Progetto Babele Rivista Letteraria
© 2002 - Progetto Babele Rivista Letteraria - fondata da Marco R. Capelli
Il gruppo di Progetto Babele su Facebook
SCARICA GRATUITAMENTE LA RIVISTA IN FORMATO PDF ACQUISTA UNA COPIA STAMPATA DELLA RIVISTA SCARICA O COMPRA I NUMERI ARRETRATI DELLA RIVISTA
HomePage Contatta PB Collabora con PB Cos'è PB?
TeleScrivente:    Arriva Solaris, e ci (ri) porta i capolavori della fantascienza russa (08/05/2018)    Dopo quindici anni, chiude la rivista Segreti di Pulcinella (ma resta il BLOG) (03/05/2018)    La biblioteca più alta del mondo (forse) (01/05/2018)    Lo stagno dei caimani - ritrovato il racconto perduto di Salgari (12/04/2018)    Il 12 Ottobre 2017 chiude i battenti la storica NETEDITOR (06/10/2017)    [22/06/2018] 9 concorsi letterari in scadenza nei prossimi quattordici giorni    Aneddoti dal cuore scadenza 2018-06-24    Premio Internazionale di Poesia in Lingua Italiana - Città di Siderno - I° edizione scadenza 2018-06-25    PANTA REI 2018 scadenza 2018-06-30    Fiori di china e Pagine in cerca d'autore scadenza 2018-06-30    Storie in viaggio scadenza 2018-06-30    Edizione 2018 - “Mimì Brunetti” scadenza 2018-06-30    Campaniliana 2018 scadenza 2018-06-30    Alessio Di Giovanni scadenza 2018-06-30    VERSI IN VOLO scadenza 2018-07-01    EVENTI, PRESENTAZIONI, CORSI, SEMINARI, FIERE E SPETTACOLI    TRES DOTES - Festival di Poesia (NOSCELTA 2018-06-24)    Le Età Della Vita. Saper Vivere Ogni Stagione Dell’Esistenza - Seminario Estivo - Aggiornamento professionale (SEMINARIO 2018-06-24)    AUDIOLIBRI     Carrozza n.6 di Matteo Bertone letto da Samuele Arena     Fino alla fine dell`alba di Matteo Bertone letto da Samuele Arena     Hannah di Beppe Calabretta letto da Sandra Tedeschi     Delusione di Christian Bigiarini letto da Alberto Sannazzaro     L`ultimo di Giuseppe Foderaro letto da Luca Govoni    RECENSIONI     A Sud dell’Alameda - Diario di un’occupazione di Lola Larra e Vicente Reinamontes     Ho sognato di vivere - Variazioni sul tema del tempo in Roberto Vecchioni di Mario Bonanno     Le case del malcontento di Sacha Naspini     Laura Morante, in punta di piedi di Stefano Iachetti     Verde Limone di Marcial Gala    Il Parere di PB     Sandino Il generale degli uomini liberi di Maurizio Campisi    La gallina volante di Paola Mastrocola    Il 1848 e le cinque giornate di Milano di Antonio Monti     Rapsodia su un solo tema - Colloqui con Rafail Dvoinikov di Claudio Morandini    La vigilia di Natale di Maurizio Bassani    Articoli e saggi     L´horror psicologico di Michele Pastrello     ANTONIO ALTOMONTE «emblematico ricostruttore di perdute dimensioni».     Il mondo poetico del calabrese Rocco Nassi     FRANCESCO PERRI (Careri 1885 – Pavia 1975): il primo scrittore antifascista della letteratura italiana e il primo cantore dell’emigrazione meridionale     La donna indiana tra letteratura e realtà. Anita Desai e Kamala Markandaya.    Racconti     I bossoli dei fratelli James di Massimo Martinelli     Ambrosia per due di Francesco Nucera     Compagni di scuola di Maria cristina Pazzini     La via uruguagia alla felicità di Frank Iodice     Lettera ad una cucciola di Cinzia Baldini    Biografie     Svevo, Italo (1861-1928)     Deledda,Grazia (1871-1936)     Némirovsky,Irene (1903-1942)     Rodolfo Walsh (1927-1977)     Sturluson, Snorri (1176-1241)    Traduzioni     Der Panther / La Pantera di Rainer Maria Rilke trad. di Paolo Esposito     Maternità trad. di Maria giovanna Varasano     L'oscurità amica trad. di Nicoletta Isola     Strana contrada trad. di Nicoletta Isola     Il silenzio del mare trad. di Nicoletta Isola    Poesie     Poesie Nuove (silloge) di Alberto Accorsi     Istantanea di Natascia Secchi     Gemme rare di Elisabetta Santirocchi     Semplicemente luce di Elisabetta Santirocchi     Testamento di Antonio Sacco    Cinema     Forbidden Voices - How to start a revolution with a laptop (Svizzera 2012) regia di Barbara Miller     Hamlet (UK - USA con Kenneth Branagh: Amleto Julie Christie: Gertrude Derek Jacobi: Claudio Kate Winslet: Ofelia 1996) regia di Kenneth Branagh     Becoming Jane (Con Anne Hathaway, James McAvoy, Julie Walters, Maggie Smith, James Cromwell 2007) regia di Julian Jarrold    Musica     Scimpanzè (2015) - Loris Dalì     FIN (2014) - - Thomas -     Chimera (2014) - Ottodix    
Email
PSWD
Save the Children Italia Onlus
Angolo di SImone
L'angolo di SIMONE

La Rivista
PB numero 19
Progetto Babele n.19
Scarica GRATIS
Cart ARRETRATI
>>L'angolo di Simone
Dedicato ai più piccoli
BookShop
PB Interactive
>>Stazione di servizio
(consigli, indirizzi, dritte per aspiranti scrittori)
PB consiglia
Concorsi e premi letterari
Agg. 22-06-2018 - 36 conc.
assaggi
Consigli di Lettura
Le Recensioni
     

Memorie di un ragazzo di borgata
di Mario Rosati
Pubblicato su SITO



Anno 2014 - Gruppo Albatros - Il Filo
Prezzo € 12,00 - 105 pp.
ISBN 8856769441

Una recensione di Cinzia Baldini
VOTA QUESTO TESTO
Insufficiente Sufficiente Discreto Buono Ottimo

Votanti: 435
Media 77.66 %



Memorie di un ragazzo di borgata

Un tempo lontano, quasi un altro epoca… Una città non ancora metropoli, una Capitale a dimensione d’uomo, più madre che matrigna, che accudiva e cresceva a pane e schiaffoni i propri figli, una Roma sparita ma mai dimenticata è quella fermata sulle pagine del volume MEMORIE DI UN RAGAZZO DI BORGATA. RICORDANDO PIER PAOLO PASOLINI. Come una vecchia collezione di cartoline in bianco e nero provenienti dal passato che il linguaggio folkloristico e accattivante del vernacolo romanesco, usato a tratti nella narrazione dall’artista Mario Rosati, autore del libro, ha acceso di colore.

Pagine bellissime e pulsanti di vivacità. Scene di vita autentica, dura, ma reale e non artefatta. Capitoli in cui scorrono con pari dignità le atrocità della guerra e la faticosa lotta quotidiana per la sopravvivenza. Dove la solidarietà, il bene, l’amore, erano espressioni genuine e spontanee dell’anima e offerte al prossimo con generosità, senza attendere una contropartita. Dove i membri di tutte le famiglie meno abbienti “per non dire morti de fame” si davano da fare come potevano per sbarcare il lunario e riuscire a tirare la giornata o per mettere insieme il pranzo con la cena.

I giorni dell’infanzia e della giovinezza si sono accumulati sulle spalle dell’autore diventando anni ma mai hanno perso la loro posizione in prima fila. Vigili attendevano, ai bordi della memoria, di avere una nuova opportunità. E così è stato! Nemmeno un giorno dimenticato dal Rosati, della sua vita di “borgataro de Torpignattara”.

E così, mentre i ricordi vengono riproposti al lettore in una graffiante e scanzonata autobiografia, tornano prepotentemente vivi e brillano di luce propria.

Con la semplicità di un giovane squattrinato ma ricco di voglia di vivere e l’orgoglio dell’uomo che si è fatto da sé, conquistando vette insperate e soddisfazioni negate ai più il Rosati racconta le sue esperienze quotidiane. Quelle più o meno dure che gli hanno procurato notti insonni e giorni di affanno, quelle ruvide e graffianti che lo hanno arricchito interiormente. I sentimenti, le emozioni, il dolore, la sofferenza, le rinunce e non di rado le privazioni che lo hanno fortificato e formato in maniera qualitativamente positiva senza intaccarne l’anima rimasta quella ingenua e spregiudicata al contempo del “ragazzo di vita” della borgata che si è lasciato alle spalle.

La scrittura è semplice, lineare e scorrevole anche quando alza i toni per proporre un simbiotico e proficuo scambio collaborativo tra tutti gli animatori della comunità sociale, nessuno escluso! O descrive i momenti difficili, le questioni complicate, tocca argomenti scomodi come possono essere quelli degli ideali politici o scottanti quali l’omosessualità.

Nel libro si parla, infatti, come sottolinea il sottotitolo anche dell’incontro che il maestro ebbe con il famoso regista, scrittore e promotore di cultura Pier Paolo Pasolini. Incontro che lasciò un segno indelebile in quello che sarebbe poi diventato l’uomo e l’artista Mario Rosati.

L’autore, in alcuni paragrafi senza perdersi o indugiare in chiacchiere inutili ma servendosi di pochi tratti decisi e potenti, come spesso le linee delle sue sculture o i tratti di alcuni suoi lavori pittorici sanno dare, offre al lettore, inedite immagini di una realtà di quei lontani anni trenta del ventesimo secolo per molti, ormai, dimenticata.

Pieno di calore e di autentico romanticismo è il capitolo dedicato all’incontro con la donna che da quasi mezzo secolo è sempre al suo fianco. Le problematiche della vita in una comunità ristretta e pettegola quale quella di borgata li hanno fatti crescere in fretta. Entrambi giovanissimi ma già responsabili e maturi, ognuno con il suo carattere forte e deciso, si conoscono un sabato sera ”… andammo a ballare a casa di amici. All’epoca noi ragazzi non frequentavamo discoteche, né locali notturni, bastava poco pe facce contenti! La solta stanza apparecchiata con le sedie tutte intorno alle pareti, l’angolo bar e il giradischi. Gettai uno sguardo in giro ed incrociai gli occhi di una ragazza. Era Silvana. Accennai un sorriso e la invitai a ballare”. Fu il classico colpo di fulmine!

Il libro è una testimonianza di vita vera, intensamente assaporata e profondamente vissuta che ripropone con sensibilità tipicamente artistica temi e valori ormai declassati a passato remoto. Eppure la narrazione semplice e priva di fronzoli, che non si serve di effetti speciali né ricorre a colpi di scena sensazionali o declara astrusi e incomprensibili principi universali né accampa improbabili motivazioni esistenziali, parla direttamente al cuore e questo è uno dei meriti, a mio avviso, da riconoscere all’amico e maestro Rosati.

Non c’è campanilismo né esibizionismo nelle MEMORIE DI UN RAGAZZO DI BORGATA ma una morale impartita da una maestra inflessibile e severa: la vita. Una lezione appresa non sui banchi di scuola ma per le strade polverose e le marane insalubri della periferia romana. E a leggere ben oltre le apparenze, ben oltre le righe, dietro le spacconate e la goliardia, l’irriverenza e l’ironia, il fare smaliziato e il linguaggio colorito si distingue un sano e sacrosanto sprone a non abbandonare mai la speranza per un’esistenza migliore, un inno all’arte che nel momento dell’ispirazione è fonte suprema di libertà e strumento formativo senza eguali, un appello accorato a non smarrire, in una società ormai ridotta ai minimi termini, la propria coscienza civile.

E’ un libro da leggere e da ricordare ma il lettore si prepari a sentire il nodo del rimpianto e della nostalgia serrargli la gola. Per chi, poi, come me, è nato a Roma e riconosce i luoghi descritti, beh… l’effetto commozione e lacrimuccia è assicurato! E’ un po’ come ritrovarsi alla festa de Noartri e ascoltare una serenata dedicata all’amata o uno stornello improvvisato all’osteria o sentir declamare in vernacolo i versi del Trilussa o del Belli.


Una recensione di Cinzia Baldini






Recensioni ed articoli relativi a Mario Rosati

(1) Memorie di un ragazzo di borgata di Mario Rosati - RECENSIONE

Testi di Mario Rosati pubblicati su Progetto Babele

Nessun record trovato

Altre recensioni di Cinzia Baldini

(1) Incunabolo di Riccardo Merendi- Il Parere di PB
(2) Il ritorno di Nibiru di Massimo Fratini - RECENSIONE
(3) Io sono respiro puro di Maria Fornaro - RECENSIONE
(4) Il lungo cammino del fulmine di Guglielmo Campione - RECENSIONE
(5) Brando Street. La scomparsa di una comparsa di Marisa Cecchetti - RECENSIONE
(6) L`odore della notte di Paolo DAnna - RECENSIONE
(7) Templar Order di Domizio Cipriani - RECENSIONE
(8) Il diciassettesimo Conte di Patrizia Marzocchi - RECENSIONE
(9) Le reliquie di Sarajevo di Paolo D Anna - RECENSIONE
(10) Malbianco di Sandro Capodiferro - RECENSIONE
(11) Il ponte delle Vivene di Davide Dotto - RECENSIONE
(12) Peccaminosa di Sandro Capodiferro - RECENSIONE
(13) Io e Simone di Valerio Nasetti - RECENSIONE
(14) L' ombra di Orione sulla storia dell'umanità di Fabio e Marco Garuti - RECENSIONE
(15) Come nuvole di Daniela Taliana - RECENSIONE
>>Continua (click here)


 

Altre recensioni:





-

dal 2017-08-05
VISITE: 925


© Copyright Note: Tutto il materiale qui pubblicato è proprietà intellettuale degli autori.
Come tale non può essere riprodotto, tutto o in parte, senza preventivo consenso degli autori stessi.