Progetto Babele Rivista Letteraria
© 2002 - Progetto Babele Rivista Letteraria - fondata da Marco R. Capelli
Audiolibri BookShop SCARICA O COMPRA I NUMERI ARRETRATI DELLA RIVISTA
HomePage Contatta PB Il gruppo di Progetto Babele su Facebook Seguici su Youtube Linkedin
TeleScrivente:    SOSTENETE “ILCORSARONERO” RINNOVANDO L’ABBONAMENTO (07/09/2019)    Eugraphia seleziona opere per ragazzi (da sei a quindici anni) (05/09/2019)    Black Window: al via la seconda edizione! (24/06/2019)    Anobii lascia Mondadori (30/05/2019)    I libri di PB, saldi di fine stagione (28/12/2018)    [22/09/2019] 4 concorsi letterari in scadenza nei prossimi quattordici giorni    Fiori d'Inverno scadenza 2019-09-28    Tema: “Lo scrittore Michele Malanca attraverso la sua ultima opera: Storia di Andrea Pagani e altri racconti” scadenza 2019-09-30    Mario Zanaria scadenza 2019-09-30    PREMIO LETTERARIO DAUNIA&SANNIO scadenza 2019-09-30    EVENTI, PRESENTAZIONI, CORSI, SEMINARI, FIERE E SPETTACOLI    PAT - Percorsi di Avvicinamento al Teatro - II edizione - 6 incontri, tutti gratuiti (Roma) (NOSCELTA 2019-09-26)    Festival Letterario CartaCarbone “Autobiografia e dintorni” - Sesta Edizione (NOSCELTA 2019-10-13)    AUDIOLIBRI     La porta di Cesarina Bo letto da Alberto Morella (Realizzato da Riccardo Cerutti)     La Strega di Marco R. Capelli letto da C. Fratarcangeli e S.Ferrara     Quella casa sulla collina di Marcello Caccialanza letto da Alberto Sannazzaro     Fino alla fine dell`alba di Matteo Bertone letto da Samuele Arena     Carrozza n.6 di Matteo Bertone letto da Samuele Arena    RECENSIONI    I Figli di Dio di Glen Cooper    La cripta dei teschi forati di Luigi Tortora    Il Barone di Giuseppe Antonio Martino    Il Barone di Giuseppe Antonio Martino     Fossi in te io insisterei di Carlo Giuseppe Gabardini    Il Parere di PB     Cambi di prospettive di Ilaria Ferramosca     Express Tramway di Vittorio Baccelli     Promesse da marinaio di Daniele Filzi    Il lungo viaggio di Chaetodon Vagabundus di Francesco Sciortino    I buoni ed i cattivi frutti di Francesca Ricci    Articoli e saggi     Lorenzo Calogero, il “folle” medico-poeta di Melicuccà     Congiunzione e disgiunzione in Eugenio Montale     Ernest Hemingway e le Isole Borromee     Lingua e poesia nelle opere di Nino De Vita     Jack London (1876-1916), ovvero il mare sfidato    Racconti     Identità riservata di Cinzia Baldini     Punti di vista di Gaia Borella     Come una madre di Maria cristina Piazza     Mio figlio e Bukowski di Massimo Martinelli     Un Brandello di storia di Alessio Salerno    Biografie     Svevo, Italo (1861-1928)     Deledda,Grazia (1871-1936)     Némirovsky,Irene (1903-1942)     Walsh, Rodolfo (1927-1977)     Sturluson, Snorri (1176-1241)    Traduzioni     Der Panther / La Pantera di Rainer Maria Rilke trad. di Paolo Esposito     Maternità trad. di Maria giovanna Varasano     Il silenzio del mare trad. di Nicoletta Isola     Strana contrada trad. di Nicoletta Isola     L'oscurità amica trad. di Nicoletta Isola    Poesie     Francesco di Eva Rando     Occhi di Luna di Elisabetta Santirocchi     Assenzio di Sandro Lillo Spallino     Poesie Nuove (silloge) di Alberto Accorsi     Istantanea di Natascia Secchi    Cinema     Forbidden Voices - How to start a revolution with a laptop (Svizzera 2012) regia di Barbara Miller     The Blind Side (USA - con Sandra Bullock: Leigh Anne Tuohy Tim McGraw: Sean Tuohy Quinton Aaron: Michael Oher Jae Head: S.J. Tuohy Kathy Bates: Miss Sue 2010) regia di John Lee Hancock     Becoming Jane (Con Anne Hathaway, James McAvoy, Julie Walters, Maggie Smith, James Cromwell 2007) regia di Julian Jarrold    Musica     Scimpanzè (2015) - Loris Dalì     FIN (2014) - - Thomas -     Chimera (2014) - Ottodix    
Email
PSWD
AddsZone
Save the Children Italia Onlus
Seguici su YOUTUBE
La Rivista
Copertina
Scarica gratuitamente
l'ultimo numero della rivista
Cart ARRETRATI
BookShop
PB Interactive
>>Stazione di servizio
Consigli & indirizzi per aspiranti scrittori
>>Telescrivente
Le NEWS di PB - quasi un Blog
>>L'angolo di Simone
Dedicato ai più piccoli
>>Piccolo spazio pubblicità
Le vostre inserzioni su PB
PB consiglia
Concorsi e premi letterari
27 concorsi in archivio
Eventi Mostre Presentazioni Spettacoli
2 eventi in archivio
Novità in libreria
NOVITA' IN LIBRERIA
5 novità in archivio
Assaggi
Le Recensioni
     

Il ponte delle Vivene
di Davide Dotto
Pubblicato su SITO


Anno 2016 - Ciesse Edizioni
Prezzo € 15,00 - 144 pp.
ISBN 8866601772

Una recensione di Cinzia Baldini
VOTA QUESTO TESTO
Insufficiente Sufficiente Discreto Buono Ottimo

Votanti: 219
Media 77.67 %



ponte delle Vivene;Il

Il ponte può essere sia un’opera architettonica generata spontaneamente da madre natura che una costruzione edificata dall’ingegno dell’uomo per congiungere due luoghi altrimenti separati per cause diverse quali un fiume, una gola tra due montagne, uno strapiombo tra due lembi di terra. Parimenti, il ponte può essere una proiezione virtuale che la mente elabora per superare gli ostacoli che si affacciano quotidianamente nell’esistenza umana. Il ponte, insomma, sia in senso reale che figurato, rappresenta l’andare avanti, il superamento delle difficoltà, il proseguire oltre nonostante tutto…

E IL PONTE DELLE VIVENE, opera di esordio del promettente autore Davide Dotto, rispecchia egregiamente le funzioni reali e immaginarie appena illustrate.

Nell’ambientazione del romanzo, il ponte è fisicamente esistente: fatto di corda, si protende, nascosto da un vecchio maniero, su un profondo precipizio nell’amena località di Valchiusa nel Trentino. Una natura rigogliosa, padrona incontrastata e incontaminata, avvolge le due opposte sponde, da esso collegate.

Proprio tale vetusto e precario ponte è testimone e complice, al contempo, della nascita della leggenda delle Vivene da cui prenderà il nome.

La Vivena, infatti, entità dal carattere vendicativo, volubile e irrequieto tesserà la trama del romanzo e con i suoi capricci, le sue ostinazioni e i suoi imprevedibili slanci d’amore (non del tutto disinteressati…), sedurrà il lettore.

L’inserimento di tale figura sovrannaturale, propria della migliore mitologia classica, è l’apporto qualitativo che Davide Dotto ha scelto per donare forza e originalità al suo romanzo.

Non una fata, un elfo o una ninfa che trasformerebbero IL PONTE DELLE VIVENE in un’opera fantasy ma un vero e proprio romanzo storico perché l’essenza o per meglio dire lo spirito di cui è composta la Vivena, che per “umanizzarsi” ha bisogno di rinchiudersi in un corpo femminile, cavalcherà vari secoli svelando usanze, costumi, riti, odori, sapori, antagonismi, amenità, sogni, speranze e angosce, nonché i conflitti sociali e le frustrazioni personali dei nativi e del loro territorio di cui è padrona incontrastata.

Secoli bui in cui l’umana esistenza è indissolubilmente vincolata ai cicli e alle leggi della natura madre amorosa e prodiga, ma, ancor più spesso, matrigna egoista e spietata.

Secoli lugubri in cui la guerra avvolge nel suo nero sudario l’Europa intera.

In un periodo in cui il valore della vita raggiunge il suo punto più basso, la Vivena, come il genio della lampada, può esaudire i desideri di chi la invoca. La differenza sostanziale con la nota favola di Aladino è che la Vivena pretende una contropartita con interessi assai esosi quale compenso per i favori concessi.

Terribile Erinni greca, dunque, o compassionevole Hathor egizia? Al lettore la fatidica “ardua sentenza”!

“«Qualcuno l’ha fatta grossa» cominciò a dire [Marterus], «le han mancato di rispetto ed ecco che la Vivena se la prende con il paese.»

«Sei tu che le hai mancato di rispetto? È te che dobbiamo ringraziare per questo tempo da lupi? Sei tu, in fondo, quello che ha maggiori probabilità di incontrarla» disse di rimando l’oste, prendendolo in giro.

Marteus sorrise.

«Certo, bisogna prestare attenzione. Quanto si domanda lo prende alla lettera. In passato coloro che vi ebbero a che fare sarebbe meglio fossero nati muti. Mio nonno, per esempio, prima della Rivoluzione, aiutò una ragazza a sciogliere i capelli da un intrico di ramaglie. Lei, riconoscente, gli chiese se avesse una grazia da domandare, al che lui rispose scherzando: ‘Vecchio e malandato come sono, chiedo di vivere serenamente e in salute almeno l’anno che viene’. Lo disse così per dire, un suo intercalare famoso, un modo di allungarsi la vita… la donna lo prese sul serio. Il vecchio non stava poi tanto male, aveva poco più di cinquant’anni, acciacchi lievi. Visse un anno in perfetta salute… Sbrigò il lavoro di sempre con nuovo vigore e buona lena. Dopo un anno esatto morì, senza accorgersene, davanti al fuoco. E dire che di anni poteva camparne altri venti o trenta.»

Poi, in attesa che la tormenta si sfogasse, raccontò un secondo aneddoto.

La Vivena, avendo scorto un fiaccheraio che procedeva per la sua strada, lo fermò con un cenno della mano.

Lui le domandò se avesse di che pagare. La Vivena vestiva del suo liso manto scuro ed era priva di bagagli. Levò il cappuccio, rivelandogli il volto. Non fece in tempo a pronunciare una parola che il vetturino bofonchiò: «Salite, prima che cambi idea!»

Non le domandò chi fosse, da dove venisse e questo la colpì.

Seduta sul retro e silenziosa, la donna percorse la strada fino al paese a bordo di un ballonzolante barroccio, il quale arrancava tra stradine strette e il terreno scabro, con i cerchi fuori dalla carreggiata,

Il fiaccheraio, poco loquace nel corso del tragitto, le confidò che riteneva sorprendente che i cavalli, durante il cammino incidentato, non si fossero agitati e che le ruote non fossero uscite dal loro asse. Eppure il terreno era fradicio e franoso a causa delle recenti piogge, più sconnesso che in precedenti occasioni.

«Mi avete portato fortuna, signora. Non è da tutti rabbonire le mie bestiole. Ora potete scendere, oltre non vi posso accompagnare.»

«Qual è il vostro più grande desiderio?» gli domandò lei, volendo ricompensare la cortesia.

«Semplice», le rispose diffidente, «ho da tornare sano e salvo dalla mia bella e ho ad attendermi il mio bicchiere di rosso. Altro non ho da cercare».

«Bene, accettate il mio consiglio. L’avete detto pure voi che ieri sera ha piovuto così tanto che è destino che le colline franino. Ma non sapete che le più pericolose e prossime a smottare appartengono al promontorio del Nord. Vi conviene evitarle e imboccare l’opposto versante. La strada è scomoda e lunga, ma non insidiosa. Procedete lentamente, non sforzate troppo i cavalli e vedrete che stasera, come avete domandato, giungerete sano e salvo dalla vostra famiglia e dal meritato bicchiere di vino.»

«… che berrò alla vostra salute» rispose lui.

Solo allora l’uomo comprese chi avesse davanti. Sbiancò nel considerare che se non l’avesse fatta salire… No, il buon uomo non ci voleva pensare. La Vivena non gli rivelò quindi che se le avesse domandato la ricchezza, gli avrebbe consentito di scovare dell’oro in gran quantità. Ne conservava una buona scorta proprio là, tra i poggi intrisi d’acqua più di una spugna, nei promontori del Nord.”  

Ineluttabilità, predestinazione, pathos, simbolismo, morale sono gli ulteriori ingredienti che fanno de IL PONTE DELLE VIVENE un ottimo romanzo dalla lettura scorrevole e dal ritmo serrato e incalzante.

Ma cos’è la Vivena in realtà? Questo essere il cui sguardo è senza tempo e al cui cospetto ci si scopre piccoli e nudi? È la sorte, il destino, il fato nella loro accezione più classica?

A mio avviso è l’unione dell’immanente con il trascendente, il D.N.A dell’universo, i corsi e i ricorsi della storia, il valicare l’invalicabile, l’essenza stessa dell’umana esistenza… in una parola: è il mistero della vita e ritengo che proprio su un così sconfinato ed alto concetto, Davide Dotto attraverso IL PONTE DELLE VIVENE, ci invita a riflettere.


Una recensione di Cinzia Baldini






Recensioni ed articoli relativi a Davide Dotto

(1) Il ponte delle Vivene di Davide Dotto - RECENSIONE

Testi di Davide Dotto pubblicati su Progetto Babele

Nessun record trovato

Altre recensioni di Cinzia Baldini

(1) Epiphaino di Guglielmo Campione - RECENSIONE
(2) Ukemì di Pia Barletta - RECENSIONE
(3) Incunabolo di Riccardo Merendi- Il Parere di PB
(4) La cripta dei teschi forati di Luigi Tortora - RECENSIONE
(5) Memorie di un ragazzo di borgata di Mario Rosati - RECENSIONE
(6) Il ritorno di Nibiru di Massimo Fratini - RECENSIONE
(7) Io sono respiro puro di Maria Fornaro - RECENSIONE
(8) Il lungo cammino del fulmine di Guglielmo Campione - RECENSIONE
(9) Brando Street. La scomparsa di una comparsa di Marisa Cecchetti - RECENSIONE
(10) L`odore della notte di Paolo DAnna - RECENSIONE
(11) Templar Order di Domizio Cipriani - RECENSIONE
(12) Il diciassettesimo Conte di Patrizia Marzocchi - RECENSIONE
(13) Le reliquie di Sarajevo di Paolo D Anna - RECENSIONE
(14) Malbianco di Sandro Capodiferro - RECENSIONE
(15) Peccaminosa di Sandro Capodiferro - RECENSIONE
>>Continua (click here)


 

Altre recensioni:






-

dal 2016-09-30
VISITE: 1491


© Copyright Note: Tutto il materiale qui pubblicato è proprietà intellettuale degli autori.
Come tale non può essere riprodotto, tutto o in parte, senza preventivo consenso degli autori stessi.