Progetto Babele Rivista Letteraria
© 2002 - Progetto Babele Rivista Letteraria - fondata da Marco R. Capelli
Audiolibri BookShop SCARICA O COMPRA I NUMERI ARRETRATI DELLA RIVISTA
HomePage Contatta PB Il gruppo di Progetto Babele su Facebook Seguici su Youtube Linkedin
TeleScrivente:    SOSTENETE “ILCORSARONERO” RINNOVANDO L’ABBONAMENTO (07/09/2019)    Eugraphia seleziona opere per ragazzi (da sei a quindici anni) (05/09/2019)    Black Window: al via la seconda edizione! (24/06/2019)    Anobii lascia Mondadori (30/05/2019)    I libri di PB, saldi di fine stagione (28/12/2018)    [18/10/2019] 4 concorsi letterari in scadenza nei prossimi quattordici giorni    “Linee di Paesaggio” scadenza 2019-10-28    Concorso per artisti emergenti scadenza 2019-10-30    Motori & Passioni scadenza 2019-10-31    Ve- Leggiamo scadenza 2019-10-31    EVENTI, PRESENTAZIONI, CORSI, SEMINARI, FIERE E SPETTACOLI    AUDIOLIBRI     La porta di Cesarina Bo letto da Alberto Morella (Realizzato da Riccardo Cerutti)     La Strega di Marco R. Capelli letto da C. Fratarcangeli e S.Ferrara     Quella casa sulla collina di Marcello Caccialanza letto da Alberto Sannazzaro     Fino alla fine dell`alba di Matteo Bertone letto da Samuele Arena     Carrozza n.6 di Matteo Bertone letto da Samuele Arena    RECENSIONI    I Figli di Dio di Glen Cooper    La cripta dei teschi forati di Luigi Tortora    Il Barone di Giuseppe Antonio Martino    Il Barone di Giuseppe Antonio Martino     Fossi in te io insisterei di Carlo Giuseppe Gabardini    Il Parere di PB     Cambi di prospettive di Ilaria Ferramosca     Express Tramway di Vittorio Baccelli     Promesse da marinaio di Daniele Filzi    Il lungo viaggio di Chaetodon Vagabundus di Francesco Sciortino    I buoni ed i cattivi frutti di Francesca Ricci    Articoli e saggi     Lorenzo Calogero, il “folle” medico-poeta di Melicuccà     Congiunzione e disgiunzione in Eugenio Montale     Ernest Hemingway e le Isole Borromee     Lingua e poesia nelle opere di Nino De Vita     Jack London (1876-1916), ovvero il mare sfidato    Racconti     Fonzo di Don pompeo Mongiello     Sembra avere un senso… di Carla Montuschi     Qualcosa è cambiato di Milos Fabbri     The Unknown Victim di John gerard Sapodilla     Identità riservata di Cinzia Baldini    Biografie     Svevo, Italo (1861-1928)     Deledda,Grazia (1871-1936)     Némirovsky,Irene (1903-1942)     Walsh, Rodolfo (1927-1977)     Sturluson, Snorri (1176-1241)    Traduzioni     Der Panther / La Pantera di Rainer Maria Rilke trad. di Paolo Esposito     Maternità trad. di Maria giovanna Varasano     Il silenzio del mare trad. di Nicoletta Isola     Strana contrada trad. di Nicoletta Isola     L'oscurità amica trad. di Nicoletta Isola    Poesie     Francesco di Eva Rando     Occhi di Luna di Elisabetta Santirocchi     Assenzio di Sandro Lillo Spallino     Poesie Nuove (silloge) di Alberto Accorsi     Istantanea di Natascia Secchi    Cinema     Forbidden Voices - How to start a revolution with a laptop (Svizzera 2012) regia di Barbara Miller     The Blind Side (USA - con Sandra Bullock: Leigh Anne Tuohy Tim McGraw: Sean Tuohy Quinton Aaron: Michael Oher Jae Head: S.J. Tuohy Kathy Bates: Miss Sue 2010) regia di John Lee Hancock     Becoming Jane (Con Anne Hathaway, James McAvoy, Julie Walters, Maggie Smith, James Cromwell 2007) regia di Julian Jarrold    Musica     Scimpanzè (2015) - Loris Dalì     FIN (2014) - - Thomas -     Chimera (2014) - Ottodix    
Email
PSWD
AddsZone
Save the Children Italia Onlus
Angolo di SImone
La Rivista
Copertina
Scarica gratuitamente
l'ultimo numero della rivista
Cart ARRETRATI
BookShop
PB Interactive
>>Stazione di servizio
Consigli & indirizzi per aspiranti scrittori
>>Telescrivente
Le NEWS di PB - quasi un Blog
>>L'angolo di Simone
Dedicato ai più piccoli
>>Piccolo spazio pubblicità
Le vostre inserzioni su PB
PB consiglia
Concorsi e premi letterari
32 concorsi in archivio
Eventi Mostre Presentazioni Spettacoli
0 eventi in archivio
Novità in libreria
NOVITA' IN LIBRERIA
5 novità in archivio
Assaggi
Le Recensioni
     

Non prima di te
di Paolo Scriboni
Pubblicato su SITO


Anno 2011 - Rupe Mutevole Edizioni
Prezzo € 10,00 - 60 pp.
ISBN 9788865910160

Una recensione di Alessandra Di gregorio
VOTA QUESTO TESTO
Insufficiente Sufficiente Discreto Buono Ottimo

Votanti: 8185
Media 79.84 %



Non prima di te

La letteratura leggera odierna si è specializzata, in Italia, specie negli ultimi anni, nel racconto di storie d’amore in linea col ‘tempo delle mele’, vale a dire nel racconto improntato sull’adolescenza dei protagonisti, un’epoca esistenziale in cui i sentimenti appaiono il più delle volte definitivi – quando poi tutto sono fuorché quello, ed è il tempo, in genere, a dare prova e testimonianza di quanto in realtà i cicli della vita siano molto più complessi di così. Anche in passato la scelta dei protagonisti è caduta quasi sempre su rappresentanti di epoche verdi, in quanto la gioventù è da sempre il vessillo del cambiamento e del rinnovamento, ovvero del ‘tutto può ancora essere’.

Scriboni, invece, scrittore romano cinquantenne, si cimenta, a differenza della scuola per così dire d’impostazione ‘mocciana’, in non prima di te, un racconto breve; in sostanza il racconto dell’amore maturo, del ‘cosa c’è dopo, quando è tempo di tirare le somme’. Un racconto dedicato a un’età generalmente – per così dire – poco apprezzata anche nelle lettere.

È interessante innanzitutto chiedersi cosa, di preciso, abbia spinto lo scrittore a scegliere di parlare di questo tipo di amore; l’amore visto provato e riscoperto da un protagonista in là con gli anni, dunque in vena soprattutto di analisi del passato, piuttosto che approcciare, magari con le stesse finalità e probabilmente un riscontro più immediato, una storia basata su avvenimenti che maturano nel corso della narrazione. Sì perché quando a parlare è qualcuno che ha un vissuto nato e sviluppatosi prima dell’avvento della narrazione, il Lettore sa che sta ‘ascoltando’ gli antecedenti del personaggio; sa che si sta aprendo, ad opera del Narratore, uno squarcio nel tessuto temporale della vita del protagonista, e da lì è in grado di capire cos’è avvenuto prima dell’istante in cui egli è stato colto dalla penna dello scrittore (come in una istantanea). Di contro, quando i personaggi sono giovani, tutto è in divenire, la storia si forma una pagina alla volta, e la spinta alla vita – per quanto romanzata – è molto più palese. Il racconto così tende ad essere lineare. La formazione avviene, non è subìta né tantomeno ricordata.

Scriboni, invece, più che essere lineare è essenziale, e se da un lato fa guardare Marcello al passato, dall’alto di una vecchiaia tutto sommato serena, è anche in grado di proporre una chiave di lettura o meglio una visione, del presente, che sfugge un po’ alle tradizionali ottiche ed interpretazioni rintracciabili nei libri attuali. Marcello, infatti, butta un occhio al passato guardando all’amore per la defunta moglie Annika, alla nascita dei figli, all’amico Maurizio, ai rimpianti, ai cambiamenti grandi e piccoli della sua esistenza, e al tempo stesso racconta il presente senza nascondere niente; la vecchiaia è descritta senza timori, e c’è profonda consapevolezza anche di quegli aspetti per così dire ‘imbarazzanti’ e limitanti, che posti di fronte al resto del mondo (e il resto del mondo sono i medici, i volontari, le infermiere, i parenti eccetera), diventano i grandi e piccoli segnali dell’incalzare del tempo e dell’oblìo cui si sta andando rapidamente incontro.

Il tutto avviene sicuramente attraverso una scrittura elegante, minima, che racchiude, in un tracciato molto semplice, non iperbolico, pensieri di natura schietta e condivisibile.

Marcello, ormai in pensione, si è ritirato in una casa di cura, pur non avendo alcun male in particolare, ed essendo ancora autosufficiente, seppure spesso una sorta di nebbia prenda a nascondergli i pensieri, i ricordi. Egli è ben cosciente del fatto che un anziano quando si ritira è solo per avviarsi, con più dignità possibile (se ne ha la possibilità fisica e non), verso il tramonto della vita, e dunque tirare le somme diventa un momento importante della giornata, un istante che si protrae deliberatamente fino a che si può.

L’età non cancella il carattere – questo è certo – e dunque la personalità non si annulla, anche se gli spigoli spesso si smussano o al contrario si acuiscono. Tuttavia lui non è del tutto passivo, in questi frangenti. Per quanto la sua lucidità gli lasci inquadrare con disincanto e disagio tutte quelle situazioni, anche all’interno della struttura in cui si trova, che proprio non gli vanno a genio, e i comportamenti che giudica non coerenti, egli non è immune al sentimento e alla tenerezza. Dall’alto di una maturità comprovata soprattutto dal fatto che il tempo è stato in grado di mettere un segno netto tra il suo primo e il suo durante, pur vicino al finale, Marcello ritrova l’amore e ne gode fino a che può. Un amore discreto, l’amore che colma il cuore di quella felicità indispensabile alla vita, di cui però era ormai privo da tempo.

Scriboni, come in tutto il libro, affronta anche questa parte della storia con un tatto straordinario, rivelando, attraverso Marcello, tratti sicuramente non secondari del proprio carattere. Impossibile mentire quando si ha a che fare con un racconto privo di finzione letteraria. L’animo non lo puoi barattare con nessuna più o meno supposta capacità di rielaborazione finzionale della realtà, e così è per questo autore – da qui il sospetto che il tema scelto per il suo ultimo libro abbia a che fare con qualcosa a lui molto caro, con un trascorso che gli è proprio. Egli non si sforza minimamente di imbastire una trama classicamente intesa e per non apparire laconico o banale, o sfidare le proprie capacità, lascia che il racconto sia esattamente quello che è; il libro è fatto di una serie di cornici, e anche se Marcello non sopravvivrà molto a lungo alla perdita della sua adorata Isa, e il Lettore proverà un naturale sentimento di identificazione per la solitudine del protagonista e l’intera condizione di fragilità umana cui tutti, nei libri e non, siamo sottomessi, è nelle parole dello stesso Marcello per il giovane personal trainer della clinica (con cui si conclude il libro), che sono racchiusi tutto il senso di una vita e gli insegnamenti tipici di chi – età anagrafica o no – è in possesso di un cuore capace di sopravvivere a tutti i tipi di morte.


Una recensione di Alessandra Di gregorio






Recensioni ed articoli relativi a Paolo Scriboni

(1) Non prima di te di Paolo Scriboni - RECENSIONE

Testi di Paolo Scriboni pubblicati su Progetto Babele

Nessun record trovato

Altre recensioni di Alessandra Di gregorio

(1) Il verme (Una favola moderna) di Gionata Soldatini- Il Parere di PB
(2) Cavalcando il bene e il male di Antonio Rubino- Il Parere di PB
(3) Via Crucis per corpo e anima svestita di Francesca Mazzuccato- Il Parere di PB
(4) Qualche lontano amore di Carla De Bernardi - RECENSIONE
(5) Sul filo di lama di Marcellino Lombardi - RECENSIONE
(6) Sangue di rosa scarlatta di Vittorio Graziosi - RECENSIONE
(7) Tu non sei bionda di Lupo77, Desta83 - RECENSIONE
(8) Parole di fuoco di Daniela Montanari - RECENSIONE
(9) Terra silenziosa di Alberto Scuderi - RECENSIONE
(10) Donne senza fede di Daniela Montanari - RECENSIONE
(11) Antimateria di Andrea Blu - RECENSIONE
(12) Mi mancano i plugin di Emanuele Serra - RECENSIONE
(13) Per Elisa di Azzurra Mangani - RECENSIONE
(14) Dus Dopo una sbronza di Gionata Soldatini - RECENSIONE
(15) Dolcetti e Scherzetti di a cura di Matt Bernstain Sycamore - RECENSIONE
>>Continua (click here)


 

Altre recensioni:






-

dal 2011-01-29
VISITE: 12513


© Copyright Note: Tutto il materiale qui pubblicato è proprietà intellettuale degli autori.
Come tale non può essere riprodotto, tutto o in parte, senza preventivo consenso degli autori stessi.