Progetto Babele Rivista Letteraria
© 2002 - Progetto Babele Rivista Letteraria - fondata da Marco R. Capelli
Audiolibri BookShop SCARICA O COMPRA I NUMERI ARRETRATI DELLA RIVISTA
HomePage Contatta PB Il gruppo di Progetto Babele su Facebook Seguici su Youtube Linkedin
TeleScrivente:    I libri di PB, saldi di fine stagione (28/12/2018)    Nasce FIAMMIFERI, la nuova collana della casa editrice Pagine d’Arte (08/11/2018)    Concorso Letterario Nazionale di Ostia “500 PAROLE”: annunciati i 18 finalisti (27/09/2018)    Versante Ripido è morto? (27/09/2018)    Arriva Solaris, e ci (ri) porta i capolavori della fantascienza russa (08/05/2018)    [23/04/2019] 16 concorsi letterari in scadenza nei prossimi quattordici giorni    Passioni, desideri, tentazioni, fra realtà e fantasia. scadenza 2019-04-23    SCENICCHIA UNA SEGA #2 PRATICAMENTE UN CONCORSO LETTERARIO scadenza 2019-04-26    La Farnia d'Oro In terra nostra scripta apparuerunt scadenza 2019-04-30    Il Prete Bambino scadenza 2019-04-30    Premio drammaturgico per testi a tematica gay scadenza 2019-04-30    La tecnologia è magia? scadenza 2019-04-30    L’Ebbrezza della vita scadenza 2019-04-30    Città di Latina scadenza 2019-04-30    Onigo Mura bastia scadenza 2019-04-30    Caro Fabrizio, ti racconto di un sogno scadenza 2019-04-30    Caro Fabrizio, ti racconto di un sogno scadenza 2019-04-30    Caro Fabrizio, ti racconto di un sogno scadenza 2019-04-30    Tra Secchia e Panaro scadenza 2019-04-30    Il Sogno del Poeta scadenza 2019-04-30    OCEANO DI CARTA scadenza 2019-04-30    Nuova Scrittura Ermetica 2019 scadenza 2019-04-30    EVENTI, PRESENTAZIONI, CORSI, SEMINARI, FIERE E SPETTACOLI    AUDIOLIBRI     La Strega di Marco R. Capelli letto da C. Fratarcangeli e S.Ferrara     Carrozza n.6 di Matteo Bertone letto da Samuele Arena     Fino alla fine dell`alba di Matteo Bertone letto da Samuele Arena     Hannah di Beppe Calabretta letto da Sandra Tedeschi     Delusione di Christian Bigiarini letto da Alberto Sannazzaro    RECENSIONI     Consigli dalla punk caverna: A noi punk non ci resta che Al Bano di Fabio Izzo     Tenebra Lux di Alessandro Del Gaudio     Epiphaino di Guglielmo Campione     Fermento di Falesia di Stefano Giannotti     Guida ai cantautori italiani - Gli anni Settanta di Mario Bonanno    Il Parere di PB     Sandino Il generale degli uomini liberi di Maurizio Campisi    La gallina volante di Paola Mastrocola    Il 1848 e le cinque giornate di Milano di Antonio Monti     Rapsodia su un solo tema - Colloqui con Rafail Dvoinikov di Claudio Morandini    La vigilia di Natale di Maurizio Bassani    Articoli e saggi     Jack London (1876-1916), ovvero il mare sfidato     La scienza dell’impresa secondo Filippo Picinelli (1604-1679): indagine sulle fonti dell’Introduzione al “Mondo Simbolico”.     Joseph Conrad ovvero il mare professionale     Apollo e Dafne: Quando il marmo diventa carne     L´horror psicologico di Michele Pastrello    Racconti     La Strega di Marco R. Capelli     I bossoli dei fratelli James di Massimo Martinelli     Ambrosia per due di Francesco Nucera     Compagni di scuola di Maria cristina Pazzini     La via uruguagia alla felicità di Frank Iodice    Biografie     Svevo, Italo (1861-1928)     Deledda,Grazia (1871-1936)     Némirovsky,Irene (1903-1942)     Walsh, Rodolfo (1927-1977)     Sturluson, Snorri (1176-1241)    Traduzioni     Der Panther / La Pantera di Rainer Maria Rilke trad. di Paolo Esposito     Maternità trad. di Maria giovanna Varasano     L'oscurità amica trad. di Nicoletta Isola     Strana contrada trad. di Nicoletta Isola     Il silenzio del mare trad. di Nicoletta Isola    Poesie     Poesie Nuove (silloge) di Alberto Accorsi     Istantanea di Natascia Secchi     Gemme rare di Elisabetta Santirocchi     Semplicemente luce di Elisabetta Santirocchi     Testamento di Antonio Sacco    Cinema     Forbidden Voices - How to start a revolution with a laptop (Svizzera 2012) regia di Barbara Miller     Hamlet (UK - USA con Kenneth Branagh: Amleto Julie Christie: Gertrude Derek Jacobi: Claudio Kate Winslet: Ofelia 1996) regia di Kenneth Branagh     Becoming Jane (Con Anne Hathaway, James McAvoy, Julie Walters, Maggie Smith, James Cromwell 2007) regia di Julian Jarrold    Musica     Scimpanzè (2015) - Loris Dalì     FIN (2014) - - Thomas -     Chimera (2014) - Ottodix    
Email
PSWD
AddsZone
Save the Children Italia Onlus
Angolo di SImone
La Rivista
Copertina
Scarica gratuitamente
l'ultimo numero della rivista
Cart ARRETRATI
BookShop
PB Interactive
>>Stazione di servizio
Consigli & indirizzi per aspiranti scrittori
>>Telescrivente
Le NEWS di PB - quasi un Blog
>>L'angolo di Simone
Dedicato ai più piccoli
>>Piccolo spazio pubblicità
Le vostre inserzioni su PB
PB consiglia
Concorsi e premi letterari
51 concorsi in archivio
Eventi Mostre Presentazioni Spettacoli
0 eventi in archivio
Novità in libreria
NOVITA' IN LIBRERIA
4 novità in archivio
Assaggi
Le Recensioni
     

Uniformità oraria
a cura di Emanuela Catalano
Pubblicato su SITO


VOTA QUESTO TESTO
Insufficiente Sufficiente Discreto Buono Ottimo

Votanti: 10446
Media 80.11 %

Articoli

A Piazza Vanvitelli una lettura storica dell’ora
Napoli al ritmo del tic-tac

Don Marzio, gentiluomo Napolitano, coprotagonista di una commedia corale, “La bottega del caffè” composta da Carlo Goldoni per la mitica stagione teatrale del 1750, guardava l’ora, per mezzo di un “occhialino” sul suo  orologio inglese del Quarè.

Allora solo le fasce più alte della società, quelle privilegiate sotto tutti i punti di vista, potevano possedere questi preziosi ed esclusivi accessori, di utilizzo ben poco pratico per essere la vita, ancora  dopo l’inizio dell’ancien règime, sostanzialmente regolata sui ritmi del sole.

I lavoratori tutti, braccianti, operai, artigiani di ogni specie, faticavano quotidianamente in lunghe giornate regolate sulle ore di luce; l’unità di pagamento del lavoro era, in città e in campagna, la giornata.

E ancora per 200 anni almeno, gli orologi saranno dei preziosi ed esclusivi accessori, ben poco adoperabili su vasta scala poiché non tutti li possedevano, ed era  molto difficile ”accordarli” fra loro .

Pertanto campane e fischi, resteranno ancora gli unici richiami per appuntamenti collettivi, sempre approssimati nell’orario.

Per la gran massa delle persone fino a tutto l’ottocento le ore precise non esistono, la vita è scandita sull’alternanza giorno/notte. Anche il pasto di metà giornata, che era praticamente un optional per la maggior parte delle persone, trovava accomunate poche famiglie.

Ancora agli albori del ‘900 la maggior parte delle persone non aveva né la possibilità di acquistare un orologio, né la necessità di farlo.

Cameriere e personale di servizio lavoravano “a giornata” in città  e  dimoravano nei locali del sottotetto del medesimo palazzo in cui prestavano la loro opera. Artigiani di ogni tipo lavoravano, in proprio, a lunghe giornate, dall’alba al tramonto per costruire case, arredamenti, serramenti, porte, portoni, scale, camicie, abiti, pasta, dolci, conserve, e così via. Tanto più nelle campagne il bracciantato agricolo lavorava lunghe giornate dall’alba al tramonto come è facile apprendere leggendo Verga.

In tutte le principali città d'Italia, fino agli anni quaranta del ‘900, a mezzogiorno, cioè alle 12,00 in punto, un colpo di cannone segnava la metà della giornata.

L’8 Luglio 1904 la legge 351 del Regno Italiano, “ Per provvedere al risorgimento economico della città di Napoli” istituiva l’Ente Autonomo Volturno, più noto come EAV, ancora esistente il cui unico socio attualmente è  la Regione Campania.

L’ Ente, con delibera del 1931 fece progettare e realizzare, su disegno dell’Ingegner Ventura 40 orologi elettrici stradali, con caratteristiche artistiche, montati su colonne di ghisa create dalla fonderia Enrico Treichler di Capodimonte, la novità più interessante era che gli orologi, collegati  tra loro, segnavano in tutta la città, contemporaneamente, “l’Ora esatta”, anzi per essere più precisi ogni apparecchio elettrico era dotato di due quadranti circolari che permetteveno la lettura dell’ora, la stessa ora, da tutta la zona prospiciente l’apparecchio. Tale delibera metteva Napoli in linea con altre importanti città europee che all’epoca avevavo optato per analoghi impianti.

Occorre però sottolineare che nel progetto dell’EAV il numero degli orologi al termine dell’operazione avrebbe dovuto essere di ben 500 unità, i 40 deliberati erano quelli il cui costo era a carico dell’ente, i restanti dovevano essere realizzati da privati autorizzati o convenzionati.

Detto per inciso anche Milano ebbe i suoi orologi elettrici nel 1929/30, anche se non artistici, ed anche quelli di Milano sono giunti sino a noi, solo che in quella città essi sono, se si può dire proliferati, infatti, l’appossito ente che li cura ne manutiene attualmente 1354.

Gli orologi di Napoli erano inseriti, come ricorda  una nota recente dell’EAV, in un “futuristico” sistema che si avvaleva  di cinque circuiti alimentati elettricamente e coordinati da una centralina di comando e controllo, situata al piano terra dell’edificio in via Cisterna dell’Olio 44, ancora attualmente sede dell’EAV.

Il significato degli orologi dell’”Ora Unica” va letto nel contesto della delibera e non certo con la considerazione odierna del tempo e la sua misurazione.

Quando furono progettati e ordinati gli orologi di Napoli, attorno al 1930, ancora nella città erano pochi a poter  consultare un orologio.

Ma l’adozione di un “Impianto per l’ora unica” rappresenta una scelta non di poco conto nell’Italia di allora e per una città  vasta e multiforme  come Napoli, pullulante di numerose imprese artigianali, anche se  nel periodo di fine ‘800, come  conseguenza dell’unificazione italiana, aveva visto un vero e proprio crollo della ampia industrializzazione che aveva portatato, nel nascente Regno, a individuare nel tratto Napoli-Pozzuoli il primo sito per la Ferrovia Italiana.

Degli orologi che la leggenda metropolitana fa riaggallare nella memoria collettiva, come il mostro di Loch Ness, in numero differente da 40 a 20,  quanti fossero, se ne contavano ancora 24 dopo le devastazioni della guerra ma tra vandalismi ed incuria ne sono giunti a noi solo  una dozzina, e anche  recentemente, ci sono  allarmi da mancati avvistamenti.

Occorre altresì puntualizzare e riportare alla memoria che Napoli aveva avuto una splendida stagione Liberty, di passaggio tra ‘800 e ‘900. Di questo stile ancora si ricordano numerose  e bellissime affiches di Ditte produttrici o comerciali partenopee;  io personalmente  ho a mente da sempre le pubblicità con belle signore e automibili contornate da cornici e scritte in stile “Colpo di frusta” della Ditta Mele, patronimico tipicamente partenopeo, che mi pare producesse biancheria, ancora negli anni ‘70 del ‘900 la Ditta riproduceva quei disegni artistici sui suoi strofinacci di lino.

Gli orologi ebbero un design Liberty, così come molti oggetti nati negli anni trenta, in cui questo stile, soprattutto in Europa, era già esaurito, basti pensare alla Bauhaus, ma che da noi ristagnava nelle forme di uno stucchevole stie quale quello normalmente conosciuto come Decò.

In ghisa dipinta di verde, questi alti orologi dovevano avere un po’ l’aspetto di grandi fiori e dare a Napoli un apparentamento con Parigi dove già da tempo Gallimard aveva piantato i suoi splendidi steli di ghisa, con molli fiori a decorazione delle insegne della Metropolitana che rappresentano da soli uno degli aspetti artistici più ricercati e ammirati ancor oggi dai turisti di tutto il mondo.

E’ bene sottolineare  che gli orologi elettrici dell’”Ora unica”  erano nati con l’intento di coadiuvare la rinascita industriale cittadina favorendo un incremento economico di cui avrebbe beneficiato tutta la società partenopea degli anni’30.

E attenti a non dimenticarci che quei magici anni erano , non per Napoli sola, ma per il mondo intiero, quelli delle maschiette e del tormentone di Lola.

Pertanto tempi di ardite innovazioni, come le chiome corte e le ginocchia scoperte (altro che Mary Quant 1969) per le donne che danzano sulle prime note sincopate, magari fumando arditamente in pubblico con lunghi bocchini.

Gli apparecchi furono salutati al loro apparire dalla stampa cittadina con queste parole.” L’iniziativa del Volturno elimina una deficienza da tutti lamentata e cioè la mancanza di orologi che funzionino costantemente, che non interrompano la loro attività, per rendere inerti i loro meccanismi e per funzionare da motivi decorativi.”.

Non mi dilungherò a descrivere gli orologi che per questo affido alle fotografie, vorrei solo far notare come sulla parte alta della scatola circolare dell’orologio il meccanismo sia sormontato dallo stemma della città, anche dopo il restauro appare evidente il riferimento all’epoca del ventennio infatti lo stemma dove sono campiti i colori del comune sul fondo presenta, in altorilievo, percettibile molto bene nelle fotografie, l’immagine di un fascio littorio.

Alla conta attuale dovrebbero rispondere 12 apparecchi solidamente collocati:

Piazza Miraglia
Piazzetta MontesantoPiazza Vanvitelli
Piazza Museo Nazionale
Piazza Cavour
Piazza Duca d'Aosta
Piazza VII Settembre
Via Diaz
Via Santa Lucia
Via Duomo
Via Filangieri
Via Mezzocannone

Finalmente dopo un’agonia lunga 60 anni si giunge alla lapalissiana delibera del comune che decreta il necessario restauro degli apparecchi.

Ancora nel 2008 gli orologi non erano ricomparsi, le proteste di singoli cittadini, di rappresentanti di circoli storici e artistici, di esponenti della cultura e di amanti della città non si contano, si susseguono, inseguite da depistaggi, promesse vane, risposte a scaricabarile.

Le vicende si tingono anche di giallo, con sparizioni, sostituzioni e apparizioni degli orologi che finalmente iniziano a mostrarsi, restaurati, dalla priamavera del 2010.

Purtroppo la felicità è monca poiché più che di un restauro si è trattato di una manomissione, non solo non è stato rispettato il colore originario per adottarne uno nuovo scelto recentemente dal Comune per altri arredi urbani, ma che non doveva essere applicato a testimonianze storiche, che semmai dovrebbero darci suggerimenti di come ripristinare i colori. Ma anche i quadranti  nati con i numeri romani ora sfoggiano cifre arabe.

I medesimi quadranti sono stati sostituiti, e non si capisce il perché, ma non tutti, ed anche le lancette sono in parte quelle originarie e in parte nuove, spesso il quadrante vecchio è abbinato alle lancette nuove, o viceversa.

I nuovi quadranti, oltre che per le cifre si distinguonoper non riportare più, nella parte inferiore  la dicitura Società Telefoni Interni, ora sparita.

Ecco ancora un’ occasione perduta per salvare un documento  dalla distruzione del tempo; ancora una volta in Italia si sono affidate a mani inadatte preziose testimonianze , ed anche chi è preposto al controllo, la Sovrintendenza ai BBCC, non ha saputo frenare i danni.

Ma le proteste a Napoli non sono finite. E con ragione, poiché a Piazza Vanvitelli, ci scoppia la testa: i due quadranti del medesimo orologio segnano due differenti orari al passante sbigottito, e, tenetevi ben saldi, l’ orario vero, quello attendibile, è ancora un terzo!

In maniera grossolana e superficiale si è contribuito a perdere, senza alcun rispetto, il significato profondo di quelli che sono apparsi, agli occhi di chi ha avuto il potere e la tracotanza di maneggiarli, solo “12 piccoli orologi” e non quello che realmente sono: l’immagine di Napoli negli anni trenta, leggibile nell’attuale contesto moderno facilitando a tutti la comprensione di come, pur  passando per tutti il tempo e divenendo storia, anche e soprattutto a Napoli, che è Regina di ogni ritmo,  l’ umile  tic-tac dell’Orologio è  una melodia.

Firenze 15 Marzo 2011                                                                 
Copyright: artemanuela.it

© Emanuela Catalano




Recensioni ed articoli relativi a Emanuela Catalano

Nessun record trovato

Testi di Emanuela Catalano pubblicati su Progetto Babele

(1) Uniformità oraria a cura di Emanuela Catalano - ARTICOLO


>>ARCHIVIO ARTICOLI

>>Archivio vecchi articoli (fno al 21/05/2007)

 

 




-

dal 2011-05-20
VISITE: 16243


© Copyright Note: Tutto il materiale qui pubblicato è proprietà intellettuale degli autori.
Come tale non può essere riprodotto, tutto o in parte, senza preventivo consenso degli autori stessi.