© 2002 - Progetto Babele Rivista Letteraria - fondata da Marco R. Capelli
Il gruppo di Progetto Babele su Facebook
SCARICA GRATUITAMENTE LA RIVISTA IN FORMATO PDF ACQUISTA UNA COPIA STAMPATA DELLA RIVISTA SCARICA O COMPRA I NUMERI ARRETRATI DELLA RIVISTA
HomePage Contatta PB Contatta il WebMaster help&faq
 
 
TeleScrivente:    Lo stagno dei caimani - ritrovato il racconto perduto di Salgari (12/04/2018)    Il 12 Ottobre 2017 chiude i battenti la storica NETEDITOR (06/10/2017)    Lacrime d’Inchiostro (19/07/2017)    L'editore più povero del mondo parla sul blog "La Casa di Carta" (24/03/2017)    Audio Antologia della Letteratura Italiana Vol. I e Vol. II (25/04/2015)    [19/04/2018] 14 concorsi letterari in scadenza nei prossimi quattordici giorni    X Premio Navarro scadenza 2018-04-20    Racconti di Donna scadenza 2018-04-20    Vinòforum scadenza 2018-04-20    Trofeo RiLL, il miglior racconto fantastico scadenza 2018-04-27    Fuori dal cassetto scadenza 2018-04-27    Le Occasioni scadenza 2018-04-29    Concorso Internazionale di Saggistica “Riscontri” scadenza 2018-04-30    Città di Latina scadenza 2018-04-30    Riviera Adriatica scadenza 2018-04-30    “Caro Fabrizio, ti racconto di un ritorno” scadenza 2018-04-30    Premio Antonio Fogazzaro scadenza 2018-04-30    Pietro Corsi scadenza 2018-04-30    Tra Secchia e Panaro scadenza 2018-04-30    Il Sogno del Poeta scadenza 2018-04-30    EVENTI, PRESENTAZIONI, CORSI, SEMINARI, FIERE E SPETTACOLI    AUDIOLIBRI     Carrozza n.6 di Matteo Bertone letto da Samuele Arena     Fino alla fine dell`alba di Matteo Bertone letto da Samuele Arena     Hannah di Beppe Calabretta letto da Sandra Tedeschi     Delusione di Christian Bigiarini letto da Alberto Sannazzaro     L`ultimo di Giuseppe Foderaro letto da Luca Govoni    RECENSIONI     Verde Limone di Marcial Gala     Quei gran pezzi dell'Emilia Romagna di Brunetto Salvarani e Odoardo Semellini     Memorie di un ragazzo di borgata di Mario Rosati     Amore incompatibile di Francesco Dell´Olio     Andata e ritorno di Elena Ciurli    Il Parere di PB     Sandino Il generale degli uomini liberi di Maurizio Campisi    La gallina volante di Paola Mastrocola    Il 1848 e le cinque giornate di Milano di Antonio Monti     Rapsodia su un solo tema - Colloqui con Rafail Dvoinikov di Claudio Morandini    La vigilia di Natale di Maurizio Bassani    Articoli e saggi     L´horror psicologico di Michele Pastrello     ANTONIO ALTOMONTE «emblematico ricostruttore di perdute dimensioni».     Il mondo poetico del calabrese Rocco Nassi     FRANCESCO PERRI (Careri 1885 – Pavia 1975): il primo scrittore antifascista della letteratura italiana e il primo cantore dell’emigrazione meridionale     La donna indiana tra letteratura e realtà. Anita Desai e Kamala Markandaya.    Racconti     I bossoli dei fratelli James di Massimo Martinelli     Ambrosia per due di Francesco Nucera     Compagni di scuola di Maria cristina Pazzini     La via uruguagia alla felicità di Frank Iodice     Lettera ad una cucciola di Cinzia Baldini    Biografie     Svevo, Italo (1861-1928)     Deledda,Grazia (1871-1936)     Némirovsky,Irene (1903-1942)     Rodolfo Walsh (1927-1977)     Sturluson, Snorri (1176-1241)    Traduzioni     Der Panther / La Pantera di Rainer Maria Rilke trad. di Paolo Esposito     Maternità trad. di Maria giovanna Varasano     L'oscurità amica trad. di Nicoletta Isola     Strana contrada trad. di Nicoletta Isola     Il silenzio del mare trad. di Nicoletta Isola    Poesie     Poesie Nuove (silloge) di Alberto Accorsi     Istantanea di Natascia Secchi     Gemme rare di Elisabetta Santirocchi     Semplicemente luce di Elisabetta Santirocchi     Testamento di Antonio Sacco    Cinema     Forbidden Voices - How to start a revolution with a laptop (Svizzera 2012) regia di Barbara Miller     Hamlet (UK - USA con Kenneth Branagh: Amleto Julie Christie: Gertrude Derek Jacobi: Claudio Kate Winslet: Ofelia 1996) regia di Kenneth Branagh     Becoming Jane (Con Anne Hathaway, James McAvoy, Julie Walters, Maggie Smith, James Cromwell 2007) regia di Julian Jarrold    Musica     Scimpanzè (2015) - Loris Dalì     FIN (2014) - - Thomas -     Chimera (2014) - Ottodix    
 
 
Email
PSWD
CONSIGLI DI LETTURA
Arretrati e copie stampate
PB International
PB Interactive
IN PRIMO PIANO


OnlineUtenti connessi: 16
Utenti collegati in chat 0

Dal 01/01/2003
questo sito ha generato
99.602.197
esposizioni

 
     

Quei gran pezzi dell'Emilia Romagna
di Brunetto Salvarani e Odoardo Semellini
Pubblicato su SITO



Anno 2017 - Il Margine
Prezzo € 18 - 384 pp.
ISBN 978860891754

Una recensione di Carlo Santulli
VOTA QUESTO TESTO
Insufficiente Sufficiente Discreto Buono Ottimo

Votanti: 31
Media 81.61 %



Quei gran pezzi dell'Emilia Romagna

In quest′epoca di contrapposizioni frontali (ma forse, a ben guardare, ogni epoca lo è), un po′ di wabi-sabi ci farebbe comodo, insomma “una bellezza imperfetta, non permanente ed incompleta”. Perché succede, per esempio nella musica, ma in tutte le arti, che le composizioni dei nostri beniamini le consideriamo perfette ed inarrivabili, siano quelle di Giuseppe Verdi o di Luciano Ligabue, ma la perfezione non è di questo mondo, ed è giusto così. Ed avvicinandoci sempre più ai giorni nostri, non che le cose si semplifichino, se pensiamo in quanti generi e contaminazione tra l′uno e l′altro si possa (tentare di) dividere la musica che si esegue oggi. E manco classica o leggera è più una divisione accettabile (nel senso di “univocamente riconosciuta”), anche se, così ad occhio, sembrerebbe evidente. Nella crisi delle divisioni un po′ manichee (perché se dividiamo, spesso diamo anche dei giudizi di valore…), è preferibile dare altri criteri per parlare di musica e della cultura che ad essa è così strettamente legata, in quanto la musica ci intrattiene, ma ci ispira e ci insegna anche e dice molto del contesto nel quale il musicista opera.

In “Quei gran pezzi dell′Emilia Romagna” di Odoardo Semellini e Brunello Salvarani, partendo da Verdi e muovendo dall′assunto che gli emiliani siano una “brutta razza”, enunciato in quella canzone di Francesco Guccini dove, e non è un caso, “verdiano” fa rima con “strano”, si racconta la ricchissima storia musicale di questa regione, con assoluta precisione documentaria, però con quel rispetto vero che non esclude la battuta amichevole anche al cospetto del “cigno di Busseto”. Ma si risale ancora più indietro, alle sonate per organo di Arcangelo Corelli, che era di Fusignano (come Arrigo Sacchi…). Dagli Skiantos a Nilla Pizzi, passando per lo Zecchino d′Oro ed il “beat”, si fa capire come la musica, qualunque musica, sia cultura. Anche se si parte da qualcuno che non sa suonare, com′era il caso agli inizi di Freak Antoni e del suo gruppo. E′ cultura perché trasmette delle sensazioni e comunica col nostro animo, anche se magari dal palco ci tirano la verdura, perché il pubblico aspetta che succeda qualcosa…ed in effetti qualcosa succede. Ed è anche politica, non soltanto perché vi si parla delle canzoni partigiane e perché le rappresentazioni musicate dei “maggi” possono essere anche uno strumento di emancipazione femminile. Ma perché in fin dei conti, anche se cerchiamo di dimenticarcene, tutto è politica, anche creare una banda “d′integrazione”, come i Rulli Frulli di Finale Emilia, non fermati neanche da un terremoto.

E′ molto bello l′atteggiamento aperto ed intelligente degli autori, che vogliono stabilire collegamenti e riferimenti, in modo molto ardito ma anche elegante, non dimenticando che il mondo della musica è infinitamente più coeso di quanto sembra. Un approccio alla Pavarotti: se si può cantare, lo cantiamo, anche se il genere non è proprio il mio, ci si prova. Perché in effetti, aver passione, è anche accettare la sfida. Ed allora le contrapposizioni, di cui dicevo sopra, diventano quasi soltanto espedienti di mercato. Tornando agli anni ′60, nel momento in cui uno come Gianni Morandi veniva presentato come il cantante dei giovani, per rompere con quella tradizione incarnata dai cantanti della generazione precedente, a cominciare da Nilla Pizzi, che Gianni ammira moltissimo. Così Casadei (Secondo, lo zio di Raoul) cerca di conservare i valzer insinuandoli tra i boogie woogie. Ed a volte l′operazione di contaminazione gli riesce pure… Così Guccini non esita ad accostare nella sua ammirazione il Quartetto Cetra, la cui voce femminile Lucia Mannucci era bolognese, ai Beatles.

Dietro tutto questo, c′è un immenso amore per la musica, che stabilisce collegamenti che sono un po′ nella logica delle cose, dove la musica così riunificata si apre senza problemi alla poesia: è emblematica proprio l′apertura mentale di Freak Antoni, che può leggere poesie surreali sulla musica di Erik Satie, ma anche sognare di andare a Sanremo, non riuscendoci per un soffio. Il personaggio di Freak Antoni è appunto emblematico dell′atteggiamento stesso degli autori, che raccolgono e mettono in relazione dischi e materiale documentario, con un approccio molto, se mi passate il termine, futurista, privo di blocchi mentali e di preclusioni, in un movimento che passando da Balilla Pratella (che era di Lugo) a Bruno Munari, transita per Marinetti.

Un libro bello ed una lettura gradevolissima, sia ad apertura di pagina che tutto di seguito, senza trascurare qualche andirivieni e qualche su e giù. L′idea è di mostrare come la posizione baricentrica e di transito di una regione come l′Emilia Romagna si ripercuota nel desiderio di sperimentazione e di contaminazione, ed in fin dei conti nel diritto di provare ad evolversi ed a giocare coi suoni, ed in quello opposto di stare sempre al proprio posto ed ammiccare ai passanti. Ricchissima la quantità di materiale raccolto, con notizie curiose ed anche di difficile reperimento, e sappiate, per dirne una, che se dopo questa recensione, vi sarà venuta voglia di un piatto di tortellini, dovete ringraziare la signora Adelaide, che li inventò nel 1821. Conclusione banale, ne convengo, ma provate a dire che i tortellini non sono un fatto culturale…


Una recensione di Carlo Santulli






Recensioni ed articoli relativi a Brunetto Salvarani e Odoardo Semellini

(1) Quei gran pezzi dell'Emilia Romagna di Brunetto Salvarani e Odoardo Semellini - RECENSIONE
(2) Terra in bocca di Brunetto Salvarani e Odoardo Semellini- Il Parere di PB
(3) Dio tu e le rose di Brunetto Salvarani e Odoardo Semellini- Il Parere di PB

Testi di Brunetto Salvarani e Odoardo Semellini pubblicati su Progetto Babele

Nessun record trovato

Altre recensioni di Carlo Santulli

(1) Sandino Il generale degli uomini liberi di Maurizio Campisi- Il Parere di PB
(2) La gallina volante di Paola Mastrocola- Il Parere di PB
(3) Il 1848 e le cinque giornate di Milano di Antonio Monti- Il Parere di PB
(4) Operazione Arca di Noè di Andrea Coco- Il Parere di PB
(5) Il castello incantato di Emiliano Grisostolo- Il Parere di PB
(6) Cassandra di Laura De Santis- Il Parere di PB
(7) Cuore e acciaio - estetica dell'animazione giapponese di Marcello Ghilardi- Il Parere di PB
(8) La nascita della bellezza - da Bruegel a Basquiat ritratti di un mondo segreto di Maria Grazia Mezzadri Cofano- Il Parere di PB
(9) Sia fatta la tua comicità. Paradise strips di Pietro Pancamo- Il Parere di PB
(10) Le parole e la pietra di Fabio Clerici- Il Parere di PB
(11) I traditi di cefalonia - la vicenda della divisione Acqui 1943-1944 di Paolo Paoletti- Il Parere di PB
(12) Alloggio vista mare di Cesarina Bo- Il Parere di PB
(13) Geules Noires (Musi Neri) di Monica Ferretti- Il Parere di PB
(14) Arca allo sbando? di Enrico Meloni- Il Parere di PB
(15) Damnati ad metalla di Loris Ferrari- Il Parere di PB
>>Continua (click here)


 

Altre recensioni:





-

dal 2018-04-04
VISITE: 234