Progetto Babele Rivista Letteraria
© 2002 - Progetto Babele Rivista Letteraria - fondata da Marco R. Capelli
Audiolibri BookShop SCARICA O COMPRA I NUMERI ARRETRATI DELLA RIVISTA
HomePage Contatta PB Il gruppo di Progetto Babele su Facebook Seguici su Youtube Linkedin
TeleScrivente:    SOSTENETE “ILCORSARONERO” RINNOVANDO L’ABBONAMENTO (07/09/2019)    Eugraphia seleziona opere per ragazzi (da sei a quindici anni) (05/09/2019)    Black Window: al via la seconda edizione! (24/06/2019)    Anobii lascia Mondadori (30/05/2019)    I libri di PB, saldi di fine stagione (28/12/2018)    [18/09/2019] 7 concorsi letterari in scadenza nei prossimi quattordici giorni    Scribo scadenza 2019-09-18    Mondo Artigiano scadenza 2019-09-20    360 Autori per tutto l’anno scadenza 2019-09-21    Fiori d'Inverno scadenza 2019-09-28    Tema: “Lo scrittore Michele Malanca attraverso la sua ultima opera: Storia di Andrea Pagani e altri racconti” scadenza 2019-09-30    Mario Zanaria scadenza 2019-09-30    PREMIO LETTERARIO DAUNIA&SANNIO scadenza 2019-09-30    EVENTI, PRESENTAZIONI, CORSI, SEMINARI, FIERE E SPETTACOLI    CartaCarbone Festival Letterario Autobiografia e dintorni 2019 | Presentazione della sesa edizione - Treviso, Sabato 21 Settembre 2019, ore 11, Chiesa di San Teonisto (FESTIVAL LETTERARIO 2019-09-21)    PAT - Percorsi di Avvicinamento al Teatro - II edizione - 6 incontri, tutti gratuiti (Roma) (NOSCELTA 2019-09-26)    Festival Letterario CartaCarbone “Autobiografia e dintorni” - Sesta Edizione (NOSCELTA 2019-10-13)    AUDIOLIBRI     La porta di Cesarina Bo letto da Alberto Morella (Realizzato da Riccardo Cerutti)     La Strega di Marco R. Capelli letto da C. Fratarcangeli e S.Ferrara     Quella casa sulla collina di Marcello Caccialanza letto da Alberto Sannazzaro     Fino alla fine dell`alba di Matteo Bertone letto da Samuele Arena     Carrozza n.6 di Matteo Bertone letto da Samuele Arena    RECENSIONI    I Figli di Dio di Glen Cooper    La cripta dei teschi forati di Luigi Tortora    Il Barone di Giuseppe Antonio Martino    Il Barone di Giuseppe Antonio Martino     Fossi in te io insisterei di Carlo Giuseppe Gabardini    Il Parere di PB     Cambi di prospettive di Ilaria Ferramosca     Express Tramway di Vittorio Baccelli     Promesse da marinaio di Daniele Filzi    Il lungo viaggio di Chaetodon Vagabundus di Francesco Sciortino    I buoni ed i cattivi frutti di Francesca Ricci    Articoli e saggi     Lorenzo Calogero, il “folle” medico-poeta di Melicuccà     Congiunzione e disgiunzione in Eugenio Montale     Ernest Hemingway e le Isole Borromee     Lingua e poesia nelle opere di Nino De Vita     Jack London (1876-1916), ovvero il mare sfidato    Racconti     Ritratto di signora in rosso di Bruno Corino     Ore 04.50 Giorno Primo di Consolato Mercuri     Ore 04.50 - Giorno terzo di Consolato Mercuri     Solitudine di Carla Montuschi     Speranze di Maria cristina Piazza    Biografie     Svevo, Italo (1861-1928)     Deledda,Grazia (1871-1936)     Némirovsky,Irene (1903-1942)     Walsh, Rodolfo (1927-1977)     Sturluson, Snorri (1176-1241)    Traduzioni     Der Panther / La Pantera di Rainer Maria Rilke trad. di Paolo Esposito     Maternità trad. di Maria giovanna Varasano     Il silenzio del mare trad. di Nicoletta Isola     Strana contrada trad. di Nicoletta Isola     L'oscurità amica trad. di Nicoletta Isola    Poesie     Francesco di Eva Rando     Occhi di Luna di Elisabetta Santirocchi     Assenzio di Sandro Lillo Spallino     Poesie Nuove (silloge) di Alberto Accorsi     Istantanea di Natascia Secchi    Cinema     Forbidden Voices - How to start a revolution with a laptop (Svizzera 2012) regia di Barbara Miller     The Blind Side (USA - con Sandra Bullock: Leigh Anne Tuohy Tim McGraw: Sean Tuohy Quinton Aaron: Michael Oher Jae Head: S.J. Tuohy Kathy Bates: Miss Sue 2010) regia di John Lee Hancock     Becoming Jane (Con Anne Hathaway, James McAvoy, Julie Walters, Maggie Smith, James Cromwell 2007) regia di Julian Jarrold    Musica     Scimpanzè (2015) - Loris Dalì     FIN (2014) - - Thomas -     Chimera (2014) - Ottodix    
Email
PSWD
AddsZone
Save the Children Italia Onlus
Bookshop
La Rivista
Copertina
Scarica gratuitamente
l'ultimo numero della rivista
Cart ARRETRATI
BookShop
PB Interactive
>>Stazione di servizio
Consigli & indirizzi per aspiranti scrittori
>>Telescrivente
Le NEWS di PB - quasi un Blog
>>L'angolo di Simone
Dedicato ai più piccoli
>>Piccolo spazio pubblicità
Le vostre inserzioni su PB
PB consiglia
Concorsi e premi letterari
26 concorsi in archivio
Eventi Mostre Presentazioni Spettacoli
3 eventi in archivio
Novità in libreria
NOVITA' IN LIBRERIA
6 novità in archivio
Assaggi
Le Recensioni
     

Il pensiero corsaro di Pier Paolo Pasolini
a cura di Rodolfo Monacelli
Pubblicato su SITO


VOTA QUESTO TESTO
Insufficiente Sufficiente Discreto Buono Ottimo

Votanti: 15638
Media 79.94 %

Articoli

« Non temere la sacralità’ e i sentimenti, di cui il laicismo consumistico ha privato gli uomini trasformandoli in bruti e stupidi automi adoratori di feticci.››

(Lettere Luterane, 1975)

De mortuis nihil nisi bonum (Dei morti non si può dire niente se non bene). Uno degli autori a cui questa massima latina di Diogene Laerzio è maggiormente adeguata è certamente Pier Paolo Pasolini. Quest’anno si celebreranno i trentacinque anni dal suo orribile omicidio e molte saranno le celebrazioni e le manifestazioni per commemorarlo. Peccato che tutto ciò non sia stato fatto in vita dove Pier Paolo Pasolini, da destra così come da sinistra, fu violentemente attaccato. Un attacco che oggi, molto semplicisticamente, si afferma derivare dalla sua omosessualità. Le cose stanno invece in un modo abbastanza diverso. Certamente un’omosessualità dichiarata come quella di Pasolini nell’Italia degli anni ‘60 costituì uno schiaffo morale a quell’ambiente moralista, bacchettone e sostanzialmente piccolo-borghese (anche, se non soprattutto, negli stessi ambienti comunisti). L’eresia, la vera eresia pasoliniana, è però fondata su ben altro. Un messaggio su cui oggi bisogna riflettere.

Dati gli evidenti limiti di spazio non sarà possibile qui analizzare tutta l’opera letteraria, cinematografica e saggistica di Pasolini (anche se ci auguriamo che questo modesto articolo possa contribuire a chi ancora non lo conosce di approfondirlo, e dato il momento di abulia culturale ed intellettuale in cui ci troviamo a vivere non sarebbe purtroppo una sorpresa), ma cercare di individuare alcune chiavi interpretative con cui Pasolini intese leggere la realtà.

C’è da dire innanzitutto che Pasolini fu, probabilmente insieme al suo amico Alberto Moravia e a Cesare Pavese, l’ultimo intellettuale italiano degno di questo nome in un Paese culturalmente emarginato e provinciale come il nostro. Con la parola intellettuale non vogliamo ovviamente riferirci esclusivamente all’erudito o solo all’artista(che pure Pasolini fu), ma soprattutto a colui che senza voler fare dell’arte di propaganda, fu un lucido critico del mondo e della società in cui viveva. L’abissale differenza con gli attuali narcisisti che si autodefiniscono “intellettuali” mi pare evidente agli occhi di tutti senza dover aggiungere qualcosa.

Pasolini non fu infatti, come tanti intellettuali di ieri e di oggi, un uomo di “partito”. Pur essendo, a suo modo, un marxista egli non mancò di attaccare duramente il partito comunista per un certo inaccettabile dogmatismo, così come la Democrazia Cristiana in quanto immagine della prostituzione politica, la Chiesa e i cattolici per la loro ambiguità, gli stessi contestatori del tempo in quanto avrebbero di fatto favorito l’abolizione di un vecchio sistema tradizionale con il dominio del neo-capitalismo.

Che Pasolini sia stato elemento scomodo e mal digerito da parte della cultura comunista italiana è dato dai numerosi attacchi che egli ricevette, in gran parte dei casi anche in malafede. Esempio tipico fu quello di Alberto Asor Rosa che nel famoso saggio “Scrittori e popolo” accusò Pasolini di populismo: « Dietro l’ideologia del populismo si profila la presenza di una cultura, che si fa garante e in un certo senso testimone oggettiva, storica della visione pasoliniana di popolo. Si fanno i nomi di Croce e Gobetti, quasi a testimoniare la comparsa di una dimensione morale; si fa, soprattutto, il nome di Gramsci, e dietro o in Gramsci s’individua la funzione attiva, rivoluzionaria, di un’ideologia marxista ». In questo giudizio lapidario convive un’opinione comune da parte dell’ufficialità comunista dell’epoca a proposito di Pasolini. Un etichetta semplicistica con cui si intendeva attaccare il pensiero e l’opera di Pasolini perché egli avrebbe attaccato il progressismo della sinistra italiana, il suo laicismo dogmatico e la sua mancanza di una prospettiva comunitaria. Più che difendere Pasolini, che certo non ne ha alcun bisogno, mi sembrano queste affermazioni sintomatiche delle pastoie in cui la cultura comunista si era impantanata e da cui ancora oggi fatica a liberarsi.

Celebrando infatti l’antico mondo contadino Pasolini, più che esprimere una visione reazionaria, intendeva rendere evidente come la prospettiva del nuovo capitalismo fosse proprio quella di liberarsi definitivamente degli antichi legami comunitari a cui gli antichi assetti sociali borghesi erano comunque vincolati.

Un capitalismo dunque dal volto ancora più aggressivo e che avrebbe trovato la sua arma principale nel consumismo di cui il potere autoritario e repressivo della televisione ne era lo strumento principale avviando un’opera di « acculturazione omologante », non ammettendo altra ideologia che non fosse quella del consumo in base alle regole di ciò che Pasolini chiama una « Produzione creatrice di benesser (“Acculturazione e acculturazione” – 9 dicembre 1973 da “Scritti Corsari”). La società dei consumi, insomma, era riuscita a realizzare ciò in cui il Fascismo aveva clamorosamente fallito, un’unione interclassista tra le classi dominanti e quelle dominate in nome, appunto, del consumo e negando in questo modo qualunque prospettiva emancipatrice e rivoluzionaria. Di questa deriva consumistica e falsamente permissiva Pasolini accuserà principalmente la cultura comunista(in realtà comunista nominalmente e di sinistra nei fatti)che aveva creduto di poter risolvere il problema della povertà sostituendo la cultura ed i modi di vita delle classi proletarie e sotto-proletarie con quella delle classi dominanti credendo in questo modo, dice giustamente Pasolini, «che la storia non sia e non possa essere che la storia borghese ». Un messaggio più che mai attuale e sui cui è necessario confrontarsi senza nessuno sconto a chi, ancora oggi, continua a confondere marxismo con progressismo, Karl Marx con Emma Bonino, Antonio Gramsci con Marco Pannella.

«Abbiamo perso un uomo diverso… e la sua diversità consisteva nel coraggio di dire la verità››(Alberto Moravia – Orazione funebre ai funerali di Pier Paolo Pasolini)

© Rodolfo Monacelli



Recensioni ed articoli relativi a Pasolini

(1) La piccola cineteca degli orrori di Manlio Gomarasca e Davide Pulici - RECENSIONE
(3) 8 e un quarto di Paquito Catanzaro - RECENSIONE
(4) Fermento di Falesia di Stefano Giannotti - RECENSIONE
(5) Alla mia terra di Agane, campi e acque sorgive a cura di Lara Scifoni - ARTICOLO
(6) Polaroid di Davide Rocco Colacrai - RECENSIONE
(7) Immagini e poesie nei cantautori contemporanei di Paolo Talanca- Il Parere di PB
(8) Caverne/Cavernes di Serena Stefani- Il Parere di PB
(9) Un ritmo per l'esistenza e per il verso - metrica e stile nella poesia di A.Bertolucci di Fabio Magro- Il Parere di PB
(10) Memorie di un ragazzo di borgata di Mario Rosati - RECENSIONE
(11) L`odore della notte di Paolo DAnna - RECENSIONE
(12) Se fossi postumo sarei (Ba)ricco di Vincenzo Trama - RECENSIONE
(13) Leo Longanesi - Il borghese conservatore di Francesco Giubilei - RECENSIONE
(14) T. S.Eliot e P.P. Pasolini: The Waste Land e La muart ta l`aga a cura di Lara Scifoni - ARTICOLO
(15) Dio è distratto di Gianluca Liguori - RECENSIONE
(16) Neoplasie civili di Lorenzo Spurio - RECENSIONE

Recensioni ed articoli relativi a Pier Paolo Pasolini

(2) 8 e un quarto di Paquito Catanzaro - RECENSIONE
(3) Fermento di Falesia di Stefano Giannotti - RECENSIONE
(4) Alla mia terra di Agane, campi e acque sorgive a cura di Lara Scifoni - ARTICOLO
(5) Un ritmo per l'esistenza e per il verso - metrica e stile nella poesia di A.Bertolucci di Fabio Magro- Il Parere di PB
(6) Memorie di un ragazzo di borgata di Mario Rosati - RECENSIONE
(7) L`odore della notte di Paolo DAnna - RECENSIONE
(8) T. S.Eliot e P.P. Pasolini: The Waste Land e La muart ta l`aga a cura di Lara Scifoni - ARTICOLO
(9) Neoplasie civili di Lorenzo Spurio - RECENSIONE
(10) L'Estetica dell'Oltre di Michela Zanarella - RECENSIONE
(11) Il sogno di una cosa di Pier Paolo Pasolini - RECENSIONE
(12) Il mito del Nord-Est tra storia e letteratura a cura di Lara Scifoni - ARTICOLO
(13) Il pensiero corsaro di Pier Paolo Pasolini a cura di Rodolfo Monacelli - ARTICOLO
(14) Pasolini interpreta il Vangelo secondo Matteo a cura di Angela Lubraco - ARTICOLO
(15) Tamarri di Remo Bassini - RECENSIONE
(16) Pier Paolo Pasolini di Serio M. - Gorlani P. - RECENSIONE


Recensioni ed articoli relativi a Rodolfo Monacelli

Nessun record trovato

Testi di Rodolfo Monacelli pubblicati su Progetto Babele

(1) Coscienza felice e coscienza infelice nel pensiero di Herbert Marcuse a cura di Rodolfo Monacelli - ARTICOLO
(2) Il pensiero corsaro di Pier Paolo Pasolini a cura di Rodolfo Monacelli - ARTICOLO
(3) Gyorgy Lukàcs e il pensiero comunitario a cura di Rodolfo Monacelli - ARTICOLO


>>ARCHIVIO ARTICOLI

>>Archivio vecchi articoli (fno al 21/05/2007)

 

 




-

dal 2010-10-02
VISITE: 26620


© Copyright Note: Tutto il materiale qui pubblicato è proprietà intellettuale degli autori.
Come tale non può essere riprodotto, tutto o in parte, senza preventivo consenso degli autori stessi.