Progetto Babele Rivista Letteraria
© 2002 - Progetto Babele Rivista Letteraria - fondata da Marco R. Capelli
Audiolibri BookShop SCARICA O COMPRA I NUMERI ARRETRATI DELLA RIVISTA
HomePage Contatta PB Il gruppo di Progetto Babele su Facebook Seguici su Youtube Linkedin
TeleScrivente:    SOSTENETE “ILCORSARONERO” RINNOVANDO L’ABBONAMENTO (07/09/2019)    Eugraphia seleziona opere per ragazzi (da sei a quindici anni) (05/09/2019)    Black Window: al via la seconda edizione! (24/06/2019)    Anobii lascia Mondadori (30/05/2019)    I libri di PB, saldi di fine stagione (28/12/2018)    [21/11/2019] 3 concorsi letterari in scadenza nei prossimi quattordici giorni    PREMIO NABOKOV scadenza 2019-11-30    Residenze Gregoriane 2019 scadenza 2019-11-30    Premio Poesia dell'Anno” (2019) scadenza 2019-11-30    EVENTI, PRESENTAZIONI, CORSI, SEMINARI, FIERE E SPETTACOLI    AUDIOLIBRI     La porta di Cesarina Bo letto da Alberto Morella (Realizzato da Riccardo Cerutti)     La Strega di Marco R. Capelli letto da C. Fratarcangeli e S.Ferrara     Quella casa sulla collina di Marcello Caccialanza letto da Alberto Sannazzaro     Fino alla fine dell`alba di Matteo Bertone letto da Samuele Arena     Carrozza n.6 di Matteo Bertone letto da Samuele Arena    RECENSIONI    I Figli di Dio di Glen Cooper    La cripta dei teschi forati di Luigi Tortora    Il Barone di Giuseppe Antonio Martino    Il Barone di Giuseppe Antonio Martino     Fossi in te io insisterei di Carlo Giuseppe Gabardini    Il Parere di PB     Cambi di prospettive di Ilaria Ferramosca     Express Tramway di Vittorio Baccelli     Promesse da marinaio di Daniele Filzi    Il lungo viaggio di Chaetodon Vagabundus di Francesco Sciortino    I buoni ed i cattivi frutti di Francesca Ricci    Articoli e saggi     Lorenzo Calogero, il “folle” medico-poeta di Melicuccà     Congiunzione e disgiunzione in Eugenio Montale     Ernest Hemingway e le Isole Borromee     Lingua e poesia nelle opere di Nino De Vita     Jack London (1876-1916), ovvero il mare sfidato    Racconti     Fonzo di Don pompeo Mongiello     Sembra avere un senso… di Carla Montuschi     Qualcosa è cambiato di Milos Fabbri     The Unknown Victim di John gerard Sapodilla     Identità riservata di Cinzia Baldini    Biografie     Svevo, Italo (1861-1928)     Deledda,Grazia (1871-1936)     Némirovsky,Irene (1903-1942)     Walsh, Rodolfo (1927-1977)     Sturluson, Snorri (1176-1241)    Traduzioni     Der Panther / La Pantera di Rainer Maria Rilke trad. di Paolo Esposito     Maternità trad. di Maria giovanna Varasano     Il silenzio del mare trad. di Nicoletta Isola     Strana contrada trad. di Nicoletta Isola     L'oscurità amica trad. di Nicoletta Isola    Poesie     Francesco di Eva Rando     Occhi di Luna di Elisabetta Santirocchi     Assenzio di Sandro Lillo Spallino     Poesie Nuove (silloge) di Alberto Accorsi     Istantanea di Natascia Secchi    Cinema     Forbidden Voices - How to start a revolution with a laptop (Svizzera 2012) regia di Barbara Miller     The Blind Side (USA - con Sandra Bullock: Leigh Anne Tuohy Tim McGraw: Sean Tuohy Quinton Aaron: Michael Oher Jae Head: S.J. Tuohy Kathy Bates: Miss Sue 2010) regia di John Lee Hancock     Becoming Jane (Con Anne Hathaway, James McAvoy, Julie Walters, Maggie Smith, James Cromwell 2007) regia di Julian Jarrold    Musica     Scimpanzè (2015) - Loris Dalì     FIN (2014) - - Thomas -     Chimera (2014) - Ottodix    
Email
PSWD
AddsZone
Save the Children Italia Onlus
Audiolibri
La Rivista
Copertina
Scarica gratuitamente
l'ultimo numero della rivista
Cart ARRETRATI
BookShop
PB Interactive
>>Stazione di servizio
Consigli & indirizzi per aspiranti scrittori
>>Telescrivente
Le NEWS di PB - quasi un Blog
>>L'angolo di Simone
Dedicato ai più piccoli
>>Piccolo spazio pubblicità
Le vostre inserzioni su PB
PB consiglia
Concorsi e premi letterari
30 concorsi in archivio
Eventi Mostre Presentazioni Spettacoli
0 eventi in archivio
Novità in libreria
NOVITA' IN LIBRERIA
6 novità in archivio
Assaggi
Le Recensioni
     

Lettera da Francoforte
di Edith Bruck
Pubblicato su SITO


Anno 2004 - Mondadori
Prezzo € 7 - 150 pp.
ISBN 2147483647

Una recensione di Fortuna Della Porta
VOTA QUESTO TESTO
Insufficiente Sufficiente Discreto Buono Ottimo

Votanti: 14562
Media 80.04 %



Lettera da Francoforte

La scrittrice dell’orrore globale, quello che non abbandona la Storia e che di tanto in tanto si ripropone, -come di recente nella scuola di Beslam, contro il quale ha sentito l’urgenza di scagliare il suo strazio- ritorna con questo romanzo sulla tragedia dell’olocausto, che è lutto indelebile per sé e per il tempo, non in grado di medicare ferite personali e collettive così profonde.
Nata da una poverissima famiglia di Ebrei ungheresi, deportata ancora bambina in un campo di concentramento, Edith Bruck dal 1954 vive in Italia e ne usa la lingua, trasformando la sua scrittura in parola letteraria di denuncia e la sua persona in un infaticabile attivismo testimoniale nelle scuole, affinché non solo permanga il ricordo dello sterminio, ma le nuove generazioni siano educate a vigilare sui valori democratici e vivano nel rispetto della diversità e delle minoranze.
Dall’esperienza del suo incessante pellegrinaggio tra gli studenti e dalle domande inquiete, curiose o addolorate e soprattutto dalla lettera di una studentessa che la chiede a sua guida spirituale, nasce anche un romanzo accorato sul valore della testimonianza, avvertita dalla Bruck come una sorte inappellabile.
Ossessionata dall’esperienza dell’atrocità subita nel campo di Auschwitz, dove perse i genitori, un fratello e alcuni altri parenti, non ha lasciato a se stessa molto altro spazio al di fuori dell’autobiografia, quasi cercando di trovare, nel ripercorrere il suo tormento, gli indizi impossibili che rendano l’immane violenza, se non accettabile, almeno comprensibile dall’umano intelletto nella sua stupefacente genesi ed evoluzione. La memoria della cattività ritorna continuamente, anche in una improbabile lettera alla madre, per tentare di capire come la Storia partorisca i suoi mostri. Il senso vero della scrittura di E. B. è proprio nel bisogno di comprendere, per sé e per gli altri, come la cecità di un singolo e dei popoli induca a tali abissi di crudeltà ed è evidentemente un percorso senza sbocchi perché è un dilemma cui nessuno ha ancora dato risposta.
Alla ferocia umana non c’era e non c’è risposta, né ieri né oggi. L’uomo è ben poca cosa, diceva mia madre, Iddio deve averlo creato in un momento di cattivo umore.(Signora Auschwitz Il dono della parola; ed. Marsilio)
L’identificazione tra il peso dell’oltraggio e la sua vita è tanto netta che, da un’incontro con l’autrice, riporto l’impressione di una rigidità anche fisica negli occhi fermi e gelati che sembrano attraversare l’interlocutore, per continuare a fissare semplicemente i propri pensieri.
E’ passato mezzo secolo dal genocidio ed ecco che questo romanzo ci propone un seguito, quasi il delitto fosse inesauribile, ed in verità non sono molti i racconti che riportano le vicende dei sopravvissuti, posteriori alla loro liberazione. Allo stesso modo mancano a ben rifletterci voci contemporanee al misfatto che si andava compiendo. Pochissimi hanno conservato la forza necessaria a reggere una matita tra le mani nel chiuso dei lager e anche questo è un indizio dell’annientamento della persona nei suoi connotati più nobili.
A Vera Stein giunge una lettera da Francoforte nella quale è invitata a produrre una documentazione per godere di una modesta pensione, che il governo tedesco –e non è finzione letteraria- a mezzo secolo dall’olocausto ha deciso di assegnare ai superstiti. Vera non vuole soldi e comincia a muoversi controvoglia, perché non esisterebbe una cifra per pagare le piaghe mai risolte, ma nel risarcimento individua una sorta di riconoscimento di ciò che ha subito e che l’ha trasformata in Dolore. Insomma un piccolo importo utile ad autenticarla e a palesare la sua identità più autentica e profonda.
La corrispondenza subito s’inerpica nel surreale: nella lettera, burocratica e ingarbugliata, le viene chiesto di produrre, in veste inquisitoria, una messe di certificati, tra i quali spicca al numero 7 la richiesta della prova documentata della sofferenza subita durante la persecuzione. Le testimonianze non sono sufficienti.
Paralizzata si domanda come sia possibile esporre ed esibire la lacerazione dell’anima, ma decide di non arrendersi, pur non avendo il marito accanto in questa battaglia che riproporrà ricordi dolorosi, tra i quali egli teme che Vera si perderà.
Dopo lunghi anni di tentativi epistolari per cercare di dipanare l’ingorgo di carte, Vera si decide a partire per Francoforte dove però farà una scoperta sconcertante.
Al fardello che pesa su questa vita si adegua lo stile, che nulla concede alla leggerezza. Vortica, scarno di aggettivi e abbellimenti, verso il precipizio della sua conclusione per avventurarsi in altri periodi e svelare altre cose.
Anche poetessa, oltre che scrittrice per il teatro, la televisione e il cinema, E. B. ci lascia il senso della durezza della sua lotta in questi versi che meglio di ogni considerazione marchiano la sua opera e la sua poetica: Nascere per caso/, nascere donna/ nascere ebrea/ è troppo in una sola vita.


Una recensione di Fortuna Della Porta






Recensioni ed articoli relativi a Edith Bruck

(1) Lettera da Francoforte di Edith Bruck - RECENSIONE
(2) Edith Bruck Lettera da Francoforte a cura di Fortuna Della Porta - ARTICOLO

Testi di Edith Bruck pubblicati su Progetto Babele

Nessun record trovato

Altre recensioni di Fortuna Della Porta

(1) Sorso di notte potabile di Flaminia Cruciani - RECENSIONE
(2) La nuova poesia modernista italiana di Giorgio Linguaglossa - RECENSIONE
(3) Nascosta e lo Specchio di Maria Carla Trapani - RECENSIONE
(4) Mosca più balena di Valeria Parrella - RECENSIONE
(5) La memoria dell'acqua di Antonio Messina - RECENSIONE
(6) Nuvole di Norma D'Alessio - RECENSIONE
(7) Letteratura al femminile: Dodici di Vanessa Jones - RECENSIONE


 

Altre recensioni:






-

dal 2006-08-08
VISITE: 28562


© Copyright Note: Tutto il materiale qui pubblicato è proprietà intellettuale degli autori.
Come tale non può essere riprodotto, tutto o in parte, senza preventivo consenso degli autori stessi.