Progetto Babele Rivista Letteraria
© 2002 - Progetto Babele Rivista Letteraria - fondata da Marco R. Capelli
Audiolibri BookShop SCARICA O COMPRA I NUMERI ARRETRATI DELLA RIVISTA
HomePage Contatta PB Il gruppo di Progetto Babele su Facebook Seguici su Youtube Linkedin
TeleScrivente:    Anobii lascia Mondadori (30/05/2019)    I libri di PB, saldi di fine stagione (28/12/2018)    Nasce FIAMMIFERI, la nuova collana della casa editrice Pagine d’Arte (08/11/2018)    Concorso Letterario Nazionale di Ostia “500 PAROLE”: annunciati i 18 finalisti (27/09/2018)    Versante Ripido è morto? (27/09/2018)    [20/06/2019] 8 concorsi letterari in scadenza nei prossimi quattordici giorni    Premio Internazionale di Letteratura Città di Como scadenza 2019-06-20    Good Morning my future scadenza 2019-06-20    Antonietta Rongone scadenza 2019-06-25    Lo Splendore Del Talento - Scintille D’Arte - 2019 scadenza 2019-06-28    Cenerentola con gli stivali scadenza 2019-06-30    Elena M. Coppa scadenza 2019-06-30    Aneddoti dal cuore 2019 scadenza 2019-06-30    VERSI IN VOLO scadenza 2019-07-01    EVENTI, PRESENTAZIONI, CORSI, SEMINARI, FIERE E SPETTACOLI    AUDIOLIBRI     La porta di Cesarina Bo letto da Alberto Morella (Realizzato da Riccardo Cerutti)     La Strega di Marco R. Capelli letto da C. Fratarcangeli e S.Ferrara     Carrozza n.6 di Matteo Bertone letto da Samuele Arena     Fino alla fine dell`alba di Matteo Bertone letto da Samuele Arena     Hannah di Beppe Calabretta letto da Sandra Tedeschi    RECENSIONI     8 e un quarto di Paquito Catanzaro     Ho gettato Dio in pattumiera di Bruno Previtali     Insabel di Vera Ambra    I paradossi dell’esistenza di Laura Rapicavoli     Consigli dalla punk caverna: A noi punk non ci resta che Al Bano di Fabio Izzo    Il Parere di PB     Sandino Il generale degli uomini liberi di Maurizio Campisi    La gallina volante di Paola Mastrocola    Il 1848 e le cinque giornate di Milano di Antonio Monti     Rapsodia su un solo tema - Colloqui con Rafail Dvoinikov di Claudio Morandini    La vigilia di Natale di Maurizio Bassani    Articoli e saggi     Ernest Hemingway e le Isole Borromee     Jack London (1876-1916), ovvero il mare sfidato     La scienza dell’impresa secondo Filippo Picinelli (1604-1679): indagine sulle fonti dell’Introduzione al “Mondo Simbolico”.     Alla mia terra di Agane, campi e acque sorgive     Joseph Conrad ovvero il mare professionale    Racconti     La Strega di Marco R. Capelli     I bossoli dei fratelli James di Massimo Martinelli     Ambrosia per due di Francesco Nucera     Compagni di scuola di Maria cristina Pazzini     La via uruguagia alla felicità di Frank Iodice    Biografie     Svevo, Italo (1861-1928)     Deledda,Grazia (1871-1936)     Némirovsky,Irene (1903-1942)     Walsh, Rodolfo (1927-1977)     Sturluson, Snorri (1176-1241)    Traduzioni     Der Panther / La Pantera di Rainer Maria Rilke trad. di Paolo Esposito     Maternità trad. di Maria giovanna Varasano     L'oscurità amica trad. di Nicoletta Isola     Strana contrada trad. di Nicoletta Isola     Il silenzio del mare trad. di Nicoletta Isola    Poesie     Francesco di Eva Rando     Occhi di Luna di Elisabetta Santirocchi     Poesie Nuove (silloge) di Alberto Accorsi     Istantanea di Natascia Secchi     Gemme rare di Elisabetta Santirocchi    Cinema     Forbidden Voices - How to start a revolution with a laptop (Svizzera 2012) regia di Barbara Miller     Hamlet (UK - USA con Kenneth Branagh: Amleto Julie Christie: Gertrude Derek Jacobi: Claudio Kate Winslet: Ofelia 1996) regia di Kenneth Branagh     Becoming Jane (Con Anne Hathaway, James McAvoy, Julie Walters, Maggie Smith, James Cromwell 2007) regia di Julian Jarrold    Musica     Scimpanzè (2015) - Loris Dalì     FIN (2014) - - Thomas -     Chimera (2014) - Ottodix    
Email
PSWD
AddsZone
Save the Children Italia Onlus
Facebook
La Rivista
Copertina
Scarica gratuitamente
l'ultimo numero della rivista
Cart ARRETRATI
BookShop
PB Interactive
>>Stazione di servizio
Consigli & indirizzi per aspiranti scrittori
>>Telescrivente
Le NEWS di PB - quasi un Blog
>>L'angolo di Simone
Dedicato ai più piccoli
>>Piccolo spazio pubblicità
Le vostre inserzioni su PB
PB consiglia
Concorsi e premi letterari
30 concorsi in archivio
Eventi Mostre Presentazioni Spettacoli
0 eventi in archivio
Novità in libreria
NOVITA' IN LIBRERIA
6 novità in archivio
Assaggi
Le Recensioni
     

Brando Street. La scomparsa di una comparsa
di Marisa Cecchetti
Pubblicato su SITO


Anno 2010 - Discanti
Prezzo € 9,00 - 83 pp.
ISBN 9788895432106

Una recensione di Cinzia Baldini
VOTA QUESTO TESTO
Insufficiente Sufficiente Discreto Buono Ottimo

Votanti: 1359
Media 81.12 %



Brando Street. La scomparsa di una comparsa

Grazie all’autorizzazione speciale che mi è stata concessa dall’autrice Marisa Cecchetti che altri non è che la famosa e ricca giornalista che ha avuto per venti minuti, giusto il tempo di un’intervista, l’innegabile fortuna di conoscere il mitico Brando Strada o meglio conosciuto con il suo nome d’arte Brando Street, mi accingo a lasciare un modesto commento sulla “prima e unica biografia autorizzata di un artista, prematuramente scomparso nel 1980, ma più probabilmente… mai esistito”.

Non è facile assumermi l’onere e l’onore di recensire un simile lavoro, come credo che non sia stato semplice per l’autrice raccontare la vita modesta ed esagerata di questo immenso personaggio che ha lasciato un’impronta così vasta e significativa nel cinema, non solo italiano o americano, ma mondiale. Dopo di lui infatti, il buio e prima di lui… il buio, perché lui e solo lui, Brando Street, è riuscito a far funzionare i lampioni, perennemente spenti, del percorso che da Orvieto lo hanno portato a Los Angeles.

Comparendo e scomparendo come il ruolo di comparsa da lui stupendamente interpretato richiedeva, Brando Street ci lascia ammirati e ammaliati dalle sue gesta superbe quali la partecipazione al mai dimenticato “Il diplomato” un film del 1967 che parla di un ragazzo che va a scuola e si diploma. Brando era lo studente che stava seduto all’ultimo banco della classe di fianco a quella dove si svolgono le scene del film” o l’immortale “Ci sarà sempre il Nord” del 1968 in cui un marinaio, nonostante perda la bussola in navigazione, riesce a capire dov’è la direzione nord da seguire per giungere in Groenlandia. Il film fu un successo e vinse l’Oscar come miglior colonna sonora nel 1969”.

Così commenta l’interpretazione da manuale di Brando il regista che lo diresse: “Brando fu fantastico nell’interpretare il cadavere galleggiante e ghiacciato di un eschimese con la sua slitta in prossimità delle rive della Groenlandia”.

Il nome di Brando Street come la documentatissima giornalista, alias Marisa Cecchetti, ci fa sapere, fu anche una pietra miliare nel cinema comico. Nel film del 1969 diretto da Alien Walter “Fai l’elemosina e resta” in cui un uomo dà un dollaro a un barbone che sta seduto per terra a Rue Saint Germain a Parigi” il nostro, di cui riporto, per dovere e rispetto, le sue testuali parole “dovevo fare un passante di Rue Saint Germain e che i miei piedi avrebbero avuto un primo piano nel momento in cui passavo davanti al clochard”.

Come vedete ruoli impegnativi carichi di messaggi importanti dove persino la comicità diventa strumento di scambio intenso di emozioni positive tra il Brando Nazionale ed il suo pubblico internazionale.

Gli incontri importanti che la sua errante e faticosa attività di comparsa gli permisero di avere quali quelli con Dustin Hoffman che, “incrociandolo non lo vide affatto”, o con Charles Bronson che “non incontrò mai, ma notò che portava i baffetti”, diedero al suo carattere timido e allergico al cioccolato una scossa che lo rese sempre allergico al cioccolato e in seguito anche all’alcol.

L’incontro che segnerà la vita del bellissimo, seducente e ricchissimo Brando Street e qui sento, tra le righe della biografia riportata da Marisa Cecchetti una nota poco professionale di gelosia, sarà quello sul set di “Hate Geography” nel 1970, con la disinteressata Clayre che come riporta la biografia: ”la chiamai Betty, in ricordo del mio primo amore, e lei ne fu molto contenta”.  

Mai come in questo film che gli fece trovare l’amore di Clayre/Betty che gli cuciva il grembiule da bidello poiché Brando interpretava questa figura professionale seduto nel corridoio dell’università in cui “uno studente universitario che odia la geografia e quindi copia i compiti della vicina di banco della quale poi si innamora”, Brando dimostra la ricerca impressionante, costante e continua di un suo ruolo preciso nonchè della perfezione nel suo faticoso lavoro.

La sua versatilità artistica lo porta anche a girare “Primo Valzer a Caracas” un film pornografico le cui “scene erano un po’ spinte tanto che per due anni furono censurate” come disse lui stesso nell’intervista.

Ma il film che gli regalò l’immortalità artistica e lo innalzò agli altari della gloria è stato senza dubbio, come ci ricorda l’autrice della biografia, quello del 1972 dal titolo “Carota Manuale” che gli valse anche l’Oscar quale miglior comparsa.

La sua parte, di rilevanza assoluta per tutto il film consisteva nel tenere ”in mano l’annaffiatoio del giardino vicino a quello del protagonista”.

Tra gli altri films interpretati da Brando Street e ricordati nella sua biografia dalla informatissima giornalista Marisa Cecchetti ricordiamo il cult “Orecchio superficiale” del 1974 “la cui pellicola è stata messa al sicuro da ogni attacco nucleare e pronta per essere visionata dalle generazioni future o dagli extraterrestri” e il “Pesce Gatto” un thriller catastrofico, girato a Singapore all’interno della cucina di un ristorante giapponese, del 1975. Del 1979 è invece l’ultimo lavoro “Feet” un musical “che parla di un campo di fiori dove vivono delle persone che si lavano i piedi nel torrente premiato alla mostra del cinema di Cannes”.

Una vita breve, dunque, quella di un italico talento quale è Brando Street, ma vissuta intensamente e raccontata in maniera incredibilmente amabile e simpatica da Marisa Cecchetti nel suo “Brando Street: la scomparsa di una comparsa” che nessun lettore che si reputi tale potrà far mancare nella sua libreria.

Che dire di Marisa Cecchetti autrice reale del volumetto edito dalla Discanti Editore che sotto le mentite spoglie di giornalista in tenera età è riuscita a strappare l’intervista alla famosa stella scomparsa Brando Street mentre da Venezia, dopo aver tenuto una conferenza alla Mostra del Cinema, si apprestava a tornare a Los Angeles? Innanzi tutto una lode sperticata alla sua incredibile fantasia e i complimenti per l’originale stesura della immaginaria biografia in cui il sottile umorismo si sposa egregiamente con l’ottima capacità narrativa e la semplicità di scrittura.

Il mio giudizio? Una chicca letteraria che ho letto con gusto e con il sorriso sulle labbra che non posso non consigliare di leggere.         


Una recensione di Cinzia Baldini






Recensioni ed articoli relativi a Marisa Cecchetti

(1) Try rolling on my wheels di Marisa Cecchetti- Il Parere di PB
(2) Brando Street. La scomparsa di una comparsa di Marisa Cecchetti - RECENSIONE
(3) Nell'aria inquieta del Kalahari di Barolong Seboni - RECENSIONE
(4) Parole apparecchiate - storie da mangiare di A.A.V.V. - RECENSIONE
(5) Try rolling on my wheels di Marisa Cecchetti - RECENSIONE

Testi di Marisa Cecchetti pubblicati su Progetto Babele

Nessun record trovato

Altre recensioni di Cinzia Baldini

(1) Epiphaino di Guglielmo Campione - RECENSIONE
(2) Incunabolo di Riccardo Merendi- Il Parere di PB
(3) Memorie di un ragazzo di borgata di Mario Rosati - RECENSIONE
(4) Il ritorno di Nibiru di Massimo Fratini - RECENSIONE
(5) Io sono respiro puro di Maria Fornaro - RECENSIONE
(6) Il lungo cammino del fulmine di Guglielmo Campione - RECENSIONE
(7) L`odore della notte di Paolo DAnna - RECENSIONE
(8) Templar Order di Domizio Cipriani - RECENSIONE
(9) Il diciassettesimo Conte di Patrizia Marzocchi - RECENSIONE
(10) Le reliquie di Sarajevo di Paolo D Anna - RECENSIONE
(11) Malbianco di Sandro Capodiferro - RECENSIONE
(12) Il ponte delle Vivene di Davide Dotto - RECENSIONE
(13) Peccaminosa di Sandro Capodiferro - RECENSIONE
(14) Io e Simone di Valerio Nasetti - RECENSIONE
(15) L' ombra di Orione sulla storia dell'umanità di Fabio e Marco Garuti - RECENSIONE
>>Continua (click here)


 

Altre recensioni:






-

dal 2017-03-29
VISITE: 688


© Copyright Note: Tutto il materiale qui pubblicato è proprietà intellettuale degli autori.
Come tale non può essere riprodotto, tutto o in parte, senza preventivo consenso degli autori stessi.