Progetto Babele Rivista Letteraria
© 2002 - Progetto Babele Rivista Letteraria - fondata da Marco R. Capelli
Audiolibri BookShop SCARICA O COMPRA I NUMERI ARRETRATI DELLA RIVISTA
HomePage Contatta PB Il gruppo di Progetto Babele su Facebook Seguici su Youtube Linkedin
TeleScrivente:    Black Window: al via la seconda edizione! (24/06/2019)    Anobii lascia Mondadori (30/05/2019)    I libri di PB, saldi di fine stagione (28/12/2018)    Nasce FIAMMIFERI, la nuova collana della casa editrice Pagine d’Arte (08/11/2018)    Concorso Letterario Nazionale di Ostia “500 PAROLE”: annunciati i 18 finalisti (27/09/2018)    [20/08/2019] 7 concorsi letterari in scadenza nei prossimi quattordici giorni    Premio Rocca Flea scadenza 2019-08-27    ASTOLFO SULLA LUNA | Le Cose Perdute scadenza 2019-08-30    “Ut pictura poesis” Città di Firenze scadenza 2019-08-30     Giallo Festival 2019 scadenza 2019-08-31    MittAffett allo Scrittore, Arum Apulum 2019 - con il Patrocinio del Parlamento Europeo scadenza 2019-08-31    500 Parole scadenza 2019-08-31    500 Parole scadenza 2019-08-31    EVENTI, PRESENTAZIONI, CORSI, SEMINARI, FIERE E SPETTACOLI    Festival Letterario CartaCarbone “Autobiografia e dintorni” - Sesta Edizione (NOSCELTA 2019-10-13)    AUDIOLIBRI     La porta di Cesarina Bo letto da Alberto Morella (Realizzato da Riccardo Cerutti)     La Strega di Marco R. Capelli letto da C. Fratarcangeli e S.Ferrara     Quella casa sulla collina di Marcello Caccialanza letto da Alberto Sannazzaro     Fino alla fine dell`alba di Matteo Bertone letto da Samuele Arena     Carrozza n.6 di Matteo Bertone letto da Samuele Arena    RECENSIONI    I Figli di Dio di Glen Cooper    La cripta dei teschi forati di Luigi Tortora    Il Barone di Giuseppe Antonio Martino    Il Barone di Giuseppe Antonio Martino     Fossi in te io insisterei di Carlo Giuseppe Gabardini    Il Parere di PB     Cambi di prospettive di Ilaria Ferramosca     Express Tramway di Vittorio Baccelli     Promesse da marinaio di Daniele Filzi    Il lungo viaggio di Chaetodon Vagabundus di Francesco Sciortino    I buoni ed i cattivi frutti di Francesca Ricci    Articoli e saggi     Lorenzo Calogero, il “folle” medico-poeta di Melicuccà     Congiunzione e disgiunzione in Eugenio Montale     Ernest Hemingway e le Isole Borromee     Lingua e poesia nelle opere di Nino De Vita     Jack London (1876-1916), ovvero il mare sfidato    Racconti     La grande e inanerrabile riunione gastronomica di Piero Gurgo salice     La donna dimenticata di Mara Sansonetti     L'abulico di Bruno Corino     La campanella di Pasquale Francia     L'Alhambra di Marco Pinnavaia    Biografie     Svevo, Italo (1861-1928)     Deledda,Grazia (1871-1936)     Némirovsky,Irene (1903-1942)     Walsh, Rodolfo (1927-1977)     Sturluson, Snorri (1176-1241)    Traduzioni     Der Panther / La Pantera di Rainer Maria Rilke trad. di Paolo Esposito     Maternità trad. di Maria giovanna Varasano     Il silenzio del mare trad. di Nicoletta Isola     Strana contrada trad. di Nicoletta Isola     L'oscurità amica trad. di Nicoletta Isola    Poesie     Francesco di Eva Rando     Occhi di Luna di Elisabetta Santirocchi     Assenzio di Sandro Lillo Spallino     Poesie Nuove (silloge) di Alberto Accorsi     Istantanea di Natascia Secchi    Cinema     Forbidden Voices - How to start a revolution with a laptop (Svizzera 2012) regia di Barbara Miller     The Blind Side (USA - con Sandra Bullock: Leigh Anne Tuohy Tim McGraw: Sean Tuohy Quinton Aaron: Michael Oher Jae Head: S.J. Tuohy Kathy Bates: Miss Sue 2010) regia di John Lee Hancock     Becoming Jane (Con Anne Hathaway, James McAvoy, Julie Walters, Maggie Smith, James Cromwell 2007) regia di Julian Jarrold    Musica     Scimpanzè (2015) - Loris Dalì     FIN (2014) - - Thomas -     Chimera (2014) - Ottodix    
Email
PSWD
AddsZone
Save the Children Italia Onlus
Bookshop
La Rivista
Copertina
Scarica gratuitamente
l'ultimo numero della rivista
Cart ARRETRATI
BookShop
PB Interactive
>>Stazione di servizio
Consigli & indirizzi per aspiranti scrittori
>>Telescrivente
Le NEWS di PB - quasi un Blog
>>L'angolo di Simone
Dedicato ai più piccoli
>>Piccolo spazio pubblicità
Le vostre inserzioni su PB
PB consiglia
Concorsi e premi letterari
26 concorsi in archivio
Eventi Mostre Presentazioni Spettacoli
1 eventi in archivio
Novità in libreria
NOVITA' IN LIBRERIA
6 novità in archivio
Assaggi
Le Recensioni
     

Il cielo tra le dita
di Carmen Di Maria
Pubblicato su SITO


Anno 2008 - Aracne
Prezzo € 8,00 - 112 pp.
ISBN 9788854815391

Una recensione di Licia Ambu
VOTA QUESTO TESTO
Insufficiente Sufficiente Discreto Buono Ottimo

Votanti: 11733
Media 79.79 %



cielo tra le dita;Il

Tutto ha inizio con il subbuglio del quindici luglio. Il giorno prima del compleanno. Quella sorta di fase mistica interiore, che scombina i piani tra messa a punto, valutazione complessiva e coabitazione con noi stessi. Da qui in poi è discesa. Un pamphlet creativo letterario in cui l'autrice mette tutta sé stessa, apre il suo mondo, rende la sua visione delle cose. Ogni argomento trattato non è oggetto buttato in pasto alla curiosità famelica di chi vive nell'altrui vicenda, ma una riflessione profonda, ancor più densa e intensa in quanto fatta sulla propria pelle. Carmen è in grado di vagliare i più svariati argomenti ed universi semantici con una naturalezza e una profondità per cui accostare, in limitrofe righe, cellulite e scrittura, non è sacrilego, al contrario divertente. Genesi della possibilità di riconoscere che anche le manovre più creative, il lato più libero di vivere che possediamo, può star nella vita insieme a tutto ciò che di più terreno ci sia intorno. Oltre, naturalmente, all'ammirevole capacità di mettersi a nudo. Non si tratta solo di scrivere, ma di mettersi in gioco, di scoprirsi, di farsi leggere, di regalarsi. Con tutti i rischi che ciò comporta. Una dose di coraggio occorre sempre, per far le cose, qualsiasi esse siano, in modo viscerale: "è un po' come vendere l'anima, se non al diavolo, alle masse scatenate che potranno farci sopra di tutto, dal piangere al ridere, allo sputarci".

A pagina sette scopri che ha già indossato la sua personalità per mille strade, cercando quella giusta. Tra penna, teatro, libri e racconti.  Il suo destino affamato d'inchiostro vuole raccontarci qualcosa e lo fa prima di tutto partendo da cosa non sarà, da cosa non è stata e da cosa, soprattutto, non è. E mentre lo fa, spoglia meccanismi sociali in un modo spiazzante, chiaro. Con naturalezza. Dal femminismo al mobbing, al pianto sociale, per spaccati periferici del sud, che si vogliono sempre insanguinati o devastanti. La denunciata incapacità di rigore al pettegolezzo, la devozione alla misura scientifica delle cose: lode al dosaggio sensoriale in cucina, lode allo spiccato senso di moda votato al proprio unico e personale gusto. Lei è sé stessa, riesce in alcune cose più che in altre, ma non alla maniera di, è istintiva, dedita all'ascolto delle persone, del corpo, della natura, della vita. Forse lo scrittore, nella sua funzione, è qui, in questo nucleo, il saper essere ricettivo di stimoli, dovunque e comunque arrivino. Ogni traccia di vita è possibile di mille declinazioni e non passibile di altre. Quel che accade in qualche modo è veicolo e va approfondito, vissuto, sentito, metabolizzato da ogni organo. Lei mette il marchio su quel che oltrepassa con sano egocentrismo: " Fatelo. Fate tutto quello che desiderate profondamente fare[...]è il desiderio a renderci capaci, quando si unisce alla volontà e ne arma la mano. Almeno avrete provato."

Il suo personale vissuto è quel cielo tra le dita che quando provi a chiuderlo non ti riesce o non ti va. Senza ostica prepotenza, s'infila in discorsi di spessore enorme, esponendo il suo punto di vista. Senza addentrarsi nel merito delle sue considerazioni, condivisibili o meno le si ritenga, il plauso va al fatto che abbia idee precise, che conduca in qualche modo la sua esperienza in costruttive analisi. Un forte elemento d'indipendenza giocato su ogni fronte. E la critica feroce, che forse può essere miccia di rabbia per qualche paladina di femminilità, si rivela altro, si rivela opinione proprio di chi quegli stessi valori vuole difenderli con saggezza, giustizia e determinazione. Donna oggetto in testa... Sperimentatrice e ricercatrice, dovizia da antropologa. Senza peli sulla lingua, sfacciatamente onesta e libera. La vita c'è, ce la ritroviamo, in qualche modo, soffiata addosso, tanto vale viverla al meglio. Tutto spiegato con un sostrato filosofico, mentale, disponibile, con qualche stacco integrativo di inserti pratici: bucce di papaia, lap dance per pavimenti, dalla conserva terapeutica, all'esercizio psico-fisico, attraverso una disamina venata di analisi sociologica. Fino alla dissacrante e quanto mai verosimile disamina del benavente e meno benestante Signor Rossi, immortalato nel suo ruolo di androide immolato al miracolo della tempistica sociale nell'aderire a tutte, ma proprio tutte, le aspettative da uomo di successo. (Tracollo personale a parte ovviamente). E la storia del successo, semmai si avessero dubbi, te la liquida in due righe a pagina 51: declinazione delle proprie doti in modo funzionale e non gratuita, a scopo illustrativo. Un puzzle, contaminazione valoriale e argomentativa di quel che si ha dentro. Siamo disseminati in argomenti, circostanze, ricordi, persone, ma siamo noi, parti di noi da ricongiungere. Quel che più ho amato è la rappresentazione di quel mondo interiore sterminato che alcuni soggetti hanno come sorgente sempiterna e attiva. Forse, viene da chiedersi, la comunicazione più interdetta appare essere quella con noi stessi:

"Si è fatto tardi e non me n'ero accorta. Grazie a Dio, potrei aggiungere. Ricordo come, quando e perché ho cominciato questo scritto. Per lo stesso motivo di sempre, un gioco di coincidenze nutrito a rabbia, frustrazione e qualcos'altro che ogni volta mi fa guardare alla penna come alla chiave di casa mia. [...]Adoro questo strano gioco proprio per quel che è: uno strano pazzesco gioco che mi diverte da morire e mi affascina. Non è la mia vita, ma qualcosa che ne fa parte. Niente potrà mai rappresentare la mia vita poiché essa è rappresentata da tutto.

Siamo umani, istintuali, emotivi, carnali:

"siamo sempre in viaggio, anche quando crediamo di essere fermi, di non sapere più dove andare, perfino quando siamo certi di aver trovato la nostra dimora, con essa continuiamo a viaggiare".

Siamo.


Una recensione di Licia Ambu






Recensioni ed articoli relativi a Carmen Di Maria

(1) Il cielo tra le dita di Carmen Di Maria - RECENSIONE

Testi di Carmen Di Maria pubblicati su Progetto Babele

Nessun record trovato

Altre recensioni di Licia Ambu

(1) Immagini e poesie nei cantautori contemporanei di Paolo Talanca- Il Parere di PB
(2) Colonne D’Ercole di A.A.V.V. a cura di Jadel Andreetto- Il Parere di PB
(3) Il lavoro logora chi ce l’ha di Raffaello Ferrante- Il Parere di PB
(4) Il terrazzo dei nanetti Extended version di Stefano Medici- Il Parere di PB


 

Altre recensioni:






-

dal 2009-05-11
VISITE: 18320


© Copyright Note: Tutto il materiale qui pubblicato è proprietà intellettuale degli autori.
Come tale non può essere riprodotto, tutto o in parte, senza preventivo consenso degli autori stessi.