Progetto Babele Rivista Letteraria
© 2002 - Progetto Babele Rivista Letteraria - fondata da Marco R. Capelli
Audiolibri BookShop SCARICA O COMPRA I NUMERI ARRETRATI DELLA RIVISTA
HomePage Contatta PB Il gruppo di Progetto Babele su Facebook Seguici su Youtube Linkedin
TeleScrivente:    SOSTENETE “ILCORSARONERO” RINNOVANDO L’ABBONAMENTO (07/09/2019)    Eugraphia seleziona opere per ragazzi (da sei a quindici anni) (05/09/2019)    Black Window: al via la seconda edizione! (24/06/2019)    Anobii lascia Mondadori (30/05/2019)    I libri di PB, saldi di fine stagione (28/12/2018)    [12/12/2019] 3 concorsi letterari in scadenza nei prossimi quattordici giorni    Festival Nazionale di Poesia per e dei Bambini scadenza 2019-12-14    La diversità dell'Italia scadenza 2019-12-20    Concorso Letterario Tre Colori scadenza 2019-12-20    EVENTI, PRESENTAZIONI, CORSI, SEMINARI, FIERE E SPETTACOLI    AUDIOLIBRI     La porta di Cesarina Bo letto da Alberto Morella (Realizzato da Riccardo Cerutti)     La Strega di Marco R. Capelli letto da C. Fratarcangeli e S.Ferrara     Quella casa sulla collina di Marcello Caccialanza letto da Alberto Sannazzaro     Fino alla fine dell`alba di Matteo Bertone letto da Samuele Arena     Carrozza n.6 di Matteo Bertone letto da Samuele Arena    RECENSIONI    I Figli di Dio di Glen Cooper    La cripta dei teschi forati di Luigi Tortora    Il Barone di Giuseppe Antonio Martino    Il Barone di Giuseppe Antonio Martino     Fossi in te io insisterei di Carlo Giuseppe Gabardini    Il Parere di PB     Cambi di prospettive di Ilaria Ferramosca     Express Tramway di Vittorio Baccelli     Promesse da marinaio di Daniele Filzi    Il lungo viaggio di Chaetodon Vagabundus di Francesco Sciortino    I buoni ed i cattivi frutti di Francesca Ricci    Articoli e saggi     Lorenzo Calogero, il “folle” medico-poeta di Melicuccà     Congiunzione e disgiunzione in Eugenio Montale     Ernest Hemingway e le Isole Borromee     Lingua e poesia nelle opere di Nino De Vita     Jack London (1876-1916), ovvero il mare sfidato    Racconti     Fonzo di Don pompeo Mongiello     Sembra avere un senso… di Carla Montuschi     Qualcosa è cambiato di Milos Fabbri     The Unknown Victim di John gerard Sapodilla     Identità riservata di Cinzia Baldini    Biografie     Svevo, Italo (1861-1928)     Deledda,Grazia (1871-1936)     Némirovsky,Irene (1903-1942)     Walsh, Rodolfo (1927-1977)     Sturluson, Snorri (1176-1241)    Traduzioni     Der Panther / La Pantera di Rainer Maria Rilke trad. di Paolo Esposito     Maternità trad. di Maria giovanna Varasano     Il silenzio del mare trad. di Nicoletta Isola     Strana contrada trad. di Nicoletta Isola     L'oscurità amica trad. di Nicoletta Isola    Poesie     Francesco di Eva Rando     Occhi di Luna di Elisabetta Santirocchi     Assenzio di Sandro Lillo Spallino     Poesie Nuove (silloge) di Alberto Accorsi     Istantanea di Natascia Secchi    Cinema     Forbidden Voices - How to start a revolution with a laptop (Svizzera 2012) regia di Barbara Miller     The Blind Side (USA - con Sandra Bullock: Leigh Anne Tuohy Tim McGraw: Sean Tuohy Quinton Aaron: Michael Oher Jae Head: S.J. Tuohy Kathy Bates: Miss Sue 2010) regia di John Lee Hancock     Becoming Jane (Con Anne Hathaway, James McAvoy, Julie Walters, Maggie Smith, James Cromwell 2007) regia di Julian Jarrold    Musica     Scimpanzè (2015) - Loris Dalì     FIN (2014) - - Thomas -     Chimera (2014) - Ottodix    
Email
PSWD
AddsZone
Save the Children Italia Onlus
Arretrati
La Rivista
Copertina
Scarica gratuitamente
l'ultimo numero della rivista
Cart ARRETRATI
BookShop
PB Interactive
>>Stazione di servizio
Consigli & indirizzi per aspiranti scrittori
>>Telescrivente
Le NEWS di PB - quasi un Blog
>>L'angolo di Simone
Dedicato ai più piccoli
>>Piccolo spazio pubblicità
Le vostre inserzioni su PB
PB consiglia
Concorsi e premi letterari
30 concorsi in archivio
Eventi Mostre Presentazioni Spettacoli
0 eventi in archivio
Novità in libreria
NOVITA' IN LIBRERIA
6 novità in archivio
Assaggi
Le Recensioni
     

Blacklands
di Belinda Bauer
Pubblicato su SITO


Anno 2011 - Marsilio
Prezzo € 17,50 - 232 pp.
ISBN 978-88-31-70998-9

Una recensione di Gina Sfera
VOTA QUESTO TESTO
Insufficiente Sufficiente Discreto Buono Ottimo

Votanti: 5945
Media 78.93 %



Blacklands

Possiamo definire il libro dell'esordiente scrittrice inglese Belinda Bauer, Blacklands, un riuscito psichothriller che ci fa correre un brivido lungo la schiena per tutta la durata della lettura.

Non accade nulla in realtà. Nulla che possa sconvolgere la percezione immaginativa del lettore, nessuna “crime scene” descritta crudamente. Eppure, nell'inoltrarsi della lettura e della scrittura, il respiro si fa affannoso, l'attesa diventa palpabile, sembra di respirare la fitta nebbia degli scenari di brughiera descritti e rimanerne quasi soffocati. Suspense, insomma!

Il racconto procede attraverso lo sguardo di un ragazzino di 10 anni, a cui la vita, quella vera fatta di calore, affetto e gioco, è stata sottratta ancora prima che nascesse, quasi come una retribuzione di colpa generazionale.

Circa 20 anni prima suo zio, fratello della mamma, zio Bill, quando aveva più o meno la sua età, un giorno non era tornato a casa. La madre, nonna del protagonista, Steven, da quel momento non ha smesso un solo giorno di attenderlo alla finestra, dimenticando di avere un'altra figlia e più avanti dei nipoti.

L'attesa era continuata anche dopo la certezza che Bill era stato  vittima, come  altri ragazzini della sua stessa età, delle attenzioni morbose di uno psicopatico individuato e arrestato, e che quindi era morto. Lei, la nonna, aveva continuato ad attenderlo alla finestra, forse per non impazzire di dolore, ma sicuramente togliendo a tutto il resto, a sua figlia, ai suoi nipoti, qualsiasi sguardo o gesto che potesse farle sentire la colpa di non conservarla per suo figlio Bill, quando fosse tornato.

Una vita in apnea dunque, che toglie il respiro anche a Steven. Lui vorrebbe un affetto, di una madre e di una nonna(visto che il padre non ce l'ha), che lo faccia sentire vivo nonostante la vita grama in una casa malandata e umida, da cui si porta addosso un puzzo di muffa che lo distingue e lo identifica agli occhi di tutti, professori e bulli del paese.

Steven “sa” che tutto può tornare normale se il corpo di suo zio viene trovato. Solo così sua nonna potrà avere pace. Steven “sa” che è LUI a dover fare qualcosa. Il suo desiderio di “normalità”, di amore, gli dà la certezza di dovere e potere uscire da quel limbo di sofferenza. Lui DEVE trovare quel corpo. Sente questo dovere come se fosse la sua espiazione di una colpa altrui. E cerca, scava nella brughiera dove sono stati trovati gli altri corpi. Senza sosta scava, a dispetto degli insuccessi che accumula.

Steven però riesce bene anche nella scrittura di lettere, sa scrivere delle lettere brevi, concise ma significative. Perciò decide di rivolgersi direttamente a lui, al killer che ha adescato e ucciso zio Bill. Il killer ora è in carcere, no, non più quello di massima sicurezza, perché ha avuto sempre un comportamento esemplare. Ora può ricevere lettere....

Una scrittura acuta, tagliente e sintetica, pur rimanendo ampia e molto connotativa, rende accattivante una storia che tocca temi scabrosamente “orrificanti”, quale quello della pedofilia e del bullismo, ma soprattutto le dinamiche di potere e dipendenza che si sviluppano nella relazione vittima/carnefice. Nello sviluppare tali dinamiche, la scrittrice riesce davvero magistralmente a descrivere senza toccare corde troppo dolorose, permettendoci di riconoscere con esattezza di emozioni ciò che in ogni relazione può essere identificato come rapporto di potere/dipendenza, con tutte le implicazioni di manipolazione, dominio o acquiescenza e resistenza passiva che vi si possono riconoscere e sviluppare.

La struttura narrativa  sempre precisa e scarna, insieme a un lessico molto “climaticamente” connotato, consentono all'autrice di andare dritto al cuore delle cose senza strascichi di brutta retorica che i temi toccati potrebbero comportare. Come dire che ...affonda il coltello nella ferita senza farla sanguinare.

Il brivido, che comincia a formicolarci addosso dopo poche pagine, ci rimane sulla pelle per tutta la durata di questo bel thriller psicologico d'esordio.


Una recensione di Gina Sfera






Recensioni ed articoli relativi a Belinda Bauer

(1) Blacklands di Belinda Bauer - RECENSIONE

Testi di Belinda Bauer pubblicati su Progetto Babele

Nessun record trovato

Altre recensioni di Gina Sfera

(1) Sconclusioni di Paolo Pappatà- Il Parere di PB
(2) Il blaterone di Stefano Pelloni- Il Parere di PB
(3) Lei non è tuo marito di Giulio Nannini- Il Parere di PB
(4) Io sempre io... di Marisa Giaroli- Il Parere di PB
(5) Dio del Sagittario di Simone Togneri- Il Parere di PB
(6) Malus di N. Latteri- Il Parere di PB
(7) Color nostalgia di Fabrizia Scipioni- Il Parere di PB
(8) Ma petite Antoinette di Claudia Pezzutti- Il Parere di PB
(9) Le cose di Lia di Fabrizia Scipioni- Il Parere di PB
(10) La sparizione di Emilia Santoro- Il Parere di PB
(11) La sovrana lettrice di Alan Bennett - RECENSIONE
(12) Ninì Santagata - Commissario per caso. di Luciano Scateni - RECENSIONE
(13) Sogni di cartone di Mauro Antonio Albrizio - RECENSIONE
(14) Nonostante il Vaticano di Gianluca Ferrara - RECENSIONE
(15) Passaggi e tiri in porta di Patricia Wolf - RECENSIONE
>>Continua (click here)


 

Altre recensioni:






-

dal 2011-12-21
VISITE: 6901


© Copyright Note: Tutto il materiale qui pubblicato è proprietà intellettuale degli autori.
Come tale non può essere riprodotto, tutto o in parte, senza preventivo consenso degli autori stessi.