Progetto Babele Rivista Letteraria
© 2002 - Progetto Babele Rivista Letteraria - fondata da Marco R. Capelli
Audiolibri BookShop SCARICA O COMPRA I NUMERI ARRETRATI DELLA RIVISTA
HomePage Contatta PB Il gruppo di Progetto Babele su Facebook Seguici su Youtube Linkedin
TeleScrivente:    Nasce una nuova ArtFanZine in Alessandria 2020 (02/04/2020)    Gorilla Sapiens, goodbye (Purtroppo) (29/01/2020)    SOSTENETE “ILCORSARONERO” RINNOVANDO L’ABBONAMENTO (07/09/2019)    Eugraphia seleziona opere per ragazzi (da sei a quindici anni) (05/09/2019)    Black Window: al via la seconda edizione! (24/06/2019)    [12/08/2020] 0 concorsi letterari in scadenza nei prossimi quattordici giorni    EVENTI, PRESENTAZIONI, CORSI, SEMINARI, FIERE E SPETTACOLI    AUDIOLIBRI     Reunion - Capitolo 00 Prologo di Dario Vergari letto da autore     Reunion - Capitolo 01 La Resi di Dario Vergari letto da autore     Reunion - Capitolo 02 Il meticoloso di Dario Vergari letto da autore     Reunion - Capitolo 03 Il secchione di Dario Vergari letto da autore     Reunion - Capitolo 04 The Lord is my shepherd di Dario Vergari letto da autore    RECENSIONI    I Figli di Dio di Glen Cooper    La cripta dei teschi forati di Luigi Tortora    Il Barone di Giuseppe Antonio Martino    Il Barone di Giuseppe Antonio Martino     Fossi in te io insisterei di Carlo Giuseppe Gabardini    Il Parere di PB     Cambi di prospettive di Ilaria Ferramosca     Express Tramway di Vittorio Baccelli    Il lungo viaggio di Chaetodon Vagabundus di Francesco Sciortino    I buoni ed i cattivi frutti di Francesca Ricci     Dio tu e le rose di Brunetto Salvarani e Odoardo Semellini    Articoli e saggi     Lorenzo Calogero, il “folle” medico-poeta di Melicuccà     Congiunzione e disgiunzione in Eugenio Montale     Ernest Hemingway e le Isole Borromee     Lingua e poesia nelle opere di Nino De Vita     Jack London (1876-1916), ovvero il mare sfidato    Racconti     Foglio 19 Particella 35 di Giuseppe Antonio Martino     Sara Indiart di Jorge Edgardo López     Reunion - Capitolo 00 Prologo di Dario Vergari     Reunion - Capitolo 01 La Resi di Dario Vergari     Reunion - Capitolo 02 Il meticoloso di Dario Vergari    Biografie     Svevo, Italo (1861-1928)     Deledda,Grazia (1871-1936)     Némirovsky,Irene (1903-1942)     Walsh, Rodolfo (1927-1977)     Sturluson, Snorri (1176-1241)    Traduzioni     Der Panther / La Pantera di Rainer Maria Rilke trad. di Paolo Esposito     Maternità trad. di Maria giovanna Varasano     Il silenzio del mare trad. di Nicoletta Isola     Strana contrada trad. di Nicoletta Isola     L'oscurità amica trad. di Nicoletta Isola    Poesie     Francesco di Eva Rando     Occhi di Luna di Elisabetta Santirocchi     Assenzio di Sandro Lillo Spallino     Poesie Nuove (silloge) di Alberto Accorsi     Istantanea di Natascia Secchi    Cinema     Forbidden Voices - How to start a revolution with a laptop (Svizzera 2012) regia di Barbara Miller     The Blind Side (USA - con Sandra Bullock: Leigh Anne Tuohy Tim McGraw: Sean Tuohy Quinton Aaron: Michael Oher Jae Head: S.J. Tuohy Kathy Bates: Miss Sue 2010) regia di John Lee Hancock     Becoming Jane (Con Anne Hathaway, James McAvoy, Julie Walters, Maggie Smith, James Cromwell 2007) regia di Julian Jarrold    Musica     Scimpanzè (2015) - Loris Dalì     FIN (2014) - - Thomas -     Chimera (2014) - Ottodix    
Email
PSWD
AddsZone
Save the Children Italia Onlus


Le Vendicatrici
La Rivista
Copertina
Scarica gratuitamente
l'ultimo numero della rivista
Cart ARRETRATI
BookShop
PB Interactive
>>Stazione di servizio
Consigli & indirizzi per aspiranti scrittori
>>Telescrivente
Le NEWS di PB - quasi un Blog
>>L'angolo di Simone
Dedicato ai più piccoli
>>Piccolo spazio pubblicità
Le vostre inserzioni su PB
PB consiglia
Concorsi e premi letterari
15 concorsi in archivio
Eventi Mostre Presentazioni Spettacoli
0 eventi in archivio
Novità in libreria
NOVITA' IN LIBRERIA
22 novità in archivio
Assaggi
Le Recensioni
     

Quasi un preludio
di Franco Favata
Pubblicato su SITO


Anno 2006 - Montedit


Una recensione di Giovanni Venezia
VOTA QUESTO TESTO
Insufficiente Sufficiente Discreto Buono Ottimo

Votanti: 5268
Media 79.07 %



Quasi un preludio

Se non conoscessimo l’Autore, saremmo inclini a pensare che ‘’ l’incipit ’’ del suo nuovo romanzo sia un invito a leggere una favola – di quelle tradizionali: “C’era una volta in un paese lontano…”. Potrebbe esserlo ma il ‘’mistero’’ di un misterioso personaggio introduce verso una vicenda “aggrovigliata” che certo favola non è.
L’ uomo misterioso, di mezza età , sottobraccio una strana “valigia in fibra rigida” , incurante della sua salute, affronta un temporale per raggiungere con piè veloce la Grande Biblioteca .
E’ forse un professore di Lettere antiche e filosofia, un umanista certo, è un soggetto di quelli della tempra di un Poggio Bracciolini, un topo di biblioteca.
Lombrantil –così si chiama il protagonista -, chiede aiuto ad un onesto bibliotecario per trovare un rarissimo o forse inesistente libro del cinquecento di cui si sono perse le tracce.
Siamo dentro le pagine dell’ultima fatica di Franco Favata : “Quasi un preludio” – collana Le schegge d’oro – Montedit editrice di Melegnano pp.76 €.7,50.
Dopo “Bacterium Noctis” il volume con cui il nostro ha esordito, non credevamo di ritrovarci dentro percorsi misteriosi, fitti, spasmodici; a descrizioni fluttuanti in cui la punteggiatura – che è protagonista di lettura , fa da calamita e consente appena una breve pausa per centellinare un caffè.
Il professor Lombrantil è alla ricerca puntigliosa di un vecchio cinquecentino, sicuro di trovarlo in quella Grande Biblioteca rifiutandosi persino di accettare anche soltanto l’idea che potesse essere in altro luogo. Vi si reca e , con la collaborazione del certosino bibliotecario, s’immerge con spasmodica tensione nella ricerca scrutando ogni possibile vuoto tra gli scaffali, fra le polverose copertine di vecchi manuali semi-danneggiati dall’usura del tempo o dall’umidità, con pagine mancanti perché forse qualcuno li ha distrutti.
E’ un dolore per il ricercatore, ma insiste. Non gli sfugge nulla, si piega, sale le scale, s’inoltra in angoli bui…..poi un sospiro di sollievo che sarà immediatamente tradotto in delusione. Di contro la pazienza del bibliotecario che lo affianca nel metodico e laborioso lavoro di ricerca, lo segue con ammirata emozione; vorrebbe convincere, però- egli che conosce bene la biblioteca - il professor Lombrantil a desistere. Si trova di tutto – riflette a voce alta colma di amarezza il novello Bracciolini -“ sono cose dell’altro mondo” , brutte parrucche “schifose”, scarpe, ventagli e financo caffettiere. E’ sfinito. Si arrenderà Lombrantil?
Scrive Giacomo Giannone che il prof. Lombrantil potrebbe decidere per “una sospensione che è solo un “”preludio””, che dovrà esserci un seguito, un epilogo a questo strano viaggio, defatigante ma pieno di suspense, destinato ad approdare in qualche modo ad una conclusione non vana”. Chissà.
Pensiamo – non vorremmo sbagliarci – che il Favata dal contesto dell’evolversi di questa vicenda, voglia estrarre un ammonimento a quanti disattendono e distruggono i valori della cultura, buttandone le pagine al vento per disperderle o bruciarle.
Infatti “Quasi un preludio” è un incredibile viaggio tra storia ed immaginazione. Il tutto si vive interamente dentro la biblioteca identificabile nella foto della copertina: quel bellissimo Collegio dei Gesuiti del XVII secolo di Mazara del Vallo, dal bel portale barocco, sede di Università con facoltà di Filosofia e Teologia, che ha ospitato sia la Biblioteca Comunale che il piccolo Museo Civico.
Infatti, a causa dei locali divenuti pericolanti, sia la biblioteca che il museo vennero trasferiti e non è da aver dubbi che quel rarissimo e prezioso libro del cinquecento sia andato perduto per negligenza o sia stato rubato.
E’ meticoloso l’autore , attento alla scrittura, incalzante fino al punto di diventare carnefice della pazienza del lettore , l’uccide per costringerlo, - riuscendovi - a proseguire sulla via tracciata dal mistero.
Il linguaggio vira anche e accade quello che non si spiega razionalmente, ma accade. C’è una bellezza che ferisce, e si pianta dentro. Il racconto giunge anche a far mordere le labbra per la commozione, l’amarezza per i perduti valori culturali sottratti all’umanità.
Emerge, forte, l’amore per la cultura e l’Autore vuole darci un messaggio rivolto soprattutto ai giovani sui valori positivi ed attuali del passato su cui sempre va costruito il futuro.
Non c’è miglior modo che rendergli omaggio con quanto il patriarca biblico Enoch ebbe a scrivere nel suo libro dei segreti: “…Scrivo non per i miei, ma per le estreme generazioni future, per voi esseri umani che verrete…” Dopo la lettura, una meditazione s’impone.


Una recensione di Giovanni Venezia






Recensioni ed articoli relativi a Franco Favata

(1) Quasi un preludio di Franco Favata - RECENSIONE

Testi di Franco Favata pubblicati su Progetto Babele

Nessun record trovato

Altre recensioni di Giovanni Venezia

(1) A due passi dal fiume di Enzo Gangitano - RECENSIONE


 

Altre recensioni:






-

dal 2006-10-20
VISITE: 11920


Segnala un malfunzionamento in questa pagina
© Copyright Note:
Tutto il materiale qui pubblicato è proprietà intellettuale degli autori.
Come tale non può essere riprodotto, tutto o in parte, senza preventivo consenso degli autori stessi.
GDPR 2018 - Privacy & Trattamento dati personali