Progetto Babele Rivista Letteraria
© 2002 - Progetto Babele Rivista Letteraria - fondata da Marco R. Capelli
Audiolibri BookShop SCARICA O COMPRA I NUMERI ARRETRATI DELLA RIVISTA
HomePage Contatta PB Il gruppo di Progetto Babele su Facebook Seguici su Youtube Linkedin
TeleScrivente:    SOSTENETE “ILCORSARONERO” RINNOVANDO L’ABBONAMENTO (07/09/2019)    Eugraphia seleziona opere per ragazzi (da sei a quindici anni) (05/09/2019)    Black Window: al via la seconda edizione! (24/06/2019)    Anobii lascia Mondadori (30/05/2019)    I libri di PB, saldi di fine stagione (28/12/2018)    [14/11/2019] 2 concorsi letterari in scadenza nei prossimi quattordici giorni    Raccontami, o Musa... scadenza 2019-11-15    Nika Georgievna Turbina 1974 - 2002 scadenza 2019-11-20    EVENTI, PRESENTAZIONI, CORSI, SEMINARI, FIERE E SPETTACOLI    AUDIOLIBRI     La porta di Cesarina Bo letto da Alberto Morella (Realizzato da Riccardo Cerutti)     La Strega di Marco R. Capelli letto da C. Fratarcangeli e S.Ferrara     Quella casa sulla collina di Marcello Caccialanza letto da Alberto Sannazzaro     Fino alla fine dell`alba di Matteo Bertone letto da Samuele Arena     Carrozza n.6 di Matteo Bertone letto da Samuele Arena    RECENSIONI    I Figli di Dio di Glen Cooper    La cripta dei teschi forati di Luigi Tortora    Il Barone di Giuseppe Antonio Martino    Il Barone di Giuseppe Antonio Martino     Fossi in te io insisterei di Carlo Giuseppe Gabardini    Il Parere di PB     Cambi di prospettive di Ilaria Ferramosca     Express Tramway di Vittorio Baccelli     Promesse da marinaio di Daniele Filzi    Il lungo viaggio di Chaetodon Vagabundus di Francesco Sciortino    I buoni ed i cattivi frutti di Francesca Ricci    Articoli e saggi     Lorenzo Calogero, il “folle” medico-poeta di Melicuccà     Congiunzione e disgiunzione in Eugenio Montale     Ernest Hemingway e le Isole Borromee     Lingua e poesia nelle opere di Nino De Vita     Jack London (1876-1916), ovvero il mare sfidato    Racconti     Fonzo di Don pompeo Mongiello     Sembra avere un senso… di Carla Montuschi     Qualcosa è cambiato di Milos Fabbri     The Unknown Victim di John gerard Sapodilla     Identità riservata di Cinzia Baldini    Biografie     Svevo, Italo (1861-1928)     Deledda,Grazia (1871-1936)     Némirovsky,Irene (1903-1942)     Walsh, Rodolfo (1927-1977)     Sturluson, Snorri (1176-1241)    Traduzioni     Der Panther / La Pantera di Rainer Maria Rilke trad. di Paolo Esposito     Maternità trad. di Maria giovanna Varasano     Il silenzio del mare trad. di Nicoletta Isola     Strana contrada trad. di Nicoletta Isola     L'oscurità amica trad. di Nicoletta Isola    Poesie     Francesco di Eva Rando     Occhi di Luna di Elisabetta Santirocchi     Assenzio di Sandro Lillo Spallino     Poesie Nuove (silloge) di Alberto Accorsi     Istantanea di Natascia Secchi    Cinema     Forbidden Voices - How to start a revolution with a laptop (Svizzera 2012) regia di Barbara Miller     The Blind Side (USA - con Sandra Bullock: Leigh Anne Tuohy Tim McGraw: Sean Tuohy Quinton Aaron: Michael Oher Jae Head: S.J. Tuohy Kathy Bates: Miss Sue 2010) regia di John Lee Hancock     Becoming Jane (Con Anne Hathaway, James McAvoy, Julie Walters, Maggie Smith, James Cromwell 2007) regia di Julian Jarrold    Musica     Scimpanzè (2015) - Loris Dalì     FIN (2014) - - Thomas -     Chimera (2014) - Ottodix    
Email
PSWD
AddsZone
Save the Children Italia Onlus
Seguici su YOUTUBE
La Rivista
Copertina
Scarica gratuitamente
l'ultimo numero della rivista
Cart ARRETRATI
BookShop
PB Interactive
>>Stazione di servizio
Consigli & indirizzi per aspiranti scrittori
>>Telescrivente
Le NEWS di PB - quasi un Blog
>>L'angolo di Simone
Dedicato ai più piccoli
>>Piccolo spazio pubblicità
Le vostre inserzioni su PB
PB consiglia
Concorsi e premi letterari
30 concorsi in archivio
Eventi Mostre Presentazioni Spettacoli
0 eventi in archivio
Novità in libreria
NOVITA' IN LIBRERIA
6 novità in archivio
Assaggi
Le Recensioni
     

In nome della madre
di Erri de Luca
Pubblicato su SITO


Anno 2006 - Editore Feltrinelli
Prezzo € 8 - 79 pp.

Una recensione di Tiziana Petrecca
VOTA QUESTO TESTO
Insufficiente Sufficiente Discreto Buono Ottimo

Votanti: 9891
Media 79.31 %



In nome della madre

“In nome del padre”:
inaugura il segno della croce.
In nome della madre
S’inaugura la vita.


Racconto corale e profondamente poetico “ In nome della madre” è la narrazione dal punto di vista di Miriàm/Maria, della sua gravidanza, dall’annuncio dell’avvento all’offerta finale di suo figlio a Dio attraverso la preghiera di non portaglielo via prima dei 30 anni.

Il vento di Marzo l’avvolse e lasciò in lei un seme, in pochi minuti Miriàm da ragazzina diventa donna senza conoscere uomo.Erri De Luca, che ha lungo e da autodidatta studiato l’yddish e l’ebraico per tradurre la Bibbia, in questo libro è riuscito, da uomo non credente e soprattutto da uomo, a rendere la storia di Giuseppe e Maria con parole estremamente delicate e reali.
Miriàm non è la donna sacra ma la consacrata, una ragazza che d’improvviso si trova a dover affrontare le severe leggi ebraiche circa l’avere nel grembo un bambino al di fuori del matrimonio.Per la legge ebraica i fidanzati erano già sposi con la promessa pur non vivendo ancora sotto lo stesso tetto, quindi la sua gravidanza era illegale, era adulterio punibile con la morte per lapidazione. Giuseppe “bello da baciarsi le dita” racconta Maria, cerca un motivo qualsiasi pur di evitare la lapidazione che l’avrebbe costretto a tirare lui la prima pietra contro la donna che ama e in cui crede, ma motivo non c’è e Maria nell’accettazione tace.Tutta la comunità è contro di lui ma Giuseppe sfida tutte le leggi per l’amore viscerale che sente verso la sua donna. Durante il viaggio verso sud per il censimento,Miriàm capirà che quel viaggio lungo e lontano da Nazareth sarebbe avvenuto lo comunque, per far nascere quella creatura lontano da sguardi cattivi e sputi dietro i suoi passi. Miriàm dopo il parto, sola in una capanna con l’asina e il bue, racconta al suo bimbo che il bue li ha ospitati. Miriàm partorisce sola, senza sapere come e perché le sue mani sanno, con il coltello di Giuseppe taglia il cordone ombelicale, lava il bimbo e lo allatta. Miriàm anche durante il viaggio , come ogni madre, parla al suo bambino ancora in grembo, gli spiega l’alto e il basso, la luce e la notte, cosa sono le stelle, cosa vedrà alla sua nascita. Dopo il parto, stringendo il bambino al petto sazio di latte ha delle immagini, come preveggenza, di ciò che sarà il futuro di suo figlio, ma non ne vede la morte.
Figlio nato a Bet Lèhem:casa di pane. Miriàm prega Dio impaurita
“ Sia nessuno questo tuo Ieshu, sia per te un progetto accantonato, uno dei tuoi pensieri usciti di memoria. Ti pregano già tanto di ricordare questo e quello. Scordati di Ieshu”. Da madre teme che il figlio subisca il male, parla col bambino che conosce i suoi pensieri “Aspetto il tuo primo sorriso per coprirlo, che non abbagli il mondo e ti denunci”.
Toccando il corpo della creatura Miriàm ha una visione, una festa di nozze ma non è Ieshu lo sposo, loro sono invitati. Lei, nella visione, gli chiede qualcosa e il figlio la guarda arrossendo, confuso, non vuole ma ubbidisce.Miriàm non sa cosa gli chiederà né cosa lui farà ma sa che sarà in quel momento che lo consegnerà a Dio.”Non dico così sia, dico:non sia prima di così” invoca pregando.

“ in nome della madre” è un racconto di una bellezza e di un amore immenso, viscerale, di Giuseppe verso Miriàm e un legame unico e assoluto tra madre e figlio fino al distacco dal corpo, attraverso la nascita.
Erri De Luca riesce in poche pagine a descrivere la forza, il silenzio e la difficile accettazione di Miriàm di un destino che da madre sente implacabile, destinato, al quale non può opporsi ma solo chiedere che avvenga il più tardi possibile.
Una storia vera perché narrata in prima persona dalla donna, dal suo punto di vista e non da quello degli uomini.
Erri De Luca la rende vera, carne e sangue, donna impaurita ma forte, forte da sfidare leggi e villaggio senza mai abbassare la testa. Una donna che difende suo figlio, solo suo, da tutti e che per quel figlio non teme nemmeno la morte per lapidazione, come la legge comandava.

Il prodigio della notte di Natale, è per Erri De Luca, il parto della vergine è la festa della madre. E’ un racconto tradotto, il più fedelmente possibile, dalle scritture.


Erri De Luca è nato a Napoli nel 1950, a 18 anni va via, si trasferisce a Roma, in “Napòlide” racconta questa scelta. A Roma sarà operaio Fiat, magazziniere all’aereoporto di Catania, camionista, muratore lavorando per diversi cantieri francesi, africani, italiani. A 20 anni il primo libro “Non ora, non qui”, verrà pubblicato nel 1989 a 40 anni quando ancora lavorava in edilizia. Durante la guerra in Iugoslavia è conducente di convogli umanitari diretti alla popolazione bosniaca.Ha tradotto la Bibbia alla quale dedica un’ora di lettura al giorno.Collabora con La Repubblica, Il Manifesto……e oltre ad articoli di opinione scrive anche di montagna; è un alpinista.
In francia ha ricevuto il premio France Culture nel 1944 per “Aceto, arcobaleno”; il premio Laure Bataillon nel 2002 per “Tre cavalli” e il Femina Etranger nel 2002 per “Montedidio”.
“In nome della madre” è l’ultimo libro, in libreria da settembre 2006,collana narratori,Feltrinelli.

La sua bibliografia è lunghissima, accenno qualche titolo:
Per Dante & Descartes, 2006 “Napòlide”;“Chisciottimista” 2005
“Lettere da una città bruciata”, 2002
Per Feltrinelli:
“Solo andata”, 2005;”Il contrario di uno”,2003;”Montedidio”,2002
Ha scritto per Mondatori, Einaudi,Federico motta nel 2002 con “Bagnoli”.
Ha tradotto Puskin,2005;”Vita di Noé/Nòa,2004;”Vita di Sansone”,2002;”Kohélet/ecclesiaste”,2001;”Giona/Ionà”, 2001;”Libro di Ruth”, 2000.


Una recensione di Tiziana Petrecca






Recensioni ed articoli relativi a Erri de Luca

(1) Angelo SenzaDio di Carmelo Musumeci - RECENSIONE
(2) Fuga dall`assassino dei sogni di Alfredo Cosco - Carmelo Musumeci - RECENSIONE
(3) Noterelle a margine della pubblicazione di “Gomorra” di Roberto Saviano a cura di Angela Ravetta - ARTICOLO
(4) In nome della madre di Erri de Luca - RECENSIONE
(5) Non ora, non qui di Erri De Luca - RECENSIONE
(6) Papir in meso antologija italijanske kratke proze
(Carta e carne – antologia della prosa breve italiana) di a cura di Sergio Sozi, traduzione di Veronika Simoniti
- RECENSIONE
(7) Tu, mio di Erri De Luca - RECENSIONE

Testi di Erri de Luca pubblicati su Progetto Babele

Nessun record trovato

Altre recensioni di Tiziana Petrecca

(1) Brina Maurer di Claudia Manuela Turco- Il Parere di PB
(2) L' incrinarsi di una persistenza di Maurizio Cometto- Il Parere di PB
(3) Le psicastrocche di Geni Valle- Il Parere di PB
(4) I personaggi di Fabio Ciofi- Il Parere di PB
(5) Tesla N.7 di Francesco Arca- Il Parere di PB
(6) Io ti ho già visto di Silvio Aparo- Il Parere di PB
(7) Commedia romantica in ospedale vista mare di Anna Maria Borrello- Il Parere di PB
(8) Tokyo andata e ritorno di Marco Montanari- Il Parere di PB
(9) Segni e sogni di una notte di mezza età di Geni Valle- Il Parere di PB
(10) Voli di soffione (piccole storie di minima gente) di Filippo Giordano- Il Parere di PB
(11) Il costruttore di biciclette di Maurizio Cometto - RECENSIONE
(12) Bacoli muta di Ernesto Salemme - RECENSIONE
(13) Almost Blue di Carlo Lucarelli - RECENSIONE
(14) La passione di Cristo di Tiziana Petrecca - RECENSIONE
(15) L' incrinarsi di una persistenza di Tiziana Petrecca - RECENSIONE
>>Continua (click here)


 

Altre recensioni:






-

dal 2007-05-30
VISITE: 37317


© Copyright Note: Tutto il materiale qui pubblicato è proprietà intellettuale degli autori.
Come tale non può essere riprodotto, tutto o in parte, senza preventivo consenso degli autori stessi.