Progetto Babele Rivista Letteraria
© 2002 - Progetto Babele Rivista Letteraria - fondata da Marco R. Capelli
Audiolibri BookShop SCARICA O COMPRA I NUMERI ARRETRATI DELLA RIVISTA
HomePage Contatta PB Il gruppo di Progetto Babele su Facebook Seguici su Youtube Linkedin
TeleScrivente:    SOSTENETE “ILCORSARONERO” RINNOVANDO L’ABBONAMENTO (07/09/2019)    Eugraphia seleziona opere per ragazzi (da sei a quindici anni) (05/09/2019)    Black Window: al via la seconda edizione! (24/06/2019)    Anobii lascia Mondadori (30/05/2019)    I libri di PB, saldi di fine stagione (28/12/2018)    [14/11/2019] 2 concorsi letterari in scadenza nei prossimi quattordici giorni    Raccontami, o Musa... scadenza 2019-11-15    Nika Georgievna Turbina 1974 - 2002 scadenza 2019-11-20    EVENTI, PRESENTAZIONI, CORSI, SEMINARI, FIERE E SPETTACOLI    AUDIOLIBRI     La porta di Cesarina Bo letto da Alberto Morella (Realizzato da Riccardo Cerutti)     La Strega di Marco R. Capelli letto da C. Fratarcangeli e S.Ferrara     Quella casa sulla collina di Marcello Caccialanza letto da Alberto Sannazzaro     Fino alla fine dell`alba di Matteo Bertone letto da Samuele Arena     Carrozza n.6 di Matteo Bertone letto da Samuele Arena    RECENSIONI    I Figli di Dio di Glen Cooper    La cripta dei teschi forati di Luigi Tortora    Il Barone di Giuseppe Antonio Martino    Il Barone di Giuseppe Antonio Martino     Fossi in te io insisterei di Carlo Giuseppe Gabardini    Il Parere di PB     Cambi di prospettive di Ilaria Ferramosca     Express Tramway di Vittorio Baccelli     Promesse da marinaio di Daniele Filzi    Il lungo viaggio di Chaetodon Vagabundus di Francesco Sciortino    I buoni ed i cattivi frutti di Francesca Ricci    Articoli e saggi     Lorenzo Calogero, il “folle” medico-poeta di Melicuccà     Congiunzione e disgiunzione in Eugenio Montale     Ernest Hemingway e le Isole Borromee     Lingua e poesia nelle opere di Nino De Vita     Jack London (1876-1916), ovvero il mare sfidato    Racconti     Fonzo di Don pompeo Mongiello     Sembra avere un senso… di Carla Montuschi     Qualcosa è cambiato di Milos Fabbri     The Unknown Victim di John gerard Sapodilla     Identità riservata di Cinzia Baldini    Biografie     Svevo, Italo (1861-1928)     Deledda,Grazia (1871-1936)     Némirovsky,Irene (1903-1942)     Walsh, Rodolfo (1927-1977)     Sturluson, Snorri (1176-1241)    Traduzioni     Der Panther / La Pantera di Rainer Maria Rilke trad. di Paolo Esposito     Maternità trad. di Maria giovanna Varasano     Il silenzio del mare trad. di Nicoletta Isola     Strana contrada trad. di Nicoletta Isola     L'oscurità amica trad. di Nicoletta Isola    Poesie     Francesco di Eva Rando     Occhi di Luna di Elisabetta Santirocchi     Assenzio di Sandro Lillo Spallino     Poesie Nuove (silloge) di Alberto Accorsi     Istantanea di Natascia Secchi    Cinema     Forbidden Voices - How to start a revolution with a laptop (Svizzera 2012) regia di Barbara Miller     The Blind Side (USA - con Sandra Bullock: Leigh Anne Tuohy Tim McGraw: Sean Tuohy Quinton Aaron: Michael Oher Jae Head: S.J. Tuohy Kathy Bates: Miss Sue 2010) regia di John Lee Hancock     Becoming Jane (Con Anne Hathaway, James McAvoy, Julie Walters, Maggie Smith, James Cromwell 2007) regia di Julian Jarrold    Musica     Scimpanzè (2015) - Loris Dalì     FIN (2014) - - Thomas -     Chimera (2014) - Ottodix    
Email
PSWD
AddsZone
Save the Children Italia Onlus
Arretrati
La Rivista
Copertina
Scarica gratuitamente
l'ultimo numero della rivista
Cart ARRETRATI
BookShop
PB Interactive
>>Stazione di servizio
Consigli & indirizzi per aspiranti scrittori
>>Telescrivente
Le NEWS di PB - quasi un Blog
>>L'angolo di Simone
Dedicato ai più piccoli
>>Piccolo spazio pubblicità
Le vostre inserzioni su PB
PB consiglia
Concorsi e premi letterari
30 concorsi in archivio
Eventi Mostre Presentazioni Spettacoli
0 eventi in archivio
Novità in libreria
NOVITA' IN LIBRERIA
6 novità in archivio
Assaggi
Le Recensioni
     

Dall'Istria al Dandolo
di A.A.V.V.
Pubblicato su SITO


Anno 2004 - Edizioni L’omino Rosso
Prezzo € 15,00 - 176 pp.
ISBN n/a

Una recensione di Emiliano Grisostolo
VOTA QUESTO TESTO
Insufficiente Sufficiente Discreto Buono Ottimo

Votanti: 11003
Media 79.23 %



Dall'Istria al Dandolo

Autori del volume: Roberto Castenetto, Lucio Cesaratto, Laura Guaianuzzi, Adriano Noacco, Guido Porro e Lucio Sabadin

L’inizio polemico tra vecchia e attuale maggioranza, non ha impedito lo svolgersi della presentazione del volume finanziato dal Comune di Maniago dal titolo Dall’ Istria al Dandolo, ed ora distribuito dalla casa editrice pordenonese L’ omino Rosso.
Dopo il botta e risposta sulla pubblicazione del libro “Dall'Istria al Dandolo”, in cui il gruppo di minoranza Per Maniago ha accusato la maggioranza di aver reso oggetto di mercimonio la storia degli esuli istriani, fiumani e dalmati, la serata ha avuto inizio come da programma con la partecipazione dell’ amministrazione comunale e della biblioteca di Maniago.
Il libro nasce dall'omonima mostra del 2007, organizzata in collaborazione con l'Associazione Nazionale Venezia Giulia e Dalmazia di Pordenone.
Un lavoro che vuole essere un contributo affinché non si perda la memoria del sacrificio delle genti istriane, cui è toccato subire dapprima il peso del totalitarismo fascista e in seguito la tragedia di quello comunista. Il volume testimonia i cinquant'anni di duro lavoro a Dandolo di Maniago, da parte di istriani, veneti e friulani che non solo sono stati capaci di trasformare un ambiente arido in una terra fertile, ma che sono anche riusciti a creare una comunità animata da valori umani e cristiani condivisi. Alla Casa Zecchin a Maniagolibero sono intervenuti alla presentazione gli autori del volume: Roberto Castenetto, Lucio Cesaratto, Laura Guaianuzzi, Adriano Noacco, Guido Porro e Lucio Sabadin. Alla serata di presentazione sono inoltre state proposte anche musiche da Arno Barzan (percussioni), Lorenzo Marcolina (clarinetto) e Romano Tedesco (fisarmonica).
Un monito, dichiarano gli autori, alle giovani generazioni a non dimenticare le sofferenze causate alle genti istriane, fiumane e dalmate prima dal totalitarismo fascista, poi da quello comunista. Era stato questo il senso delle celebrazioni, a 50 anni dall'arrivo dei primi profughi a Maniago e Dandolo in particolare, tenutesi lo scorso anno nella frazione maniaghese. In occasione di tale ricorrenza era nata l'idea di scrivere un libro che riportasse le storie dei primi abitanti di Dandolo e del successivo sviluppo della comunità.
La serata di presentazione inizia con un’introduzione musicale lenta, dalle sofferte e dense arie slovene. Si tratta della canzone di Gorizia, suonata a gennaio in occasione dell’abbattimento del confine tra Gorizia e Nuova Goriza.
Raccontano gli autori di un lavoro lungo, articolato, che inizia con la storia dell’Istria che ha origini latine romane, già fa parte dell’ Impero  nel 177 a.C., ma già dal paleolitico fa parte del mediterraneo e della sua cultura. Infatti forte è il legame tra l ‘Istria e l’ Italia, soprattutto con il Friuli dove la convivenza tra popoli, culture, etnie differenti, è fusa in un’ armonia inimmaginabile in altri luoghi. Questo dura fino alla seconda guerra mondiale, nel ’47 giunge il piano dell’esodo da Pola. Furono circa 350000 le persone, moltissimi di origini italiana, costrette ad andarsene perché l’ elemento italiano in Istria era di intralcio all’ insediarsi del regime socialista costituente. Fu Tito a dettare l’ordine di cacciare gli italiani perché popolo acculturato. Prove di una persecuzione anche etnica stanno tornando alla luce proprio in questi ultimi anni, rafforzando quelle leggende che oramai non sono più tali, di persone misteriosamente scomparse, rapite e uccise, gettate nelle foibe, fucilate nei boschi e mai più ritrovate.
Parte di questo popolo dopo una rovinosa fuga, giunge così al Dandolo, a Campagna Ventunis, nel grande centro dei Magredi che formano un triangolo che va dal punto di incontro dei torrenti Cellina e Colvera, e sale verso le montagne a nord. Si riscontra proprio in questo punto una seconda linea di ricerca tra le molte, atte a costituire un volume che merita di essere letto sotto molti aspetti. Lunga la lista bibliografica. Capaci gli autori a ritrovare il filo del discorso e legare insieme i diversi aspetti di un luogo, un territorio storico, importante sotto il profilo ambientale, lavorativo e culturale della popolazione, che ne sfruttò la terra arida trasformandola in un fazzoletto fertile. Luoghi poco ristagnanti perché fortemente permeabili. Un terreno che può assorbire anche due metri cubi di acqua piovana senza che questa ve ne lasci traccia, perché grazie ad un terreno ghiaioso filtra sotto terra riaffiorando in risorgive nella zona del pordenonese. Questo ha permesso al terreno apparentemente inospitale, di dare frutti notevoli negli anni. Una terra fortemente sfruttata dalle genti che vi si sono insediate, molte cacciate dal loro paese natale durante la guerra, nella quale la flora originale è stata quasi completamente distrutta; solo ogni tanto si può incontrare la steppa originale del luogo con alcuni tipici fiori rarissimi in altre zone circostanti.
Una serata diversa, un luogo magico la casa Zecchina a Maniagolibero dov’è stato presentato il volume dall’ Istria al Dandolo, che ha consentito alle numerose persone presenti di indossare i panni delle genti dei primi del novecento che si incontravano attorno ad un fuoco, all’ interno di una stalla, per raccontarsi storie e aneddoti. Musica e racconti popolari balcanici e di casa nostra si sono mescolati, dando vita alla storia che non dobbiamo dimenticare.


Una recensione di Emiliano Grisostolo






Recensioni ed articoli relativi a

(1) La qualità dei sentimenti di Giampaolo Giampaoli - RECENSIONE
(2) La piccola cineteca degli orrori di Manlio Gomarasca e Davide Pulici - RECENSIONE
(4) Sherlock Magazine di Marco R. Capelli - RECENSIONE
(5) WMI (Writers Magazine Italia) di Marco R. Capelli - RECENSIONE
(6) PROSPEKTIVA Rivista Letteraria di Marco R. Capelli - RECENSIONE
(7) PaginaZero di Marco R. Capelli - RECENSIONE
(8) Ore Piccole di Gordiano Lupi - RECENSIONE
(9) Il Maradagàl, una rivista oltre le mode di Gordiano Lupi - RECENSIONE
(10) Lamette di Gordiano Lupi - RECENSIONE
(11) L’emergente sgomita di Lisa Massei - RECENSIONE
(12) Lorenzo Calogero, il “folle” medico-poeta di Melicuccà a cura di Giuseppe Antonio Martino - ARTICOLO
(13) Il Barone di Giuseppe Antonio Martino - RECENSIONE
(14) Il Barone di Giuseppe Antonio Martino - RECENSIONE
(15) Fossi in te io insisterei di Carlo Giuseppe Gabardini - RECENSIONE
(16) Congiunzione e disgiunzione in Eugenio Montale a cura di Lara Di Carlo - ARTICOLO

Testi di pubblicati su Progetto Babele

(1) Fonzo di Don pompeo Mongiello - RACCONTO
(2) La qualità dei sentimenti di Giampaolo Giampaoli - RECENSIONE
(3) La piccola cineteca degli orrori di Manlio Gomarasca e Davide Pulici - RECENSIONE
(5) Sherlock Magazine di Marco R. Capelli - RECENSIONE
(6) WMI (Writers Magazine Italia) di Marco R. Capelli - RECENSIONE
(7) PROSPEKTIVA Rivista Letteraria di Marco R. Capelli - RECENSIONE
(8) PaginaZero di Marco R. Capelli - RECENSIONE
(9) Ore Piccole di Gordiano Lupi - RECENSIONE
(10) Il Maradagàl, una rivista oltre le mode di Gordiano Lupi - RECENSIONE
(11) Lamette di Gordiano Lupi - RECENSIONE
(12) L’emergente sgomita di Lisa Massei - RECENSIONE
(13) Lorenzo Calogero, il “folle” medico-poeta di Melicuccà a cura di Giuseppe Antonio Martino - ARTICOLO
(14) L’Ambasciatrice di Giuseppe Antonio Martino - RACCONTO
(15) Il Barone di Giuseppe Antonio Martino - RECENSIONE
(16) Il Barone di Giuseppe Antonio Martino - RECENSIONE

Altre recensioni di Emiliano Grisostolo

(1) 9 maggio di Carmelo Pecora - RECENSIONE
(2) Il popolo degli specchi di Steven Campagna - RECENSIONE
(3) La Forza Dentro di Max Calderan - RECENSIONE
(4) Il castello di Maniago. Storia, segreti e avventura di Anna Maria Breccia Cipolat e Laura Guaianuzzi - RECENSIONE
(5) E io sono tuo filio Gianni di Fabio Garzitto - RECENSIONE


 

Altre recensioni:






-

dal 2008-08-07
VISITE: 16553


© Copyright Note: Tutto il materiale qui pubblicato è proprietà intellettuale degli autori.
Come tale non può essere riprodotto, tutto o in parte, senza preventivo consenso degli autori stessi.