Progetto Babele Rivista Letteraria
© 2002 - Progetto Babele Rivista Letteraria - fondata da Marco R. Capelli
Audiolibri BookShop SCARICA O COMPRA I NUMERI ARRETRATI DELLA RIVISTA
HomePage Contatta PB Il gruppo di Progetto Babele su Facebook Seguici su Youtube Linkedin
TeleScrivente:    SOSTENETE “ILCORSARONERO” RINNOVANDO L’ABBONAMENTO (07/09/2019)    Eugraphia seleziona opere per ragazzi (da sei a quindici anni) (05/09/2019)    Black Window: al via la seconda edizione! (24/06/2019)    Anobii lascia Mondadori (30/05/2019)    I libri di PB, saldi di fine stagione (28/12/2018)    [10/12/2019] 3 concorsi letterari in scadenza nei prossimi quattordici giorni    Festival Nazionale di Poesia per e dei Bambini scadenza 2019-12-14    La diversità dell'Italia scadenza 2019-12-20    Concorso Letterario Tre Colori scadenza 2019-12-20    EVENTI, PRESENTAZIONI, CORSI, SEMINARI, FIERE E SPETTACOLI    AUDIOLIBRI     La porta di Cesarina Bo letto da Alberto Morella (Realizzato da Riccardo Cerutti)     La Strega di Marco R. Capelli letto da C. Fratarcangeli e S.Ferrara     Quella casa sulla collina di Marcello Caccialanza letto da Alberto Sannazzaro     Fino alla fine dell`alba di Matteo Bertone letto da Samuele Arena     Carrozza n.6 di Matteo Bertone letto da Samuele Arena    RECENSIONI    I Figli di Dio di Glen Cooper    La cripta dei teschi forati di Luigi Tortora    Il Barone di Giuseppe Antonio Martino    Il Barone di Giuseppe Antonio Martino     Fossi in te io insisterei di Carlo Giuseppe Gabardini    Il Parere di PB     Cambi di prospettive di Ilaria Ferramosca     Express Tramway di Vittorio Baccelli     Promesse da marinaio di Daniele Filzi    Il lungo viaggio di Chaetodon Vagabundus di Francesco Sciortino    I buoni ed i cattivi frutti di Francesca Ricci    Articoli e saggi     Lorenzo Calogero, il “folle” medico-poeta di Melicuccà     Congiunzione e disgiunzione in Eugenio Montale     Ernest Hemingway e le Isole Borromee     Lingua e poesia nelle opere di Nino De Vita     Jack London (1876-1916), ovvero il mare sfidato    Racconti     Fonzo di Don pompeo Mongiello     Sembra avere un senso… di Carla Montuschi     Qualcosa è cambiato di Milos Fabbri     The Unknown Victim di John gerard Sapodilla     Identità riservata di Cinzia Baldini    Biografie     Svevo, Italo (1861-1928)     Deledda,Grazia (1871-1936)     Némirovsky,Irene (1903-1942)     Walsh, Rodolfo (1927-1977)     Sturluson, Snorri (1176-1241)    Traduzioni     Der Panther / La Pantera di Rainer Maria Rilke trad. di Paolo Esposito     Maternità trad. di Maria giovanna Varasano     Il silenzio del mare trad. di Nicoletta Isola     Strana contrada trad. di Nicoletta Isola     L'oscurità amica trad. di Nicoletta Isola    Poesie     Francesco di Eva Rando     Occhi di Luna di Elisabetta Santirocchi     Assenzio di Sandro Lillo Spallino     Poesie Nuove (silloge) di Alberto Accorsi     Istantanea di Natascia Secchi    Cinema     Forbidden Voices - How to start a revolution with a laptop (Svizzera 2012) regia di Barbara Miller     The Blind Side (USA - con Sandra Bullock: Leigh Anne Tuohy Tim McGraw: Sean Tuohy Quinton Aaron: Michael Oher Jae Head: S.J. Tuohy Kathy Bates: Miss Sue 2010) regia di John Lee Hancock     Becoming Jane (Con Anne Hathaway, James McAvoy, Julie Walters, Maggie Smith, James Cromwell 2007) regia di Julian Jarrold    Musica     Scimpanzè (2015) - Loris Dalì     FIN (2014) - - Thomas -     Chimera (2014) - Ottodix    
Email
PSWD
AddsZone
Save the Children Italia Onlus
Bookshop
La Rivista
Copertina
Scarica gratuitamente
l'ultimo numero della rivista
Cart ARRETRATI
BookShop
PB Interactive
>>Stazione di servizio
Consigli & indirizzi per aspiranti scrittori
>>Telescrivente
Le NEWS di PB - quasi un Blog
>>L'angolo di Simone
Dedicato ai più piccoli
>>Piccolo spazio pubblicità
Le vostre inserzioni su PB
PB consiglia
Concorsi e premi letterari
30 concorsi in archivio
Eventi Mostre Presentazioni Spettacoli
0 eventi in archivio
Novità in libreria
NOVITA' IN LIBRERIA
6 novità in archivio
Assaggi
Le Recensioni
     

Qualche lontano amore
di Carla De Bernardi
Pubblicato su SITO


Anno 2011 - Mursia
Prezzo € 16,00 - 218 pp.
ISBN 9788842543701

Una recensione di Alessandra Di gregorio
VOTA QUESTO TESTO
Insufficiente Sufficiente Discreto Buono Ottimo

Votanti: 2707
Media 78.88 %



Qualche lontano amore

Ho preso in mano il libro della De Bernardi finendolo nel giro di poche ore. Volevo lasciarmi uno spazietto per domani ma le pagine sono andate via una tira l’altra. E pur ammettendo che a volte la linearità si perde per fare spazio alla rapsodia dei pensieri e delle cose da dire, da infilare in una frase (pena il soffocamento del ricordo o delle sensazioni intramuscolari),Qualche lontano amore è un romanzo che dice molto ma fremeva di dire anche molto altro.

Non so perché, né comprendo appieno la natura della mia sensazione; forse si tratta solo dell’erronea percezione di me in qualità di lettrice/scrittrice, o forse è ciò che sento con le corde del mio essere donna. Insomma, la sensazione è forte e provo anche un certo compiacimento nell’ipotizzare il lavoro dietro al libro. Idea suffragata soprattutto da un fatto di non poca rilevanza. La scheda biografica dell’Autrice.

Dando una sbirciata (per quanto superficiale) alle sue note, si colgono sin da subito nel tessuto del libro, come trama e collante degli eventi narrati, rimandi coerenti con la sua storia personale. Un indizio probante fra tutti, la scelta del nome della protagonista: Clara, anagramma di Carla. Certo, il parallelismo si potrebbe fare a prescindere, quando si tratta di costatare la paternità di un’opera. Qui, tuttavia, il confronto possiamo farlo con o senza l’uso di licenze d’immaginazione o accostamenti doverosi tra quella che è la biografia interiore di un autore (nel momento in cui ‘crea’ sentimenti e azioni, insomma un mondo cui conferire trasversalità e brillantezza), e quella che è la sua reale formazione o vita di tutti i giorni.

L’uso di questi ‘dati’, chiamiamoli così, rivela (immagino per la prima volta nel caso dell’Autrice) una volontà di affermazione ben precisa. Volontà che tradisce un bisogno – credo fortemente condivisibile – di riepilogazione di fatti, luoghi e volti, insomma del proprio sé vivente.

Lo sforzo che c’è dietro a un lavoro del genere è comprensibile: dare una forma razionale alle idee è come doversi auto-rigenerare (e dunque ‘avverare’) attraverso parole che saranno sempre troppo limitate, frasi che saranno sempre troppo brevi… Creare ex novo una storia, lavorando unicamente ‘di fantasia’, è invece un’operazione di gran lunga meno dispendiosa a livello personale (seppure non a livello creativo). Nel nostro caso mi pare di percepire la fatica di doversi raccogliere e setacciare, per poi leggersi e ritrovarsi più intere su una pagina che se ne tira dietro delle altre, e improvvisamente nel giro di dieci facciate sono passati già vent’anni e sono nati due figli, finiti due matrimoni, e c’è stato molto altro ancora.

Protagonista e narratore, come possiamo vedere una volta iniziato a sfogliare il volume, si presentano come due entità distinte – di solito, infatti, se un autore sceglie di raccontarsi, ricorre all’uso della terza persona singolare come per oggettivare azioni e sentimenti, e parlare di sé con l’idea di stare a guardarsi in uno specchio. Probabilmente la terza persona rende plausibile il bisogno o l’idea del distacco, della sincerità, o forse è una scelta che può semplificare (solo all’apparenza) il taglio da dare a un romanzo. Che così diventa descrittivo più che narrativo. Vale a dire che costringendosi a parlare meno e a guardarsi dal di fuori, l’Autrice abbia la sensazione di stare a dire le cose che vuole dire nel modo più coerente ai tempi e modi di scrittura. Quando questo poi corrisponda al vero (la reale riuscita di una scrittura credo sia imputabile a svariati fattori), è arduo da definire.

In Qualche lontano amore il filo conduttore che darà respiro al libro (seppure con qualche tendenza all’asfissia) è la travagliata relazione di Clara con Juan. Relazione su cui il Narratore modula il racconto delle avventure della stessa Clara, tra flashback più o meno lunghi e approfonditi, ed elucubrazioni relative alle scelte che la donna dovrà affrontare in seno a questa una storia d’amore logorante. Bambina, è adombrata da un precoce disincanto all’interno delle dinamiche domestiche. Adolescente timida e introversa, va alla scoperta dell’amore, del corpo e del sesso. Passionale e volitiva da grande, un giorno si lega le mani iniziando una storia con un uomo sposato. Sposato sì, Juan è sposato e mente con leggerezza, guardandoti negli occhi. Clara è una donna pragmatica, decisamente non stupida, eppure… Eppure si lega a un uomo che sfoggia la fede per difendersi da lei.

Si parla molto di amore, di amore in differenti epoche dell’esistenza e in differenti stadi della maturità della protagonista, e anche di amore per le cose. Viaggi, letteratura, pensiero, luoghi, valori. Ed è interessante il modo in cui, in base a questo, viene disegnato l’arco di vita di Clara. Le sue prospettive si trasformano in esperienza, in consolidamento, in spinte. E la cosa ulteriormente interessante è la forma che riesce a prendere la girandola delle sue relazioni con l’altro sesso, figli compresi. Una spirale dolce-amara e in fondo pur sempre un’altalena. Amare è sottoporsi a prove dure.

Il libro dunque è un diario, e per la maggior parte, alternati tra le date effettivamente poste a riferimento dei capitoli, troviamo annotazioni più che aneddoti o azioni vere e proprie svolte (e riavvolte) sul momento. I periodi presi a riferimenti si compongono di una serie inanellata di reminiscenze e il flusso della vita attuale abbraccia spesso fatti e antefatti senza soluzione di continuità. Vale a dire che il Narratore, posto in qualche modo di fronte alla carta geografica della vita di Clara, segnala compatibilmente al modo in cui le trova, le tappe per lei in qualche modo significative.

Il senso della ‘tappa’ e dunque del viaggio, è un altro motivo presente all’interno del libro, seppure accennato, quasi a non voler ammettere la sovrapposizione tra l’Autrice e la protagonista. Infatti perlopiù sfuma sul versante dell’analogia col cammino della vita.

La scrittura si presenta sintetica, tutto sommato coerente, ma spesso i periodi si inerpicano seguendo la schizofrenia del ‘dover dire’, del voler aggiungere le doverose parentesi da aprire nonostante sia difficile restare sintetici quando si collegano fra loro le cose. La caratterizzazione dei personaggi, come per il resto quella degli eventi riportati, è scarna o quantomeno essenziale e precisa. Il tono generale è spontaneo, permeato di una ingenuità benigna che rimanda all’infanzia, una sorta d’impronta.

Sul finale – compatibilmente con le caratteristiche della vita e dell’esistenza tutta – l’Autrice lascia adito a un’apertura, a una non conclusione radicale e a un’ammissione importante da parte di Juan.


Una recensione di Alessandra Di gregorio






Recensioni ed articoli relativi a Carla De Bernardi

(1) Qualche lontano amore di Carla De Bernardi - RECENSIONE

Testi di Carla De Bernardi pubblicati su Progetto Babele

Nessun record trovato

Altre recensioni di Alessandra Di gregorio

(1) Il verme (Una favola moderna) di Gionata Soldatini- Il Parere di PB
(2) Cavalcando il bene e il male di Antonio Rubino- Il Parere di PB
(3) Via Crucis per corpo e anima svestita di Francesca Mazzuccato- Il Parere di PB
(4) Sul filo di lama di Marcellino Lombardi - RECENSIONE
(5) Sangue di rosa scarlatta di Vittorio Graziosi - RECENSIONE
(6) Tu non sei bionda di Lupo77, Desta83 - RECENSIONE
(7) Parole di fuoco di Daniela Montanari - RECENSIONE
(8) Terra silenziosa di Alberto Scuderi - RECENSIONE
(9) Donne senza fede di Daniela Montanari - RECENSIONE
(10) Antimateria di Andrea Blu - RECENSIONE
(11) Non prima di te di Paolo Scriboni - RECENSIONE
(12) Mi mancano i plugin di Emanuele Serra - RECENSIONE
(13) Per Elisa di Azzurra Mangani - RECENSIONE
(14) Dus Dopo una sbronza di Gionata Soldatini - RECENSIONE
(15) Dolcetti e Scherzetti di a cura di Matt Bernstain Sycamore - RECENSIONE
>>Continua (click here)


 

Altre recensioni:






-

dal 2012-01-30
VISITE: 6695


© Copyright Note: Tutto il materiale qui pubblicato è proprietà intellettuale degli autori.
Come tale non può essere riprodotto, tutto o in parte, senza preventivo consenso degli autori stessi.