Progetto Babele Rivista Letteraria
© 2002 - Progetto Babele Rivista Letteraria - fondata da Marco R. Capelli
Audiolibri BookShop SCARICA O COMPRA I NUMERI ARRETRATI DELLA RIVISTA
HomePage Contatta PB Il gruppo di Progetto Babele su Facebook Seguici su Youtube Linkedin
TeleScrivente:    I libri di PB, saldi di fine stagione (28/12/2018)    Nasce FIAMMIFERI, la nuova collana della casa editrice Pagine d’Arte (08/11/2018)    Concorso Letterario Nazionale di Ostia “500 PAROLE”: annunciati i 18 finalisti (27/09/2018)    Versante Ripido è morto? (27/09/2018)    Arriva Solaris, e ci (ri) porta i capolavori della fantascienza russa (08/05/2018)    [22/05/2019] 15 concorsi letterari in scadenza nei prossimi quattordici giorni    Una capitale a quattro zampe scadenza 2019-05-24    Settembre scadenza 2019-05-29    Poesia, Prosa e Arti figurative - Il Convivio 2019 scadenza 2019-05-30    Città del Giglio scadenza 2019-05-30    SCIENZA FANTASTICA scadenza 2019-05-31    Racconti nella Rete scadenza 2019-05-31    Lago Gerundo scadenza 2019-05-31     La Couleur d'un Poème scadenza 2019-05-31    Campaniliana 2019 scadenza 2019-05-31    Vito Ceccani 8° Edizione 2019 scadenza 2019-05-31    Metropoli di Torino scadenza 2019-05-31    Alessio Di Giovanni scadenza 2019-05-31    Poesie d'Amore scadenza 2019-05-31    DONNE . . . ieri, oggi, domani “Datemi il mio nome e non chiamatemi solo Donna” scadenza 2019-06-01    XXII Premio Nazionale MIMESIS di poesia edita e inedita scadenza 2019-06-05    EVENTI, PRESENTAZIONI, CORSI, SEMINARI, FIERE E SPETTACOLI    AUDIOLIBRI     La Strega di Marco R. Capelli letto da C. Fratarcangeli e S.Ferrara     Carrozza n.6 di Matteo Bertone letto da Samuele Arena     Fino alla fine dell`alba di Matteo Bertone letto da Samuele Arena     Hannah di Beppe Calabretta letto da Sandra Tedeschi     Delusione di Christian Bigiarini letto da Alberto Sannazzaro    RECENSIONI     Consigli dalla punk caverna: A noi punk non ci resta che Al Bano di Fabio Izzo     Tenebra Lux di Alessandro Del Gaudio     Epiphaino di Guglielmo Campione     Fermento di Falesia di Stefano Giannotti     Guida ai cantautori italiani - Gli anni Settanta di Mario Bonanno    Il Parere di PB     Sandino Il generale degli uomini liberi di Maurizio Campisi    La gallina volante di Paola Mastrocola    Il 1848 e le cinque giornate di Milano di Antonio Monti     Rapsodia su un solo tema - Colloqui con Rafail Dvoinikov di Claudio Morandini    La vigilia di Natale di Maurizio Bassani    Articoli e saggi     Jack London (1876-1916), ovvero il mare sfidato     La scienza dell’impresa secondo Filippo Picinelli (1604-1679): indagine sulle fonti dell’Introduzione al “Mondo Simbolico”.     Joseph Conrad ovvero il mare professionale     Apollo e Dafne: Quando il marmo diventa carne     L´horror psicologico di Michele Pastrello    Racconti     La Strega di Marco R. Capelli     I bossoli dei fratelli James di Massimo Martinelli     Ambrosia per due di Francesco Nucera     Compagni di scuola di Maria cristina Pazzini     La via uruguagia alla felicità di Frank Iodice    Biografie     Svevo, Italo (1861-1928)     Deledda,Grazia (1871-1936)     Némirovsky,Irene (1903-1942)     Walsh, Rodolfo (1927-1977)     Sturluson, Snorri (1176-1241)    Traduzioni     Der Panther / La Pantera di Rainer Maria Rilke trad. di Paolo Esposito     Maternità trad. di Maria giovanna Varasano     L'oscurità amica trad. di Nicoletta Isola     Strana contrada trad. di Nicoletta Isola     Il silenzio del mare trad. di Nicoletta Isola    Poesie     Poesie Nuove (silloge) di Alberto Accorsi     Istantanea di Natascia Secchi     Gemme rare di Elisabetta Santirocchi     Semplicemente luce di Elisabetta Santirocchi     Testamento di Antonio Sacco    Cinema     Forbidden Voices - How to start a revolution with a laptop (Svizzera 2012) regia di Barbara Miller     Hamlet (UK - USA con Kenneth Branagh: Amleto Julie Christie: Gertrude Derek Jacobi: Claudio Kate Winslet: Ofelia 1996) regia di Kenneth Branagh     Becoming Jane (Con Anne Hathaway, James McAvoy, Julie Walters, Maggie Smith, James Cromwell 2007) regia di Julian Jarrold    Musica     Scimpanzè (2015) - Loris Dalì     FIN (2014) - - Thomas -     Chimera (2014) - Ottodix    
Email
PSWD
AddsZone
Save the Children Italia Onlus
Bookshop
La Rivista
Copertina
Scarica gratuitamente
l'ultimo numero della rivista
Cart ARRETRATI
BookShop
PB Interactive
>>Stazione di servizio
Consigli & indirizzi per aspiranti scrittori
>>Telescrivente
Le NEWS di PB - quasi un Blog
>>L'angolo di Simone
Dedicato ai più piccoli
>>Piccolo spazio pubblicità
Le vostre inserzioni su PB
PB consiglia
Concorsi e premi letterari
41 concorsi in archivio
Eventi Mostre Presentazioni Spettacoli
0 eventi in archivio
Novità in libreria
NOVITA' IN LIBRERIA
6 novità in archivio
Assaggi
Le Recensioni
     

Dio è distratto
di Gianluca Liguori
Pubblicato su SITO


Anno 2008 - Nicola Pesce Editore
Prezzo € 9,90 - 198 pp.
ISBN 9788897141433

Una recensione di Gordiano Lupi
VOTA QUESTO TESTO
Insufficiente Sufficiente Discreto Buono Ottimo

Votanti: 1431
Media 79 %



Dio è distratto

Gianluca Liguori è uno scrittore vero. Me ne sono reso conto leggendo il suo racconto di apertura contenuto nell’antologia collettiva Il cagnolino ride, edita da Tespi. Il breve testo, molto autobiografico, tipico dello scrittore che vuole solo di raccontare se stesso e il mondo che ruota attorno alla sua esigenza creativa, mi ha fatto venir voglia di approfondire la conoscenza del giovane autore. Ho scritto a Nicola Pesce e mi sono fatto mandare Dio è distratto, felice romanzo d’esordio che Liguori scrive a soli ventidue anni. La sola cosa sbagliata del libro è la postfazione di Vincenzo Sparagna che avrei evitato di pubblicare. Il fondatore di Frigidaire - che non finiremo mai di ringraziare per l’originalità della sua opera - è un autore importante per Liguori, ma Sparagna invece di mettere in luce le cose buone del romanzo, elenca soltanto i difetti. Non è certo il modo migliore per incoraggiare un giovane di talento.

Dio è distratto ci presenta un autore che può fare grandi cose se riuscirà a liberarsi della voglia estrema di raccontare solo se stesso e se comincerà a lavorare su trame e soggetti. Non voglio fare di Liguori un narratore di genere, ce ne sono fin troppi e onestamente credo che servano a poco. Vorrei soltanto vederlo all’opera con un racconto che abbia uno sviluppo logico e che sia impostato per narrare una storia. Credo proprio che questo ragazzo potrebbe darci delle sorprese.

Veniamo al non romanzo d’esordio, che Liguori scrive - e questo mi fa un grande piacere! - in contrasto a ogni regola di scrittura creativa, mettendo un se stesso scrittore nei panni del protagonista. Da ogni pagina debordano i suoi miti letterari: Bukowski, Fante, Celine, Pasolini, Kerouac, Rimbaud, Baudelaire, ma anche le canzoni di Rino Gaetano e di Fabrizio de Andrè. Mi stupisco soltanto nel rendermi conto che si tratta dei miti della mia generazione. Cos’è accaduto negli anni Ottanta, se i ragazzi del 2000 sognano ancora tuffandosi nel passato e accarezzando i nostri stessi sogni?

I racconti di Liguori non sono legati da un filo logico coerente, ma le cose migliori vengono fuori quando meno te le aspetti, tra una sbronza e l’altra, tra un amore fallito e una speranza che sboccia, in un sottofondo composto da istanze di suicidio e voglia di rassegnazione. Scrivere è la sola cosa che conta. Tutto il resto è inutile. Liguori crede nel potere salvifico della letteratura, vista come resistenza e come vita vera contrapposta alla non vita della televisione e dei falsi miti contemporanei. Ore ammazzate davanti al televisore, il verbo è apparire: la scatola è verità sacrosanta, verità assoluta. Non esiste sostanza, non esiste individuo. Si lavora, si mangia, si guarda la televisione, si fanno i figli e si muore. Mica è poco. Vorrei far leggere Dio è distratto ai soloni che pontificano sulla leggerezza dei giovani, sui bamboccioni e sulla generazione allo sbando. Voi siete allo sbando, signori. Voi che siete rimasti senza ideali e che vivete per comprare il prossimo paio di Nike. Non i giovani. Non tutti i giovani. E ancora: C’è chi dovrebbe riflettere di più e chi di meno, non c’è alcun giusto equilibrio; quelli che capiscono e pensano sono sempre di numero inferiore, mentre è straripante la stupidità della massa informe, la massa identica che lavora, guarda la televisione e muore. Concludo citando una stupenda descrizione sentimentale di Roma, città di arrivo per Liguori, che trova lungo antiche strade il luogo adatto per dare via libera alla scrittura. Faceva caldo, il Tevere verde scorreva tacito come da millenni di storia verso il mare, verso dio, verso l’infinito. Roma quasi abbandonata, Roma troppo bella. Roma colpevole di alcuni miei peccati, Roma avara di felicità. Roma che giudica, Roma che disperde. Roma che fa male, Roma che si ama. Roma… chissà. Mi fermo perché c’è così tanta poesia nel libro di Liguori che mi verrebbe voglia di citarlo tutto. Tenete presente che Dio è distratto è un romanzo importante non tanto per le cose che dice, ma per come le dice. Il significante supera il significato, una volta tanto. Ed è bellissimo perdersi dietro le parole di uno scrittore che vuole scrivere solo di dolori, paure, sconfitte, canti disperati, pene, patimenti e tribolazioni. Plauso finale per il piccolo editore. Il libro non presenta refusi di sorta, è stampato in ottima veste tipografica e viene venduto al prezzo stracciato di dieci euro. Al posto dell’ultima boiata di Faletti o dell’ennesimo inutile Premio Strega pompato dai media, leggete Liguori. Risparmiate denaro e vi resta dentro qualcosa. 


Una recensione di Gordiano Lupi






Recensioni ed articoli relativi a Gianluca Liguori

(1) Dio è distratto di Gianluca Liguori - RECENSIONE

Testi di Gianluca Liguori pubblicati su Progetto Babele

Nessun record trovato

Altre recensioni di Gordiano Lupi

(1) Consigli dalla punk caverna: A noi punk non ci resta che Al Bano di Fabio Izzo - RECENSIONE
(2) Tenebra Lux di Alessandro Del Gaudio - RECENSIONE
(3) Fermento di Falesia di Stefano Giannotti - RECENSIONE
(4) Guida ai cantautori italiani - Gli anni Settanta di Mario Bonanno - RECENSIONE
(5) Capelli struggenti di Franz Krauspenhaar - RECENSIONE
(6) L’incredibile vicenda che portò Jack Lanarco a salvare l’iperspazio da fine certa di Vincenzo Trama - RECENSIONE
(7) Polaroid di Davide Rocco Colacrai - RECENSIONE
(8) Ce sto io … poi ce sta De Niro - Mario Brega Biografia di Ezio Cardarelli - RECENSIONE
(9) Breve inventario di un’assenza di Michele Paoletti - RECENSIONE
(10) Coraline di Neil Gaiman Adattato e ilustrato da P. Craig Russell - RECENSIONE
(11) A Sud dell’Alameda - Diario di un’occupazione di Lola Larra e Vicente Reinamontes - RECENSIONE
(12) Ho sognato di vivere - Variazioni sul tema del tempo in Roberto Vecchioni di Mario Bonanno - RECENSIONE
(13) Le case del malcontento di Sacha Naspini - RECENSIONE
(14) Laura Morante, in punta di piedi di Stefano Iachetti - RECENSIONE
(15) Verde Limone di Marcial Gala - RECENSIONE
>>Continua (click here)


 

Altre recensioni:






-

dal 2014-10-22
VISITE: 1092


© Copyright Note: Tutto il materiale qui pubblicato è proprietà intellettuale degli autori.
Come tale non può essere riprodotto, tutto o in parte, senza preventivo consenso degli autori stessi.