Progetto Babele Rivista Letteraria
© 2002 - Progetto Babele Rivista Letteraria - fondata da Marco R. Capelli
Audiolibri BookShop SCARICA O COMPRA I NUMERI ARRETRATI DELLA RIVISTA
HomePage Contatta PB Il gruppo di Progetto Babele su Facebook Seguici su Youtube Linkedin
TeleScrivente:    SOSTENETE “ILCORSARONERO” RINNOVANDO L’ABBONAMENTO (07/09/2019)    Eugraphia seleziona opere per ragazzi (da sei a quindici anni) (05/09/2019)    Black Window: al via la seconda edizione! (24/06/2019)    Anobii lascia Mondadori (30/05/2019)    I libri di PB, saldi di fine stagione (28/12/2018)    [13/12/2019] 3 concorsi letterari in scadenza nei prossimi quattordici giorni    Festival Nazionale di Poesia per e dei Bambini scadenza 2019-12-14    La diversità dell'Italia scadenza 2019-12-20    Concorso Letterario Tre Colori scadenza 2019-12-20    EVENTI, PRESENTAZIONI, CORSI, SEMINARI, FIERE E SPETTACOLI    AUDIOLIBRI     La porta di Cesarina Bo letto da Alberto Morella (Realizzato da Riccardo Cerutti)     La Strega di Marco R. Capelli letto da C. Fratarcangeli e S.Ferrara     Quella casa sulla collina di Marcello Caccialanza letto da Alberto Sannazzaro     Fino alla fine dell`alba di Matteo Bertone letto da Samuele Arena     Carrozza n.6 di Matteo Bertone letto da Samuele Arena    RECENSIONI    I Figli di Dio di Glen Cooper    La cripta dei teschi forati di Luigi Tortora    Il Barone di Giuseppe Antonio Martino    Il Barone di Giuseppe Antonio Martino     Fossi in te io insisterei di Carlo Giuseppe Gabardini    Il Parere di PB     Cambi di prospettive di Ilaria Ferramosca     Express Tramway di Vittorio Baccelli     Promesse da marinaio di Daniele Filzi    Il lungo viaggio di Chaetodon Vagabundus di Francesco Sciortino    I buoni ed i cattivi frutti di Francesca Ricci    Articoli e saggi     Lorenzo Calogero, il “folle” medico-poeta di Melicuccà     Congiunzione e disgiunzione in Eugenio Montale     Ernest Hemingway e le Isole Borromee     Lingua e poesia nelle opere di Nino De Vita     Jack London (1876-1916), ovvero il mare sfidato    Racconti     Fonzo di Don pompeo Mongiello     Sembra avere un senso… di Carla Montuschi     Qualcosa è cambiato di Milos Fabbri     The Unknown Victim di John gerard Sapodilla     Identità riservata di Cinzia Baldini    Biografie     Svevo, Italo (1861-1928)     Deledda,Grazia (1871-1936)     Némirovsky,Irene (1903-1942)     Walsh, Rodolfo (1927-1977)     Sturluson, Snorri (1176-1241)    Traduzioni     Der Panther / La Pantera di Rainer Maria Rilke trad. di Paolo Esposito     Maternità trad. di Maria giovanna Varasano     Il silenzio del mare trad. di Nicoletta Isola     Strana contrada trad. di Nicoletta Isola     L'oscurità amica trad. di Nicoletta Isola    Poesie     Francesco di Eva Rando     Occhi di Luna di Elisabetta Santirocchi     Assenzio di Sandro Lillo Spallino     Poesie Nuove (silloge) di Alberto Accorsi     Istantanea di Natascia Secchi    Cinema     Forbidden Voices - How to start a revolution with a laptop (Svizzera 2012) regia di Barbara Miller     The Blind Side (USA - con Sandra Bullock: Leigh Anne Tuohy Tim McGraw: Sean Tuohy Quinton Aaron: Michael Oher Jae Head: S.J. Tuohy Kathy Bates: Miss Sue 2010) regia di John Lee Hancock     Becoming Jane (Con Anne Hathaway, James McAvoy, Julie Walters, Maggie Smith, James Cromwell 2007) regia di Julian Jarrold    Musica     Scimpanzè (2015) - Loris Dalì     FIN (2014) - - Thomas -     Chimera (2014) - Ottodix    
Email
PSWD
AddsZone
Save the Children Italia Onlus
Seguici su YOUTUBE
La Rivista
Copertina
Scarica gratuitamente
l'ultimo numero della rivista
Cart ARRETRATI
BookShop
PB Interactive
>>Stazione di servizio
Consigli & indirizzi per aspiranti scrittori
>>Telescrivente
Le NEWS di PB - quasi un Blog
>>L'angolo di Simone
Dedicato ai più piccoli
>>Piccolo spazio pubblicità
Le vostre inserzioni su PB
PB consiglia
Concorsi e premi letterari
30 concorsi in archivio
Eventi Mostre Presentazioni Spettacoli
0 eventi in archivio
Novità in libreria
NOVITA' IN LIBRERIA
6 novità in archivio
Assaggi
Le Recensioni
     

Le città senza tempo
di B. Akunin
Pubblicato su PBVAMP


Anno 2006 - Editore Frassinelli
Prezzo € 17 - 206 pp.
ISBN 2147483647

Una recensione di Luca Toni
VOTA QUESTO TESTO
Insufficiente Sufficiente Discreto Buono Ottimo

Votanti: 8704
Media 79.1 %



città senza tempo;Le

Le città senza tempo è un libro scritto a quattro mani che in realtà sono due. Eh si perchè il filologo russo Grigori Tchkhartichvili collabora con il suo doppio Boris Akunin nella stesura di questa singolare opera che racchiude saggio e fiction, filosofia e paranormale, illuminismo e mistica, ragione e sentimento (e qui citiamo solo di sfuggita la lunga tradizione russa di amore per il doppio.). Apparentemente Grigorij dovrebbe rappresentare il rigoroso filologo, lo studioso che ricostruisce analiticamente la storia e le suggestioni che accompagnano alcuni tra i cimiteri più noti al mondo, mentre Akunin sarebbe la mente letteraria che imbastisce storie fantastiche. Ma vediamo come spesso le cose siano più complicate. Grigorij si fa contaminare sovente da suggestioni, tentazioni irrazioanalistiche,subisce il fascino del mistero e a malapena resiste nella sua posa razionale. Può capitare al contrario che l'estroso Akunin ci regali un racconto come quello del cimitero giapponese dove nella migliore tradizione illuminista il detective nelle tracce sovrannaturali non vede altro che i segni del crimine commesso.
Ma la cifra fondamentale dell'opera risiede nel programma esposto nella prefazione : non visitare alcun cimitero ancora in attività, dove il trambusto del presente disturbi la contemplazione dell'opera del Tempo. Deve trattarsi di cimiteri dove non avvengono più sepolture, dove regni il silenzio dell'eternità. Ecco che si svela l'intento di soffermarsi sulla morte con un afflato contemplativo che la sorvoli dall'alto, che prescinda dal sangue e dal dolore quotidiano per andare a coglierne un essenza essenzialmente non tragica. Si perchè se vogliamo cogliere uno svolgimento nella sequenza dei cimiteri (Mosca, Londra. Parigi, Okhlahoma, New York, Gerusalemme) è quello di una morte esorcizzata di volta in volta con l'ironia, con il distacco, con la pazienza, con una visione tutto sommato conciliatoria.
L'unità del libro risiede nella concezione organica della morte come evento della natura che come tale è un arrendersi alle forze cosmiche con un importante eccezione : la morte improvvisa. La morte improvvisa, celebrata proprio nel saggio sul cimitero di Oklahoma è quella più temuta dall'uomo, perchè viene a recidere la vita nel pieno della sua forza e lascia l'amaro sapore dell'incompiutezza.
Al contrario laddove la morte arrivi a completamento di una vita pienamente vissuta, essa non può essere che accolta con pacifica rassegnazione, quasi invocata, come vediamo nel significativo racconto finale ispirato alla concezione della morte ebraica, dove si immagina una coppia di vecchissimi, ultracentenari innamorati, in una civiltà che spinge il momento della fine talmente in avanti che il risultato è solo quello di garantire la noia esistenziale perchè "tutto è stato fatto, tutto è stato detto." Il racconto appare cupo ma non a caso è invece intitolato Happy End; credo coerentemente, senza ironia.
Per certi aspetti il gusto corposo del richiamo delle storie dei defunti (non necessariamente famosi) può ricordare la pietosa opera di Edgar Lee Masters "Antologia di Spoon River" anche se lo sguardo è meno malinconico e più divertito. Più che sulla nostalgia delle vite passate ci si concentra sulla capacità di ogni vita individuale di essere portatore di una storia, di una narrazione e in quanto tale portatore di senso.
Lo sguardo disincantato è possible grazie proprio alla distanza temporale che annulla ogni emotività e permette la contemplazione disinteressata di queste cattedrali senza tempo, tutte a loro modo belle, belle perchè testimoni della saggezza della natura che nella sua incessante opera di creazione e distruzione mantiene un mirabile equilibrio che la mente individuale, preda delle angosce e dei dolori quotidiani abitualmente non coglie, ma che può comprendere benissimo vagando in queste isole d'eternità.
Sembra quindi di innalzarsi verso quella scuola di distacco che accomuna tradizioni opposte come quella orientale e quella occidentale.
Sarebbe ingiusto tuttavia concludere senza omaggiare la levità nel raccontare e la straordinaria creatività e fantasia di Akunin che riesce per ogni cimitero a inventarsi un racconto adeguato e molto spesso divertente, basti pensare al Marx vampiro che si aggira per il cimitero di Highgate in cerca di succulenti comunisti di cui cibarsi, o lo straordinario racconto del Pére Lachaise in cui Oscar Wilde sembra davvero bruciare di una passione inestinguibile.
Nessun libro d'argomento funebre è mai stato così leggero e invitante.


Una recensione di Luca Toni






Recensioni ed articoli relativi a B. Akunin

(1) Le città senza tempo di B. Akunin - RECENSIONE

Testi di B. Akunin pubblicati su Progetto Babele

Nessun record trovato

Altre recensioni di Luca Toni

(1) Me and you and everyone we know di Luca Toni - RECENSIONE
(2) Utopian Dreams - In search of a good life di Tobias Jones - RECENSIONE
(3) Norwegian Wood di Murakami Haruki - RECENSIONE


 

Altre recensioni:






-

dal 2006-06-08
VISITE: 17864


© Copyright Note: Tutto il materiale qui pubblicato è proprietà intellettuale degli autori.
Come tale non può essere riprodotto, tutto o in parte, senza preventivo consenso degli autori stessi.