Progetto Babele Rivista Letteraria
© 2002 - Progetto Babele Rivista Letteraria - fondata da Marco R. Capelli
Audiolibri BookShop SCARICA O COMPRA I NUMERI ARRETRATI DELLA RIVISTA
HomePage Contatta PB Il gruppo di Progetto Babele su Facebook Seguici su Youtube Linkedin
TeleScrivente:     Svevo, Italo (1861-1928)     Deledda,Grazia (1871-1936)     Némirovsky,Irene (1903-1942)     Walsh, Rodolfo (1927-1977)     Sturluson, Snorri (1176-1241)    Traduzioni    Anobii lascia Mondadori (30/05/2019)    I libri di PB, saldi di fine stagione (28/12/2018)    Nasce FIAMMIFERI, la nuova collana della casa editrice Pagine d’Arte (08/11/2018)    Concorso Letterario Nazionale di Ostia “500 PAROLE”: annunciati i 18 finalisti (27/09/2018)    Versante Ripido è morto? (27/09/2018)     Der Panther / La Pantera di Rainer Maria Rilke trad. di Paolo Esposito     Maternità trad. di Maria giovanna Varasano     L'oscurità amica trad. di Nicoletta Isola     Strana contrada trad. di Nicoletta Isola     Il silenzio del mare trad. di Nicoletta Isola    Poesie    [19/06/2019] 8 concorsi letterari in scadenza nei prossimi quattordici giorni    Premio Internazionale di Letteratura Città di Como scadenza 2019-06-20    Good Morning my future scadenza 2019-06-20    Antonietta Rongone scadenza 2019-06-25    Lo Splendore Del Talento - Scintille D’Arte - 2019 scadenza 2019-06-28    Cenerentola con gli stivali scadenza 2019-06-30    Elena M. Coppa scadenza 2019-06-30    Aneddoti dal cuore 2019 scadenza 2019-06-30    VERSI IN VOLO scadenza 2019-07-01     Francesco di Eva Rando     Occhi di Luna di Elisabetta Santirocchi     Poesie Nuove (silloge) di Alberto Accorsi     Istantanea di Natascia Secchi     Gemme rare di Elisabetta Santirocchi    Cinema    EVENTI, PRESENTAZIONI, CORSI, SEMINARI, FIERE E SPETTACOLI    AUDIOLIBRI     Forbidden Voices - How to start a revolution with a laptop (Svizzera 2012) regia di Barbara Miller     Hamlet (UK - USA con Kenneth Branagh: Amleto Julie Christie: Gertrude Derek Jacobi: Claudio Kate Winslet: Ofelia 1996) regia di Kenneth Branagh     Becoming Jane (Con Anne Hathaway, James McAvoy, Julie Walters, Maggie Smith, James Cromwell 2007) regia di Julian Jarrold    Musica     La porta di Cesarina Bo letto da Alberto Morella (Realizzato da Riccardo Cerutti)     La Strega di Marco R. Capelli letto da C. Fratarcangeli e S.Ferrara     Carrozza n.6 di Matteo Bertone letto da Samuele Arena     Fino alla fine dell`alba di Matteo Bertone letto da Samuele Arena     Hannah di Beppe Calabretta letto da Sandra Tedeschi    RECENSIONI     Scimpanzè (2015) - Loris Dalì     FIN (2014) - - Thomas -     Chimera (2014) - Ottodix     8 e un quarto di Paquito Catanzaro     Ho gettato Dio in pattumiera di Bruno Previtali     Insabel di Vera Ambra    I paradossi dell’esistenza di Laura Rapicavoli     Consigli dalla punk caverna: A noi punk non ci resta che Al Bano di Fabio Izzo    Il Parere di PB     Sandino Il generale degli uomini liberi di Maurizio Campisi    La gallina volante di Paola Mastrocola    Il 1848 e le cinque giornate di Milano di Antonio Monti     Rapsodia su un solo tema - Colloqui con Rafail Dvoinikov di Claudio Morandini    La vigilia di Natale di Maurizio Bassani    Articoli e saggi     Ernest Hemingway e le Isole Borromee     Jack London (1876-1916), ovvero il mare sfidato     La scienza dell’impresa secondo Filippo Picinelli (1604-1679): indagine sulle fonti dell’Introduzione al “Mondo Simbolico”.     Alla mia terra di Agane, campi e acque sorgive     Joseph Conrad ovvero il mare professionale    Racconti     La Strega di Marco R. Capelli     I bossoli dei fratelli James di Massimo Martinelli     Ambrosia per due di Francesco Nucera     Compagni di scuola di Maria cristina Pazzini     La via uruguagia alla felicità di Frank Iodice    Biografie     Svevo, Italo (1861-1928)     Deledda,Grazia (1871-1936)     Némirovsky,Irene (1903-1942)     Walsh, Rodolfo (1927-1977)     Sturluson, Snorri (1176-1241)    Traduzioni     Der Panther / La Pantera di Rainer Maria Rilke trad. di Paolo Esposito     Maternità trad. di Maria giovanna Varasano     L'oscurità amica trad. di Nicoletta Isola     Strana contrada trad. di Nicoletta Isola     Il silenzio del mare trad. di Nicoletta Isola    Poesie     Francesco di Eva Rando     Occhi di Luna di Elisabetta Santirocchi     Poesie Nuove (silloge) di Alberto Accorsi     Istantanea di Natascia Secchi     Gemme rare di Elisabetta Santirocchi    Cinema     Forbidden Voices - How to start a revolution with a laptop (Svizzera 2012) regia di Barbara Miller     Hamlet (UK - USA con Kenneth Branagh: Amleto Julie Christie: Gertrude Derek Jacobi: Claudio Kate Winslet: Ofelia 1996) regia di Kenneth Branagh     Becoming Jane (Con Anne Hathaway, James McAvoy, Julie Walters, Maggie Smith, James Cromwell 2007) regia di Julian Jarrold    Musica     Scimpanzè (2015) - Loris Dalì     FIN (2014) - - Thomas -     Chimera (2014) - Ottodix    
Email
PSWD
AddsZone
Save the Children Italia Onlus
Bookshop
La Rivista
Copertina
Scarica gratuitamente
l'ultimo numero della rivista
Cart ARRETRATI
BookShop
PB Interactive
>>Stazione di servizio
Consigli & indirizzi per aspiranti scrittori
>>Telescrivente
Le NEWS di PB - quasi un Blog
>>L'angolo di Simone
Dedicato ai più piccoli
>>Piccolo spazio pubblicità
Le vostre inserzioni su PB
PB consiglia
Concorsi e premi letterari
32 concorsi in archivio
Eventi Mostre Presentazioni Spettacoli
0 eventi in archivio
Novità in libreria
NOVITA' IN LIBRERIA
6 novità in archivio
Assaggi
Le Recensioni
     

Scorrete lacrime, disse il poliziotto
di Philp K. Dick
Pubblicato su SITO


Anno 2007 - Fanucci
Prezzo € 15,00 - 320 pp.
ISBN 9788834712375

Una recensione di Fabio Orefice
VOTA QUESTO TESTO
Insufficiente Sufficiente Discreto Buono Ottimo

Votanti: 8955
Media 80.29 %



Scorrete lacrime, disse il poliziotto

Dickotomìe E Lacrime: “Scorrete lacrime, disse il poliziotto” − Philip K. Dick e l’insostenibile leggerezza dell’Io − a cura di Fabio Orefice Carlo Pagetti, professore di lingua e letteratura inglese all’ Università di Torino, nonché “vate” della fantascienza e dei suoi risvolti culturali, ha scritto la prefazione a “Scorrete lacrime, disse il poliziotto” di Philip K. Dick, riedito pochi mesi fa dalla Fanucci (che in occasione dei venticinque anni dalla scomparsa, sta ripubblicando l’intero catalogo del criptico autore americano). In essa ci fornisce le spiegazioni più lucide e rivelatrici su questo importante capitolo della narrativa fantascientifica, che lo stesso autore non esitò a definire con orgoglio " my Doubleday novel". In un futuro non troppo lontano da Noi per cronologia e sfondo, Jason Taverner è un celebre cantante e show man televisivo. Un giorno, mentre la sua vita di glorie e successi continua a scorrere tra applausi, dirette TV, fan e corteggiatrici talora ossessive, finisce in un baratro inatteso, il peggiore che chiunque, specie qualcuno nella sua posizione di " Celebrità ", possa immaginare di vivere: Taverner diventa, senza alcuna apparente spiegazione, un perfetto sconosciuto. In questa realtà “orwelliana” in cui il dissenso − esemplificato dai gruppi di studenti universitari clandestini − è bandito e perseguito come un’ “anomalia del sistema” (perfetta metafora della repressione “maccartista” messa in atto dal Governo USA e dalla CIA tra i ’50 ed i ’60 e che causò non pochi problemi ad intellettuali outsider come Dick, in termini di emarginazione sociale e paranoie), e dove vige un ferreo sistema di controllo marziale, Jason è ora un fuggiasco, un “estraneo alla massa” perso in un reale del tutto simile a quello che costui conosceva… tranne per il fatto che nessuno ha più memoria di lui. D’accordo con le riflessioni di Pagetti, si osserva quanto Taverner sia l’esemplificazione del dio greco del vino e dell’estasi dei sensi Bacco, in quanto rappresentante di un universo, quello dello spettacolo, fatto di vanità, perdizione, piacere ed autoreferenzialità spinta ai confini dell’egomanìa. Ed anche quando il mondo, il Suo mondo, soffre di mono-amnesia verso di lui, egli continua ad essere la trasfigurazione del dio Bacco, ma nell’accezione di icona osannata della dissolutezza, eppure emarginata da un “regno” basato sull’ordine e la disciplina. Qui entra in gioco l’altra figura chiave della storia: il "poliziotto", ossia il generale Felix Buckman, colui che con maggiore alacrità ed efficienza darà la caccia al non identificato Taverner. Buckman, sempre secondo l’esaustiva analisi di Pagetti, è invece la rappresentazione di Re Lear. Proprio come il sovrano shakespeariano, infatti, costui si fa autorità intransigente e morigerata in un Paese precariamente sorretto da una dittatura che è sempre sul punto di cedere alla corruzione, al narcisismo e ad ogni cosa in cui piacere violenza siano ormai fusi assieme. Per quanto riguarda la mia esegesi, il protagonista si ritrova chiuso in una sospensione soffocante tra essere e non essere. Lo “straniero” − quale miglior’ termine per spiegare la condizione apolide, interiore e fisica, di Taverner − si ritrova avvinto ai margini di un sistema dove chi sei viene definitivamente misurato in base a come e quanto appari sugli schermi televisivi. Ecco il punto, il significativo “subplot” di Scorrete lacrime: la frammentazione dell’Io nel mondo moderno; Jason Taverner è in bilico tra apparenza e contenuto, percezione pura ed interiorità; si fa “ambasciatore” dell’uomo che da sempre tenta disperatamente di lottare contro le ombre spaventose delle pure apparenze e delle proprie insite debolezze; ombre che di volta in volta si manifestano attraverso la religione, le convenzioni sociali, la retorica, o i mass media. Per tale ragione l’uomo Jason non può prescindere dal personaggio che conduce il "Jason Taverner Show". Svettando fulminei attraverso pagine e parole come i "cavilli volanti" sui tetti luminescenti dei grattacieli, scopriamo, quale che sia il finale, che Io è solo una definizione di comodo, un prisma insanabile forgiato purtroppo più dalle percezioni esterne che dalle caratteristiche personali innate; Io è una contesa ormai impari tra la libera scelta ed un TV color che non si spegne mai. A causa dell’ esasperato progresso che incatena d’assuefazione il libero arbitrio, l’autocoscienza scorre via come un flusso inarrestabile che anziché rompere gli argini delle imposizioni e dei “totem” ne rimane soffocato, lasciando che in essi anneghino anche le minime certezze sul proprio essere. Ed allora "scorrete lacrime" .


Una recensione di Fabio Orefice






Recensioni ed articoli relativi a Philp K. Dick

(1) Scorrete lacrime, disse il poliziotto di Philp K. Dick - RECENSIONE

Testi di Philp K. Dick pubblicati su Progetto Babele

Nessun record trovato

Altre recensioni di Fabio Orefice

Nessun record trovato


 

Altre recensioni:






-

dal 2009-05-03
VISITE: 19645


© Copyright Note: Tutto il materiale qui pubblicato è proprietà intellettuale degli autori.
Come tale non può essere riprodotto, tutto o in parte, senza preventivo consenso degli autori stessi.