Progetto Babele Rivista Letteraria
© 2002 - Progetto Babele Rivista Letteraria - fondata da Marco R. Capelli
Audiolibri BookShop SCARICA O COMPRA I NUMERI ARRETRATI DELLA RIVISTA
HomePage Contatta PB Il gruppo di Progetto Babele su Facebook Seguici su Youtube Linkedin
TeleScrivente:    Nasce una nuova ArtFanZine in Alessandria 2020 (02/04/2020)    Gorilla Sapiens, goodbye (Purtroppo) (29/01/2020)    SOSTENETE “ILCORSARONERO” RINNOVANDO L’ABBONAMENTO (07/09/2019)    Eugraphia seleziona opere per ragazzi (da sei a quindici anni) (05/09/2019)    Black Window: al via la seconda edizione! (24/06/2019)    [11/07/2020] 4 concorsi letterari in scadenza nei prossimi quattordici giorni    La Lingua Del Girasole scadenza 2020-07-12    Parigi Vera scadenza 2020-07-14    GUIDO GOZZANO- AUGUSTO MONTI scadenza 2020-07-15    Esperienze in giallo scadenza 2020-07-17    EVENTI, PRESENTAZIONI, CORSI, SEMINARI, FIERE E SPETTACOLI    AUDIOLIBRI     Reunion - Capitolo 00 Prologo di Dario Vergari letto da autore     Reunion - Capitolo 01 La Resi di Dario Vergari letto da autore     Reunion - Capitolo 02 Il meticoloso di Dario Vergari letto da autore     Reunion - Capitolo 03 Il secchione di Dario Vergari letto da autore     Reunion - Capitolo 04 The Lord is my shepherd di Dario Vergari letto da autore    RECENSIONI    I Figli di Dio di Glen Cooper    La cripta dei teschi forati di Luigi Tortora    Il Barone di Giuseppe Antonio Martino    Il Barone di Giuseppe Antonio Martino     Fossi in te io insisterei di Carlo Giuseppe Gabardini    Il Parere di PB     Cambi di prospettive di Ilaria Ferramosca     Express Tramway di Vittorio Baccelli    Il lungo viaggio di Chaetodon Vagabundus di Francesco Sciortino    I buoni ed i cattivi frutti di Francesca Ricci     Dio tu e le rose di Brunetto Salvarani e Odoardo Semellini    Articoli e saggi     Lorenzo Calogero, il “folle” medico-poeta di Melicuccà     Congiunzione e disgiunzione in Eugenio Montale     Ernest Hemingway e le Isole Borromee     Lingua e poesia nelle opere di Nino De Vita     Jack London (1876-1916), ovvero il mare sfidato    Racconti     Foglio 19 Particella 35 di Giuseppe Antonio Martino     Sara Indiart di Jorge Edgardo López     Reunion - Capitolo 00 Prologo di Dario Vergari     Reunion - Capitolo 01 La Resi di Dario Vergari     Reunion - Capitolo 02 Il meticoloso di Dario Vergari    Biografie     Svevo, Italo (1861-1928)     Deledda,Grazia (1871-1936)     Némirovsky,Irene (1903-1942)     Walsh, Rodolfo (1927-1977)     Sturluson, Snorri (1176-1241)    Traduzioni     Der Panther / La Pantera di Rainer Maria Rilke trad. di Paolo Esposito     Maternità trad. di Maria giovanna Varasano     Il silenzio del mare trad. di Nicoletta Isola     Strana contrada trad. di Nicoletta Isola     L'oscurità amica trad. di Nicoletta Isola    Poesie     Francesco di Eva Rando     Occhi di Luna di Elisabetta Santirocchi     Assenzio di Sandro Lillo Spallino     Poesie Nuove (silloge) di Alberto Accorsi     Istantanea di Natascia Secchi    Cinema     Forbidden Voices - How to start a revolution with a laptop (Svizzera 2012) regia di Barbara Miller     The Blind Side (USA - con Sandra Bullock: Leigh Anne Tuohy Tim McGraw: Sean Tuohy Quinton Aaron: Michael Oher Jae Head: S.J. Tuohy Kathy Bates: Miss Sue 2010) regia di John Lee Hancock     Becoming Jane (Con Anne Hathaway, James McAvoy, Julie Walters, Maggie Smith, James Cromwell 2007) regia di Julian Jarrold    Musica     Scimpanzè (2015) - Loris Dalì     FIN (2014) - - Thomas -     Chimera (2014) - Ottodix    
Email
PSWD
AddsZone
Save the Children Italia Onlus
Facebook
La Rivista
Copertina
Scarica gratuitamente
l'ultimo numero della rivista
Cart ARRETRATI
BookShop
PB Interactive
>>Stazione di servizio
Consigli & indirizzi per aspiranti scrittori
>>Telescrivente
Le NEWS di PB - quasi un Blog
>>L'angolo di Simone
Dedicato ai più piccoli
>>Piccolo spazio pubblicità
Le vostre inserzioni su PB
PB consiglia
Concorsi e premi letterari
20 concorsi in archivio
Eventi Mostre Presentazioni Spettacoli
0 eventi in archivio
Novità in libreria
NOVITA' IN LIBRERIA
22 novità in archivio
Assaggi
Le Recensioni
     

L'eterna notte dei Bosconero
di Santi Flavio
Pubblicato su SITO


Anno 2006 - Rizzoli
Prezzo € 16 - 273 pp.
ISBN 9788817012621

Una recensione di Simonetta De Bartolo
VOTA QUESTO TESTO
Insufficiente Sufficiente Discreto Buono Ottimo

Votanti: 8814
Media 78.74 %



eterna notte dei Bosconero;L'


Con geniale fantasia, ramificata su ceppi di sicuro realismo socio-politico ed umano, con dovizia di particolari e con l’energia di un linguaggio fluido, ma deciso ed essenziale, Flavio Santi, fin dalle prime pagine de L’eterna notte dei Bosconero, crea una particolare atmosfera di mistero e di orrore, introdotta dalla copertina suggestiva, dalla “Nota per il lettore” e dal “Prologo”, incupita da architetture barocche, da scorci di paesaggi in preda ad agenti atmosferici che generano tristi presagi. Fin da subito, come in un gioco a virtual action, ci si trova nell’arsa terra di Sicilia, bagnata dal sangue che chiama altro sangue, alimentando paure e sospetti, tra la malvagità e la pazzia dei baroni Bosconero, tra “vitrai” e “rusicai”; nella torre di Ravanusa, con Federigo, uno dei figli di Lucifero, il capostipite dei Bosconero, tra mobili, che, per effetto ottico, somigliano a uccelli rapaci, ecc., in un crescendo di orrore.
Il romanzo, ricco d’imprevisti strani e orripilanti, supportato da elementi culturali seri, approfonditi e sapientemente utilizzati, guadagna subito l’interesse e la stima del lettore, anche per la scelta dell’espediente narrativo della storia nella storia. Johann Wolfgang Goethe e il suo interlocutore, un casuale avventore incontrato in una taverna di Palermo, riservandosi brevi momenti di riflessioni e considerazioni, segnano il confine tra i vari scomparti narrativi e, nello stesso tempo, li legano tra loro. Di Federigo, personaggio principale, a partire dalla seconda parte del lavoro, perderemo per un po’ le tracce, mentre restiamo dietro ai tanti personaggi di contorno della storia narrata a Goethe, minutamente e significativamente caratterizzati, con perizia artistica, sia fisicamente che psicologicamente, con i loro racconti, anelli di una lunghissima catena, legati narrativamente da un indecifrabile sottilissimo filo di Arianna, certamente il simbolico “segno profondo”, a volte non facilmente collegabili, ma sorvegliati artisticamente dall’autore con maestria. Significativo ed originale quello del Pittore che non riusciva a sognare, ma dipingeva sogni che si tramutavano in realtà, così dipinse tutti gli uomini del mondo e ne divenne potente signore.
Siamo attratti dall’etimologia e dalla fonetica dei nomi (Ravanusa, Pergusa, Ragusa, Ruga Grande, ecc.), dall’unicità di suoni e di significati del dialetto siciliano (“Frusso e refrusso…, reversciamenti…, rompimenti…, aprimenti…” o quel “carusa” che rimanda al Verga), dalle nevicate in estate, dalla follia di Adamo…, dalla narcolessia e amnesia di Federigo…, da Nervetta…, da Tranchedini e dal suo “Qui c’è pieno di demoni”, che pensa di trovarsi sulla testa di un ragno e che il mondo e lui stesso siano solo disegni del Pittore e, come tali, destinati a scomparire, dal laboratorio in cui Rosario La Spina studia l’odore, il colore e il rumore del sangue che scorre tra tubicini e ampolle di vetro e in cui alleva da sempre sanguisughe, bilharzie e platelminti che succhiano, spolpano, perforano, disossano. E… dietro quel telone? Infine, dall‘incombente “potentato del male” e dalla piovra con sette occhi che sovrasta Palermo. Non riusciamo a focalizzare, con Federigo, il reale. E… se la realtà fosse un sogno e il sogno la realtà? Non ci sfuggono le riflessioni di Flavio Santi sul clero falsamente umile e superbo, lontano dal messaggio originario di Cristo, sulla razionalità e scientificità con cui il Nord spiega gli eventi e la concezione fatalistica propria del Sud, il suo aspro pessimismo: “Gli uomini sono delle tagliole affilatissime e senza pietà, che si attaccano ai fianchi e alla gola solo per dovere di sopravvivenza”, le donne “Cuciono inganni come rammendano suole con la più grande naturalezza”, nella vita non facciamo altro che farci appositamente del male e la felicità è solo una chimera. Non mancano gli stereotipi sui siciliani e le osservazioni sui loro comportamenti tipici confrontati con quelli napoletani. E’ il Regno delle due Sicilie alla fine del ‘700, risultato di secoli di dominazione straniera, spesso violenti ed efferati, emblema di un disordine morale e civile, di una corruzione di poteri palesi ed occulti che non possono non rimandarci alla Sicilia e all’Italia tutta dei giorni nostri e, più in generale, agli aspetti più degradati dell’umana realtà.
Un susseguirsi di immagini nauseabonde, raccapriccianti e orripilanti, descritte con insistenza ed efficacia, come la “Testa di Riesi” che rotola su se stessa, il corpo disgustoso di Tito Canuto e quello, nella Cala, di Rocco Palumbo, che dà vita ad un giallo e ci porta alla tetra prigione dello Steri, la testa umana svuotata e modellata ad olla e contenente sangue, “I sei di Ravanusa” deturpati senza pietà e tanti altri “Eventi mortuari, non epidemici ma pestiferi”. Nel cuore del romanzo compaiono all’orizzonte i vopyr… Insomma, è una tenebrosa “eterna notte” anche per noi lettori.
L’alba porterà un bruttissimo risveglio, anche se l’atmosfera onirica non scomparirà del tutto, e Goethe diverrà personaggio narrante. Flavio Santi continua ad esaminare il mondo, “la fantasia perversa di un orco, il sogno di Satana, lo spettacolo messo su da un manipolo di diavoli”, che Dio afferra con guanti bucati, “voragini aperte su misteri abissali”, la natura imperfetta, la “grande Rammendatrice” che è la ragione, anche se “in certi casi non capire” è “una fortuna”, le illusioni, le credenze, le superstizioni e la paura, “Il sentimento più forte e più antico dell’uomo” (H.P.Lovecraft) e ci rende, nello stesso tempo, consapevoli che ingenuamente, come bambini, abbiamo interiorizzato racconti che dicevano e non dicevano, per prepararci ad una crudele realtà, desiderosi come siamo di conoscere sempre di più il Male e la sua incarnazione, il suo manifestarsi in forme diverse, “fideiussioni”, l’autogenesi, l’atavica lotta con il Bene, Satana, diavoli, vampiri, abitudini e i modi di fare di questi ultimi, ecc., ma anche la catarsi. Vogliamo “volare e poi soffrire di vertigini…”.
E’ difficile pensare che l’autore de L’eterna notte dei Bosconero sia anche poeta. O, forse, la poesia è propedeutica all’horror? Probabilmente perché il poeta conosce più a fondo l’animo umano. La voce di Telamonio è ora anche nella nostra mente: “La vita vive nel sangue”.


Una recensione di Simonetta De Bartolo






Recensioni ed articoli relativi a Santi Flavio

(1) L'eterna notte dei Bosconero di Santi Flavio - RECENSIONE

Testi di Santi Flavio pubblicati su Progetto Babele

Nessun record trovato

Altre recensioni di Simonetta De Bartolo

(1) Bestie di Sandrone Dazieri - RECENSIONE
(2) L' uomo nel quadro di Susan Hill - RECENSIONE
(3) Delitti & Diletti di Patrizio Pacioni e Lorella De Bon - RECENSIONE
(4) Il divoratore di anime di Massimiliano Bernardi - RECENSIONE
(5) Le rose si vendicano due volte di Leonard Morava - RECENSIONE
(6) I sassi di Sacha Naspini - RECENSIONE
(7) Seconda B di Patrizio Pacioni - RECENSIONE
(8) Essemmesse di Patrizio Pacioni - RECENSIONE
(9) Malinconico Leprechaun di Patrizio Pacioni - RECENSIONE
(10) Laurent di Emanuele Palmieri - RECENSIONE
(11) Mangiami di AA.VV. - RECENSIONE
(12) Gatti dal Buio di AA.VV. - RECENSIONE
(13) La Collina di Petrìn di Nicola Platania - RECENSIONE
(14) Fiori di vetro di Antonietta Gnerre - RECENSIONE
(15) Il mercante di eresie di Moneti Andrea - RECENSIONE
>>Continua (click here)


 

Altre recensioni:






-

dal 2007-09-12
VISITE: 14462


Segnala un malfunzionamento in questa pagina
© Copyright Note:
Tutto il materiale qui pubblicato è proprietà intellettuale degli autori.
Come tale non può essere riprodotto, tutto o in parte, senza preventivo consenso degli autori stessi.
GDPR 2018 - Privacy & Trattamento dati personali