Progetto Babele Rivista Letteraria
© 2002 - Progetto Babele Rivista Letteraria - fondata da Marco R. Capelli
Audiolibri BookShop SCARICA O COMPRA I NUMERI ARRETRATI DELLA RIVISTA
HomePage Contatta PB Il gruppo di Progetto Babele su Facebook Seguici su Youtube Linkedin
TeleScrivente:    I libri di PB, saldi di fine stagione (28/12/2018)    Nasce FIAMMIFERI, la nuova collana della casa editrice Pagine d’Arte (08/11/2018)    Concorso Letterario Nazionale di Ostia “500 PAROLE”: annunciati i 18 finalisti (27/09/2018)    Versante Ripido è morto? (27/09/2018)    Arriva Solaris, e ci (ri) porta i capolavori della fantascienza russa (08/05/2018)    [20/05/2019] 14 concorsi letterari in scadenza nei prossimi quattordici giorni    Una capitale a quattro zampe scadenza 2019-05-24    Settembre scadenza 2019-05-29    Poesia, Prosa e Arti figurative - Il Convivio 2019 scadenza 2019-05-30    Città del Giglio scadenza 2019-05-30    SCIENZA FANTASTICA scadenza 2019-05-31    Racconti nella Rete scadenza 2019-05-31    Lago Gerundo scadenza 2019-05-31     La Couleur d'un Poème scadenza 2019-05-31    Campaniliana 2019 scadenza 2019-05-31    Vito Ceccani 8° Edizione 2019 scadenza 2019-05-31    Metropoli di Torino scadenza 2019-05-31    Alessio Di Giovanni scadenza 2019-05-31    Poesie d'Amore scadenza 2019-05-31    DONNE . . . ieri, oggi, domani “Datemi il mio nome e non chiamatemi solo Donna” scadenza 2019-06-01    EVENTI, PRESENTAZIONI, CORSI, SEMINARI, FIERE E SPETTACOLI    AUDIOLIBRI     La Strega di Marco R. Capelli letto da C. Fratarcangeli e S.Ferrara     Carrozza n.6 di Matteo Bertone letto da Samuele Arena     Fino alla fine dell`alba di Matteo Bertone letto da Samuele Arena     Hannah di Beppe Calabretta letto da Sandra Tedeschi     Delusione di Christian Bigiarini letto da Alberto Sannazzaro    RECENSIONI     Consigli dalla punk caverna: A noi punk non ci resta che Al Bano di Fabio Izzo     Tenebra Lux di Alessandro Del Gaudio     Epiphaino di Guglielmo Campione     Fermento di Falesia di Stefano Giannotti     Guida ai cantautori italiani - Gli anni Settanta di Mario Bonanno    Il Parere di PB     Sandino Il generale degli uomini liberi di Maurizio Campisi    La gallina volante di Paola Mastrocola    Il 1848 e le cinque giornate di Milano di Antonio Monti     Rapsodia su un solo tema - Colloqui con Rafail Dvoinikov di Claudio Morandini    La vigilia di Natale di Maurizio Bassani    Articoli e saggi     Jack London (1876-1916), ovvero il mare sfidato     La scienza dell’impresa secondo Filippo Picinelli (1604-1679): indagine sulle fonti dell’Introduzione al “Mondo Simbolico”.     Joseph Conrad ovvero il mare professionale     Apollo e Dafne: Quando il marmo diventa carne     L´horror psicologico di Michele Pastrello    Racconti     La Strega di Marco R. Capelli     I bossoli dei fratelli James di Massimo Martinelli     Ambrosia per due di Francesco Nucera     Compagni di scuola di Maria cristina Pazzini     La via uruguagia alla felicità di Frank Iodice    Biografie     Svevo, Italo (1861-1928)     Deledda,Grazia (1871-1936)     Némirovsky,Irene (1903-1942)     Walsh, Rodolfo (1927-1977)     Sturluson, Snorri (1176-1241)    Traduzioni     Der Panther / La Pantera di Rainer Maria Rilke trad. di Paolo Esposito     Maternità trad. di Maria giovanna Varasano     L'oscurità amica trad. di Nicoletta Isola     Strana contrada trad. di Nicoletta Isola     Il silenzio del mare trad. di Nicoletta Isola    Poesie     Poesie Nuove (silloge) di Alberto Accorsi     Istantanea di Natascia Secchi     Gemme rare di Elisabetta Santirocchi     Semplicemente luce di Elisabetta Santirocchi     Testamento di Antonio Sacco    Cinema     Forbidden Voices - How to start a revolution with a laptop (Svizzera 2012) regia di Barbara Miller     Hamlet (UK - USA con Kenneth Branagh: Amleto Julie Christie: Gertrude Derek Jacobi: Claudio Kate Winslet: Ofelia 1996) regia di Kenneth Branagh     Becoming Jane (Con Anne Hathaway, James McAvoy, Julie Walters, Maggie Smith, James Cromwell 2007) regia di Julian Jarrold    Musica     Scimpanzè (2015) - Loris Dalì     FIN (2014) - - Thomas -     Chimera (2014) - Ottodix    
Email
PSWD
AddsZone
Save the Children Italia Onlus
Bookshop
La Rivista
Copertina
Scarica gratuitamente
l'ultimo numero della rivista
Cart ARRETRATI
BookShop
PB Interactive
>>Stazione di servizio
Consigli & indirizzi per aspiranti scrittori
>>Telescrivente
Le NEWS di PB - quasi un Blog
>>L'angolo di Simone
Dedicato ai più piccoli
>>Piccolo spazio pubblicità
Le vostre inserzioni su PB
PB consiglia
Concorsi e premi letterari
41 concorsi in archivio
Eventi Mostre Presentazioni Spettacoli
0 eventi in archivio
Novità in libreria
NOVITA' IN LIBRERIA
6 novità in archivio
Assaggi
Le Recensioni
     

Sorso di notte potabile
di Flaminia Cruciani
Pubblicato su SITO


Anno 2008 - Ed. LietoColle
Prezzo € 13,00 - 70 pp.
ISBN 9788878484320

Una recensione di Fortuna Della Porta
VOTA QUESTO TESTO
Insufficiente Sufficiente Discreto Buono Ottimo

Votanti: 15157
Media 79.96 %



Sorso di notte potabile

Avevo ascoltato in varie circostanze frammenti del libro, letti dall’autrice, sempre colpita, dall’armonica scansione del verso, severa e costante, e ancor più dall’affascinante ricchezza lessicale, nella quale coglievo l’eleganza formale del costrutto e del termine della più nobile tradizione. Notavo, nel frattempo, la naturalezza e la pertinenza nell’uso di vocaboli poco comuni, l’assenza di retorica, l’empito dell’emozione sorvegliato.

L’impressione di una poesia di spessore è stata del tutto confermata dalla lettura personale dell’opera. È evidente che la formazione della Cruciani affonda in una solida cultura classica e nella conoscenza dichiarata e diretta, rivelata in un ringraziamento finale, dei maggiori autori di ogni tempo.

Come confessa l’autrice, in quest’opera fanno capolino molti nomi illustri da Dante, a Proust, a Yeats, per citarne qualcuno.

Una poesia, allora, che si dipana in ampiezza, in senso lato, sia per l’uso assiduo di ipermetri sia per l’abbondante flusso di immagini e metafore, come di rado se ne leggono nei giorni nostri, da quando si è preferito il verso contratto e singhiozzante.

Ogni tempo, di solito, sposa un suo canone più o meno condiviso, ed oggi è davvero insolito incontrare un’espressione così piacevolmente gonfia, ciò che costituisce la grazia originale e seduttiva della poesia della Cruciani.

A tutta prima si nota appunto il verso abbondante che occupa tutta la pagina, tanto esuberante per lunghezza da superare anche un doppio endecasillabo e accuratamente cadenzato in quel ritmo che non perde mai la sua solennità: ritmo adeguato a cantare un mestissimo dolore: la morte di un genitore.

L’intensità del sentimento espresso dai versi, ci tocca. L’autrice vorrebbe quasi inseguire il padre, inghiottito nell’aldilà, per non perderlo per sempre, per completare le cose interrotte, dire le parole non dette. Ma su tutto balugina il turbamento di fronte al mistero della morte, quasi un tentativo di svelarlo attraverso la rivelazione che il padre ha ricevuto nell’atto di chiudere gli occhi e intraprendere la via del confino.

Ma tu l’hai vista la morte, oppure l’ho vista solo io sul tuo volto?

La Cruciani è abilissima nell’analisi dei suoi stati d’animo e molte sono le sfumature del suo sentimento di cui bisogna dare conto: dolore per la perdita e la separazione, rabbia e impotenza di fronte all’evento, straniamento del cuore nei confronti di un fatto naturale, ma anche innaturalissimo nello stesso momento.

Tutto questo si concretizza in precise impossibili domande:

Perché attraverso lo specchio dei tuoi occhi non mi hai rivelato quell’attimo? / Non hai fatto sbirciare anche a me l’eterno? L’hai goduto da solo.

La raccolta, un monologo che si dilunga quasi a protrarre indefinitamente l’ultima stretta col padre e che fa assumere all’opera l’unitarietà del poemetto, si incentra, come si diceva, sul dolore della separazione, sullo sgomento della creatura di fronte all’inspiegabile sostanza del sonno eterno, per la quale un corteo di poeti in armi ha perso in guerra i vocaboli per scolpire l’apocalisse, ma è in primo luogo un atto d’amore, quello che si rivela questo libro.

Tu non invecchierai mai padre, non vedrò mai le tue tempie imbiancarsi, le / deformazioni mostruose della vecchiaia insultare il tuo corpo possente. Tu / rimarrai bello, hai portato la bellezza con te nell’eternità.

Taluni eventi traumatici rimettono in gioco le certezze esistenziali e ci inducono a meditare sul senso del passaggio terreno e sul ruolo delle gerarchie e delle priorità che regolano le scelte quotidiane. Accade anche alla nostra Flaminia che, attraverso gli impossibili quesiti che pone al muro di frontiera dietro il quale è finita l’esistenza del padre, ha bisogno di ridare un nuovo valore alla vita. In questo tentativo di ricollocare il mondo, non può evitare il dubbio, come accade di solito dopo dolori feroci.

Amata fede, io ho un dubbio.

E più avanti:

Ho percorsa tanta strada a rincorrere me stessa. Ho percorso tanta strada per / elidere il dubbio…la verità si è addormentata per sempre.

Alla fine, proprio attraverso questi versi, si comprende il messaggio del libro che è lamento funebre, dichiarazione d’amore postuma, stupefazione di trovarsi a contatto col più difficile problema della vita, ma è più di tutto una ricerca, uno sprofondamento in se stessa per rintracciare, dopo la personale tragedia, di nuovo un ancoraggio solido. Non a caso la parola eternità, col suo contiguo eterno, torna di tanto in tanto a proporre il limite verso il quale l’autrice vorrebbe spingersi, ma naturalmente ne resta al di fuori.

La Cruciani è cosciente del dramma dell’essere umano, spinto dalle sue qualità intellettive verso l’alto, ma destinato alla resa dell’inconoscibile, malgrado ciò si rende conto che deve apprendere il margine della saggezza o della follia che permettono di sopravvivere, se non vuole soccombere.

Quasi con distacco Flaminia analizza i suoi ruoli di compagna, di viaggiatrice… per carpirne il significato che poi deve trasferire in canoni più generali, per non perdersi, mantenersi salda nella rotta e ultimare i compiti che le toccano. La soluzione, tuttavia non sembra a portata di mano. La realtà si mostra squallida, la ragione incapace di trovare punti di vero. Dall’introspezione emerge nella nudità che è tipica di ogni creatura.

Infelice la ragione che vuole sollevare la veste.

Altrove:

Talora incontro qualcuno che vuole convincermi del giorno, ma io so che mente perché la luce è un’allucinazione, allora gli volto le spalle.

La conclusione di cupo pessimismo è malinconica. Nei limiti umani, non sono concepibili certezze, categorie e regole universali. Anche lo sforzo della Cruciani sembra, dunque, naufragare sui vincoli imposti dalla contingenza, che chiude gli individui in una notte perpetua, ma ci resta un testo avvincente come un romanzo, intimo come un diario, emozionante come sa esserlo la poesia.


Una recensione di Fortuna Della Porta






Recensioni ed articoli relativi a Flaminia Cruciani

(1) Sorso di notte potabile di Flaminia Cruciani - RECENSIONE

Testi di Flaminia Cruciani pubblicati su Progetto Babele

Nessun record trovato

Altre recensioni di Fortuna Della Porta

(1) La nuova poesia modernista italiana di Giorgio Linguaglossa - RECENSIONE
(2) Nascosta e lo Specchio di Maria Carla Trapani - RECENSIONE
(3) Mosca più balena di Valeria Parrella - RECENSIONE
(4) La memoria dell'acqua di Antonio Messina - RECENSIONE
(5) Lettera da Francoforte di Edith Bruck - RECENSIONE
(6) Nuvole di Norma D'Alessio - RECENSIONE
(7) Letteratura al femminile: Dodici di Vanessa Jones - RECENSIONE


 

Altre recensioni:






-

dal 2010-12-01
VISITE: 29581


© Copyright Note: Tutto il materiale qui pubblicato è proprietà intellettuale degli autori.
Come tale non può essere riprodotto, tutto o in parte, senza preventivo consenso degli autori stessi.