Progetto Babele Rivista Letteraria
© 2002 - Progetto Babele Rivista Letteraria - fondata da Marco R. Capelli
Audiolibri BookShop SCARICA O COMPRA I NUMERI ARRETRATI DELLA RIVISTA
HomePage Contatta PB Il gruppo di Progetto Babele su Facebook Seguici su Youtube Linkedin
TeleScrivente:    SOSTENETE “ILCORSARONERO” RINNOVANDO L’ABBONAMENTO (07/09/2019)    Eugraphia seleziona opere per ragazzi (da sei a quindici anni) (05/09/2019)    Black Window: al via la seconda edizione! (24/06/2019)    Anobii lascia Mondadori (30/05/2019)    I libri di PB, saldi di fine stagione (28/12/2018)    [14/10/2019] 1 concorsi letterari in scadenza nei prossimi quattordici giorni    “Linee di Paesaggio” scadenza 2019-10-28    EVENTI, PRESENTAZIONI, CORSI, SEMINARI, FIERE E SPETTACOLI    Presentazione del romanzo storico Il Barone - Una offerta di lettura agli studenti di un Liceo (NOSCELTA 2019-10-15)    AUDIOLIBRI     La porta di Cesarina Bo letto da Alberto Morella (Realizzato da Riccardo Cerutti)     La Strega di Marco R. Capelli letto da C. Fratarcangeli e S.Ferrara     Quella casa sulla collina di Marcello Caccialanza letto da Alberto Sannazzaro     Fino alla fine dell`alba di Matteo Bertone letto da Samuele Arena     Carrozza n.6 di Matteo Bertone letto da Samuele Arena    RECENSIONI    I Figli di Dio di Glen Cooper    La cripta dei teschi forati di Luigi Tortora    Il Barone di Giuseppe Antonio Martino    Il Barone di Giuseppe Antonio Martino     Fossi in te io insisterei di Carlo Giuseppe Gabardini    Il Parere di PB     Cambi di prospettive di Ilaria Ferramosca     Express Tramway di Vittorio Baccelli     Promesse da marinaio di Daniele Filzi    Il lungo viaggio di Chaetodon Vagabundus di Francesco Sciortino    I buoni ed i cattivi frutti di Francesca Ricci    Articoli e saggi     Lorenzo Calogero, il “folle” medico-poeta di Melicuccà     Congiunzione e disgiunzione in Eugenio Montale     Ernest Hemingway e le Isole Borromee     Lingua e poesia nelle opere di Nino De Vita     Jack London (1876-1916), ovvero il mare sfidato    Racconti     Fonzo di Don pompeo Mongiello     Sembra avere un senso… di Carla Montuschi     Qualcosa è cambiato di Milos Fabbri     The Unknown Victim di John gerard Sapodilla     Identità riservata di Cinzia Baldini    Biografie     Svevo, Italo (1861-1928)     Deledda,Grazia (1871-1936)     Némirovsky,Irene (1903-1942)     Walsh, Rodolfo (1927-1977)     Sturluson, Snorri (1176-1241)    Traduzioni     Der Panther / La Pantera di Rainer Maria Rilke trad. di Paolo Esposito     Maternità trad. di Maria giovanna Varasano     Il silenzio del mare trad. di Nicoletta Isola     Strana contrada trad. di Nicoletta Isola     L'oscurità amica trad. di Nicoletta Isola    Poesie     Francesco di Eva Rando     Occhi di Luna di Elisabetta Santirocchi     Assenzio di Sandro Lillo Spallino     Poesie Nuove (silloge) di Alberto Accorsi     Istantanea di Natascia Secchi    Cinema     Forbidden Voices - How to start a revolution with a laptop (Svizzera 2012) regia di Barbara Miller     The Blind Side (USA - con Sandra Bullock: Leigh Anne Tuohy Tim McGraw: Sean Tuohy Quinton Aaron: Michael Oher Jae Head: S.J. Tuohy Kathy Bates: Miss Sue 2010) regia di John Lee Hancock     Becoming Jane (Con Anne Hathaway, James McAvoy, Julie Walters, Maggie Smith, James Cromwell 2007) regia di Julian Jarrold    Musica     Scimpanzè (2015) - Loris Dalì     FIN (2014) - - Thomas -     Chimera (2014) - Ottodix    
Email
PSWD
AddsZone
Save the Children Italia Onlus
View Redazione Babele's profile on LinkedIn
La Rivista
Copertina
Scarica gratuitamente
l'ultimo numero della rivista
Cart ARRETRATI
BookShop
PB Interactive
>>Stazione di servizio
Consigli & indirizzi per aspiranti scrittori
>>Telescrivente
Le NEWS di PB - quasi un Blog
>>L'angolo di Simone
Dedicato ai più piccoli
>>Piccolo spazio pubblicità
Le vostre inserzioni su PB
PB consiglia
Concorsi e premi letterari
27 concorsi in archivio
Eventi Mostre Presentazioni Spettacoli
1 eventi in archivio
Novità in libreria
NOVITA' IN LIBRERIA
5 novità in archivio
Assaggi
Le Recensioni
     

I diari di Kafka
a cura di Bruno Corino
Pubblicato su SITO


VOTA QUESTO TESTO
Insufficiente Sufficiente Discreto Buono Ottimo

Votanti: 4689
Media 79.92 %

Articoli

"Io ho potentemente assunto il negativo del mio tempo che mi è certo assai vicino e che io non ho il diritto di combattere, ma, in certo modo, di rappresentare". Così scriveva Kafka nei suoi diari. Ma rappresentare il negativo non equivale, in un certo senso a combatterlo, non è l'unica maniera che al poeta rimane di essere partecipe del proprio tempo per svelarne i mali?

Il tempo successivo s'incarica di lenire la rappresentazione del negativo, immergendola in un universo pacificato, dove l'inquietudine e l'angoscia del vivere quotidiano diventano categorie dello spirito, buone ad essere discettate nei programmi televisivi d'intrattenimento.
Sotto i ferri preziosi dei chirurghi della critica, l'opera di Kafka ha subito un'operazione lobectomica, nella quale la parte più inquietante è stata asportata. Gli oltre diecimila titolo della bibliografia critica kafkiana rappresentano una "muraglia cinese" che impedisce al "profano" l'accesso diretto alla sua opera e gli dànno la sensazione che su di essa tutto è stato detto e scritto. La sua opera è stata sezionata migliaia e migliaia di volte, pertanto nulla si può o si deve aggiungere. Ma la critica si è esercitata con l'opera kafkiana come nel vuoto, perdendo con essa ogni contatto: il critico o il giornalista di turno non vivono nell'inquietudine e nell'angoscia di quell'opera. Trascorrono un'ora della loro vita a scrivere tranquillamente su Kafka e poi, senza esserne minimamente segnati, vanno quella sera stessa a distrarsi al cinema o al teatro.

Quell'opera è apparsa come un meteorite nella loro esistenza, come un oggetto con il quale vale la pena di intrattenersi qualche ora, ma che non conviene prendere troppo sul serio. Non vivendo nell'esperienza traumatica di Kafka, costoro non sono neanche capaci di comunicarla agli altri. Si è persa di vista l'originarietà da cui Kafka ha tratto la sua forza e la potenza della sua arte: l'essere stato, egli, uno scrittore diverso da tutti gli altri, uno scrittore che potremmo definire, se ci si intenda bene su questo termine, "visionario".

Si potrebbe essere tentati di attribuire a questo termine una valenza magico-ritualistica, legata alla Cabala o all'arte della divinazione. D'altronde, anche la cultura ebraica, alla quale Kafka appartiene, potrebbe avallare tale interpretazione. Ma per noi il termine visionario ha tutt'altro significato. Ho scritto che gli scrittori sono gli sciamani dei tempi moderni, perché capaci di intrattenere un dialogo con le anime dei defunti.La parola ha il potere di evocare dall'Ade le anime defunte. Queste visioni, nell'accezione corrente, sono un privilegio concesso a chi ha un rapporto mistico con la realtà dell'esperienza, per cui esse si presentano come delle illuminazioni che d'improvviso squarciano il velo e permettano di vedere realtà altrimenti impossibile da vedere.

Chi ha un tale approccio con la realtà deve trovarsi in uno stato di grazia, o almeno credere di essere toccato dalla grazia. Ma non era questa la condizione che Kafka viveva: "Io non sono stato introdotto nella vita, come Kierkegaard, dalla mano già cadente del cristianesimo, e neppure ho afferrato l'ultimo lembo dileguante del mantello ebraico da preghiera. Io sono una fine o un principio. Quel che a Kafka manca è, appunto, la fede, senza la quale non si può essere toccati dalla grazia. Dalla vita non ci si salva, ma la si subisce come una condanna emessa da un giudice ignoto e senza volto. Alla vita si viene, ma non viene chiesta. Nessuna domanda di vivere. Vive e basta. Ecco allora che dalle visioni kafkiane, cancellate l'afflato mistico-teologico, rimane soltanto il tetro spettacolo della morte.

Le sue visioni si caricano non di un messaggio di speranza, ma di un presagio negativo senza alcun anelito luminoso. E il mondo entro il quale Kafka viveva s'avviava ad essere un mondo dove l'atrocità e la violenza gratuite sarebbero divenute leggi dello Stato: "La guerra non mi suggerisce nessuna idea degna di essere comunicata". Quali discorsi sono leciti di fronte ad un evento così sconvolgente? Perché ragionare della guerra è pur sempre un modo di darle un senso e quindi di giustificarla. Ma lo scrittore avverte l'inutilità di questo impegno, in quanto il suo discorso nulla cambia. Kafka presentiva il fatto che la società del XX secolo cominciava ad essere sempre più disumana. L'uomo ha cessato di essere centro e motore della storia. Sempre più siamo controllati da entità il cui senso e la cui ragion d'essere si sono completamente smarriti. Eppue, lo scrittore continua a testimoniare la sua presenza come un'ombra che inquieta l'animo di chi si è rassegnato a vivere.

© Bruno Corino



Recensioni ed articoli relativi a kafka

(1) Kafka tra l’angoscia di vivere e la malattia. a cura di Maurizio Canauz - ARTICOLO
(2) Fuga da mondi incantati di A.A.V.V.- Il Parere di PB
(3) Lo spettacolo della morte e i suoi aspetti politici di Claudia Covelli- Il Parere di PB
(4) Memorie dal futuro di Emiliano Angelini- Il Parere di PB
(5) I diari di Kafka a cura di Bruno Corino - ARTICOLO
(6) Il caso di Italo Svevo ovvero l'artista può anche essere un bottegaio? a cura di Maurizio Canauz - ARTICOLO
(7) Horcynus Orca di Stefano D’arrigo - RECENSIONE
(8) Josefine ovvero una possibile suggestione per interpretare Kafka a cura di Maurizio Canauz - ARTICOLO
(9) Scipio Slataper e la paura di amare a cura di Maurizio Canauz - ARTICOLO
(10) Malta femmina di Malta - RECENSIONE
(11) Romy Schneider a cura di Tania Ianni - ARTICOLO
(12) Ionesco, Eugène(1909-1994) a cura di Gina Sfera - BIOGRAFIA
(13) Malvasia tropicale di Andrea Villani - RECENSIONE
(14) Aus der Geschichte der Unterhaltungsmusik (Dalla storia della musica popolare“) di Erwin Einzinger - RECENSIONE


Recensioni ed articoli relativi a Bruno Corino

Nessun record trovato

Testi di Bruno Corino pubblicati su Progetto Babele

(1) I diari di Kafka a cura di Bruno Corino - ARTICOLO
(2) L’enigma dell’Uomo dei Lupi: Sigmund Freud e la psicoanalisi a cura di Bruno Corino - ARTICOLO
(3) Umberto Eco, Pericle, la democrazia e il populismo... a cura di Bruno Corino - ARTICOLO
(4) Della saggezza nascosta nella natura sin dalle sue origini remote di Bruno Corino - RACCONTO
(5) Gramsci, il teatro come “allegoria” della fabbrica dei “produttori”[1] a cura di Bruno Corino - ARTICOLO
(6) La coscienza “metalinguistica” in Elio Vittorini - saggio su "Le due tensioni". a cura di Bruno Corino - ARTICOLO
(7) Sulla potenza della metafora: da Nietzsche a Bateson a cura di Bruno Corino - ARTICOLO
(8) Il significato della "Lettera rubata" a cura di Bruno Corino - ARTICOLO
(9) Ritratto di signora in rosso di Bruno Corino - RACCONTO
(10) L'autore nell'epoca della lit-web a cura di Bruno Corino - ARTICOLO
(11) Italo Svevo, le donne e la scrittura a cura di Bruno Corino - ARTICOLO
(12) La letteratura al tempo del web a cura di Bruno Corino - ARTICOLO
(13) L'abulico di Bruno Corino - RACCONTO
(14) Rancore e risentimento in Lev Tolstoj a cura di Bruno Corino - ARTICOLO
(15) Variazioni sopra un verso di Marino Moretti a cura di Bruno Corino - ARTICOLO
>>Continua (click here)


>>ARCHIVIO ARTICOLI

>>Archivio vecchi articoli (fno al 21/05/2007)

 

 




-

dal 2014-04-07
VISITE: 3197


© Copyright Note: Tutto il materiale qui pubblicato è proprietà intellettuale degli autori.
Come tale non può essere riprodotto, tutto o in parte, senza preventivo consenso degli autori stessi.