Progetto Babele Rivista Letteraria
© 2002 - Progetto Babele Rivista Letteraria - fondata da Marco R. Capelli
Audiolibri BookShop SCARICA O COMPRA I NUMERI ARRETRATI DELLA RIVISTA
HomePage Contatta PB Il gruppo di Progetto Babele su Facebook Seguici su Youtube Linkedin
TeleScrivente:    SOSTENETE “ILCORSARONERO” RINNOVANDO L’ABBONAMENTO (07/09/2019)    Eugraphia seleziona opere per ragazzi (da sei a quindici anni) (05/09/2019)    Black Window: al via la seconda edizione! (24/06/2019)    Anobii lascia Mondadori (30/05/2019)    I libri di PB, saldi di fine stagione (28/12/2018)    [12/12/2019] 3 concorsi letterari in scadenza nei prossimi quattordici giorni    Festival Nazionale di Poesia per e dei Bambini scadenza 2019-12-14    La diversità dell'Italia scadenza 2019-12-20    Concorso Letterario Tre Colori scadenza 2019-12-20    EVENTI, PRESENTAZIONI, CORSI, SEMINARI, FIERE E SPETTACOLI    AUDIOLIBRI     La porta di Cesarina Bo letto da Alberto Morella (Realizzato da Riccardo Cerutti)     La Strega di Marco R. Capelli letto da C. Fratarcangeli e S.Ferrara     Quella casa sulla collina di Marcello Caccialanza letto da Alberto Sannazzaro     Fino alla fine dell`alba di Matteo Bertone letto da Samuele Arena     Carrozza n.6 di Matteo Bertone letto da Samuele Arena    RECENSIONI    I Figli di Dio di Glen Cooper    La cripta dei teschi forati di Luigi Tortora    Il Barone di Giuseppe Antonio Martino    Il Barone di Giuseppe Antonio Martino     Fossi in te io insisterei di Carlo Giuseppe Gabardini    Il Parere di PB     Cambi di prospettive di Ilaria Ferramosca     Express Tramway di Vittorio Baccelli     Promesse da marinaio di Daniele Filzi    Il lungo viaggio di Chaetodon Vagabundus di Francesco Sciortino    I buoni ed i cattivi frutti di Francesca Ricci    Articoli e saggi     Lorenzo Calogero, il “folle” medico-poeta di Melicuccà     Congiunzione e disgiunzione in Eugenio Montale     Ernest Hemingway e le Isole Borromee     Lingua e poesia nelle opere di Nino De Vita     Jack London (1876-1916), ovvero il mare sfidato    Racconti     Fonzo di Don pompeo Mongiello     Sembra avere un senso… di Carla Montuschi     Qualcosa è cambiato di Milos Fabbri     The Unknown Victim di John gerard Sapodilla     Identità riservata di Cinzia Baldini    Biografie     Svevo, Italo (1861-1928)     Deledda,Grazia (1871-1936)     Némirovsky,Irene (1903-1942)     Walsh, Rodolfo (1927-1977)     Sturluson, Snorri (1176-1241)    Traduzioni     Der Panther / La Pantera di Rainer Maria Rilke trad. di Paolo Esposito     Maternità trad. di Maria giovanna Varasano     Il silenzio del mare trad. di Nicoletta Isola     Strana contrada trad. di Nicoletta Isola     L'oscurità amica trad. di Nicoletta Isola    Poesie     Francesco di Eva Rando     Occhi di Luna di Elisabetta Santirocchi     Assenzio di Sandro Lillo Spallino     Poesie Nuove (silloge) di Alberto Accorsi     Istantanea di Natascia Secchi    Cinema     Forbidden Voices - How to start a revolution with a laptop (Svizzera 2012) regia di Barbara Miller     The Blind Side (USA - con Sandra Bullock: Leigh Anne Tuohy Tim McGraw: Sean Tuohy Quinton Aaron: Michael Oher Jae Head: S.J. Tuohy Kathy Bates: Miss Sue 2010) regia di John Lee Hancock     Becoming Jane (Con Anne Hathaway, James McAvoy, Julie Walters, Maggie Smith, James Cromwell 2007) regia di Julian Jarrold    Musica     Scimpanzè (2015) - Loris Dalì     FIN (2014) - - Thomas -     Chimera (2014) - Ottodix    
Email
PSWD
AddsZone
Save the Children Italia Onlus
Seguici su YOUTUBE
La Rivista
Copertina
Scarica gratuitamente
l'ultimo numero della rivista
Cart ARRETRATI
BookShop
PB Interactive
>>Stazione di servizio
Consigli & indirizzi per aspiranti scrittori
>>Telescrivente
Le NEWS di PB - quasi un Blog
>>L'angolo di Simone
Dedicato ai più piccoli
>>Piccolo spazio pubblicità
Le vostre inserzioni su PB
PB consiglia
Concorsi e premi letterari
30 concorsi in archivio
Eventi Mostre Presentazioni Spettacoli
0 eventi in archivio
Novità in libreria
NOVITA' IN LIBRERIA
6 novità in archivio
Assaggi
Le Recensioni
     

Terra silenziosa
di Alberto Scuderi
Pubblicato su SITO


Anno 2010 - Rupe Mutevole Edizioni
Prezzo € 5,00 - 54 pp.
ISBN 9788896418727

Una recensione di Alessandra Di gregorio
VOTA QUESTO TESTO
Insufficiente Sufficiente Discreto Buono Ottimo

Votanti: 5620
Media 79.88 %



Terra silenziosa

Premessa al libro

L’esordio da poeta è la pietra miliare sulla via della comunicazione del proprio Io e la confessione di limiti e ricerche.

La poesia di Alberto Scuderi a mio avviso non è lirica, ma statica, malinconica. Gentile, pur nell’apparente serietà del tono. Tonda, robusta, irruenta eppure piana. Modulata su metri e temi moderni, ha dalla sua la forza dell’impatto del poeta laconico e giovane, alle prese con attese di ricordo e speranze di futuro.

Dolcissime immagini di disperata bellezza, velano di impossibilità e ansie i suoi promettenti versi.

Alessandra Di Gregorio

 

Cura

Un po’ di tempo fa, la tua bellezza

s’incontrava di nascosto con il mare,

e tinta dallo splendore

assumevi pose proprie del corallo.

Una mano lieve accarezzava

le docili membra

strette nella morsa dell’amore.

Cullata dal vago profumo di libertà,

distesa sul materasso

dove una piuma respirava

le grandi gioie del mondo,

la tua miseria diventava fluido dorato

che scorreva,

calava tutto il suo brodo

e la stanza prendeva a urlare.

 

Terra silenziosa, silloge poetica ed esordio ufficiale di Alberto Scuderi, giovane poeta emiliano, inserita nella collana tascabile ‘Margini Liberi’ (Rupe Mutevole Edizioni), è un testo molto eterogeneo e complesso, per quanto, al suo interno, presenti tratti di manifesta unitarietà che solo una forte coerenza personale, di idee e intenzioni, è in grado di proporre con tanto acume.

Di rado, credo, accade di riuscire ad apprezzare così profondamente la poesia contemporanea, al punto di esserne folgorati col disarmo che si ha quando quello che sfogliamo è un testo il cui autore ci è noto attraverso il canone della letteratura italiana e non.

Il nostro Autore, in questo caso, ha dalla sua una penna completa. E questo già gli conferisce quell’aura di straordinarietà cui è difficile pervenire normalmente quando si prende in mano il libro di un esordiente.

Il dato ispirativo - certamente di natura adolescenziale - offre al nostro immaginario un Narratore solitario e meditabondo, ingabbiato/frustrato/ammirato nelle sue stesse osservazioni, impressioni e pulsioni - com’è tipico del carattere dell’adolescente riflessivo e riservato - e dunque non resta solo intenzionale, intrappolato in un’idea, in un mero sentore interiore. La poesia è infatti autentica, vibrante di una concretezza piana, asciutta, eppure mai trasparente, ai limiti di un erotismo panico suadente e dolcissimo.

Scuderi è in grado di tradurre, attraverso la sua parola consumata, consapevole, appropriata e coerente, il sentimento del fanciullo che coabita con il giovane uomo.

In lui, fisicità, velate voluttà ed elemento naturale (ovvero tutti quegli elementi tipici della poesia classica) guidano la visione dell’esterno, di quel mondo che circonda e abbraccia, in grado di apparire - come in un moto intermittente ed eterno - ora rassicurante, ora meno.

 

Una pagina lontana

Bianca sensazione

di vibrante precocità.

 

Squarcia

gela

e poi piega.

 

Non si fanno mai

tanti passi verso la verità

come quando si è

nella sempre verde insipienza.

 

Il Narratore, perché qui come non mai è possibile rinvenire la voce guida dell’Autore, con tono sentenzioso e rammaricato, quasi privo d’incanto, di colpo si priva della sorpresa e traduce persino l’eco delle mancate esperienze in un momento di concreta consapevolezza. Ovvero Egli ragiona, durante l’atto del poetare, circa il problema dell’estrema precocità del suo Io. Il Poeta, dunque, non ha difficoltà a rielaborare l’immanenza, proprio alla luce della straordinaria sensibilità che ne contraddistingue l’animo; sa perciò tradurre, come poche volte ho visto avvenire, il suo sentimento poetico in poesia.

Il tracciato scritto è privo di sbavature; la maturità artistica dello Scuderi è evidente, così come è evidente la forza di un carattere che non sa celarsi, pur nella sua timidezza di fondo, pure nell’estrema e dolorosa consapevolezza di una maturità imposta da Natura.

Come un moderno Narciso, egli è ancora pedos, pur essendo proiettato, verso l’età adulta, l’età della completezza, quando si acquietano le domande e lo spirito, e tuttavia, com’è possibile rintracciare a più riprese lungo il testo, il suo attaccamento allo stato di puer è innegabile, specie laddove, con la stessa serietà e pianezza di sempre, parla del sogno, contrapposto allo scorrere del tempo - motivo più volte richiamato, quasi a significare che il Narratore sente su di sé il peso di molte più epoche di quelle che realmente dovrebbe accollarsi.


Una recensione di Alessandra Di gregorio






Recensioni ed articoli relativi a Alberto Scuderi

(1) Terra silenziosa di Alberto Scuderi - RECENSIONE

Testi di Alberto Scuderi pubblicati su Progetto Babele

Nessun record trovato

Altre recensioni di Alessandra Di gregorio

(1) Il verme (Una favola moderna) di Gionata Soldatini- Il Parere di PB
(2) Cavalcando il bene e il male di Antonio Rubino- Il Parere di PB
(3) Via Crucis per corpo e anima svestita di Francesca Mazzuccato- Il Parere di PB
(4) Qualche lontano amore di Carla De Bernardi - RECENSIONE
(5) Sul filo di lama di Marcellino Lombardi - RECENSIONE
(6) Sangue di rosa scarlatta di Vittorio Graziosi - RECENSIONE
(7) Tu non sei bionda di Lupo77, Desta83 - RECENSIONE
(8) Parole di fuoco di Daniela Montanari - RECENSIONE
(9) Donne senza fede di Daniela Montanari - RECENSIONE
(10) Antimateria di Andrea Blu - RECENSIONE
(11) Non prima di te di Paolo Scriboni - RECENSIONE
(12) Mi mancano i plugin di Emanuele Serra - RECENSIONE
(13) Per Elisa di Azzurra Mangani - RECENSIONE
(14) Dus Dopo una sbronza di Gionata Soldatini - RECENSIONE
(15) Dolcetti e Scherzetti di a cura di Matt Bernstain Sycamore - RECENSIONE
>>Continua (click here)


 

Altre recensioni:






-

dal 2011-02-01
VISITE: 10880


© Copyright Note: Tutto il materiale qui pubblicato è proprietà intellettuale degli autori.
Come tale non può essere riprodotto, tutto o in parte, senza preventivo consenso degli autori stessi.