Progetto Babele Rivista Letteraria
© 2002 - Progetto Babele Rivista Letteraria - fondata da Marco R. Capelli
Audiolibri BookShop SCARICA O COMPRA I NUMERI ARRETRATI DELLA RIVISTA
HomePage Contatta PB Il gruppo di Progetto Babele su Facebook Seguici su Youtube Linkedin
TeleScrivente:    SOSTENETE “ILCORSARONERO” RINNOVANDO L’ABBONAMENTO (07/09/2019)    Eugraphia seleziona opere per ragazzi (da sei a quindici anni) (05/09/2019)    Black Window: al via la seconda edizione! (24/06/2019)    Anobii lascia Mondadori (30/05/2019)    I libri di PB, saldi di fine stagione (28/12/2018)    [19/10/2019] 4 concorsi letterari in scadenza nei prossimi quattordici giorni    “Linee di Paesaggio” scadenza 2019-10-28    Concorso per artisti emergenti scadenza 2019-10-30    Motori & Passioni scadenza 2019-10-31    Ve- Leggiamo scadenza 2019-10-31    EVENTI, PRESENTAZIONI, CORSI, SEMINARI, FIERE E SPETTACOLI    AUDIOLIBRI     La porta di Cesarina Bo letto da Alberto Morella (Realizzato da Riccardo Cerutti)     La Strega di Marco R. Capelli letto da C. Fratarcangeli e S.Ferrara     Quella casa sulla collina di Marcello Caccialanza letto da Alberto Sannazzaro     Fino alla fine dell`alba di Matteo Bertone letto da Samuele Arena     Carrozza n.6 di Matteo Bertone letto da Samuele Arena    RECENSIONI    I Figli di Dio di Glen Cooper    La cripta dei teschi forati di Luigi Tortora    Il Barone di Giuseppe Antonio Martino    Il Barone di Giuseppe Antonio Martino     Fossi in te io insisterei di Carlo Giuseppe Gabardini    Il Parere di PB     Cambi di prospettive di Ilaria Ferramosca     Express Tramway di Vittorio Baccelli     Promesse da marinaio di Daniele Filzi    Il lungo viaggio di Chaetodon Vagabundus di Francesco Sciortino    I buoni ed i cattivi frutti di Francesca Ricci    Articoli e saggi     Lorenzo Calogero, il “folle” medico-poeta di Melicuccà     Congiunzione e disgiunzione in Eugenio Montale     Ernest Hemingway e le Isole Borromee     Lingua e poesia nelle opere di Nino De Vita     Jack London (1876-1916), ovvero il mare sfidato    Racconti     Fonzo di Don pompeo Mongiello     Sembra avere un senso… di Carla Montuschi     Qualcosa è cambiato di Milos Fabbri     The Unknown Victim di John gerard Sapodilla     Identità riservata di Cinzia Baldini    Biografie     Svevo, Italo (1861-1928)     Deledda,Grazia (1871-1936)     Némirovsky,Irene (1903-1942)     Walsh, Rodolfo (1927-1977)     Sturluson, Snorri (1176-1241)    Traduzioni     Der Panther / La Pantera di Rainer Maria Rilke trad. di Paolo Esposito     Maternità trad. di Maria giovanna Varasano     Il silenzio del mare trad. di Nicoletta Isola     Strana contrada trad. di Nicoletta Isola     L'oscurità amica trad. di Nicoletta Isola    Poesie     Francesco di Eva Rando     Occhi di Luna di Elisabetta Santirocchi     Assenzio di Sandro Lillo Spallino     Poesie Nuove (silloge) di Alberto Accorsi     Istantanea di Natascia Secchi    Cinema     Forbidden Voices - How to start a revolution with a laptop (Svizzera 2012) regia di Barbara Miller     The Blind Side (USA - con Sandra Bullock: Leigh Anne Tuohy Tim McGraw: Sean Tuohy Quinton Aaron: Michael Oher Jae Head: S.J. Tuohy Kathy Bates: Miss Sue 2010) regia di John Lee Hancock     Becoming Jane (Con Anne Hathaway, James McAvoy, Julie Walters, Maggie Smith, James Cromwell 2007) regia di Julian Jarrold    Musica     Scimpanzè (2015) - Loris Dalì     FIN (2014) - - Thomas -     Chimera (2014) - Ottodix    
Email
PSWD
AddsZone
Save the Children Italia Onlus


Le Vendicatrici
La Rivista
Copertina
Scarica gratuitamente
l'ultimo numero della rivista
Cart ARRETRATI
BookShop
PB Interactive
>>Stazione di servizio
Consigli & indirizzi per aspiranti scrittori
>>Telescrivente
Le NEWS di PB - quasi un Blog
>>L'angolo di Simone
Dedicato ai più piccoli
>>Piccolo spazio pubblicità
Le vostre inserzioni su PB
PB consiglia
Concorsi e premi letterari
32 concorsi in archivio
Eventi Mostre Presentazioni Spettacoli
0 eventi in archivio
Novità in libreria
NOVITA' IN LIBRERIA
5 novità in archivio
Assaggi
Le Recensioni
     

La mossa del matto affogato
di Roberto Alajmo
Pubblicato su SITO


Anno 2008 - Mondadori
Prezzo € 17 - 241 pp.
ISBN 9788804568544

Una recensione di Simona Lo Iacono
VOTA QUESTO TESTO
Insufficiente Sufficiente Discreto Buono Ottimo

Votanti: 5710
Media 79.31 %



mossa del matto affogato;La

Si ferma, Giovanni Alagna.Il posto è lo stesso in cui lo portò una volta suo padre. Monte Gallo. Una cima, neanche tanto panoramica, sulla città. Uno sguardo, lungo, posato su di essa.
Giovanni Alagna  aspetta un attimo e osserva:  può ancora intravedere l’ultima possibilità. Forse non è ancora tutto perduto.Forse può fare appello a  quella scusa sempre usata,  ben riuscita. O a quella manovra da prestigiatore che l’ha liberato in un colpo solo – e in più di un’occasione -  da  creditori molesti  e amanti inopportune.
O forse no. E’ meglio prender tempo. Come quella volta in cui usò per mesi   una Porche mai pagata. Ma sì. E’ meglio Alagna, dice a se stesso. Prendi tempo.
Il tempo poi.  Era sempre parso un alleato,a Giovanni Alagna. Un complice affidabile e pietoso che concedeva  tregua. E soldi. Da rimaneggiare e spendere. Da inventare quasi con estro e genialità. Mai da restituire.
Eppure anche il tempo da qualche giorno gli si è messo contro. Lo insegue, gli si avvita a spirale sulla groppa. Anche il tempo gli corre dietro e gli fiata sul collo. Anche il tempo.
E pare quasi uno di quegli ospiti che d’un tratto si fanno troppo molesti, che - accolti sulle prime come una ventata di novità - si trascinino dietro tutto il peso di una presenza inopportuna. Sottrae, invece di dare. Riscuote interessi. Troppi interessi.
E allora cosa. A conti fatti non c’è molto spazio intorno a lui. Neanche un ricordo. Del padre solo due precetti sboffati  quasi come  una rima da imparare a memoria. Della madre  niente più che un‘ombratura. Una  sagoma che si muove  tra gli odori di disinfettante  della casa di riposo.

Si dice, cosa, Alagna , cosa. E soprattutto quando. Quand’è che la corsa ha preso a impazzare. Quando la fortuna a cambiare rotta. Lo ricordi, eh Alagna? No, nemmeno tu lo ricordi. Perché , allora, dovrebbero saperlo gli altri.
Ma è sempre stato convinto  che a furia di ignorarli, gli eventi, si dissolvano. Che non lascino traccia né fumo, neanche uno di quei fastidiosi resti che talvolta la vita si diverte a disseminare per strada dando agli altri l’opportunità di seguirli. Forse chiudendo gli occhi. Ecco, sì, chiudere gli occhi è la soluzione. Non guardare, Alagna, non guardare.
Ma senza guardare non si copre le spalle. Non  scorge l’accerchiamento, non vede – non sa – che a crearlo , tra balzi in  E1 e mosse in F3, è la sua stessa pedina, quella che aveva incoronato con festini e furbizie, quella che s’era assisa sul trono fra le tante con boria di sovrano. Non sa.
Non sa che è lui il re. E che  gli altri  scacchi gli si sono mossi intorno con passo felpato, con astuzia di giocatore, con guizzo d’acrobata.Non sa che tra poco, tra tre o quattro mosse non previste, non anticipate , il re non avrà più scampo.
Quando lo scoprirà -  quando riaprirà gli occhi - la regina, i cavalli, le torri e persino le pedine, gli saranno già intorno. A un passo, solo un passo da lui, prenderanno a osservarlo con indifferenza. Non hanno colore nemico, e non sembrano nemmeno appartenere all’avversario: sono la sua squadra. E ciò nonostante gli marciano contro ondeggiando a ritmo di requiem.
Dopo, molto tempo dopo, saprà che è la mossa del matto affogato. Come dire scacco matto a se stesso. Come dire autogol o giocare contro corrente.
E però che importano le definizioni. Ancora una vola Alagna si contempla e quasi spera in un’altra occasione, in un miracoloso salvataggio o in un’ assoluzione.Ma no. Non stavolta. Stavolta non c’è che da prendere l’ultima boccata d’aria…
Concepito come una sfida su un’immaginaria scacchiera , l’ultimo libro di Roberto Alajmo ( “La mossa del matto affogato”, Mondadori, € 17,00) artiglia  cuore e fiato a ogni movimento delle pedine. Tra rapporti familiari lacerati e affanni di vita corsa verso  una sicura disfatta , il racconto del protagonista si dipana in un serrato  colloquio con se stesso, lucido fino all’ultimo atto.
La  tecnica raffinatissima (un uso disinvolto e felice delle seconda persona singolare portata avanti per tutto il corso della narrazione con una padronanza appartenuta in precedenza solo al migliore Calvino), la magnetica carica  evocativa e un senso dolorante del significato – o della mancanza di significato -  di talune esistenze,  fanno de “La mossa del matto affogato” non solo una vibrantissima voce di  uomo, ma anche di una società vacua e di un tempo.
Se il re è  sovrano  che si arrabatta  tra sotterfugi e pretesti, tra fughe più o meno consapevoli da responsabilità e domande, la scacchiera è regno –  attualissimo regno - di questo monarca.E a fine partita, dopo aver osservato lo schema del  gioco e contato  quadranti bianchi e neri, non ci è poi così estranea come all’inizio. Né ci sottrae l’impressione di averla percorsa – anche noi – come invisibili pedine.


Una recensione di Simona Lo Iacono






Recensioni ed articoli relativi a Roberto Alajmo

(1) La mossa del matto affogato di Roberto Alajmo - RECENSIONE
(2) Cuore di madre di Roberto Alajmo - RECENSIONE

Testi di Roberto Alajmo pubblicati su Progetto Babele

Nessun record trovato

Altre recensioni di Simona Lo Iacono

Nessun record trovato


 

Altre recensioni:






-

dal 2008-09-21
VISITE: 11437


© Copyright Note: Tutto il materiale qui pubblicato è proprietà intellettuale degli autori.
Come tale non può essere riprodotto, tutto o in parte, senza preventivo consenso degli autori stessi.