© 2002 - Progetto Babele Rivista Letteraria - fondata da Marco R. Capelli
Il gruppo di Progetto Babele su Facebook
SCARICA GRATUITAMENTE LA RIVISTA IN FORMATO PDF ACQUISTA UNA COPIA STAMPATA DELLA RIVISTA SCARICA O COMPRA I NUMERI ARRETRATI DELLA RIVISTA
HomePage Contatta PB Contatta il WebMaster help&faq
 
 
PB NEWS:    [29/09/2014] Res ineffabile - Annotazioni critiche a margine di Tutto il ferro della torre Eiffel    [13/06/2012] Terremoto in Emilia - sospensione temporanea attivitÓ Progetto Babele    [18/03/2012] NovitÓ in arrivo per le edizioni Anordest    [13/10/2011] Il cacciatore di titoli    [19/01/2017] 10 concorsi letterari in scadenza nei prossimi quattordici giorni    EVENTI, PRESENTAZIONI, CORSI, SEMINARI, FIERE E SPETTACOLI    Mystery in history scadenza 2017-01-20    ULTIMI INSERIMENTI SUL SITO AL 19/01/2017    Recensioni     Io non sono la Coop di Alessandro Angeli     Malbianco di Sandro Capodiferro     Il ponte delle Vivene di Davide Dotto     Leo Longanesi - Il borghese conservatore di Francesco Giubilei    Il segno del telecomando - Dallo sceneggiato alla fiction di Biagio Proietti ľ Maurizio Giannotti    Il parere di PB     PapÓ mi presti i soldi che devo lavorare? di Alessia Bottone    Le rose di Eusebia di Claudio Secci    La lama nera di Dario De Judicibus    Le coincidenze necessarie di Patrizia Marzocchi    Il 18░ vampiro di Claudio Vergnani    Articoli e saggi     ANTONIO ALTOMONTE źemblematico ricostruttore di perdute dimensioni╗.     Il mondo poetico del calabrese Rocco Nassi     FRANCESCO PERRI (Careri 1885 ľ Pavia 1975): il primo scrittore antifascista della letteratura italiana e il primo cantore dellĺemigrazione meridionale     La donna indiana tra letteratura e realtÓ. Anita Desai e Kamala Markandaya.     L'esclusa di Luigi Pirandello    Racconti     La via uruguagia alla felicitÓ di Frank Iodice     Lettera ad una cucciola di Cinzia Baldini     La porta di Carla Montuschi     I dispetti di Pandora di Carla Montuschi     la vergine cuccia di Luigia Forgione    AUDIOLIBRI     Carrozza n.6 di Matteo Bertone letto da Samuele Arena    
 
 
Email
PSWD
CONSIGLI DI LETTURA
Arretrati e copie stampate
PB International
PB Interactive
IN PRIMO PIANO


OnlineUtenti connessi: 14
Utenti collegati in chat 0

Dal 01/01/2003
questo sito ha generato
17.069
esposizioni

 
     

Io non sono la Coop
di Alessandro Angeli
Pubblicato su SITO



Anno 2016 - Stampalternativa
Prezzo € 5 - 86 pp.

Una recensione di Gordiano Lupi
VOTA QUESTO TESTO
Insufficiente Sufficiente Discreto Buono Ottimo

Votanti: 0
Media 0 %

Io non sono la Coop

Marcello Baraghini è l’ultimo grande editore italiano, nel senso che è uno che ci crede e che l’editore continua a farlo, pure in questo mondo marcio che tenta a ogni costo di convincerci che letteratura significa leggere Moccia, Volo, Camilleri, nani, ballerine, calciatori tatuati e deficienti patentati da un sistema che celebra il niente. Marcello Baraghini è uno che i suoi scrittori se li va a cercare, che inventa collane nuove, tipo dare voce agli analfabeti, alle tradizioni maremmane, che si fa venire delle idee come aprire una libreria a Pitigliano dove vende soltanto Stampa Alternativa. Fuori dal coro, con orgoglio. Non ha senso lottare contro l’industria del libro, contro editori sfornafenomeni a corto di idee. Non ha senso accettare il loro gioco. Ha un senso scrivere, invece, e continuare a pubblicare e a denunciare quel che non va come dovrebbe, come fa Alessandro Angeli, scrittore di talento, poco noto ai frequentatori dei supermercati del libro che una volta leggevano Baricco e ora si danno un tono sfogliando Ammaniti (una enne o due, il dubbio mi tormenta ancora). Io non sono la Coop – infelice epilogo di uno stagionale nel tritacarne della grande distribuzione è il diario di vita vissuta che un giovane scrittore alle prese con i meccanismi di un lavoro alienante redige punto per punto, senza fare sconti a nessuno. Il marxismo è morto, certo, ha fallito in tutto e per tutto, ma certe cose contro cui Marx lottava sono ancora vive e purtroppo hanno vinto loro: l’alienazione, per esempio, un lavoro spersonalizzante che ti ruba l’anima. Il protagonista vorrebbe fare lo scrittore, nonostante tutto resta uno scrittore, ma è costretto a passare abbrutenti giornate alle prese con codici a barre da far scorre sopra un lettore ottico, oppure a disporre casse di ortaggi nel reparto ortofrutta. Angeli traccia un quadro sconfortante di quel che siamo diventati, consumatori e niente più, uomini e donne a caccia del prodotto reclamizzato, in fila con sempre meno tempo e pervasi da dosi massicce di stress. La storia, scritta con buon ritmo, incalzante al punto giusto, alterna momenti di lavoro al supermercato, istanti passati in famiglia, giornate da libraio ambulante nei mercatini di paese, un imminente matrimonio e la voglia liberatoria di scrivere, in fondo la sola cosa che conta, secondo l’autore. Un libro intriso di sangue, del sangue versato dalle ferite della vita, contro la narrativa senza sangue che impera nel nostro mondo letterario contemporaneo, contro i gialli del cazzo - tanto poi ci fanno un film o una serie televisiva - e i romanzi a base di serial killer, contro le storie sentimentali che non ti lasciano niente, solo un senso di sconforto. Termino la lettura di questo libro e sento che dentro mi è rimasto qualcosa che si cancellerà difficilmente, come dopo aver letto un romanzo di Bianciardi, Cassola, Pavese. Ecco come si riconosce la letteratura, mi dico. Il problema è che editori criminali ci stanno togliendo il gusto di leggere, dando in pasto al pubblico dei non lettori dei prodotti che sono dei non libri. E noi che amiamo leggere dobbiamo rassegnarci a cercare nei cataloghi dei piccoli editori che ancora hanno il coraggio di narrare le ferite che dispensa la vita. Grande Marcello Barghini. Spero solo di aver imparato qualcosa da un simile Maestro. E bravo Angeli che deve continuare a scrivere. Deve farlo per noi.


Una recensione di Gordiano Lupi






Recensioni ed articoli relativi a Alessandro Angeli

(1) Io non sono la Coop di Alessandro Angeli - RECENSIONE

Testi di Alessandro Angeli pubblicati su Progetto Babele

Nessun record trovato

Altre recensioni di Gordiano Lupi

(1) Leo Longanesi - Il borghese conservatore di Francesco Giubilei - RECENSIONE
(2) Il segno del telecomando - Dallo sceneggiato alla fiction di Biagio Proietti ľ Maurizio Giannotti - RECENSIONE
(3) Solo il tempo di morire di Paolo Roversi - RECENSIONE
(4) La saga dei tre Kim - La prima dinastia comunista della storia di Domenico Vecchioni - RECENSIONE
(5) Ci˛ che Dio unisce di Sacha Naspini - RECENSIONE
(6) Gol Mondiali di AA.VV. - RECENSIONE
(7) La morte in diretta di Fernando Morales di Francesco Verso - RECENSIONE
(8) Nidi di rondine di Simone Pazzaglia - RECENSIONE
(9) Lĺombra del cannibale di Marco Ballestracci - RECENSIONE
(10) Dio Ŕ distratto di Gianluca Liguori - RECENSIONE
(11) Francesco di Enrico Miglino - RECENSIONE
(12) My name is Virzý di Alessio Accardo ľ Gabriele Acerbo - RECENSIONE
(13) Pol Pot ľ Lĺassassino sorridente di Domenico Vecchioni - RECENSIONE
(14) Il sogno di una cosa di Pier Paolo Pasolini - RECENSIONE
(15) Forbidden Voices - How to start a revolution with a laptop di Barbara Miller- RECENSIONE CINEMA
>>Continua (click here)


 

Altre recensioni:





-

dal 2016-10-13
VISITE: 4