:






-

dal 2006-05-11
VISITE: 17859


© Copyright Note: Tutto il materiale qui pubblicato è proprietà intellettuale degli autori.
Come tale non può essere riprodotto, tutto o in parte, senza preventivo consenso degli autori stessi.