Progetto Babele Rivista Letteraria
© 2002 - Progetto Babele Rivista Letteraria - fondata da Marco R. Capelli
Audiolibri BookShop SCARICA O COMPRA I NUMERI ARRETRATI DELLA RIVISTA
HomePage Contatta PB Il gruppo di Progetto Babele su Facebook Seguici su Youtube Linkedin
TeleScrivente:    SOSTENETE “ILCORSARONERO” RINNOVANDO L’ABBONAMENTO (07/09/2019)    Eugraphia seleziona opere per ragazzi (da sei a quindici anni) (05/09/2019)    Black Window: al via la seconda edizione! (24/06/2019)    Anobii lascia Mondadori (30/05/2019)    I libri di PB, saldi di fine stagione (28/12/2018)    [15/11/2019] 2 concorsi letterari in scadenza nei prossimi quattordici giorni    Raccontami, o Musa... scadenza 2019-11-15    Nika Georgievna Turbina 1974 - 2002 scadenza 2019-11-20    EVENTI, PRESENTAZIONI, CORSI, SEMINARI, FIERE E SPETTACOLI    AUDIOLIBRI     La porta di Cesarina Bo letto da Alberto Morella (Realizzato da Riccardo Cerutti)     La Strega di Marco R. Capelli letto da C. Fratarcangeli e S.Ferrara     Quella casa sulla collina di Marcello Caccialanza letto da Alberto Sannazzaro     Fino alla fine dell`alba di Matteo Bertone letto da Samuele Arena     Carrozza n.6 di Matteo Bertone letto da Samuele Arena    RECENSIONI    I Figli di Dio di Glen Cooper    La cripta dei teschi forati di Luigi Tortora    Il Barone di Giuseppe Antonio Martino    Il Barone di Giuseppe Antonio Martino     Fossi in te io insisterei di Carlo Giuseppe Gabardini    Il Parere di PB     Cambi di prospettive di Ilaria Ferramosca     Express Tramway di Vittorio Baccelli     Promesse da marinaio di Daniele Filzi    Il lungo viaggio di Chaetodon Vagabundus di Francesco Sciortino    I buoni ed i cattivi frutti di Francesca Ricci    Articoli e saggi     Lorenzo Calogero, il “folle” medico-poeta di Melicuccà     Congiunzione e disgiunzione in Eugenio Montale     Ernest Hemingway e le Isole Borromee     Lingua e poesia nelle opere di Nino De Vita     Jack London (1876-1916), ovvero il mare sfidato    Racconti     Fonzo di Don pompeo Mongiello     Sembra avere un senso… di Carla Montuschi     Qualcosa è cambiato di Milos Fabbri     The Unknown Victim di John gerard Sapodilla     Identità riservata di Cinzia Baldini    Biografie     Svevo, Italo (1861-1928)     Deledda,Grazia (1871-1936)     Némirovsky,Irene (1903-1942)     Walsh, Rodolfo (1927-1977)     Sturluson, Snorri (1176-1241)    Traduzioni     Der Panther / La Pantera di Rainer Maria Rilke trad. di Paolo Esposito     Maternità trad. di Maria giovanna Varasano     Il silenzio del mare trad. di Nicoletta Isola     Strana contrada trad. di Nicoletta Isola     L'oscurità amica trad. di Nicoletta Isola    Poesie     Francesco di Eva Rando     Occhi di Luna di Elisabetta Santirocchi     Assenzio di Sandro Lillo Spallino     Poesie Nuove (silloge) di Alberto Accorsi     Istantanea di Natascia Secchi    Cinema     Forbidden Voices - How to start a revolution with a laptop (Svizzera 2012) regia di Barbara Miller     The Blind Side (USA - con Sandra Bullock: Leigh Anne Tuohy Tim McGraw: Sean Tuohy Quinton Aaron: Michael Oher Jae Head: S.J. Tuohy Kathy Bates: Miss Sue 2010) regia di John Lee Hancock     Becoming Jane (Con Anne Hathaway, James McAvoy, Julie Walters, Maggie Smith, James Cromwell 2007) regia di Julian Jarrold    Musica     Scimpanzè (2015) - Loris Dalì     FIN (2014) - - Thomas -     Chimera (2014) - Ottodix    
Email
PSWD
AddsZone
Save the Children Italia Onlus
View Redazione Babele's profile on LinkedIn
La Rivista
Copertina
Scarica gratuitamente
l'ultimo numero della rivista
Cart ARRETRATI
BookShop
PB Interactive
>>Stazione di servizio
Consigli & indirizzi per aspiranti scrittori
>>Telescrivente
Le NEWS di PB - quasi un Blog
>>L'angolo di Simone
Dedicato ai più piccoli
>>Piccolo spazio pubblicità
Le vostre inserzioni su PB
PB consiglia
Concorsi e premi letterari
30 concorsi in archivio
Eventi Mostre Presentazioni Spettacoli
0 eventi in archivio
Novità in libreria
NOVITA' IN LIBRERIA
6 novità in archivio
Assaggi
Le Recensioni
     

Nuvole
di Norma D'Alessio
Pubblicato su SITO


Anno 2004 - Ed. Oèdipus


Una recensione di Fortuna Della Porta
VOTA QUESTO TESTO
Insufficiente Sufficiente Discreto Buono Ottimo

Votanti: 11663
Media 79.61 %


La discesa nei luoghi oscuri della psiche, dove la genetica, un trauma o anche la malattia creano i mostri che talora infestano la condotta umana, ci consegna, in questo nuovo lavoro di Norma D’Alessio Nuvole, il ritratto impietoso e sgradevole di un individuo violento fino all’omicidio.
Con la meticolosità di un ricercatore, l’autrice annoda i fili del suo personaggio dall’infanzia tormentata, alla vita da adulto sessualmente insaziabile e aggressiva fino al sadismo, alla maturità in vero mai raggiunta, aggravata poi dalla condanna di una malattia incurabile e ogni particolare evolve nel rispetto della lezione psicanalitica, che fa del protagonista, pur nei caratteri dell’abbrutimento e della negatività, una costruzione letteraria non solo plausibile ma addirittura esemplare.
Ma nell’assetto psicologico di Silvio si può rilevare anche un connotato sociologico, quale prodotto del decadimento dei valori collettivi dell’occidente, nell’attuale fase storica che confeziona i suoi modelli nell’apparenza, nella bellezza fisica e nel far soldi in qualunque maniera.
Inoltre la formazione scientifica dell’autrice, che è medico, consegna altre qualità alla scrittura che insegue il personaggio nelle sue devastanti emicranie o nell’urgenza e liberazione del suo desiderio con un approccio per così dire tecnico, per l’efficacia della descrizione sintomatica e lo sguardo veloce e asettico, anche quando il riferimento sessuale oltre che esplicito diventa maniacale e ossessivo.
Sin dalle prime pagine, per tali peculiarità, si viene spesso trasportati in un’atmosfera irrespirabile, a tratti claustrofobica, che a momenti ricorda certi ambiti angoscianti alla S. King, nel vorticoso dipanarsi della pagina, continuamente intessuta di presente e passato, perché la rievocazione dell’infanzia si dipana nei ragionamenti di Silvio attraverso un continuo flash back.
L’abilità della D. crea e mantiene fino all’ultimo una particolare tensione che sostiene la narrazione e che impegola il lettore il quale non può staccarsi dalla pagina fino allo scioglimento finale.
Ritengo, questa, la sezione del romanzo più convincente e meglio riuscita.
Nella seconda parte, che principia col rimorso crescente per l’omicidio involontariamente commesso, il protagonista, nel dolore per il delitto, matura una sorta di autocritica e quindi di rigenerazione, recuperando il rapporto logorato con la moglie, i figli e la tata che lo ha cresciuto come lo avesse partorito.
Disincanto e pessimismo sulla condizione umana si deducono pure da una lettura superficiale. I rapporti interpersonali, anche all’interno di una coppia e di un nucleo familiare, non includono la percezione e la condivisione del groviglio che ciascuno annoda dentro di sé. Nessun essere umano è tuttavia pacificato neanche con se stesso, alla ricerca di luoghi di serenità, che Silvio pone in mezzo alle nuvole, nell’incoscienza della vita prenatale o addirittura dopo la morte. Solo nelle condizioni di assenza di pensiero, ossia di riflessione sul proprio destino, si può sperare di far tacere il rovello che ci pungola dalla nascita all’ultimo giorno di vita.
Fissare le nuvole mi piace tanto, mi calma. Mi distende. Mi fa pensare alla vita fetale. Doveva essere bello starsene in quel mare di acqua, senza udire niente, o meglio udendo i rumori smorzati, come suoni che ti arrivano da lontano…dondolando la testa, succhiando un ditino…Ma gli occhi, come sono gli occhi quando si sta nel ventre, aperti o chiusi? E le ciglia, ci sono già le ciglia?
La ricerca dei sensi che l’essere umano subisce come una fatalità è sempre seguita purtroppo dal silenzio, come l’autrice evidenzia anche nella poesia scelta per l’epigrafe.
Il libro poi ha un andamento quasi visivo per l’attenzione a ogni particolare, compresi i capi di vestiario. E’, infatti, romanzo di movimento, localizzato in ambienti e città diverse, in situazioni in cui anche la meteorologia è ben sottolineata, oltre che racconto di finezze psicologiche. Ancora questa caratteristica è collegata ad altri talenti della D., anche pittrice, come dimostra l’illustrazione in copertina che ha curato personalmente, attitudine che fa immaginare in lei abilità nel dare concretezza e spessore alla scena ancora prima o contemporaneamente alla posa in opera delle parole.
Un ulteriore positivo richiamo merita lo stile, asciutto e veloce, con un periodare breve e un’aggettivazione contenuta, sorretto inoltre dall’ottima capacità di incardinare il dialogo.
Un’opera dunque matura e smaliziata, dall’impianto narrativo in senso lato non banale, che merita un lungo cammino e visibilità.


Una recensione di Fortuna Della Porta






Recensioni ed articoli relativi a Norma D'Alessio

(1) Nuvole di Norma D'Alessio - RECENSIONE

Testi di Norma D'Alessio pubblicati su Progetto Babele

Nessun record trovato

Altre recensioni di Fortuna Della Porta

(1) Sorso di notte potabile di Flaminia Cruciani - RECENSIONE
(2) La nuova poesia modernista italiana di Giorgio Linguaglossa - RECENSIONE
(3) Nascosta e lo Specchio di Maria Carla Trapani - RECENSIONE
(4) Mosca più balena di Valeria Parrella - RECENSIONE
(5) La memoria dell'acqua di Antonio Messina - RECENSIONE
(6) Lettera da Francoforte di Edith Bruck - RECENSIONE
(7) Letteratura al femminile: Dodici di Vanessa Jones - RECENSIONE


 

Altre recensioni:






-

dal 2006-05-12
VISITE: 17964


© Copyright Note: Tutto il materiale qui pubblicato è proprietà intellettuale degli autori.
Come tale non può essere riprodotto, tutto o in parte, senza preventivo consenso degli autori stessi.