Progetto Babele Rivista Letteraria
© 2002 - Progetto Babele Rivista Letteraria - fondata da Marco R. Capelli
Audiolibri BookShop SCARICA O COMPRA I NUMERI ARRETRATI DELLA RIVISTA
HomePage Contatta PB Il gruppo di Progetto Babele su Facebook Seguici su Youtube Linkedin
TeleScrivente:    SOSTENETE “ILCORSARONERO” RINNOVANDO L’ABBONAMENTO (07/09/2019)    Eugraphia seleziona opere per ragazzi (da sei a quindici anni) (05/09/2019)    Black Window: al via la seconda edizione! (24/06/2019)    Anobii lascia Mondadori (30/05/2019)    I libri di PB, saldi di fine stagione (28/12/2018)    [14/12/2019] 3 concorsi letterari in scadenza nei prossimi quattordici giorni    Festival Nazionale di Poesia per e dei Bambini scadenza 2019-12-14    La diversità dell'Italia scadenza 2019-12-20    Concorso Letterario Tre Colori scadenza 2019-12-20    EVENTI, PRESENTAZIONI, CORSI, SEMINARI, FIERE E SPETTACOLI    AUDIOLIBRI     La porta di Cesarina Bo letto da Alberto Morella (Realizzato da Riccardo Cerutti)     La Strega di Marco R. Capelli letto da C. Fratarcangeli e S.Ferrara     Quella casa sulla collina di Marcello Caccialanza letto da Alberto Sannazzaro     Fino alla fine dell`alba di Matteo Bertone letto da Samuele Arena     Carrozza n.6 di Matteo Bertone letto da Samuele Arena    RECENSIONI    I Figli di Dio di Glen Cooper    La cripta dei teschi forati di Luigi Tortora    Il Barone di Giuseppe Antonio Martino    Il Barone di Giuseppe Antonio Martino     Fossi in te io insisterei di Carlo Giuseppe Gabardini    Il Parere di PB     Cambi di prospettive di Ilaria Ferramosca     Express Tramway di Vittorio Baccelli     Promesse da marinaio di Daniele Filzi    Il lungo viaggio di Chaetodon Vagabundus di Francesco Sciortino    I buoni ed i cattivi frutti di Francesca Ricci    Articoli e saggi     Lorenzo Calogero, il “folle” medico-poeta di Melicuccà     Congiunzione e disgiunzione in Eugenio Montale     Ernest Hemingway e le Isole Borromee     Lingua e poesia nelle opere di Nino De Vita     Jack London (1876-1916), ovvero il mare sfidato    Racconti     Fonzo di Don pompeo Mongiello     Sembra avere un senso… di Carla Montuschi     Qualcosa è cambiato di Milos Fabbri     The Unknown Victim di John gerard Sapodilla     Identità riservata di Cinzia Baldini    Biografie     Svevo, Italo (1861-1928)     Deledda,Grazia (1871-1936)     Némirovsky,Irene (1903-1942)     Walsh, Rodolfo (1927-1977)     Sturluson, Snorri (1176-1241)    Traduzioni     Der Panther / La Pantera di Rainer Maria Rilke trad. di Paolo Esposito     Maternità trad. di Maria giovanna Varasano     Il silenzio del mare trad. di Nicoletta Isola     Strana contrada trad. di Nicoletta Isola     L'oscurità amica trad. di Nicoletta Isola    Poesie     Francesco di Eva Rando     Occhi di Luna di Elisabetta Santirocchi     Assenzio di Sandro Lillo Spallino     Poesie Nuove (silloge) di Alberto Accorsi     Istantanea di Natascia Secchi    Cinema     Forbidden Voices - How to start a revolution with a laptop (Svizzera 2012) regia di Barbara Miller     The Blind Side (USA - con Sandra Bullock: Leigh Anne Tuohy Tim McGraw: Sean Tuohy Quinton Aaron: Michael Oher Jae Head: S.J. Tuohy Kathy Bates: Miss Sue 2010) regia di John Lee Hancock     Becoming Jane (Con Anne Hathaway, James McAvoy, Julie Walters, Maggie Smith, James Cromwell 2007) regia di Julian Jarrold    Musica     Scimpanzè (2015) - Loris Dalì     FIN (2014) - - Thomas -     Chimera (2014) - Ottodix    
Email
PSWD
AddsZone
Save the Children Italia Onlus
Arretrati
La Rivista
Copertina
Scarica gratuitamente
l'ultimo numero della rivista
Cart ARRETRATI
BookShop
PB Interactive
>>Stazione di servizio
Consigli & indirizzi per aspiranti scrittori
>>Telescrivente
Le NEWS di PB - quasi un Blog
>>L'angolo di Simone
Dedicato ai più piccoli
>>Piccolo spazio pubblicità
Le vostre inserzioni su PB
PB consiglia
Concorsi e premi letterari
28 concorsi in archivio
Eventi Mostre Presentazioni Spettacoli
0 eventi in archivio
Novità in libreria
NOVITA' IN LIBRERIA
6 novità in archivio
Assaggi
Le Recensioni
     

Ho gettato Dio in pattumiera
di Bruno Previtali
Pubblicato su SITO


Anno 2008 - EdiGiò
Prezzo € 15,50 - 146 pp.
ISBN 9788862051422

Una recensione di Salvo Ferlazzo
VOTA QUESTO TESTO
Insufficiente Sufficiente Discreto Buono Ottimo

Votanti: 40
Media 80 %



Ho gettato Dio in pattumiera

[Quattro racconti veri, quattro schizzi narrativi di lucida e cruda denuncia di alcuni dei drammi quotidiani più inquietanti dell’esistere contemporaneo: dalla sorda sopraffazione a danno dei più deboli alla dannazione senza redenzione di chi non ha voce, dal talvolta difficile compromesso dell’essere donna alle desolanti contraddizioni della Chiesa, dallo spettro sinistro delle sette sataniche al confronto irriducibile fra progresso e tradizione. Una scrittura ispirata non già ai grandi miti dello stile per lo stile, bensì alla naturale povertà delle cose ed al bisogno di dar voce a verità troppo spesso nascoste. (Quarta di copertina)]

Nelle quiete stanze del potere spirituale, Alessandro cerca di far sentire la sua voce. Ripete a sé stesso che questa Chiesa non può rimanere sorda alla sua invocazione.

Perché Alessandro è un credente, perché Alessandro crede nell’alto magistero della Chiesa e nel suo regolamento. Nonostante tutto, la sua voce non riesce a superare la mura pietrine. Anzi, il più delle volte, viene percepita come un disturbo che non merita risposta.

Alessandro crede, la moglie, Fiorella, no; lui non si limita ad affermare e dimostrare la sua fede: vuole verificarla. E si avventura in questa sua verifica con giustificata razionalità: quella stessa razionalità che si manifesta nella pratica di una fede audace. Tra questa e la fede in Dio, Alessandro riesce a cogliere un nesso strettissimo.

Un fitto carteggio. Una lettera, tra le tante, viene pubblicata su un settimanale cattolico. Una frase sicuramente colpisce chi legge,”…rivedere il rapporto con Dio, cercando di riportare la nostra vita nella verità”, a cui fa seguito una serie di considerazioni, più o meno condivisibili da parte di un cattolico osservante e praticante qual è Alessandro. Manca, però, la chiarezza, la definitiva chiarezza che dovrebbe stare nella risposta.

Il figlio di Dio non solidarizzò con i poveri, i peccatori, gli immorali? E questo che sembra, e lo è, un atto di ribellione non è un gesto che promuove l’amore? Quell’amore che permette, nello stesso istante, di essere  pii e razionali, che afferma la sua supremazia senza escludere nessuno, neppure il “nemico”.

È lo stesso figlio di Dio che annuncia non le sanzioni, ma il perdono di Dio, assolutamente gratuito, che non esita ad accordare a tutti, aprendo così la via alla conversione e al perdono reciproco tra gli uomini.

Alessandro comincia a dubitare fino al punto da chiamare in causa la propria coscienza di cristiano, cattolico, chiedendosi le ragioni del silenzio, l’assenza di risposte che rimanevano confinate entro i sacri confini vaticani.

“Nemo habet de suo, nisi mendacium et peccatum.”, afferma il grande vescovo di Ippona. Ma, ci si domanda: ”la sua condizione è sufficientemente perché attraverso la penitenza egli possa accostarsi, domani, all’eucarestia?”. Il ”verbo” mediatore gli avrebbe offerto la grazia?

Il Santo Padre, unitamente agli Enti Ecclesiastici preposti per la difesa della dottrina della fede e al settimanale, vengono investiti del problema. Anche questa volta “…il silenzio sembra un tacito quanto imbarazzante accordo”.

Negli Atti (10.43) si legge:” chiunque crede in Lui ottiene la remissione dei peccati per mezzo del suo nome”.

Non è questo, forse, un dono che Dio fa della sua grazia, un dono che promana dalla sua generosità? E la grazia è gratuita.

Appare evidente il contrasto tra quanto viene diffuso dal Magistero della Chiesa, tramite i suoi servitori, e quanto, invece, promana dalla parola di Dio.

Nella vicenda di Alessandro, il silenzio assordante della Chiesa, nella sua interezza, impedisce alla Fede il cammino verso la Grazia.

Né è pensabile che la legge degli uomini possa sottoporre a procedimento una tale scelta.

Ci si muove, così, in un ambito molto ristretto: processare la discriminazione? Processare il significato inquisitorio delle risposte, anche quelle non date?

Alessandro deve restare vittima di un uso coloniale della catechesi, intesa come simbolo di pace, di tolleranza, simbolo riassuntivo delle nostre virtù e dei nostri buoni sentimenti.

C’è il tentativo, di una parte cospicua della Chiesa, di spuntare le armi di Dio opponendo al crocifisso che unifica, il crocifisso contundente, quello che offende con la sua indotta aggressività, quello che intende sugellare una supposta superiorità, le qualità di una parte della gente del mondo. Pochi sanno, e Alessandro probabilmente è tra questi, che il crocifisso, Dio, non si intrufolano tra le mura domestiche o tra le pieghe maleodoranti di dorate virtù, ma cerca, come dicevo, i peccati, l’ingiustizia, propugnando la ripulsa verso ogni crimine, sotto qualunque veste esso si presenti, riconducendo la nostra vita verso un comportamento più decoroso.

Forse, è significativo parlare dell’ “ira di Dio” quando cielo e terra si confondono, e l’uomo diventa protagonista di cataclismi, rovina, e campi di concentramento.

Bruno Previtali, una vita dedicata a raccontare, a radiografare l’animo umano, come si è spesso detto del suo peculiare modo di fare letteratura, sempre a cavallo fra narrativa e cronaca. Autore di numerose opere narrative fra cui Il gelso insanguinato, L’uomo dimenticato, La casa di cera, Il mondo degli acefali, Storie d’amore e di crudeltà, e della silloge poetica Radiografia dell’anima. Ha ricevuto negli anni numerosi premi e riconoscimenti.


Una recensione di Salvo Ferlazzo






Recensioni ed articoli relativi a Bruno Previtali

(1) Ho gettato Dio in pattumiera di Bruno Previtali - RECENSIONE

Testi di Bruno Previtali pubblicati su Progetto Babele

Nessun record trovato

Altre recensioni di Salvo Ferlazzo

(1) La vigilia di Natale di Maurizio Bassani- Il Parere di PB
(2) Le vie dei ritorni di Luciana Caranci- Il Parere di PB
(3) Quando i media staccano la spina di Gilberto Mastromatteo- Il Parere di PB
(4) La marina del mio passato di Alejandro Torreguitart Ruiz- Il Parere di PB
(5) Non si sa mai di Donatella Placidi- Il Parere di PB
(6) Il ghiaccio nei tubi del verderame di Tito Ettore Preioni- Il Parere di PB
(7) L' ottavo giorno della settimana di Roberto Stranieri- Il Parere di PB
(8) Tre semplici sconosciuti di Andrea Franco- Il Parere di PB
(9) I sessanta nomi dell'amore di Tahar Lamri- Il Parere di PB
(10) Il confine invisibile di Alfio Cataldo Di Battista- Il Parere di PB
(11) Transit di Abdourahman A.Waberi- Il Parere di PB
(12) La collezionista ovvero la Sindrome di Babbo Natale di Chiara de Luca- Il Parere di PB
(13) Mai - Linkami l'immagine di Leonardo Marini - Carmine De Falco- Il Parere di PB
(14) Di mostrare le cose a parole di Giovanni Di Muoio- Il Parere di PB
(15) Il Gigante di Marco Roberto Capelli- Il Parere di PB


 

Altre recensioni:






-

dal 2019-05-27
VISITE: 329


© Copyright Note: Tutto il materiale qui pubblicato è proprietà intellettuale degli autori.
Come tale non può essere riprodotto, tutto o in parte, senza preventivo consenso degli autori stessi.