Progetto Babele Rivista Letteraria
© 2002 - Progetto Babele Rivista Letteraria - fondata da Marco R. Capelli
Il gruppo di Progetto Babele su Facebook
SCARICA GRATUITAMENTE LA RIVISTA IN FORMATO PDF ACQUISTA UNA COPIA STAMPATA DELLA RIVISTA SCARICA O COMPRA I NUMERI ARRETRATI DELLA RIVISTA
HomePage Contatta PB Collabora con PB Cos'è PB?
TeleScrivente:    Arriva Solaris, e ci (ri) porta i capolavori della fantascienza russa (08/05/2018)    Dopo quindici anni, chiude la rivista Segreti di Pulcinella (ma resta il BLOG) (03/05/2018)    La biblioteca più alta del mondo (forse) (01/05/2018)    Lo stagno dei caimani - ritrovato il racconto perduto di Salgari (12/04/2018)    Il 12 Ottobre 2017 chiude i battenti la storica NETEDITOR (06/10/2017)    [19/06/2018] 8 concorsi letterari in scadenza nei prossimi quattordici giorni    Aneddoti dal cuore scadenza 2018-06-24    Premio Internazionale di Poesia in Lingua Italiana - Città di Siderno - I° edizione scadenza 2018-06-25    PANTA REI 2018 scadenza 2018-06-30    Fiori di china e Pagine in cerca d'autore scadenza 2018-06-30    Storie in viaggio scadenza 2018-06-30    Edizione 2018 - “Mimì Brunetti” scadenza 2018-06-30    Campaniliana 2018 scadenza 2018-06-30    VERSI IN VOLO scadenza 2018-07-01    EVENTI, PRESENTAZIONI, CORSI, SEMINARI, FIERE E SPETTACOLI    Le Età Della Vita. Saper Vivere Ogni Stagione Dell’Esistenza - Seminario Estivo - Aggiornamento professionale (SEMINARIO 2018-06-24)    AUDIOLIBRI     Carrozza n.6 di Matteo Bertone letto da Samuele Arena     Fino alla fine dell`alba di Matteo Bertone letto da Samuele Arena     Hannah di Beppe Calabretta letto da Sandra Tedeschi     Delusione di Christian Bigiarini letto da Alberto Sannazzaro     L`ultimo di Giuseppe Foderaro letto da Luca Govoni    RECENSIONI     Ho sognato di vivere - Variazioni sul tema del tempo in Roberto Vecchioni di Mario Bonanno     Le case del malcontento di Sacha Naspini     Laura Morante, in punta di piedi di Stefano Iachetti     Verde Limone di Marcial Gala     Quei gran pezzi dell'Emilia Romagna di Brunetto Salvarani e Odoardo Semellini    Il Parere di PB     Sandino Il generale degli uomini liberi di Maurizio Campisi    La gallina volante di Paola Mastrocola    Il 1848 e le cinque giornate di Milano di Antonio Monti     Rapsodia su un solo tema - Colloqui con Rafail Dvoinikov di Claudio Morandini    La vigilia di Natale di Maurizio Bassani    Articoli e saggi     L´horror psicologico di Michele Pastrello     ANTONIO ALTOMONTE «emblematico ricostruttore di perdute dimensioni».     Il mondo poetico del calabrese Rocco Nassi     FRANCESCO PERRI (Careri 1885 – Pavia 1975): il primo scrittore antifascista della letteratura italiana e il primo cantore dell’emigrazione meridionale     La donna indiana tra letteratura e realtà. Anita Desai e Kamala Markandaya.    Racconti     I bossoli dei fratelli James di Massimo Martinelli     Ambrosia per due di Francesco Nucera     Compagni di scuola di Maria cristina Pazzini     La via uruguagia alla felicità di Frank Iodice     Lettera ad una cucciola di Cinzia Baldini    Biografie     Svevo, Italo (1861-1928)     Deledda,Grazia (1871-1936)     Némirovsky,Irene (1903-1942)     Rodolfo Walsh (1927-1977)     Sturluson, Snorri (1176-1241)    Traduzioni     Der Panther / La Pantera di Rainer Maria Rilke trad. di Paolo Esposito     Maternità trad. di Maria giovanna Varasano     L'oscurità amica trad. di Nicoletta Isola     Strana contrada trad. di Nicoletta Isola     Il silenzio del mare trad. di Nicoletta Isola    Poesie     Poesie Nuove (silloge) di Alberto Accorsi     Istantanea di Natascia Secchi     Gemme rare di Elisabetta Santirocchi     Semplicemente luce di Elisabetta Santirocchi     Testamento di Antonio Sacco    Cinema     Forbidden Voices - How to start a revolution with a laptop (Svizzera 2012) regia di Barbara Miller     Hamlet (UK - USA con Kenneth Branagh: Amleto Julie Christie: Gertrude Derek Jacobi: Claudio Kate Winslet: Ofelia 1996) regia di Kenneth Branagh     Becoming Jane (Con Anne Hathaway, James McAvoy, Julie Walters, Maggie Smith, James Cromwell 2007) regia di Julian Jarrold    Musica     Scimpanzè (2015) - Loris Dalì     FIN (2014) - - Thomas -     Chimera (2014) - Ottodix    
Email
PSWD
Save the Children Italia Onlus
Facebook
La Rivista
PB numero 19
Progetto Babele n.19
Scarica GRATIS
Cart ARRETRATI
>>L'angolo di Simone
Dedicato ai più piccoli
BookShop
PB Interactive
>>Stazione di servizio
(consigli, indirizzi, dritte per aspiranti scrittori)
PB consiglia
Concorsi e premi letterari
Agg. 19-06-2018 - 31 conc.
assaggi
Consigli di Lettura
Le Recensioni
     

Karel Thole, pittore di fantascienza
di Karel Thole
Pubblicato su SITO



Anno 2012 - Fondazione Rosellini
Prezzo € 35 -
ISBN N/A

Una recensione di Gian filippo Pizzo
VOTA QUESTO TESTO
Insufficiente Sufficiente Discreto Buono Ottimo

Votanti: 4610
Media 78.93 %



Karel Thole, pittore di fantascienza

Gli appassionati li hanno chiamati “i cerchi di Thole”: sono quei circoli che sulle copertine di Urania racchiudevano il disegno che illustrava il romanzo presentato, e che furono il segno distintivo della nota pubblicazione mondadoriana per vari lustri (per l’esattezza dal giugno 1964 al 1996) tanto da essere più volte imitati da altri editori. I cerchi di Thole (la locuzione è stata anche usata per presentare varie mostre dell’artista) non li aveva per la verità inventati lui, ma Anita Klinz, l’art director della casa editrice, che in quel periodo aveva provveduto a un restyling delle collane da edicola, decidendo di concentrare appunto in un cerchio l’illustrazione di copertina. E questo valeva tanto per Urania, che aveva la copertina bianca, quanto per i romanzi di spionaggio di Segretissimo (copertina nera) e per i Gialli: particolare curioso, per questi ultimi era quasi obbligatorio il fatto che un elemento del disegno dovesse “rompere” il cerchio; c’era sempre il lembo di un vestito, la testa di un cadavere, un’arma abbandonata, un oggetto caduto che usciva dalla cornice rotonda. Per Urania no, e l’insieme grafico, con i disegni a colori decisi, racchiusi in un tondo rosso, con il resto bianco, finì per essere un tratto distintivo molto più che nelle altre pubblicazioni.

“I cerchi di Thole”. E pensare che Karel, tutto sommato, non li amò mai molto, anche se erano diventati così caratteristici. Lui era un collaboratore esterno alla Mondadori e, da professionista, cercava di ottenere il più possibile dai suoi lavori, di cui manteneva il copyright. Spesso utilizzava un disegno più volte, rivendendolo a editori di tutto il mondo (mai dello stesso Paese o per un uso simile, ovviamente); nel caso dei “cerchi” era però costretto a riempire i quarti mancanti in modo da ricondurre il disegno a un più accettabile formato quadrato o rettangolare! D’altra parte, era davvero orgoglioso del fatto che i lettori identificassero la grafica della rivista con il suo lavoro.

Karel Thole era arrivato in Italia alla fine degli anni Cinquanta, quando aveva già più di una quarantina d’anni (era nato a Bossum, in Olanda, nel 1914) e un lavoro avviato come illustratore. Si presentò alla Mondadori ed ebbe un vero colpo di fortuna: Urania era senza un copertinista, perché il grande Kurt Caesar si era trasferito a Roma e la rivista era stata affidata a Carlo Jacono, che illustrava anche i Gialli e Segretissimo. Jacono era bravissimo nel campo del poliziesco e della spy-story (e anche nelle illustrazioni interne in bianco e nero per Urania, se di soggetto tecnologico) ma per la fantascienza non era portato, gli mancava il guizzo della fantasia, il senso del meraviglioso, l’ampiezza dell’immaginario spaziale.

Così chiesero a Thole di fare qualcosa di molto immaginifico, una via di mezzo fra il surrealismo di Dalì (e, forse di più, di Magritte) e la pittura metafisica di De Chirico, ovviamente con soggetto fantascientifico, ed egli integrò il tutto anche con influenze fiamminghe, in particolare da Hieronymus Bosch. Andò bene e dal luglio 1960 divenne il copertinista di Urania (inizialmente senza “cerchi”), disegnando le copertine sulla base di un riassunto di poche righe del romanzo che i curatori della rivista gli facevano avere. Non lesse mai un libro di fantascienza: non gli piaceva! Poi, nel corso degli anni, allargò la sua attività fino a collaborare con editori di tutto il mondo, e non solo nel campo della fantascienza o del fantastico. Fino al 1987, quando una grave malattia agli occhi lo costrinse a diradare sempre di più la sua attività, anche se – pur di continuare – aveva tentato il possibile facendosi costruire attrezzature speciali quali lenti d’ingrandimento e luci particolari; si era persino rassegnato a disegnare su foglio bianco, lui che preferiva far emergere i suoi soggetti da un fondo nero. La sua ultima copertina apparve nel luglio 1988, e lui stesso ci ha lasciati due anni dopo.

Ma quest’uomo pacato e spiritoso, gentile e divertente resterà per sempre nella nostra memoria (magari con l’immancabile boccale di birra in mano e, negli ultimi anni, gli occhiali scurissimi), e vogliamo ricordarlo con una frase che ripeteva sempre: “Non sono un Artista ma solo un artigiano”. Per noi potrà anche essere sì un Artigiano, ma con la “A” maiuscola.

A pensarla così siamo in buona e vasta compagnia: nel 1981 la Mondadori (per la cura di Fruttero e Lucentini) pubblicò un libro di sue copertine intitolato Manuale dell’ignoto ma il cui sottotitolo era La pittura fantascientifica di Karel Thole. Adesso la Fondazione Rosellini ha appena pubblicato Karel Thole: pittore di fantascienza. La benemerita “Fondazione Rosellini per la letteratura popolare” di Senigallia è qui: http://www.fondazionerosellini.it . Il volume non si trova in libreria e va richiesto direttamente.

La Fondazione è un ente culturale riconosciuto che, fra le altre cose, pubblica interessantissimi libri illustrati; lo scorso anno – per limitarci a quelli di fantascienza – era apparso Gli illustratori di Urania: Caesar e Jacono, adesso questo su Thole. Decisamente imperdibile, perché contiene tutte – ma proprio tutte – le copertine non solo di Urania ma anche delle pubblicazioni gemelle: Millemondi, Urania Blu, i Classici eccetera; il volume è ovviamente di grande formato, tutto a colori, e ogni pagina contiene fino a nove copertine, ma moltissime sono quelle riprodotte a mezza pagina o a pagina intera. Insomma, costa 35 euro ma li vale.

Senza contare poi l’apparato critico,costituito da scritti di Gianni Brunoro, Giulio Cuccolini, Giuseppe Festino (anche lui notissimo illustratore), Fruttero e Lucentini, Franco Spiritelli e l’attuale curatore di Urania Giuseppe Lippi, ai quali rimandiamo per una analisi più profonda delle illustrazioni – pardon: dei dipinti. Noi possiamo solo rilevare che l’opera grafica di Thole è ancora oggi attualissima e che ancora si presterebbe a illustrare romanzi di fantascienza. Non c’è lettore che non abbia apprezzato l’erotismo delle sue donne, anche se spesso aliene; la mostruosità dei suoi mostri e dei suoi alieni; la profondità dei suoi spazi e dei suoi abissi; l’immaginosità delle sue astronavi, delle armi futuristiche, degli ambienti sia urbani che extraterrestri. Ma soprattutto ad affascinare è il riuscito mélange spaziale e cromatico fra i vari elementi che compongono il disegno in un equilibrio che non deve nulla ai suoi modelli ma è solo dell’inimitabile Karel Thole.


Una recensione di Gian filippo Pizzo






Recensioni ed articoli relativi a Karel Thole

(1) Karel Thole, pittore di fantascienza di Karel Thole - RECENSIONE
(2) Gli illustratori di Urania: Curt Caesar e Carlo Jacono di - RECENSIONE

Testi di Karel Thole pubblicati su Progetto Babele

Nessun record trovato

Altre recensioni di Gian filippo Pizzo

(1) Ferro sette di Francesco Troccoli - RECENSIONE


 

Altre recensioni:





-

dal 2012-06-29
VISITE: 3484


© Copyright Note: Tutto il materiale qui pubblicato è proprietà intellettuale degli autori.
Come tale non può essere riprodotto, tutto o in parte, senza preventivo consenso degli autori stessi.