© 2002 - Progetto Babele Rivista Letteraria - fondata da Marco R. Capelli
Il gruppo di Progetto Babele su Facebook
SCARICA GRATUITAMENTE LA RIVISTA IN FORMATO PDF ACQUISTA UNA COPIA STAMPATA DELLA RIVISTA SCARICA O COMPRA I NUMERI ARRETRATI DELLA RIVISTA
HomePage Contatta PB Contatta il WebMaster help&faq
 
 
 
 
Kindle logo

!OFFERTA ECCEZIONALE!

Scarica gratuitamente
"La Biblioteca
dei sogni"
di Giuliano Giachino

in formato KINDLE

Offerta valida solo
Lunedì 24/11 e
Martedì 25/11!

Kindle logo


Anno: 2014
Collana: SF e FANTASTICO
Formato A5 (13,5X21)
COPRIGIDA
Pag. 222

Email
PSWD
CONSIGLI DI LETTURA
Arretrati e copie stampate
PB International
PB Interactive
IN PRIMO PIANO


OnlineUtenti connessi: 27
Utenti collegati in chat 0

Dal 01/01/2003
questo sito ha generato
59.805.985
esposizioni

 
     

Mille splendidi soli
di Khaled Hosseini
Pubblicato su SITO



Anno 2010 - Piemme
Prezzo € 12,00 - 408 pp.
ISBN 9788856615630

Una recensione di Elisabetta Rotondi
VOTA QUESTO TESTO
Insufficiente Sufficiente Discreto Buono Ottimo

Votanti: 10133
Media 75.89 %

Mille splendidi soli

L'Afghanistan tra guerre intestine e amore salvifico

Il titolo del romanzo deriva da una poesia scritta dal poeta persiano Saib-e-Tabrizi, dopo aver visitato la città ed esserne rimasto profondamente colpito. Khaled Hosseini conferma la sua eccellente capacità di far sbirciare i lettori o se lo desiderano di farli entrare da una porta lasciata socchiusa, nel territorio afgano, dilaniato da invasioni e battaglie interne per il potere, sottoposto a diktat celati dalla formula dell’ “esportazione della democrazia”. L’autore passa, con la facilità di chi sa, da problematiche nazionali, politiche e sociali a drammi individuali e familiari, quelli delle due protagoniste, Mariam e Laila. Diversamente dal primo libro, Il cacciatore di aquiloni, in cui i protagonisti sono due figure maschili, in Mille splendidi due delicate figure femminili raccontano le loro sofferenze e parvenze di gioia. Lo sfondo della storia è costituito dai principali fatti storici che hanno coinvolto l’Afghanistan negli ultimi trenta anni, dalla rivoluzione comunista all’invasione sovietica, fino alla guerra contro i Talebani, voluta e guidata dagli U.S.A. In realtà non vi è un’unica storia, ma due, quelle di Mariam e Laila. Due vicende inizialmente separate, poi intrecciate dal loro incontro. La prima è una figlia illegittima, una harami. Non può avere accesso all’istruzione, non può vedere i film proiettati al famoso cinema di suo padre, un potente uomo d’affari. All’età di quindici anni non è mai stata ad Herat, non deve conoscere le mogli ed i  figli legittimi di suo padre, ne vedere la mastodontica villa in cui vivono. Chiusa con sua madre Nana in una cadente kolba in cima alla collina, vive poveramente le sue giornate sempre tristi ed uguali, al fianco della donna che dopo averla concepita si è ammalata dell’odio nutrito per l’uomo che l’aveva sedotta, poi abbandonata. Laila invece è nata a Kabul la notte della rivoluzione, nell’aprile del 1978. Era piccolissima quando i suoi fratelli si sono arruolati nella jihad. Per lei il suo vero fratello è il vicino di casa Tariq che ha perso una gamba su una mina antiuomo, ma coraggioso e  sempre pronto a difenderla dai dispetti dei coetanei. Mariam e Laila sono l’una l’opposto dell’altra, ma la guerra le farà incontrare in maniera imprevedibile. Mariam è fuggita dalla sua vecchia kolba e Laila si è stata allontanata dalla sua famiglia ed è stata data in sposa ad un uomo molto più grande di lei, severo e dalle rudi maniere. Anche se Rashid all’inizio si mostra tenero e disponibile, una serie di aborti spontanei della giovane dà inizio alla fine del fittizio idillio. Costretta ad indossare il burka e a vivere chiusa in casa dedita alle faccende domestiche, Laila subisce il disprezzo e la violenza. Dall’intreccio di due destini nasce una storia di sofferenza come quella del paese in cui si dipana, dove l’amicizia e l’amore sembrano essere l’unica salvezza.


Una recensione di Elisabetta Rotondi




>>Acquista questo libro su IBS<<

Ordina questo libro su IBS



Recensioni ed articoli relativi a Khaled Hosseini

(1) Mille splendidi soli di Khaled Hosseini - RECENSIONE

Testi di Khaled Hosseini pubblicati su Progetto Babele

Nessun record trovato

Altre recensioni di Elisabetta Rotondi

(1) Hamlet di Kenneth Branagh- RECENSIONE CINEMA
(2) Becoming Jane di Julian Jarrold- RECENSIONE CINEMA
(3) The Blind Side di John Lee Hancock- RECENSIONE CINEMA
(4) Le brave ragazze combiano guai di Polly Williams - RECENSIONE
(5) Esco a fare due passi di Fabio Volo - RECENSIONE
(6) Sillabario dei tempi tristi di Ilvo Diamanti - RECENSIONE
(7) Io e te di Niccolò Ammaniti - RECENSIONE
(8) Gioventù sprecata di M.Iezzi e T.Mastrobuoni - RECENSIONE



Altre recensioni:





-

dal 2010-11-19
VISITE: 12405