Progetto Babele Rivista Letteraria
© 2002 - Progetto Babele Rivista Letteraria - fondata da Marco R. Capelli
Audiolibri BookShop SCARICA O COMPRA I NUMERI ARRETRATI DELLA RIVISTA
HomePage Contatta PB Il gruppo di Progetto Babele su Facebook Seguici su Youtube Linkedin
TeleScrivente:    Gorilla Sapiens, goodbye (Purtroppo) (29/01/2020)    SOSTENETE “ILCORSARONERO” RINNOVANDO L’ABBONAMENTO (07/09/2019)    Eugraphia seleziona opere per ragazzi (da sei a quindici anni) (05/09/2019)    Black Window: al via la seconda edizione! (24/06/2019)    Anobii lascia Mondadori (30/05/2019)    [25/02/2020] 8 concorsi letterari in scadenza nei prossimi quattordici giorni    Racconti Senza Fissa Dimora scadenza 2020-02-28    Resilienza omaggio a Frida Kahlo scadenza 2020-02-29    Resilienza omaggio a Frida Kahlo scadenza 2020-02-29    OBIETTIVO LIBRO scadenza 2020-02-29    OBIETTIVO LIBRO scadenza 2020-02-29    Themis scadenza 2020-02-29    VII ed. Premio Letterario Nazionale Bukowski scadenza 2020-03-09    L'attimo che ti cambia la vita scadenza 2020-03-10    EVENTI, PRESENTAZIONI, CORSI, SEMINARI, FIERE E SPETTACOLI    AUDIOLIBRI     La porta di Cesarina Bo letto da Alberto Morella (Realizzato da Riccardo Cerutti)     La Strega di Marco R. Capelli letto da C. Fratarcangeli e S.Ferrara     Quella casa sulla collina di Marcello Caccialanza letto da Alberto Sannazzaro     Fino alla fine dell`alba di Matteo Bertone letto da Samuele Arena     Carrozza n.6 di Matteo Bertone letto da Samuele Arena    RECENSIONI    I Figli di Dio di Glen Cooper    La cripta dei teschi forati di Luigi Tortora    Il Barone di Giuseppe Antonio Martino    Il Barone di Giuseppe Antonio Martino     Fossi in te io insisterei di Carlo Giuseppe Gabardini    Il Parere di PB     Cambi di prospettive di Ilaria Ferramosca     Express Tramway di Vittorio Baccelli     Promesse da marinaio di Daniele Filzi    Il lungo viaggio di Chaetodon Vagabundus di Francesco Sciortino    I buoni ed i cattivi frutti di Francesca Ricci    Articoli e saggi     Lorenzo Calogero, il “folle” medico-poeta di Melicuccà     Congiunzione e disgiunzione in Eugenio Montale     Ernest Hemingway e le Isole Borromee     Lingua e poesia nelle opere di Nino De Vita     Jack London (1876-1916), ovvero il mare sfidato    Racconti     Fonzo di Don pompeo Mongiello     Sembra avere un senso… di Carla Montuschi     Qualcosa è cambiato di Milos Fabbri     The Unknown Victim di John gerard Sapodilla     Identità riservata di Cinzia Baldini    Biografie     Svevo, Italo (1861-1928)     Deledda,Grazia (1871-1936)     Némirovsky,Irene (1903-1942)     Walsh, Rodolfo (1927-1977)     Sturluson, Snorri (1176-1241)    Traduzioni     Der Panther / La Pantera di Rainer Maria Rilke trad. di Paolo Esposito     Maternità trad. di Maria giovanna Varasano     Il silenzio del mare trad. di Nicoletta Isola     Strana contrada trad. di Nicoletta Isola     L'oscurità amica trad. di Nicoletta Isola    Poesie     Francesco di Eva Rando     Occhi di Luna di Elisabetta Santirocchi     Assenzio di Sandro Lillo Spallino     Poesie Nuove (silloge) di Alberto Accorsi     Istantanea di Natascia Secchi    Cinema     Forbidden Voices - How to start a revolution with a laptop (Svizzera 2012) regia di Barbara Miller     The Blind Side (USA - con Sandra Bullock: Leigh Anne Tuohy Tim McGraw: Sean Tuohy Quinton Aaron: Michael Oher Jae Head: S.J. Tuohy Kathy Bates: Miss Sue 2010) regia di John Lee Hancock     Becoming Jane (Con Anne Hathaway, James McAvoy, Julie Walters, Maggie Smith, James Cromwell 2007) regia di Julian Jarrold    Musica     Scimpanzè (2015) - Loris Dalì     FIN (2014) - - Thomas -     Chimera (2014) - Ottodix    
Email
PSWD
AddsZone
Save the Children Italia Onlus
Seguici su YOUTUBE
La Rivista
Copertina
Scarica gratuitamente
l'ultimo numero della rivista
Cart ARRETRATI
BookShop
PB Interactive
>>Stazione di servizio
Consigli & indirizzi per aspiranti scrittori
>>Telescrivente
Le NEWS di PB - quasi un Blog
>>L'angolo di Simone
Dedicato ai più piccoli
>>Piccolo spazio pubblicità
Le vostre inserzioni su PB
PB consiglia
Concorsi e premi letterari
44 concorsi in archivio
Eventi Mostre Presentazioni Spettacoli
0 eventi in archivio
Novità in libreria
NOVITA' IN LIBRERIA
11 novità in archivio
Assaggi
Le Recensioni
     

Storie da un sogno
di Sandro Capodiferro
Pubblicato su SITO


Anno 2010 - Edizioni Libreria Croce
Prezzo € 13,00 - 92 pp.
ISBN 9788864020860

Una recensione di Cinzia Baldini
VOTA QUESTO TESTO
Insufficiente Sufficiente Discreto Buono Ottimo

Votanti: 2123
Media 79.52 %



Storie da un sogno

“Storie da un sogno” è il primo romanzo di Sandro Capodiferro, autore che, con coraggio, ha scelto di esordire nel mondo della cultura italiana con un argomento impegnativo in quanto caro a molti autori affermati e cioè quello del viaggio. Il viaggio fisico e psicologico in “Storie da un sogno” si snoda, come nelle vecchie favole che ci narravano i nonni, con colpi di scena e trovate originali in un tempo moderno, nell’era contemporanea. L’adeguarsi della storia di Ginetto ai tempi correnti, sia nelle ambientazioni che nelle situazioni affrontate, non gli fa perdere nulla dell’incanto vero e proprio del genere favoloso, anzi, se possibile, lo caratterizza ancora più nettamente, dandogli la peculiarità di essere non solo una fantasiosa favola per bambini, ma un intrigante racconto per adolescenti e una fonte interessante di spunti di discussione e di approfondimento psicologico per gli adulti. Il cammino che Sandro Capodiferro fa eseguire al suo protagonista è la strada che ogni essere umano compie per raggiungere la maturità. Le tappe fondamentali corrispondono esattamente a quelle della vita vera con l’iniziale abbandono del confortante grembo familiare, la ricerca faticosa di una propria dimensione spirituale e quella più prosaica delle proprie attitudini fisiche, un lavoro che gli garantisca stabilità e dignità, quindi l’amore che possa completarne l’esistenza. In più Ginetto attraverso l’aiuto di una “maga”, l’esperienza, maestra di vita, può osservare senza poter intervenire per modificarlo il suo passato, il presente ed il futuro. Il modo per farlo è semplice, basterà attraversare le tre porte del tempo. Il giovane osserverà il passato e riuscirà a trarre insegnamento dagli errori che per sbadataggine, per pigrizia, per ingenuità o per inesperienza non si è accorto di aver compiuto e getterà un occhio sul futuro per mettere a frutto tali insegnamenti che, forgiandone il carattere, lo porteranno, già dal presente, a diventare un uomo migliore. Anche la conoscenza ravvicinata con i cinque sensi, allegoricamente rappresentati da “un crocevia dove cinque carri, uno per ogni angolo della strada, attendevano all’ombra di altrettanti platani al riparo del sole torrido. I carri erano di modeste dimensioni, giusti per trasportare una persona con un piccolo bagaglio e alla guida vi erano giovani ragazzi dall’aria assonnata” che uno ad uno, risvegliandosi, lo stordiranno con le loro acute percezioni servirà a dargli la conoscenza necessaria per avere la piena padronanza del suo corpo e delle sue emozioni. All’inizio del percorso, Ginetto, appesantito dallo zaino in cui ha stipato, oltre alle provviste, anche un cofanetto carico dei suoi sogni di adolescente, incontra Malachia un ragazzo gentile, sveglio e coraggioso che lo aiuta a combattere il male psicologico della nostalgia e della lontananza da casa e quello fisico, curandogli le vesciche ai piedi riportate nel suo lungo scarpinare su strade impervie e solitarie e gli insegnerà ad apprezzare la libertà senza travalicare i diritti altrui, a far valere le proprie opinioni con fermezza ma in modo onesto ed educato. Quando, cinque anni dopo, il giovane protagonista, ormai ventitreenne, tornerà a Noverosi, il paese che gli ha dato i natali, si accorgerà di avere lo zaino molto più leggero di quando è partito nonostante, contenga tutti i suoi errori, le esperienze, le scoperte, i disagi, le delusioni e le piacevoli sorprese provate durante il viaggio e, soprattutto, intatto, il vecchio cofanetto ora custode di nuovi sogni. Alla fine del libro, che è poi anche la conclusione del viaggio Ginetto ritroverà se stesso e le sue radici e, finalmente, spossato dall’interminabile girovagare ma sereno per essere riuscito a portarlo a termine con dignità ed onore, chiude gli occhi e si addormenta. “Quando li riaprì era tutto sparito e… era sveglio nel suo letto a Noverosi… il cofanetto sulla scrivania vicino alle costruzioni di legno dello zio Alfredo e l’immagine di un assonnato Malachia riflessa nello specchio dell’armadio accanto al letto… l’immagine dell’uomo che era diventato…” Meraviglia! Come in tutte le favole degne di tale nome c’è il lieto fine, anche in “Storie da un sogno” Sandro Capodiferro non ci ha voluto deludere e, non senza sorpresa, scopriamo che Malachia altri non è che la proiezione di Ginetto in versione matura. Il ragazzo Ginetto, un po’ mammone, goffo ed impacciato, ha acquisito sul campo, pagando sulla propria pelle ed esponendosi di persona, nuove consapevolezze, sani principi e stimoli positivi, sbarazzandosi, dei vecchi pregiudizi, delle superstizioni e dei luoghi comuni, per osmosi si è trasformato in Malachia, un vero Uomo, posato ed intelligente, capace di gestire con razionalità la propria vita. Valide e singolari le brevi liriche inserite a complemento degli inserti fotografici che riproducono le opere pittoriche di Pietro Olivieri, un artista dalla mano particolarmente dotata che non si può non menzionare. La scrittura di Sandro Capodiferro segue, asseconda e precede, il cammino di Ginetto delineandone i paesaggi con tocchi intensi e precisi nei momenti di marcia vera e propria, con un linguaggio molto poetico nei paragrafi più intensi e ricchi di sentimento e quasi filosofeggiante nei passi in cui cerca di far trovare al suo protagonista i perché accadono gli eventi e le circostanze che muovono il mondo che lo circonda. Il linguaggio, mai eccessivo, sempre dosato, la perfetta padronanza della lingua, la scelta dei vocaboli calzanti ed appropriati, fanno di “Storie da un sogno” un romanzo da leggere e da far leggere a qualsiasi età, consigliatissimo per gli spunti di riflessione che offre al lettore e per l’arricchimento interiore che, vi garantisco, è assicurato.


Una recensione di Cinzia Baldini






Recensioni ed articoli relativi a Sandro Capodiferro

(1) Malbianco di Sandro Capodiferro - RECENSIONE
(2) Peccaminosa di Sandro Capodiferro - RECENSIONE
(3) Fiori di agave sulla collina delle fate di Sandro Capodiferro - RECENSIONE
(4) Storie da un sogno di Sandro Capodiferro - RECENSIONE

Testi di Sandro Capodiferro pubblicati su Progetto Babele

Nessun record trovato

Altre recensioni di Cinzia Baldini

(1) Epiphaino di Guglielmo Campione - RECENSIONE
(2) Ukemì di Pia Barletta - RECENSIONE
(3) Incunabolo di Riccardo Merendi- Il Parere di PB
(4) La cripta dei teschi forati di Luigi Tortora - RECENSIONE
(5) Memorie di un ragazzo di borgata di Mario Rosati - RECENSIONE
(6) Il ritorno di Nibiru di Massimo Fratini - RECENSIONE
(7) Io sono respiro puro di Maria Fornaro - RECENSIONE
(8) Il lungo cammino del fulmine di Guglielmo Campione - RECENSIONE
(9) Brando Street. La scomparsa di una comparsa di Marisa Cecchetti - RECENSIONE
(10) L`odore della notte di Paolo DAnna - RECENSIONE
(11) Templar Order di Domizio Cipriani - RECENSIONE
(12) Il diciassettesimo Conte di Patrizia Marzocchi - RECENSIONE
(13) Le reliquie di Sarajevo di Paolo D Anna - RECENSIONE
(14) Malbianco di Sandro Capodiferro - RECENSIONE
(15) Il ponte delle Vivene di Davide Dotto - RECENSIONE
>>Continua (click here)


 

Altre recensioni:






-

dal 2011-07-15
VISITE: 4855


© Copyright Note: Tutto il materiale qui pubblicato è proprietà intellettuale degli autori.
Come tale non può essere riprodotto, tutto o in parte, senza preventivo consenso degli autori stessi.