© 2002 - Progetto Babele Rivista Letteraria - fondata da Marco R. Capelli
Il gruppo di Progetto Babele su Facebook
SCARICA GRATUITAMENTE LA RIVISTA IN FORMATO PDF ACQUISTA UNA COPIA STAMPATA DELLA RIVISTA SCARICA O COMPRA I NUMERI ARRETRATI DELLA RIVISTA
HomePage Contatta PB Contatta il WebMaster help&faq
 
 
PB NEWS:    
 
 
Email
PSWD
CONSIGLI DI LETTURA
Arretrati e copie stampate
PB International
PB Interactive
IN PRIMO PIANO


OnlineUtenti connessi: 13
Utenti collegati in chat 0

Dal 01/01/2003
questo sito ha generato
17.215
esposizioni

 
     

Il segno del telecomando - Dallo sceneggiato alla fiction
di Biagio Proietti Maurizio Giannotti
Pubblicato su SITO



Anno 2015 - Rai Eri
Prezzo € 18 - 235 pp.

Una recensione di Gordiano Lupi
VOTA QUESTO TESTO
Insufficiente Sufficiente Discreto Buono Ottimo

Votanti: 267
Media 84 %

segno del telecomando - Dallo sceneggiato alla fiction;Il

Biagio Proietti (1940) è uno dei più richiesti e prolifici sceneggiatori di gialli televisivi, scritti insieme alla moglie Diana Crispo, alcuni rimasti nella storia del piccolo schermo: Coralba, Un certo Harry Brent, Come un uragano, Lungo il fiume e sull'acqua, Dov'è Anna?, Ho incontrato un'ombra, L'ultimo aereo per Venezia... Non solo, è anche regista di film televisivi (Storia senza parole), pellicole cinematografiche (Chewingum, Puro cashmire), sceneggiati e documentari. Nessuno meglio di lui poteva affrontare una storia dello sceneggiato - un tempo chiamato originale televisivo - di cui è parte integrante, genere che precede le moderne fiction, che lo scrittore dimostra di non amare. Per questo è opportuno l'aiuto di Maurizio Giannotti, autore televisivo immerso nella realtà contemporanea (La vita in diretta, Uno Mattina, Forum, Non è la Rai...) che si occupa di integrare i ricordi di Proietti curando la parte contemporanea. Va da sé che anche per chi scrive quel che importa è il passato, soprattutto ricordare i tempi in cui la Rai non aveva abdicato al compito educativo di insegnare la lingua italiana (Non è mai troppo tardi del mitico maestro Manzi), le letteratura e la storia. Erano i tempi in cui potevi vedere Delitto e castigo in prima serata, Il dottor Jekill e Mister Hyde con Albertazzi, Piccole donne, Cime tempestose, Il romanzo di un giovane povero, La cittadella di Cronin interpretato da un grande Alberto Lupo. Erano i tempi in cui a Proietti consegnavano un copione di venti minuti scritto per la televisione inglese e gli dicevano: "Scrivici un originale televisivo!". Così è nato Un certo Harry Brent con Lupo protagonista in un ruolo che nell'originale britannico non esisteva (Harry Brent non compare mai), inventato per l'occasione dal prolifico sceneggiatore nostrano. Erano i tempi in cui Proietti incontrava Walter Chiari al Festival del Cinema di Venezia, un Walter Chiari triste, solitario, che rimpiangeva i tempi della grande popolarità e non riusciva a spiegarsi il successo dei comici lanciati da Antonio Ricci a Drive In. Erano tempi che non torneranno ma che è giusto storicizzare facendo parlare i protagonisti come hanno fatto Gianotti e Proietti in questo libro prezioso, utile guida per non dimenticare. Il segno del comando di Daniele D'Anza - con Pagliai e Pitagora - è il titolo cult mascherato nella denominazione di un volume nato per celebrare una cinematografia votata ai generi popolari. Artigiani come Anton Giulio Majano, Giorgio Capitani, Edoardo Anton, lo stesso Proietti hanno inventato trame che tenevano incollati al video milioni di telespettatori prima dell'avvento della televisione spazzatura, delle insignificanti tv commerciali, degli squallidi reality show. Prima che tutto diventasse mercato e prima che il mercato fagocitasse l'intelligenza. Ricordare, in certi casi, è un preciso dovere morale.


Una recensione di Gordiano Lupi




>>Acquista questo libro su IBS<<

Ordina questo libro su IBS



Recensioni ed articoli relativi a Biagio Proietti Maurizio Giannotti

(1) Il segno del telecomando - Dallo sceneggiato alla fiction di Biagio Proietti Maurizio Giannotti - RECENSIONE

Testi di Biagio Proietti Maurizio Giannotti pubblicati su Progetto Babele

Nessun record trovato

Altre recensioni di Gordiano Lupi

(1) Io non sono la Coop di Alessandro Angeli - RECENSIONE
(2) Leo Longanesi - Il borghese conservatore di Francesco Giubilei - RECENSIONE
(3) Solo il tempo di morire di Paolo Roversi - RECENSIONE
(4) La saga dei tre Kim - La prima dinastia comunista della storia di Domenico Vecchioni - RECENSIONE
(5) Ci che Dio unisce di Sacha Naspini - RECENSIONE
(6) Gol Mondiali di AA.VV. - RECENSIONE
(7) La morte in diretta di Fernando Morales di Francesco Verso - RECENSIONE
(8) Nidi di rondine di Simone Pazzaglia - RECENSIONE
(9) Lombra del cannibale di Marco Ballestracci - RECENSIONE
(10) Dio distratto di Gianluca Liguori - RECENSIONE
(11) Francesco di Enrico Miglino - RECENSIONE
(12) My name is Virz di Alessio Accardo Gabriele Acerbo - RECENSIONE
(13) Pol Pot Lassassino sorridente di Domenico Vecchioni - RECENSIONE
(14) Il sogno di una cosa di Pier Paolo Pasolini - RECENSIONE
(15) Forbidden Voices - How to start a revolution with a laptop di Barbara Miller- RECENSIONE CINEMA
>>Continua (click here)


 

Altre recensioni:





-

dal 2015-08-10
VISITE: 4