Progetto Babele Rivista Letteraria
© 2002 - Progetto Babele Rivista Letteraria - fondata da Marco R. Capelli
Audiolibri BookShop SCARICA O COMPRA I NUMERI ARRETRATI DELLA RIVISTA
HomePage Contatta PB Il gruppo di Progetto Babele su Facebook Seguici su Youtube Linkedin
TeleScrivente:    I libri di PB, saldi di fine stagione (28/12/2018)    Nasce FIAMMIFERI, la nuova collana della casa editrice Pagine d’Arte (08/11/2018)    Concorso Letterario Nazionale di Ostia “500 PAROLE”: annunciati i 18 finalisti (27/09/2018)    Versante Ripido è morto? (27/09/2018)    Arriva Solaris, e ci (ri) porta i capolavori della fantascienza russa (08/05/2018)    [23/04/2019] 16 concorsi letterari in scadenza nei prossimi quattordici giorni    Passioni, desideri, tentazioni, fra realtà e fantasia. scadenza 2019-04-23    SCENICCHIA UNA SEGA #2 PRATICAMENTE UN CONCORSO LETTERARIO scadenza 2019-04-26    La Farnia d'Oro In terra nostra scripta apparuerunt scadenza 2019-04-30    Il Prete Bambino scadenza 2019-04-30    Premio drammaturgico per testi a tematica gay scadenza 2019-04-30    La tecnologia è magia? scadenza 2019-04-30    L’Ebbrezza della vita scadenza 2019-04-30    Città di Latina scadenza 2019-04-30    Onigo Mura bastia scadenza 2019-04-30    Caro Fabrizio, ti racconto di un sogno scadenza 2019-04-30    Caro Fabrizio, ti racconto di un sogno scadenza 2019-04-30    Caro Fabrizio, ti racconto di un sogno scadenza 2019-04-30    Tra Secchia e Panaro scadenza 2019-04-30    Il Sogno del Poeta scadenza 2019-04-30    OCEANO DI CARTA scadenza 2019-04-30    Nuova Scrittura Ermetica 2019 scadenza 2019-04-30    EVENTI, PRESENTAZIONI, CORSI, SEMINARI, FIERE E SPETTACOLI    AUDIOLIBRI     La Strega di Marco R. Capelli letto da C. Fratarcangeli e S.Ferrara     Carrozza n.6 di Matteo Bertone letto da Samuele Arena     Fino alla fine dell`alba di Matteo Bertone letto da Samuele Arena     Hannah di Beppe Calabretta letto da Sandra Tedeschi     Delusione di Christian Bigiarini letto da Alberto Sannazzaro    RECENSIONI     Consigli dalla punk caverna: A noi punk non ci resta che Al Bano di Fabio Izzo     Tenebra Lux di Alessandro Del Gaudio     Epiphaino di Guglielmo Campione     Fermento di Falesia di Stefano Giannotti     Guida ai cantautori italiani - Gli anni Settanta di Mario Bonanno    Il Parere di PB     Sandino Il generale degli uomini liberi di Maurizio Campisi    La gallina volante di Paola Mastrocola    Il 1848 e le cinque giornate di Milano di Antonio Monti     Rapsodia su un solo tema - Colloqui con Rafail Dvoinikov di Claudio Morandini    La vigilia di Natale di Maurizio Bassani    Articoli e saggi     Jack London (1876-1916), ovvero il mare sfidato     La scienza dell’impresa secondo Filippo Picinelli (1604-1679): indagine sulle fonti dell’Introduzione al “Mondo Simbolico”.     Joseph Conrad ovvero il mare professionale     Apollo e Dafne: Quando il marmo diventa carne     L´horror psicologico di Michele Pastrello    Racconti     La Strega di Marco R. Capelli     I bossoli dei fratelli James di Massimo Martinelli     Ambrosia per due di Francesco Nucera     Compagni di scuola di Maria cristina Pazzini     La via uruguagia alla felicità di Frank Iodice    Biografie     Svevo, Italo (1861-1928)     Deledda,Grazia (1871-1936)     Némirovsky,Irene (1903-1942)     Walsh, Rodolfo (1927-1977)     Sturluson, Snorri (1176-1241)    Traduzioni     Der Panther / La Pantera di Rainer Maria Rilke trad. di Paolo Esposito     Maternità trad. di Maria giovanna Varasano     L'oscurità amica trad. di Nicoletta Isola     Strana contrada trad. di Nicoletta Isola     Il silenzio del mare trad. di Nicoletta Isola    Poesie     Poesie Nuove (silloge) di Alberto Accorsi     Istantanea di Natascia Secchi     Gemme rare di Elisabetta Santirocchi     Semplicemente luce di Elisabetta Santirocchi     Testamento di Antonio Sacco    Cinema     Forbidden Voices - How to start a revolution with a laptop (Svizzera 2012) regia di Barbara Miller     Hamlet (UK - USA con Kenneth Branagh: Amleto Julie Christie: Gertrude Derek Jacobi: Claudio Kate Winslet: Ofelia 1996) regia di Kenneth Branagh     Becoming Jane (Con Anne Hathaway, James McAvoy, Julie Walters, Maggie Smith, James Cromwell 2007) regia di Julian Jarrold    Musica     Scimpanzè (2015) - Loris Dalì     FIN (2014) - - Thomas -     Chimera (2014) - Ottodix    
Email
PSWD
AddsZone
Save the Children Italia Onlus
Arretrati
La Rivista
Copertina
Scarica gratuitamente
l'ultimo numero della rivista
Cart ARRETRATI
BookShop
PB Interactive
>>Stazione di servizio
Consigli & indirizzi per aspiranti scrittori
>>Telescrivente
Le NEWS di PB - quasi un Blog
>>L'angolo di Simone
Dedicato ai più piccoli
>>Piccolo spazio pubblicità
Le vostre inserzioni su PB
PB consiglia
Concorsi e premi letterari
56 concorsi in archivio
Eventi Mostre Presentazioni Spettacoli
0 eventi in archivio
Novità in libreria
NOVITA' IN LIBRERIA
4 novità in archivio
Assaggi
Le Recensioni
     

Milly Molly Mandy (quattro libri: 1925-1948) di Joyce Lankester Brisley (1896-1978)
a cura di Carlo Santulli
Pubblicato su PB19


VOTA QUESTO TESTO
Insufficiente Sufficiente Discreto Buono Ottimo

Votanti: 8508
Media 79.74 %

Articoli Oggi, se permettete, parliamo di letteratura per bambini. Anche in questo senso, si può parlare di riscoperte, o meglio di scoperte, e basta. Millicent Margaret Amanda è, a dispetto del nome indicibilmente pomposo, una bambina che ha un vestito a strisce bianche e rosse, come vedete dalla foto, e vive in un piccolo paese di campagna in un altrettanto piccolo cottage con il tetto spiovente (thatched roof).
Certo, viene il sospetto che il cottage tanto piccolo non sia, dato che ospita, oltre alla bimba, padre, madre, zio, zia, nonno e nonna. Ognuno attende senza particolari problemi e traumi alle sue attività, e la vita sembra, oltre che immutabile, molto ben organizzata. Non mancherebbero ragioni per il cambiamento: per esempio una volta Milly Molly Mandy, come tutti la chiamano, strappa inavvertitamente il famoso vestitino a strisce, ed allora la mamma decide che forse val la pena di comprarne un altro, dato che il rammendo si vedrebbe, ed inoltre, si capisce, non è il primo. Dopo una lunga trattativa al modesto negozietto di stoffe del villaggio, non si trova per Milly Molly Mandy che un altro vestito a strisce bianche e rosse, e la bambina ne conclude che va bene così, che si sente meglio se stessa così.
La questione del vestito ci fa capire un po' la visione del mondo della bimba, ed incidentalmente dell'autrice, la scrittrice umoristica e disegnatrice inglese Joyce Lancaster Brisley (1896-1978), rigorosamente signorina per tutta la vita. Ella svanisce dietro il personaggio al quale ha dedicato tutta la vita. Milly Molly Mandy nasce nel 1925. La filosofia, come dicevo, è semplice: il cambiamento non è necessario, crea solo incertezza, o meglio è preferibile avere tanti piccoli eventi (un nuovo amichetto, il matrimonio del fabbro del villaggio, una gita in automobile, un picnic, dei francobolli in una lettera dall'estero, il restauro delle vecchie bici) che uno grande e chissà, forse non gestibile, non dominabile. E poi, non è che Milly Molly Mandy non abbia una sua vita sociale: c'è l'amichetta (little friend) Susan, e c'è l'amico del cuore, Billy Blunt, con l'inevitabile piccola smorfia (grin). Smorfia? Ma dalla parola grin viene l'italiano grinta, e quindi il buon Billy non è altro che una modesta parodia, una parodia bambina della nostra molto seria e grintosa condizione di uomini, nel senso di maschi. Non manca l'avventura, ma è filtrata dagli occhi della bambina, in una specie di leggiadra e intima felicità, che è allo stesso tempo malinconia e tenerezza. Conosco pochi libri per l'infanzia dove tutto sia realmente visto con occhi infantili, e rapportato alle dimensioni ridotte del mondo di una bambina di un tempo.
In un certo senso, si tratta di un'opera modesta, ma (guardate che parola grossa…) eterna. Eterna, perché le gioie sono quelle che devono essere, piccole, ma ingigantite da un consapevole e lieve ottimismo. Fa bene leggerlo per i bambini e per i grandi, perché ci ricorda che siamo noi a creare i nostri stessi problemi, quando pensiamo che serva di più, sempre di più: in realtà serve allargare il cuore ad ogni sensazione, anche piccola, della nostra vita. Ma naturalmente l'obiezione è che non ci si può entusiasmare per una corsa nei prati o per una casetta tra i rami di un albero, perché abbiamo una cultura, siamo così svegli e non ingenui, ecc., e poi il mondo è così brutto, ecc. ecc.
In realtà, a parte il mondo, che è sempre stato quel che è, tremendo, ma affascinante, noi abbiamo tutto il diritto, messo da parte tutto il resto, di essere felici (sempre che lo vogliamo veramente): ed in effetti la ricetta di Milly Molly Mandy, condita di tanto saggio ed ingenuo umorismo, è probabilmente quella giusta.
E poi c'è l'Inghilterra, che è sempre lo stesso paese dell'orrore cosmico, di Machen, di Emily Brontë, e, perché no, quella di Hyde e Jekyll, ma rovesciata, il paese dei villaggi con le siepi bagnate di pioggia, dove ancora oggi le auto sfilano piano accanto ai gruppetti di narcisi che si rispecchiano nel verde del prato. Suggerisco a questo proposito la visita di un paesino modesto, ma emblematico, dalle parti di Oxford, un paesino minuscolo con un nome imponente come la bambina del romanzo: Nuneham Courtenay, poco più di un rettilineo delimitato ai due estremi da cancelletti di legno, che (teoricamente) potrebbero essere ancor oggi chiusi la notte.
Sono racconti che non dicono più di quello che si legge, rappresentando un mondo adorabilmente fuori moda, o probabilmente ignaro dell'esistenza delle mode, lo stesso mondo che si ritrova in certi cartoni animati britannici per bambini, come Postman Pat, la storia del postino del Lake District col gatto bicolore, risolutore di problemi niente affatto complicati ed eccezionale consumatore di té, o di Gran, la nonna con immense potenzialità inespresse, che non esce dalla sua casetta che per imprese eccezionali, di solito a beneficio del nipotino. Un mondo dove l'ironia bandisce la noia e la quiete aiuta lo svolgersi della vita, con nessuna forma del desiderio di rivalsa sociale che è presente per esempio in certi personaggi disneyani, come Paperino. Qui la società è regolata e tranquilla, non giusta forse (ma cosa è giusto, a questo mondo?), ma inevitabile, dove non serve agitarsi, perché le poche cose che importano davvero avvengano.
Non è difficile capire che (e perché) nessuna di queste serie, a cominciare ovviamente dai racconti di Milly Molly Mandy, sia stata, a quanto mi risulta, tradotta in Italia. Mi permetto di gettare il mio sassetto nello stagno, perché qualcuno lo faccia (per Milly Molly Mandy mi offrirei io, immodestamente, ma non so chi ne possieda i diritti…).

© Carlo Santulli



Recensioni ed articoli relativi a Brisley

(1) Milly Molly Mandy (quattro libri: 1925-1948) di Joyce Lankester Brisley (1896-1978) a cura di Carlo Santulli - ARTICOLO


Recensioni ed articoli relativi a Carlo Santulli

Nessun record trovato

Testi di Carlo Santulli pubblicati su Progetto Babele

(1) Milanesi, Guido di Carlo Santulli - BIOGRAFIA
(2) Puccini, Mario di Carlo Santulli - BIOGRAFIA
(3) Petyx, Angelo di Carlo Santulli - BIOGRAFIA
(4) Pennac, Daniel di Carlo Santulli - BIOGRAFIA
(5) Pavese, Cesare di Carlo Santulli - BIOGRAFIA
(6) Wilde, Oscar di Carlo Santulli - BIOGRAFIA
(7) Verne, Jules di Carlo Santulli - BIOGRAFIA
(8) Tassoni, Alessandro di Carlo Santulli - BIOGRAFIA
(9) Ojetti, Ugo di Carlo Santulli - BIOGRAFIA
(10) Joyce, James di Carlo Santulli - BIOGRAFIA
(11) Frank, Anna di Carlo Santulli - BIOGRAFIA
(12) Cortàzar, Julio di Carlo Santulli - BIOGRAFIA
(13) Cantoni, Alberto di Carlo Santulli - BIOGRAFIA
(14) Campanile, Achille di Carlo Santulli - BIOGRAFIA
(15) Brignetti, Raffaello di Carlo Santulli - BIOGRAFIA
>>Continua (click here)


>>ARCHIVIO ARTICOLI

>>Archivio vecchi articoli (fno al 21/05/2007)

 

 




-

dal 2008-03-23
VISITE: 23214


© Copyright Note: Tutto il materiale qui pubblicato è proprietà intellettuale degli autori.
Come tale non può essere riprodotto, tutto o in parte, senza preventivo consenso degli autori stessi.