Progetto Babele Rivista Letteraria
© 2002 - Progetto Babele Rivista Letteraria - fondata da Marco R. Capelli
Audiolibri BookShop SCARICA O COMPRA I NUMERI ARRETRATI DELLA RIVISTA
HomePage Contatta PB Il gruppo di Progetto Babele su Facebook Seguici su Youtube Linkedin
TeleScrivente:    SOSTENETE “ILCORSARONERO” RINNOVANDO L’ABBONAMENTO (07/09/2019)    Eugraphia seleziona opere per ragazzi (da sei a quindici anni) (05/09/2019)    Black Window: al via la seconda edizione! (24/06/2019)    Anobii lascia Mondadori (30/05/2019)    I libri di PB, saldi di fine stagione (28/12/2018)    [21/11/2019] 3 concorsi letterari in scadenza nei prossimi quattordici giorni    PREMIO NABOKOV scadenza 2019-11-30    Residenze Gregoriane 2019 scadenza 2019-11-30    Premio Poesia dell'Anno” (2019) scadenza 2019-11-30    EVENTI, PRESENTAZIONI, CORSI, SEMINARI, FIERE E SPETTACOLI    AUDIOLIBRI     La porta di Cesarina Bo letto da Alberto Morella (Realizzato da Riccardo Cerutti)     La Strega di Marco R. Capelli letto da C. Fratarcangeli e S.Ferrara     Quella casa sulla collina di Marcello Caccialanza letto da Alberto Sannazzaro     Fino alla fine dell`alba di Matteo Bertone letto da Samuele Arena     Carrozza n.6 di Matteo Bertone letto da Samuele Arena    RECENSIONI    I Figli di Dio di Glen Cooper    La cripta dei teschi forati di Luigi Tortora    Il Barone di Giuseppe Antonio Martino    Il Barone di Giuseppe Antonio Martino     Fossi in te io insisterei di Carlo Giuseppe Gabardini    Il Parere di PB     Cambi di prospettive di Ilaria Ferramosca     Express Tramway di Vittorio Baccelli     Promesse da marinaio di Daniele Filzi    Il lungo viaggio di Chaetodon Vagabundus di Francesco Sciortino    I buoni ed i cattivi frutti di Francesca Ricci    Articoli e saggi     Lorenzo Calogero, il “folle” medico-poeta di Melicuccà     Congiunzione e disgiunzione in Eugenio Montale     Ernest Hemingway e le Isole Borromee     Lingua e poesia nelle opere di Nino De Vita     Jack London (1876-1916), ovvero il mare sfidato    Racconti     Fonzo di Don pompeo Mongiello     Sembra avere un senso… di Carla Montuschi     Qualcosa è cambiato di Milos Fabbri     The Unknown Victim di John gerard Sapodilla     Identità riservata di Cinzia Baldini    Biografie     Svevo, Italo (1861-1928)     Deledda,Grazia (1871-1936)     Némirovsky,Irene (1903-1942)     Walsh, Rodolfo (1927-1977)     Sturluson, Snorri (1176-1241)    Traduzioni     Der Panther / La Pantera di Rainer Maria Rilke trad. di Paolo Esposito     Maternità trad. di Maria giovanna Varasano     Il silenzio del mare trad. di Nicoletta Isola     Strana contrada trad. di Nicoletta Isola     L'oscurità amica trad. di Nicoletta Isola    Poesie     Francesco di Eva Rando     Occhi di Luna di Elisabetta Santirocchi     Assenzio di Sandro Lillo Spallino     Poesie Nuove (silloge) di Alberto Accorsi     Istantanea di Natascia Secchi    Cinema     Forbidden Voices - How to start a revolution with a laptop (Svizzera 2012) regia di Barbara Miller     The Blind Side (USA - con Sandra Bullock: Leigh Anne Tuohy Tim McGraw: Sean Tuohy Quinton Aaron: Michael Oher Jae Head: S.J. Tuohy Kathy Bates: Miss Sue 2010) regia di John Lee Hancock     Becoming Jane (Con Anne Hathaway, James McAvoy, Julie Walters, Maggie Smith, James Cromwell 2007) regia di Julian Jarrold    Musica     Scimpanzè (2015) - Loris Dalì     FIN (2014) - - Thomas -     Chimera (2014) - Ottodix    
Email
PSWD
AddsZone
Save the Children Italia Onlus


Le Vendicatrici
La Rivista
Copertina
Scarica gratuitamente
l'ultimo numero della rivista
Cart ARRETRATI
BookShop
PB Interactive
>>Stazione di servizio
Consigli & indirizzi per aspiranti scrittori
>>Telescrivente
Le NEWS di PB - quasi un Blog
>>L'angolo di Simone
Dedicato ai più piccoli
>>Piccolo spazio pubblicità
Le vostre inserzioni su PB
PB consiglia
Concorsi e premi letterari
29 concorsi in archivio
Eventi Mostre Presentazioni Spettacoli
0 eventi in archivio
Novità in libreria
NOVITA' IN LIBRERIA
6 novità in archivio
Assaggi
Le Recensioni
     

Le alpi
di Marco Cuaz
Pubblicato su SITO


Anno 2005 - Il Mulino
Prezzo € 12 - 199 pp.
ISBN 2147483647

Una recensione di Luca Bidoli
VOTA QUESTO TESTO
Insufficiente Sufficiente Discreto Buono Ottimo

Votanti: 9246
Media 79.54 %



alpi;Le

Da tempo l'attenzione degli storici si sofferma su elementi che solo apparentemente si collocano nella dimensione del paesaggio o della geografia, per andare invece a ricercare, al di là del mero fatto fisico e naturale, le profonde valenze simboliche, gli usi politici, le letture e le interpretazioni in chiave patriottica e nazionale, le differenziazioni di prospettiva e di visuale che epoche diverse attuano nei confronti dei punti di contatto o di contrapposizione, siano essi fiumi - qui il riferimento immediato è al celebre volume che Lucien Febvre dedica al Reno - o ad altri luoghi tipici di paesaggi culturali e immaginari, di proiezioni simboliche come acque, foreste, singoli monti o intere catene montuose. Contatto/contrapposizione: non sono mai, va da sé, termini e valori assoluti, ma si situano anch'essi all'interno di specifici contesti storici, nei quali elementi naturali assumono valenze e significati profondamente diversificati in ragione del modo e degli strumenti che vengono applicati per la loro definizione. Le Alpi ben si prestano ad una ricognizione che ne strutturi ed indaghi le modificazioni nella loro percezione e lettura: dalla distanza con le quali vengono osservate e lette dagli umanisti- l'umanitas si realizza e si configura nella razionalità di una civitas, riprendendo quella svalutazione che era stata già propria al mondo romano, nel quale l'altezza era inversamente proporzionata alla civiltà -sino al rinnovato, esteso interesse d'epoca moderna dapprima quasi esclusivamente militare e scientifica, poi di natura più specificatamente patriottica e nazionale, nel momento in cui si inseriscono le dinamiche di identificazione Risorgimentale. Vi è, tra questi due passaggi, una fase intermedia, che, scalfendo una visione troppo utilitaristica e razionalistica, affronta, con il fervore del pieno e maturo Romanticismo, le vette alpine quali metafore di percorsi di iniziazione individuale e di crescita soggettiva. Le grandi catene montuose delle Alpi quali laiche cattedrali di pietra, eterne, spazi sacri, puri: di quella purezza ed innocenza che le civiltà delle rivoluzioni industriali sembravano aver smarrito per sempre, nella produzione seriale di materiali di pronto consumo e di esseri umani che vengono altrettanto consumati, erosi nelle moderne catene di montaggio.
I grandi viaggiatori inglesi dell'età vittoriana, in special modo, ricchi, colti, gente strana, anche pericolosa -protestanti, in realtà riconquistate non sempre senza fatica, alla piena e controllata cattolicità- creano quei miti dell'escursionismo alpino che, introducendo quelle vallate nel processo di modernizzazione, avrebbero, nel bene come nel male, costretto la gente di quei luoghi a ridefinire la propria identità. In questo contesto emergono le figure essenziali dei parroci di montagna e delle guide: sono loro i mediatori culturali che si frappongono tra i nuovi e stranieri, venuti chissà da dove, e le realtà locali. Si fanno portavoce degli interessi locali, delle esigenze peculiari di un mondo che va ridefinito e protetto. Perché ogni novità è sì catalizzatrice di nuove energie e professionalità che emergono, ma crea anche i presupposti per stili e sistemi di valori prima inesistenti. Le vette: la conquista dell'inutile. Certo nessun montanaro, in questa accezione, era stato un alpinista, sino a quando non arrivarono gli inglesi, gli stranieri.
Le Alpi anche come luogo specifico di contesa e di identità che si affinano attraverso sfide e vette da conquistare in virtù della propria appartenenza nazionale, quali palestre dove forgiare caratteri forti e temprati alla loro difficile scuola. Sono le Alpi contese, tra la fine dell'ottocento e gli inizi del nuovo secolo, l' era dei nazionalismi e degli imperialismi, secondo la fortunata definizione di Hobsbawn, dell'associazionismo patriottico, delle società alpinistiche. Qui ci preme ricordare la Società degli alpinisti triestini, nata nel capoluogo giuliano nel 1883, denominata tre anni dopo, Società alpina delle Giulie ( Sag ), nelle cui vicende traspaiono le vicissitudini di una montagna contesa, vera prefigurazione non armata, ma ideologica, di quanto si sarebbe verificato di lì a non molto. Come ci ricorda l'autore la Sag “ aderirà al Club alpino italiano nel 1921, aggiungendo allo statuto, tra gli scopi dell'associazione, < il culto delle Terre Sacre>. A simbolo ed eroe della società verrà promosso l'irredentista slavofobo Ruggiero Timeus, colui che riteneva che (...)” ( p. 57).
Di estremo interesse risultano anche le pagine sull'associazionismo cattolico e sui cospicui investimenti che la Chiesa cattolica, soprattutto all'indomani della Rerum Novarum, dispiega sul versante delle iniziative volte ad attivare, attraverso l'invenzione delle case per ferie, soggiorni di studio, meditazione e cura d' anime, verso allievi e seminaristi, ma anche semplici simpatizzanti, con particolare attenzione verso i giovani. E' curioso notare come sia stato proprio l'associazionismo cattolico il primo a portare in forme collettive ed organizzate le donne sulle Alpi, essendo preclusa la loro adesione ai club alpini.
Il grande spartiacque epocale rimane tuttavia il primo conflitto mondiale, è quella guerra aspramente combattuta sui fronti alpini, a sacralizzare la frontiera , a trasformare le vette, le vallate, le cime delle Alpi, dalla barriera che protegge l'Italia dai barbari, in un sacrario della Patria, luogo di identificazione e di collante nel culto di monti resi sacri dal sangue italiano. Un modello che il fascismo riprenderà con il sovrappiù del culto eroico volto all'estremo, ma anche di una nuova Italia sportiva e moderna, al passo con i tempi e con le altre nazioni europee. Nella creazione di un nuovo tipo di italiano, votato al coraggio e alla determinazione, seguendo un modello che un'icona dell'alpinismo italiano dell' epoca, Emilio Comici, il grande rocciatore triestino, incarnava nelle frasi con le quali chiudeva i suoi interventi a convegni o conferenze: “Si deve osare; il duce ha insegnato così”.
Il disincanto, la tragedia spetteranno in particolar modo alle truppe alpine, nelle desolate steppe russe, nel ghiaccio dei fiumi e delle immense pianure, nella guerra che Mussolini forse pensava già conclusa, e che tanti, troppi italiani si troveranno a combattere in condizioni di penosa e colpevole inferiorità. Un finale che può essere riscattato solo attraverso la nuova consapevolezza che le Alpi, da luogo innervato di trame sovente antagoniste e in contrapposizione, siano e divengano quella regione europea, laboratorio di reali e nuovi modelli di convivenza e pacificazione, non in virtù di astratte idee irenistiche, ma partendo dal dato pratico reso dal passato comune di genti che si sono, nei secoli, identificate in proiezioni e in dimensioni di una forte e sostanziale appartenenza condivisa.


Una recensione di Luca Bidoli






Recensioni ed articoli relativi a Marco Cuaz

(1) Le alpi di Marco Cuaz - RECENSIONE

Testi di Marco Cuaz pubblicati su Progetto Babele

Nessun record trovato

Altre recensioni di Luca Bidoli

(1) Io con vestito leggero di Livia Candiani - RECENSIONE
(2) Il bisogno di Patria di Barberis Walter - RECENSIONE
(3) La fine. Amburgo 1943 di Hans Erich Nossack - RECENSIONE
(4) Nel bunker di Hitler di Bernd Freytag von Loringhoven - RECENSIONE
(5) La ragazza del secolo scorso di Rossana Rossanda - RECENSIONE
(6) Come mio fratello di Uwe Timm - RECENSIONE
(7) La città del tardo Rinascimento di Claudia Conforti - RECENSIONE


 

Altre recensioni:






-

dal 2006-05-11
VISITE: 16899


© Copyright Note: Tutto il materiale qui pubblicato è proprietà intellettuale degli autori.
Come tale non può essere riprodotto, tutto o in parte, senza preventivo consenso degli autori stessi.