Progetto Babele Rivista Letteraria
© 2002 - Progetto Babele Rivista Letteraria - fondata da Marco R. Capelli
Audiolibri BookShop SCARICA O COMPRA I NUMERI ARRETRATI DELLA RIVISTA
HomePage Contatta PB Il gruppo di Progetto Babele su Facebook Seguici su Youtube Linkedin
TeleScrivente:    SOSTENETE “ILCORSARONERO” RINNOVANDO L’ABBONAMENTO (07/09/2019)    Eugraphia seleziona opere per ragazzi (da sei a quindici anni) (05/09/2019)    Black Window: al via la seconda edizione! (24/06/2019)    Anobii lascia Mondadori (30/05/2019)    I libri di PB, saldi di fine stagione (28/12/2018)    [21/09/2019] 5 concorsi letterari in scadenza nei prossimi quattordici giorni    360 Autori per tutto l’anno scadenza 2019-09-21    Fiori d'Inverno scadenza 2019-09-28    Tema: “Lo scrittore Michele Malanca attraverso la sua ultima opera: Storia di Andrea Pagani e altri racconti” scadenza 2019-09-30    Mario Zanaria scadenza 2019-09-30    PREMIO LETTERARIO DAUNIA&SANNIO scadenza 2019-09-30    EVENTI, PRESENTAZIONI, CORSI, SEMINARI, FIERE E SPETTACOLI    CartaCarbone Festival Letterario Autobiografia e dintorni 2019 | Presentazione della sesa edizione - Treviso, Sabato 21 Settembre 2019, ore 11, Chiesa di San Teonisto (FESTIVAL LETTERARIO 2019-09-21)    PAT - Percorsi di Avvicinamento al Teatro - II edizione - 6 incontri, tutti gratuiti (Roma) (NOSCELTA 2019-09-26)    Festival Letterario CartaCarbone “Autobiografia e dintorni” - Sesta Edizione (NOSCELTA 2019-10-13)    AUDIOLIBRI     La porta di Cesarina Bo letto da Alberto Morella (Realizzato da Riccardo Cerutti)     La Strega di Marco R. Capelli letto da C. Fratarcangeli e S.Ferrara     Quella casa sulla collina di Marcello Caccialanza letto da Alberto Sannazzaro     Fino alla fine dell`alba di Matteo Bertone letto da Samuele Arena     Carrozza n.6 di Matteo Bertone letto da Samuele Arena    RECENSIONI    I Figli di Dio di Glen Cooper    La cripta dei teschi forati di Luigi Tortora    Il Barone di Giuseppe Antonio Martino    Il Barone di Giuseppe Antonio Martino     Fossi in te io insisterei di Carlo Giuseppe Gabardini    Il Parere di PB     Cambi di prospettive di Ilaria Ferramosca     Express Tramway di Vittorio Baccelli     Promesse da marinaio di Daniele Filzi    Il lungo viaggio di Chaetodon Vagabundus di Francesco Sciortino    I buoni ed i cattivi frutti di Francesca Ricci    Articoli e saggi     Lorenzo Calogero, il “folle” medico-poeta di Melicuccà     Congiunzione e disgiunzione in Eugenio Montale     Ernest Hemingway e le Isole Borromee     Lingua e poesia nelle opere di Nino De Vita     Jack London (1876-1916), ovvero il mare sfidato    Racconti     Identità riservata di Cinzia Baldini     Punti di vista di Gaia Borella     Come una madre di Maria cristina Piazza     Mio figlio e Bukowski di Massimo Martinelli     Un Brandello di storia di Alessio Salerno    Biografie     Svevo, Italo (1861-1928)     Deledda,Grazia (1871-1936)     Némirovsky,Irene (1903-1942)     Walsh, Rodolfo (1927-1977)     Sturluson, Snorri (1176-1241)    Traduzioni     Der Panther / La Pantera di Rainer Maria Rilke trad. di Paolo Esposito     Maternità trad. di Maria giovanna Varasano     Il silenzio del mare trad. di Nicoletta Isola     Strana contrada trad. di Nicoletta Isola     L'oscurità amica trad. di Nicoletta Isola    Poesie     Francesco di Eva Rando     Occhi di Luna di Elisabetta Santirocchi     Assenzio di Sandro Lillo Spallino     Poesie Nuove (silloge) di Alberto Accorsi     Istantanea di Natascia Secchi    Cinema     Forbidden Voices - How to start a revolution with a laptop (Svizzera 2012) regia di Barbara Miller     The Blind Side (USA - con Sandra Bullock: Leigh Anne Tuohy Tim McGraw: Sean Tuohy Quinton Aaron: Michael Oher Jae Head: S.J. Tuohy Kathy Bates: Miss Sue 2010) regia di John Lee Hancock     Becoming Jane (Con Anne Hathaway, James McAvoy, Julie Walters, Maggie Smith, James Cromwell 2007) regia di Julian Jarrold    Musica     Scimpanzè (2015) - Loris Dalì     FIN (2014) - - Thomas -     Chimera (2014) - Ottodix    
Email
PSWD
AddsZone
Save the Children Italia Onlus


Le Vendicatrici
La Rivista
Copertina
Scarica gratuitamente
l'ultimo numero della rivista
Cart ARRETRATI
BookShop
PB Interactive
>>Stazione di servizio
Consigli & indirizzi per aspiranti scrittori
>>Telescrivente
Le NEWS di PB - quasi un Blog
>>L'angolo di Simone
Dedicato ai più piccoli
>>Piccolo spazio pubblicità
Le vostre inserzioni su PB
PB consiglia
Concorsi e premi letterari
27 concorsi in archivio
Eventi Mostre Presentazioni Spettacoli
3 eventi in archivio
Novità in libreria
NOVITA' IN LIBRERIA
6 novità in archivio
Assaggi
Le Recensioni
     

Volpe bellissima. Liriche per Alda Merini
Anna Maria Bonfiglio
Pubblicato su SITO


Anno 2010 - L(’)abile traccia
Prezzo € n/a - 84 pp.
ISBN n/a

Una recensione di Pietro Pancamo
VOTA QUESTO TESTO
Insufficiente Sufficiente Discreto Buono Ottimo

Votanti: 15632
Media 79.77 %



Volpe bellissima. Liriche per Alda Merini

Curata dalla scrittrice Lorella De Bon per conto del portale culturale «L(’)abile traccia», Volpe bellissima. Liriche per Alda Merini è un’antologia elettronica di poeti vari, che presto diventerà cartacea.
Può essere scaricata gratuitamente dalla seconda tabella bianca dall’alto della pagina web http://www.labileabile-traccia.com/rivista_000000.htm e per introdurvela meglio ne pubblichiamo qui di seguito il saggio d’apertura, specificando subito che esso è stato composto quando la compianta Alda Merini era ancora in vita.


CARA ALDA, QUESTI SIAMO NOI...

-prefazione di Lorella De Bon-

Quest’antologia da me curata e dedicata interamente ad Alda Merini è seconda, in ordine di tempo, rispetto a quella uscita nel 2006 per i tipi dell’Associazione “Terre Sommerse” di Roma. Perché allora un’altra raccolta di poesie? Innanzitutto per una mia necessità, quasi un bisogno fisico di tributare la mia personale gratitudine a chi, attraverso le sue liriche, mi ispira e mi incoraggia a scrivere. Poi, per diffondere sempre di più la figura di una poetessa che, come tante altre figure letterarie femminili, non è conosciuta e soprattutto apprezzata come meriterebbe. Perché la cultura, e la poesia in particolare, è ancora preda di stereotipi duri a morire, che escludono la donna relegandola entro altri e ben più angusti confini chiamati pregiudizi.

Ma il Poeta non ha sesso, non conosce differenze di genere, non si autolimita. Perché allora tarpargli le ali? Come ha detto Alda Merini nell’intervista rilasciata in occasione della precedente antologia, “si nasce costituzionalmente poeti”, uomo o donna non fa differenza. L’importante è scrivere, ricercare la verità dentro noi stessi, scavare senza pietà tra le pieghe dell’anima e raggiungere il fondo del pozzo, per riemergere o soccombere. L’importante è scrivere, perché “il poeta opera civilmente, lavora per gli altri. Il poeta è felice quando sa che quello che scrive serve anche agli altri, questa è la forza che mi fa ancora scrivere”.

Stavolta siamo noi piccoli poeti a scrivere per te, cara Alda, che sei la nostra forza, la nostra musa ispiratrice. E siamo felici di regalarti i nostri versi, così che possano in qualche modo riscaldarti il cuore.

Cara Alda, questi siamo noi…

Liliana Arrigo – esalta l’immagine della donna, facendole oltrepassare stereotipi e luoghi comuni, decantandone la bellezza, l’intelligenza e la capacità d’accoglienza. E di se stessa ammette la vulnerabilità, i sogni e i segreti, l’orgoglio e il grande bisogno d’amore. La poesia di Liliana sonda l’anima femminile in tutte le sue molteplici sfaccettature, e lo fa con discrezione, con una sorta di timidezza, a dire che la vera bellezza non ha bisogno di gesti eclatanti.

Alberto Barina – immagina un manicomio dove solo i poeti possono trovare ospitalità e rifugio, dove i versi scorrono senza timore di pregiudizi o indifferenza, al riparo dal silenzio cui la società costringe le menti libere. La poesia di Alberto, semplice e schietta, seppur venata di triste malinconia, è comunque votata alla speranza e all’amore.

Andrea Cambi – riflette, non senza amarezza, su se stesso e sulla propria esistenza, domandandosi se gli altri soffrano come lui, in una sorta di complicità universale che abbraccia passato, presente e futuro. La poesia di Andrea si nutre di un’introspezione acuta e a tratti spietata, che attinge sia ai ricordi che al presente, per dar voce a un’anima tormentata, in viaggio nel tempo.

Margot Croce – scava alle radici del sogno, là dove il dolore e l’assenza costituiscono una fonte inesauribile di ispirazione artistica, là dove la Poesia, seppure imbellettata, è voce sincera di un’anima sanguinante. La poesia di Margot non teme la verità, né il dolore, anzi li affronta di petto, traducendoli in versi pieni di pathos rivolti a chi, forse, non vuole o non sa ascoltare.

Maria Stella Filippini – osserva attenta il mondo, sensibile ai particolari, ai contorni e ai gesti, talvolta alla cattiveria altrui, ma decisa a stare ferma sui propri passi, aggrappata alle proprie convinzioni. L’osservazione e l’immobilità sono per lei sinonimo di libertà, di un macrocosmo per pochi eletti. La poesia di Maria Stella è colta, raffinata, ricca di metafore e immagini tratte dal mondo naturale.

Vittorio Fioravanti – utilizza immagini di distruzione per parlare, invece, di speranza e di fede, come se l’attesa potesse portare a una svolta, a una trasformazione nella vita dell’uomo. La poesia di Vittorio, decisamente raffinata e dalla profonda musicalità dei versi, si arricchisce di atmosfere magiche grazie all’utilizzo degli aggettivi, prepotente e mai a sproposito.

Silvana Fiori – chiede scusa se scrive di sé, domandandosi al contempo a chi affidare la propria anima imperfetta e spesso scomoda. Ma di fronte al dolore che il tempo non lenisce, c’è sempre una nuova primavera a rasserenare la mente e il corpo, a colorare l’angusto parco che circonda il manicomio. La poesia di Silvana è essenziale e molto attenta ai particolari, quasi una ricerca maniacale di ciò che, seppur nascosto, racchiude in sé una ricchezza inestimabile.

Fabio Franzin – il suo è un ritorno alle origini della parola e dell’uomo, al tempo degli istinti e delle brutalità a detrimento anche del genere femminile. Il suo è un interrogarsi sulle motivazioni della violenza contemporanea, sempre in agguato dietro pareti di convenzioni e perbenismo. La poesia di Fabio è presa d’atto delle distorsioni della società, spietata denuncia delle ingiustizie perpetrate a danno dei più deboli.

Sara Grosoli – si appella alla madre quale unica figura salvifica dal Male, dall’indifferenza che troppo spesso annebbia la vista dell’uomo, facendolo precipitare in un abisso senza fondo. La poesia di Sara è di raffinata bellezza, definita con cura quasi maniacale e con un’estrema ricercatezza di termini e immagini, talora a discapito dell’immediatezza del messaggio.

Ardea Montebelli – partendo da alcune citazioni dall’Ecclesiaste, affronta il tema del Bene e del Male in versi brevi, carichi di significato, quasi a dire che il senso stesso della vita risiede nelle piccole cose, troppo spesso dimenticate. La poesia di Ardea si nutre di sapienza antica e di fede, riproponendo con un linguaggio moderno e immediato temi dal valore universale.

Alessandro Monticelli – affronta il tema dell’amore che, giorno dopo giorno, si trasforma in silenzio e indifferenza, un amore forse scontato, sottovalutato, ma che pulsa appena più giù della pelle, pronto a scattare fuori dal corpo con veemenza. La poesia di Alessandro è pacata, soffusa, una presa d’atto malinconica di ciò che, tra esseri umani, potrebbe essere e invece non è.

Francesco Scaffei – fa esplicito riferimento ai temi della pazzia e del manicomio, a tratti con sottile ironia, ma sempre con un sentimento di comprensione e tenerezza, che invece non riserva ai “savi ignoranti”, agli “pseudo tranquilli”. La poesia di Francesco, spietata nei termini, si colora di complicità e tenerezza nei confronti di chi, a suo dire, è libero davvero.

Sara Scialdoni – autrice dell’unico pezzo in prosa incluso nell’antologia, fa propri i temi cari ad Alda Merini, fagocitandoli con avidità e riproponendoli in maniera del tutto originale e sofferta, a dire che si può vivere a dispetto, anzi in virtù, del lutto e del tormento d’amore. La poesia di Sara è omaggio esplicito a colei che definisce “Beatrice” o “Laura”, nei confronti della quale esprime in versi un’affinità sorprendente.

 

CARA ALDA, QUESTI SIAMO NOI...

-prefazione di Lorella De Bon-

 

 

Quest’antologia da me curata e dedicata interamente ad Alda Merini è seconda, in ordine di tempo, rispetto a quella uscita nel 2006 per i tipi dell’Associazione “Terre Sommerse” di Roma. Perché allora un’altra raccolta di poesie? Innanzitutto per una mia necessità, quasi un bisogno fisico di tributare la mia personale gratitudine a chi, attraverso le sue liriche, mi ispira e mi incoraggia a scrivere. Poi, per diffondere sempre di più la figura di una poetessa che, come tante altre figure letterarie femminili, non è conosciuta e soprattutto apprezzata come meriterebbe. Perché la cultura, e la poesia in particolare, è ancora preda di stereotipi duri a morire, che escludono la donna relegandola entro altri e ben più angusti confini chiamati pregiudizi.

Ma il Poeta non ha sesso, non conosce differenze di genere, non si autolimita. Perché allora tarpargli le ali? Come ha detto Alda Merini nell’intervista rilasciata in occasione della precedente antologia, “si nasce costituzionalmente poeti”, uomo o donna non fa differenza. L’importante è scrivere, ricercare la verità dentro noi stessi, scavare senza pietà tra le pieghe dell’anima e raggiungere il fondo del pozzo, per riemergere o soccombere. L’importante è scrivere, perché “il poeta opera civilmente, lavora per gli altri. Il poeta è felice quando sa che quello che scrive serve anche agli altri, questa è la forza che mi fa ancora scrivere”.

 

Stavolta siamo noi piccoli poeti a scrivere per te, cara Alda, che sei la nostra forza, la nostra musa ispiratrice. E siamo felici di regalarti i nostri versi, così che possano in qualche modo riscaldarti il cuore.

 

Cara Alda, questi siamo noi…

 

Liliana Arrigo – esalta l’immagine della donna, facendole oltrepassare stereotipi e luoghi comuni, decantandone la bellezza, l’intelligenza e la capacità d’accoglienza. E di se stessa ammette la vulnerabilità, i sogni e i segreti, l’orgoglio e il grande bisogno d’amore. La poesia di Liliana sonda l’anima femminile in tutte le sue molteplici sfaccettature, e lo fa con discrezione, con una sorta di timidezza, a dire che la vera bellezza non ha bisogno di gesti eclatanti.

 

Alberto Barina – immagina un manicomio dove solo i poeti possono trovare ospitalità e rifugio, dove i versi scorrono senza timore di pregiudizi o indifferenza, al riparo dal silenzio cui la società costringe le menti libere. La poesia di Alberto, semplice e schietta, seppur venata di triste malinconia, è comunque votata alla speranza e all’amore.

 

Andrea Cambi – riflette, non senza amarezza, su se stesso e sulla propria esistenza, domandandosi se gli altri soffrano come lui, in una sorta di complicità universale che abbraccia passato, presente e futuro. La poesia di Andrea si nutre di un’introspezione acuta e a tratti spietata, che attinge sia ai ricordi che al presente, per dar voce a un’anima tormentata, in viaggio nel tempo.

 

Margot Croce – scava alle radici del sogno, là dove il dolore e l’assenza costituiscono una fonte inesauribile di ispirazione artistica, là dove la Poesia, seppure imbellettata, è voce sincera di un’anima sanguinante. La poesia di Margot non teme la verità, né il dolore, anzi li affronta di petto, traducendoli in versi pieni di pathos rivolti a chi, forse, non vuole o non sa ascoltare.

 

Maria Stella Filippini – osserva attenta il mondo, sensibile ai particolari, ai contorni e ai gesti, talvolta alla cattiveria altrui, ma decisa a stare ferma sui propri passi, aggrappata alle proprie convinzioni. L’osservazione e l’immobilità sono per lei sinonimo di libertà, di un macrocosmo per pochi eletti. La poesia di Maria Stella è colta, raffinata, ricca di metafore e immagini tratte dal mondo naturale.

 

Vittorio Fioravanti – utilizza immagini di distruzione per parlare, invece, di speranza e di fede, come se l’attesa potesse portare a una svolta, a una trasformazione nella vita dell’uomo. La poesia di Vittorio, decisamente raffinata e dalla profonda musicalità dei versi, si arricchisce di atmosfere magiche grazie all’utilizzo degli aggettivi, prepotente e mai a sproposito.

 

Silvana Fiori – chiede scusa se scrive di sé, domandandosi al contempo a chi affidare la propria anima imperfetta e spesso scomoda. Ma di fronte al dolore che il tempo non lenisce, c’è sempre una nuova primavera a rasserenare la mente e il corpo, a colorare l’angusto parco che circonda il manicomio. La poesia di Silvana è essenziale e molto attenta ai particolari, quasi una ricerca maniacale di ciò che, seppur nascosto, racchiude in sé una ricchezza inestimabile.

 

Fabio Franzin – il suo è un ritorno alle origini della parola e dell’uomo, al tempo degli istinti e delle brutalità a detrimento anche del genere femminile. Il suo è un interrogarsi sulle motivazioni della violenza contemporanea, sempre in agguato dietro pareti di convenzioni e perbenismo. La poesia di Fabio è presa d’atto delle distorsioni della società, spietata denuncia delle ingiustizie perpetrate a danno dei più deboli.

 

Sara Grosoli – si appella alla madre quale unica figura salvifica dal Male, dall’indifferenza che troppo spesso annebbia la vista dell’uomo, facendolo precipitare in un abisso senza fondo. La poesia di Sara è di raffinata bellezza, definita con cura quasi maniacale e con un’estrema ricercatezza di termini e immagini, talora a discapito dell’immediatezza del messaggio.

 

Ardea Montebelli – partendo da alcune citazioni dall’Ecclesiaste, affronta il tema del Bene e del Male in versi brevi, carichi di significato, quasi a dire che il senso stesso della vita risiede nelle piccole cose, troppo spesso dimenticate. La poesia di Ardea si nutre di sapienza antica e di fede, riproponendo con un linguaggio moderno e immediato temi dal valore universale.

 

Alessandro Monticelli – affronta il tema dell’amore che, giorno dopo giorno, si trasforma in silenzio e indifferenza, un amore forse scontato, sottovalutato, ma che pulsa appena più giù della pelle, pronto a scattare fuori dal corpo con veemenza. La poesia di Alessandro è pacata, soffusa, una presa d’atto malinconica di ciò che, tra esseri umani, potrebbe essere e invece non è.

 

Francesco Scaffei – fa esplicito riferimento ai temi della pazzia e del manicomio, a tratti con sottile ironia, ma sempre con un sentimento di comprensione e tenerezza, che invece non riserva ai “savi ignoranti”, agli “pseudo tranquilli”. La poesia di Francesco, spietata nei termini, si colora di complicità e tenerezza nei confronti di chi, a suo dire, è libero davvero.

 

Sara Scialdoni – autrice dell’unico pezzo in prosa incluso nell’antologia, fa propri i temi cari ad Alda Merini, fagocitandoli con avidità e riproponendoli in maniera del tutto originale e sofferta, a dire che si può vivere a dispetto, anzi in virtù, del lutto e del tormento d’amore. La poesia di Sara è omaggio esplicito a colei che definisce “Beatrice” o “Laura”, nei confronti della quale esprime in versi un’affinità sorprendente.

 

Lorella De Bon


Una recensione di Pietro Pancamo






Recensioni ed articoli relativi a Lorella De Bon

(1) Delitti & Diletti di Patrizio Pacioni e Lorella De Bon - RECENSIONE
(2) Volpe bellissima. Liriche per Alda Merini di a cura di Lorella De Bon - RECENSIONE

Testi di Lorella De Bon pubblicati su Progetto Babele

(1) FLUO. Storie di giovani a Riccione di Isabella Santacroce - RECENSIONE

Altre recensioni di Pietro Pancamo

(1) In cerca di Alessandro Ramberti- Il Parere di PB
(2) Esodi di Roberto Dobran- Il Parere di PB
(3) D'amore e di morte di Enrico Pietrangeli- Il Parere di PB
(4) I germogli di Ground Zero di Michelangelo Cammarano- Il Parere di PB
(5) Philologia Pauli. Il corpo e le ceneri di Pasolini di Massimo Sannelli - RECENSIONE
(6) Testa e croce di Silvia Zoico - RECENSIONE
(7) Sussurri e sospiri. Biografie impossibili di Maurizio Piccirillo - RECENSIONE
(8) Scritture e modelli letterari di Renata Ballerio e Marisa Napoli - RECENSIONE


 

Altre recensioni:






-

dal 2010-05-11
VISITE: 28370


© Copyright Note: Tutto il materiale qui pubblicato è proprietà intellettuale degli autori.
Come tale non può essere riprodotto, tutto o in parte, senza preventivo consenso degli autori stessi.