Progetto Babele Rivista Letteraria
© 2002 - Progetto Babele Rivista Letteraria - fondata da Marco R. Capelli
Audiolibri BookShop SCARICA O COMPRA I NUMERI ARRETRATI DELLA RIVISTA
HomePage Contatta PB Il gruppo di Progetto Babele su Facebook Seguici su Youtube Linkedin
TeleScrivente:    SOSTENETE “ILCORSARONERO” RINNOVANDO L’ABBONAMENTO (07/09/2019)    Eugraphia seleziona opere per ragazzi (da sei a quindici anni) (05/09/2019)    Black Window: al via la seconda edizione! (24/06/2019)    Anobii lascia Mondadori (30/05/2019)    I libri di PB, saldi di fine stagione (28/12/2018)    [15/12/2019] 2 concorsi letterari in scadenza nei prossimi quattordici giorni    La diversità dell'Italia scadenza 2019-12-20    Concorso Letterario Tre Colori scadenza 2019-12-20    EVENTI, PRESENTAZIONI, CORSI, SEMINARI, FIERE E SPETTACOLI    AUDIOLIBRI     La porta di Cesarina Bo letto da Alberto Morella (Realizzato da Riccardo Cerutti)     La Strega di Marco R. Capelli letto da C. Fratarcangeli e S.Ferrara     Quella casa sulla collina di Marcello Caccialanza letto da Alberto Sannazzaro     Fino alla fine dell`alba di Matteo Bertone letto da Samuele Arena     Carrozza n.6 di Matteo Bertone letto da Samuele Arena    RECENSIONI    I Figli di Dio di Glen Cooper    La cripta dei teschi forati di Luigi Tortora    Il Barone di Giuseppe Antonio Martino    Il Barone di Giuseppe Antonio Martino     Fossi in te io insisterei di Carlo Giuseppe Gabardini    Il Parere di PB     Cambi di prospettive di Ilaria Ferramosca     Express Tramway di Vittorio Baccelli     Promesse da marinaio di Daniele Filzi    Il lungo viaggio di Chaetodon Vagabundus di Francesco Sciortino    I buoni ed i cattivi frutti di Francesca Ricci    Articoli e saggi     Lorenzo Calogero, il “folle” medico-poeta di Melicuccà     Congiunzione e disgiunzione in Eugenio Montale     Ernest Hemingway e le Isole Borromee     Lingua e poesia nelle opere di Nino De Vita     Jack London (1876-1916), ovvero il mare sfidato    Racconti     Fonzo di Don pompeo Mongiello     Sembra avere un senso… di Carla Montuschi     Qualcosa è cambiato di Milos Fabbri     The Unknown Victim di John gerard Sapodilla     Identità riservata di Cinzia Baldini    Biografie     Svevo, Italo (1861-1928)     Deledda,Grazia (1871-1936)     Némirovsky,Irene (1903-1942)     Walsh, Rodolfo (1927-1977)     Sturluson, Snorri (1176-1241)    Traduzioni     Der Panther / La Pantera di Rainer Maria Rilke trad. di Paolo Esposito     Maternità trad. di Maria giovanna Varasano     Il silenzio del mare trad. di Nicoletta Isola     Strana contrada trad. di Nicoletta Isola     L'oscurità amica trad. di Nicoletta Isola    Poesie     Francesco di Eva Rando     Occhi di Luna di Elisabetta Santirocchi     Assenzio di Sandro Lillo Spallino     Poesie Nuove (silloge) di Alberto Accorsi     Istantanea di Natascia Secchi    Cinema     Forbidden Voices - How to start a revolution with a laptop (Svizzera 2012) regia di Barbara Miller     The Blind Side (USA - con Sandra Bullock: Leigh Anne Tuohy Tim McGraw: Sean Tuohy Quinton Aaron: Michael Oher Jae Head: S.J. Tuohy Kathy Bates: Miss Sue 2010) regia di John Lee Hancock     Becoming Jane (Con Anne Hathaway, James McAvoy, Julie Walters, Maggie Smith, James Cromwell 2007) regia di Julian Jarrold    Musica     Scimpanzè (2015) - Loris Dalì     FIN (2014) - - Thomas -     Chimera (2014) - Ottodix    
Email
PSWD
AddsZone
Save the Children Italia Onlus
Facebook
La Rivista
Copertina
Scarica gratuitamente
l'ultimo numero della rivista
Cart ARRETRATI
BookShop
PB Interactive
>>Stazione di servizio
Consigli & indirizzi per aspiranti scrittori
>>Telescrivente
Le NEWS di PB - quasi un Blog
>>L'angolo di Simone
Dedicato ai più piccoli
>>Piccolo spazio pubblicità
Le vostre inserzioni su PB
PB consiglia
Concorsi e premi letterari
28 concorsi in archivio
Eventi Mostre Presentazioni Spettacoli
0 eventi in archivio
Novità in libreria
NOVITA' IN LIBRERIA
6 novità in archivio
Assaggi
Le Recensioni
     

La mia Landau (ed altre storie)
di Giuseppe Butera
Pubblicato su SITO


Anno 2008 - Edizioni Simple
Prezzo € 9 - 120 pp.
ISBN n/a

Una recensione di Alfio Petrini
VOTA QUESTO TESTO
Insufficiente Sufficiente Discreto Buono Ottimo

Votanti: 14963
Media 79.64 %



mia Landau (ed altre storie);La

(...) Alla fine del libro di Sorrentino, che si è sciolto tra le mani per precaria rilegatura, mi chiedo se la stessa sorte toccherà al volumetto di Giuseppe Bufera (un agrigentino che vive in Brasile), imponendomi una ulteriore pratica ricompositiva. Il presentimento si avvera e anche La mia Landau finisce in pezzi di carta come finisce in pezzi di vetro la bolla alla fine dell’opera. E’ un progetto segreto dell’editore che ha voluto stampare opere “usa e getta”, oppure il fatto assume qualche significato simbolico che non riesco al momento ad afferrare? Dopo aver raccolto le pagine che un soffio di vento ha sparpagliato nel patio, armeggio pazientemente per rimetterle nell’ordine prestabilito, anche se sono tentato a fare uno scherzo all’autore assemblando i fogli alla rinfusa e scrivendo la recensione sulla base dei contenuti scaturiti dall’occasionale montaggio.

La mia Landau non ha niente a che vedere con il realismo magico che caratterizza i racconti di Sorrentino e non mi sembra neppure che l’opera possa essere ricompresa nel genere fantastico. Si tratta a mio avviso di un’opera letteraria a base realistica, lievitata da una ben calibrata dose di ironia e di felice fantasia ri-creativa. Una ironia che salva l’autore dalla vita (forse) e l’opera dalla falsa letteratura (di certo). Il vero carburante che fa muovere la stupefacente “balenottera” azzurra è la voglia di viaggiare e di divertirsi del protagonista in cui l’autore si identifica, passando da una donna all’altra, da una avventura più o meno rischiosa all’altra, attraverso l’assunzione di un comportamento apparentemente disimpegnato come se non avesse niente d’importante da raccontare. In tal senso il comportamento di Bufera è opposto a quello di Sorrentino, che invece ha la tendenza a dire molto, forse troppo. La scrittura di Bufera è un flusso di parole combinate con sapienza secondo una strategia non sapienziale. E’ ricca di odori, colori, immagini e suoni significativi, che si fanno percepire, vedere e ascoltare più che leggere. Sì, la letteratura di Bufera è una letteratura della visione e dell’ascolto, più che della lettura.

E’ significativo che l’autore alla fine ci dica – anche se con maliziosa compiacenza - di aver raccontato “un mucchio di fandonie”. Noi sappiamo che spesso le fandonie sono più vere della realtà e che la verità sta radicata nella falsità dell’arte. Il racconto che ha per protagonista la stupefacente Landau azzurra non è suffragato dal ricordo e dalla nostalgia del passato, tant’è vero che Butera - come il gattone del racconto di Borges El Sur - vive nella “eternità del presente”. Il racconto è memoria sottoposta a dimenticanza, e dunque ri-creata, ri-generata in forma nuova. E’ esercizio di pensiero, essendo il pensiero non il pensiero della esistenza, ma “l’esistenza stessa”. E’ sogno in altre parole, pratica di vita come sogno.

E allora che resta? Restano le tracce di un viaggio a bordo di una Landau “forte e solenne”, attraverso l’Argentina, il Paraguay, la foresta amazzonica, e poi “lungo la rotta tracciata dall’imponderabile leggerezza della memoria” che si fa sogno attraverso i “paradisiaci Yungas”, la miniera di Chojlla, il Titikaka che “giace azzurro terso orizzontale, fra le braccia di colline lunghe calve grigie stanche di essere sempre le stesse”. E poi, ancora, attraverso Parigi, Bruxelles, Brema, Colonia, e finalmente attraverso gli Appennini, e poi attraverso le Madonìe per costeggiare l’Etna, per sfilare a Catania in via Rapisardi con la Landau fantasmagorica, - come avevano fatto gli emigrati provenienti dal Venezuela con i loro simboli di potere e di successo -, e per arrivare infine ad Agrigento, che fu sua, che “fu Girgenti a Pirandello, Keskent ai mansueti arabi ancestrali, Agrigentum ai Romani campagnoli, Akragas ai romantici greci”. Ma per fare cosa? Per sostare davanti al vecchio bar Gambrinus, per chiedere una brioscia di granita e per vedere un disgraziatissimo barman che fa cadere “l’unica burnia esistente”. In quel preciso momento il protagonista di quel lungo viaggio “si volge fanciullo”, e “la boccia di vetro assurge a simbolo”. Quella bolla di cristallo era piena di sogni e di desideri, “degli odori e sospiri e amori di una intera vita”, e ora è ridotta in mille pezzi. Nella “immobilità dell’istante” il viaggiatore cede la sua Landau azzurra “in cambio di quel pugno di vetri rotti”.

E ora cosa resta? Il gesto dell’autore, viaggiatore ed esule, che butta “i cocci di vetro nella pattumiera” e continua a vivere nel fluire del tempo presente come il gattone di Dahlmann.


Una recensione di Alfio Petrini






Recensioni ed articoli relativi a Giuseppe Butera

(1) La mia Landau (ed altre storie) di Giuseppe Butera - RECENSIONE

Testi di Giuseppe Butera pubblicati su Progetto Babele

(1) De Andrade, Carlos Drummond di Giuseppe Butera - BIOGRAFIA
(2) De Campos, Haroldo di Giuseppe Butera - BIOGRAFIA
(3) Braga, Rubem di Giuseppe Butera - BIOGRAFIA
(4) Verrà l'alba e avrà il suono di una radiosveglia di Patricia Wolf - RECENSIONE
(5) Il centauro e le amazzoni di Giuseppe Butera - RACCONTO
(6) Un viaggio in Landau di Giuseppe Butera - RACCONTO
(7) Pamina e Tamino di Giuseppe Butera - RACCONTO
(8) Giovanna e la Ferrari di Giuseppe Butera - RACCONTO
(9) Un tocco di classe di Giuseppe Butera - RACCONTO
(10) Il fischio di Giuseppe Butera - RACCONTO
(11) Giovanna e gli swing di Giuseppe Butera - RACCONTO
(12) Nell'ora neutra del mattino di Giuseppe Butera - RACCONTO

Altre recensioni di Alfio Petrini

(1) Per colpa del dottor Moreau di Fernando Sorrentino - RECENSIONE


 

Altre recensioni:






-

dal 2010-05-07
VISITE: 22842


© Copyright Note: Tutto il materiale qui pubblicato è proprietà intellettuale degli autori.
Come tale non può essere riprodotto, tutto o in parte, senza preventivo consenso degli autori stessi.