© 2002 - Progetto Babele Rivista Letteraria - fondata da Marco R. Capelli
Il gruppo di Progetto Babele su Facebook
SCARICA GRATUITAMENTE LA RIVISTA IN FORMATO PDF ACQUISTA UNA COPIA STAMPATA DELLA RIVISTA SCARICA O COMPRA I NUMERI ARRETRATI DELLA RIVISTA
HomePage Contatta PB Contatta il WebMaster help&faq
 
 
PB NEWS:    [24/03/2017] L'editore più povero del mondo parla sul blog "La Casa di Carta"    [13/06/2012] Terremoto in Emilia - sospensione temporanea attività Progetto Babele    [18/03/2012] Novità in arrivo per le edizioni Anordest    [13/10/2011] Il cacciatore di titoli    [23/05/2017] 11 concorsi letterari in scadenza nei prossimi quattordici giorni    EVENTI, PRESENTAZIONI, CORSI, SEMINARI, FIERE E SPETTACOLI    Grani dautore scadenza 2017-06-01    ULTIMI INSERIMENTI SUL SITO AL 23/05/2017    Recensioni     Il lungo cammino del fulmine di Guglielmo Campione     È vero che il giorno sapeva di sporco di Mario Bonanno     Brando Street. La scomparsa di una comparsa di Marisa Cecchetti     Sharaz-De Le mille e una notte di Sergio Toppi    La versione di Gipo di Alberto Facchinetti    Il parere di PB     Papà mi presti i soldi che devo lavorare? di Alessia Bottone    Le rose di Eusebia di Claudio Secci    La lama nera di Dario De Judicibus    Le coincidenze necessarie di Patrizia Marzocchi    Il 18° vampiro di Claudio Vergnani    Articoli e saggi     ANTONIO ALTOMONTE «emblematico ricostruttore di perdute dimensioni».     Il mondo poetico del calabrese Rocco Nassi     FRANCESCO PERRI (Careri 1885 – Pavia 1975): il primo scrittore antifascista della letteratura italiana e il primo cantore dell’emigrazione meridionale     La donna indiana tra letteratura e realtà. Anita Desai e Kamala Markandaya.     L'esclusa di Luigi Pirandello    Racconti     I bossoli dei fratelli James di Massimo Martinelli     Ambrosia per due di Francesco Nucera     Compagni di scuola di Maria cristina Pazzini     La via uruguagia alla felicità di Frank Iodice     Lettera ad una cucciola di Cinzia Baldini    AUDIOLIBRI     Carrozza n.6 di Matteo Bertone letto da Samuele Arena     Fino alla fine dell`alba di Matteo Bertone letto da Samuele Arena     Hannah di Beppe Calabretta letto da Sandra Tedeschi     Delusione di Christian Bigiarini letto da Alberto Sannazzaro     L`ultimo di Giuseppe Foderaro letto da Luca Govoni    Biografie     Svevo, Italo (1861-1928)     Deledda,Grazia (1871-1936)     Némirovsky,Irene (1903-1942)     Rodolfo Walsh (1927-1977)     Sturluson, Snorri (1176-1241)    Traduzioni     Der Panther / La Pantera di Rainer Maria Rilke trad. di Paolo Esposito     Maternità trad. di Maria giovanna Varasano     L'oscurità amica trad. di Nicoletta Isola     Strana contrada trad. di Nicoletta Isola     Il silenzio del mare trad. di Nicoletta Isola    Poesie     Gemme rare di Elisabetta Santirocchi     Semplicemente luce di Elisabetta Santirocchi     Frantumi di Edoardo Firpo     Ricordo di Edoardo Firpo     Gioco di Edoardo Firpo    Cinema     Forbidden Voices - How to start a revolution with a laptop (Svizzera 2012) regia di Barbara Miller     Hamlet (UK - USA con Kenneth Branagh: Amleto Julie Christie: Gertrude Derek Jacobi: Claudio Kate Winslet: Ofelia 1996) regia di Kenneth Branagh     Becoming Jane (Con Anne Hathaway, James McAvoy, Julie Walters, Maggie Smith, James Cromwell 2007) regia di Julian Jarrold     The Blind Side (USA - con Sandra Bullock: Leigh Anne Tuohy Tim McGraw: Sean Tuohy Quinton Aaron: Michael Oher Jae Head: S.J. Tuohy Kathy Bates: Miss Sue 2010) regia di John Lee Hancock    Una vita nel mistero (ITALIA 2010) regia di Stefano Simone    Musica     Scimpanzè (2015) - Loris Dalì     FIN (2014) - - Thomas -     Chimera (2014) - Ottodix     Tapes (2008) - Alanis Morissette    IL FORUM DI PB    Ultimo topic: Verona Segway Tour inserito il 2017-03-22 (ultimo aggiornamento 2017-03-22)    Ultimo post: inserito da il 2017-03-22 sul topic Verona Segway Tour    
 
 
Email
PSWD
CONSIGLI DI LETTURA
Arretrati e copie stampate
PB International
PB Interactive
IN PRIMO PIANO


OnlineUtenti connessi: 8
Utenti collegati in chat 0

Dal 01/01/2003
questo sito ha generato
95.875.941
esposizioni

 
     

L`odore della notte
di Paolo DAnna
Pubblicato su SITO



Anno 2017 - Studio53
Prezzo € 15,00 - 50 pp.
ISBN N/A

Una recensione di Cinzia Baldini
VOTA QUESTO TESTO
Insufficiente Sufficiente Discreto Buono Ottimo

Votanti: 90
Media 79.78 %



L`odore della notte

La notte, spesso complice d’intrighi e passioni e fonte ispiratrice per narratori e poeti, anche nel volume che state per sfogliare, ribadisce la sua potenza creatrice attraverso una qualità insolita e originale, ossia il suo profumo.

Sì, perché anche la notte più scura, avvolta dal buio più impenetrabile, può essere rischiarata non dalla luce della luna, ma dalle fragranze che essa emana. Ed è proprio attraverso “L’odore della notte” che il poeta-regista e versatile artista Paolo D’Anna ci accompagna alla riscoperta di un grande intellettuale del XX secolo: Pier Paolo Pasolini.

Un personaggio pubblico scomodo e assai discusso, una figura di uno spessore culturale notevolissimo che, a mio modesto avviso, ancora oggi è per motivi più o meno validi, deliberatamente lasciato in un limbo letterario dai colori incerti e indefiniti.

Pasolini è stato, senza ombra di dubbio, un artista che ha precorso i tempi, un uomo vissuto, probabilmente, nel periodo storico sbagliato. La sua lungimiranza mentale, infatti, andava ben oltre la ristretta e provinciale visuale della società italiana degli anni settanta del secolo scorso. Troppo spesso incompreso per i suoi giudizi controcorrente, criticato per le sue denunce civili tese ad ottenere una società più giusta e solidale, dileggiato e umiliato per la sua omosessualità, resta un autore, artista, poeta, regista, sceneggiatore, illuminato e poliedrico, un sottovalutato Leonardo da Vinci dei giorni nostri.

Ma quella che vi apprestate a leggere non è solo una biografia in versi, sarebbe troppo limitativo liquidare “L’odore della notte” in questi termini, perché le liriche che la compongono sono la condivisione, tra il D’Anna e i suoi lettori, di sussulti emotivi, tormenti spirituali, insoddisfazioni e sofferenze di un’esistenza travagliata e geniale quale quella dell’autore del romanzo “Ragazzi di vita”.

Nelle poesie vergate su questi fogli scoprirete la dedica di un uomo libero ad uno spirito emancipato, un omaggio dell’artista all’artista, una testimonianza di stima postuma verso una persona “ruvida e pungente”, ma che più umana di quanto sia stata, non poteva essere.

Ed ecco, quindi, declamati dall’ispirazione del D’Anna i versi evocativi ed amari del “fattaccio” avvenuto durante la fiera di fine agosto nella piccola frazione di Ramuscello che segneranno penalmente la vita di Pasolini, quelli più malinconici in cui c’è il ricordo degli anni di insegnamento presso la scuola media di Valvasone in cui l’impegno politico e il fermento sociale del tempo fluirono nel romanzo “La meglio gioventù”.

Senza smettere mai di modulare la frequenza ispiratrice ai temi di vita dell’intellettuale “socialmente molesto”, Paolo D’Anna ne L’usignolo riporta i tormenti e le pressioni esistenziali dovute allo scontro/incontro tra i dogmi e i preconcetti religiosi, gli ideali comunisti e le “sacrileghe” pulsioni erotiche che la civiltà contadina in cui era cresciuto ed era stato educato, avevano lasciato in lui.

Non poteva mancare, il riferimento al sonnacchioso e tranquillo (fin quando non fu investito dagli eventi bellici della seconda guerra mondiale) paesino di Casarsa della Delizia in provincia di Pordenone, che ispirò a Pasolini le omonime liriche nel musicale vernacolo friulano e che tanta importanza assunse per la sua formazione giovanile.

Dolce e commovente la lirica Ermes in cui il D’Anna commemora Guido Pasolini, fratello diciannovenne di Pier Paolo, trucidato in uno scontro tra milizie partigiane.

E poi, in un crescendo suggestivo di originali fragranze poetiche, la descrizione di fatti salienti, dei molteplici viaggi e degli incontri importanti che contribuirono ad accrescere le già notevoli qualità umane, culturali e artistiche del letterato cineasta.

Nella lettura delle poesie di questa “odorosa silloge notturna”, lo ritroverete a New York, a Bombay, in Kenya, al Cinema Puccini, con Maria Callas, Alberto Moravia, Elsa Morante, Oriana Fallaci e Attilio Bertolucci. Infine, eccolo, in quella Roma che gli fu mamma e matrigna, mentre ne percorre le strade con i ragazzi di vita, fermo alla stazione Termini per trovare Il tempo di un saluto e di Un ultima cena prima di recarsi verso sud, verso il mare… all’Idroscalo di Ostia per l’appuntamento con il suo destino…

Una lirica particolare su cui mi piace porre l’accento per segnalarla al lettore è “Petrolio” in cui l’oro nero nasconde e rimanda verità nascoste, omissioni volute, fatti e misfatti di questa Italia alla deriva che nemmeno noi autoctoni, a volte, riusciamo più a comprendere.

Fu un santo laico come sostengono alcuni intellettuali o un martire come sostengono altri, fu assassinato o fu autodistruzione il motivo della sua morte, fu un perseguitato per la sua diversità o un fustigatore ante-litteram di pregiudizi e ipocrisie sociali?

Come diceva il Manzoni: “ai posteri l’ardua sentenza”, ma, credo che, forse perché siamo “posteri” ancora troppo recenti, nessuno ad oggi possa e, in molti casi, voglia, rispondere compiutamente a tali domande.

L’odore della notte, però, ponendolo sotto i riflettori dell’anima, ce ne da una versione inedita, lo illumina di una luce particolare: Pier Paolo Pasolini è e resta un uomo con i suoi vizi e le sue virtù, ma gli va, assolutamente, dato atto di aver posseduto quella sfaccettata genialità che fanno di un comune artista, l’Artista e, che, come tale, porta nel suo DNA i cromosomi del mito, della leggenda, dell’anatema per una vita travagliata e vissuta oltre le righe, come molti “artisti maledetti” che lo hanno preceduto.

A Paolo D’Anna il plauso per averci fatto riscoprire suggestioni forti, sentimenti potenti e prepotenti, anche spregiudicati, racchiusi in una poetica semplice, lineare, comprensibile e scorrevole che dialoga direttamente con l’animo del lettore e la gratitudine per il prezioso supplemento visivo offerto dai disegni che si alternano alle liriche e ci permettono di “riprendere fiato” tra un temporale di emozioni e l’altro.


Una recensione di Cinzia Baldini






Recensioni ed articoli relativi a Paolo DAnna

(1) L`odore della notte di Paolo DAnna - RECENSIONE

Testi di Paolo DAnna pubblicati su Progetto Babele

Nessun record trovato

Altre recensioni di Cinzia Baldini

(1) Il lungo cammino del fulmine di Guglielmo Campione - RECENSIONE
(2) Brando Street. La scomparsa di una comparsa di Marisa Cecchetti - RECENSIONE
(3) Templar Order di Domizio Cipriani - RECENSIONE
(4) Il diciassettesimo Conte di Patrizia Marzocchi - RECENSIONE
(5) Le reliquie di Sarajevo di Paolo D Anna - RECENSIONE
(6) Malbianco di Sandro Capodiferro - RECENSIONE
(7) Il ponte delle Vivene di Davide Dotto - RECENSIONE
(8) Peccaminosa di Sandro Capodiferro - RECENSIONE
(9) Io e Simone di Valerio Nasetti - RECENSIONE
(10) L' ombra di Orione sulla storia dell'umanità di Fabio e Marco Garuti - RECENSIONE
(11) Come nuvole di Daniela Taliana - RECENSIONE
(12) L' Estetica dell'Oltre di Michela Zanarella - RECENSIONE
(13) Potrei raccontarvi di Nicola Sgaramella - RECENSIONE
(14) Humanimal di Daniela Pintor - RECENSIONE
(15) Lucrezia Merisi Caravaggio di Erasmo Scinicarelli - RECENSIONE
(20) Incunabolo di Riccardo Merendi - IL PARERE DI PB
>>Continua (click here)


 

Altre recensioni:





-

dal 2017-03-02
VISITE: 256