Progetto Babele Rivista Letteraria
© 2002 - Progetto Babele Rivista Letteraria - fondata da Marco R. Capelli
Audiolibri BookShop SCARICA O COMPRA I NUMERI ARRETRATI DELLA RIVISTA
HomePage Contatta PB Il gruppo di Progetto Babele su Facebook Seguici su Youtube Linkedin
TeleScrivente:    SOSTENETE “ILCORSARONERO” RINNOVANDO L’ABBONAMENTO (07/09/2019)    Eugraphia seleziona opere per ragazzi (da sei a quindici anni) (05/09/2019)    Black Window: al via la seconda edizione! (24/06/2019)    Anobii lascia Mondadori (30/05/2019)    I libri di PB, saldi di fine stagione (28/12/2018)    [22/11/2019] 4 concorsi letterari in scadenza nei prossimi quattordici giorni    PREMIO NABOKOV scadenza 2019-11-30    Residenze Gregoriane 2019 scadenza 2019-11-30    Premio Poesia dell'Anno” (2019) scadenza 2019-11-30    Ironicomico2 scadenza 2019-12-06    EVENTI, PRESENTAZIONI, CORSI, SEMINARI, FIERE E SPETTACOLI    AUDIOLIBRI     La porta di Cesarina Bo letto da Alberto Morella (Realizzato da Riccardo Cerutti)     La Strega di Marco R. Capelli letto da C. Fratarcangeli e S.Ferrara     Quella casa sulla collina di Marcello Caccialanza letto da Alberto Sannazzaro     Fino alla fine dell`alba di Matteo Bertone letto da Samuele Arena     Carrozza n.6 di Matteo Bertone letto da Samuele Arena    RECENSIONI    I Figli di Dio di Glen Cooper    La cripta dei teschi forati di Luigi Tortora    Il Barone di Giuseppe Antonio Martino    Il Barone di Giuseppe Antonio Martino     Fossi in te io insisterei di Carlo Giuseppe Gabardini    Il Parere di PB     Cambi di prospettive di Ilaria Ferramosca     Express Tramway di Vittorio Baccelli     Promesse da marinaio di Daniele Filzi    Il lungo viaggio di Chaetodon Vagabundus di Francesco Sciortino    I buoni ed i cattivi frutti di Francesca Ricci    Articoli e saggi     Lorenzo Calogero, il “folle” medico-poeta di Melicuccà     Congiunzione e disgiunzione in Eugenio Montale     Ernest Hemingway e le Isole Borromee     Lingua e poesia nelle opere di Nino De Vita     Jack London (1876-1916), ovvero il mare sfidato    Racconti     Fonzo di Don pompeo Mongiello     Sembra avere un senso… di Carla Montuschi     Qualcosa è cambiato di Milos Fabbri     The Unknown Victim di John gerard Sapodilla     Identità riservata di Cinzia Baldini    Biografie     Svevo, Italo (1861-1928)     Deledda,Grazia (1871-1936)     Némirovsky,Irene (1903-1942)     Walsh, Rodolfo (1927-1977)     Sturluson, Snorri (1176-1241)    Traduzioni     Der Panther / La Pantera di Rainer Maria Rilke trad. di Paolo Esposito     Maternità trad. di Maria giovanna Varasano     Il silenzio del mare trad. di Nicoletta Isola     Strana contrada trad. di Nicoletta Isola     L'oscurità amica trad. di Nicoletta Isola    Poesie     Francesco di Eva Rando     Occhi di Luna di Elisabetta Santirocchi     Assenzio di Sandro Lillo Spallino     Poesie Nuove (silloge) di Alberto Accorsi     Istantanea di Natascia Secchi    Cinema     Forbidden Voices - How to start a revolution with a laptop (Svizzera 2012) regia di Barbara Miller     The Blind Side (USA - con Sandra Bullock: Leigh Anne Tuohy Tim McGraw: Sean Tuohy Quinton Aaron: Michael Oher Jae Head: S.J. Tuohy Kathy Bates: Miss Sue 2010) regia di John Lee Hancock     Becoming Jane (Con Anne Hathaway, James McAvoy, Julie Walters, Maggie Smith, James Cromwell 2007) regia di Julian Jarrold    Musica     Scimpanzè (2015) - Loris Dalì     FIN (2014) - - Thomas -     Chimera (2014) - Ottodix    
Email
PSWD
AddsZone
Save the Children Italia Onlus


Le Vendicatrici
La Rivista
Copertina
Scarica gratuitamente
l'ultimo numero della rivista
Cart ARRETRATI
BookShop
PB Interactive
>>Stazione di servizio
Consigli & indirizzi per aspiranti scrittori
>>Telescrivente
Le NEWS di PB - quasi un Blog
>>L'angolo di Simone
Dedicato ai più piccoli
>>Piccolo spazio pubblicità
Le vostre inserzioni su PB
PB consiglia
Concorsi e premi letterari
30 concorsi in archivio
Eventi Mostre Presentazioni Spettacoli
0 eventi in archivio
Novità in libreria
NOVITA' IN LIBRERIA
6 novità in archivio
Assaggi
Le Recensioni
     

Distruzione e conservazione. La tutela del patrimonio artistico durante la prima guerra mondiale.
di Giuseppe Talamo
Pubblicato su SITO


Anno 2007 - Istituto per la storia e il Risorgimento italiano
Prezzo € 7,50 - 54 pp.
ISBN N/A

Una recensione di Emanuela Ferrari
VOTA QUESTO TESTO
Insufficiente Sufficiente Discreto Buono Ottimo

Votanti: 7519
Media 79.05 %



Distruzione e conservazione. La tutela del patrimonio artistico durante la prima guerra mondiale.

ARTE E VITA: LA DIFESA DEL PATRIMONIO ARTISTICO ITALIAN0
La pubblicazione si apre con due interventi ed una raccolta di illustrazioni, ben 103, contenute nella parte conclusiva dell’opera. Il primo intervento di Paola Callegari, intitolato: La grande guerra e il patrimonio violato. Dagli archivi della Fototeca Nazionale, evidenzia le difficoltà incontrate, sia alla vigilia che durante la Prima Guerra mondiale, per mettere al sicuro il patrimonio artistico presente nella nostra penisola. La collaborazione tra autorità civili e militari è stata fondamentale per definire quanto ancora oggi possiamo ammirare nei luoghi di origine e nei musei. I puntuali rilevamenti fotografici sugli spostamenti e danneggiamenti delle varie opere artistiche, condotti dalle forze militari, ci permettono di documentare la gravità dell’evento bellico sul nostro territorio e di comprendere quanto è stato fatto per difendere “il passato di una nazione”. Inizialmente nel piano di protezione erano state coinvolte quelle aree territoriali più rischiose per la loro vicinanza a ferrovie, industrie, strade poi sono stati effettuati gli spostamenti da zone considerate “sicure”. Per i patrimoni artistici non mobili, come palazzi e monumenti pubblici, la protezione consisteva in rinforzi costituiti da sacchetti di sabbia, travi aggiuntive e impalcature varie. In questo momento storico così delicato la figura di Ugo Ojetti risulta provvidenziale. Le tre Soprintendenze: per l’Antichità, per l’Arte Medievale e Moderna, per i Monumenti, si affidano a questi per portare avanti una politica di raccordo tra esercito ed amministrazione. Al tempo era appunto membro del Consiglio Superiore delle Belle Arti, sottotenente del Genio inoltre scriveva nel Corriere della Sera in qualità di critico editoriale. Altri personaggi meritano un debito riconoscimento; si ricorda Corrado Ricci nella Direzione Generale delle Antichità e Belle Arti, fautore di un notevole contributo nell’ambito della tutela artistica, i cui contenuti ancora oggi risultano attuali e condivisi. Il monumento è un unicum che esprime la sua storia quindi è necessario - come scrive appunto Corrado Ricci nella prima circolare - che ritorni al suo luogo d’origine mentre il museo diventa la sua “sede” solo in casi particolari. In Arte e guerra: tutela e propaganda, a cura di Marco Pizzo, viene riportato il discorso di Ugo Ojetti pronunciato a Firenze nel 1917 sui danni che la guerra aveva arrecato al patrimonio artistico italiano. La memoria della nazione subisce delle gravi perdite. Arte e vita costituiscono un binomio inscindibile, infatti i monumenti sono “i testimoni di questo nostro passato” e “i contenitori” della nostra storia e tradizioni, ovvero “i cardini della nazione”. Si può intervenire adottando una strategia: la tutela. Questa si “muove” in due direzioni: documentazione e protezione. Nel primo caso è doveroso documentare, con minuzia, tutte le opere d’arte, sia quelle rimaste che quelle distrutte, poi cercare di “proteggere” le varie forme artistiche con supporti di ogni tipo idonei per tale compito. Insomma si deve attuare una tutela conservativa “a tutto tondo”. In tal senso la documentazione fotografica si presenta quale fonte preziosissima; attualmente conservata presso la Fototeca Nazionale e l’Archivio del Museo Centrale del Risorgimento a Roma. Si ringrazia Paolo Borselli, il quale nel 1915 scisse una circolare relativa alla necessità di una puntuale documentazione delle fasi del conflitto; non solo materiale cartaceo ma anche fotografico, oltre alle opere di numerosi artisti tra cui i pittori-soldato. In tal modo la conservazione diventa la testimonianza della grandezza di un patrimonio nazionale che ritrova nell’arte un bene che “supera” le frontiere nazionali per aprirsi al mondo della conoscenza condivisa. L’attenzione quindi necessita di una dimensione visiva, come aveva proposto anche Ugo Ojetti, poiché permette di raggiungere un pubblico maggiore composto anche da analfabeti e distratti. Nella parte finale della pubblicazione è stato inserito un catalogo con numerose fotografie, di cui molte anonime, che documentano le varie azioni di tutela preventiva e conservativa delle grandi opere artistiche del nostro paese. Ogni fotografia ha sigillato con uno scatto un “momento” vissuto sia dalle opere d’arte mobili che dalle costruzioni imponenti. Fonti - Giuseppe Talamo,Distruzione e conservazione. La tutela del patrimonio artistico durante la prima guerra mondiale, Istituto per la storia del Risorgimento e Fototeca nazionale, Roma - novembre 2006/aprile 2007


Una recensione di Emanuela Ferrari






Recensioni ed articoli relativi a Giuseppe Talamo

(1) Distruzione e conservazione. La tutela del patrimonio artistico durante la prima guerra mondiale. di Giuseppe Talamo - RECENSIONE

Testi di Giuseppe Talamo pubblicati su Progetto Babele

Nessun record trovato

Altre recensioni di Emanuela Ferrari

(1) Il generale De La Moriciére una vita per la causa pontificia di Massimo Coltrinari - RECENSIONE
(2) Liberarsi dai condizionamenti di Krishnamurti - RECENSIONE
(3) Io e te di Niccolò Ammaniti - RECENSIONE
(4) L' erede del templare di Jan Guillou - RECENSIONE
(5) Nuovi segni dei tempi di Camillo Ruini - RECENSIONE
(6) La solitudine dei numeri primi di Paolo Giordano - RECENSIONE


 

Altre recensioni:






-

dal 2009-11-28
VISITE: 9909


© Copyright Note: Tutto il materiale qui pubblicato è proprietà intellettuale degli autori.
Come tale non può essere riprodotto, tutto o in parte, senza preventivo consenso degli autori stessi.