© 2002 - Progetto Babele Rivista Letteraria - fondata da Marco R. Capelli
Il gruppo di Progetto Babele su Facebook
SCARICA GRATUITAMENTE LA RIVISTA IN FORMATO PDF ACQUISTA UNA COPIA STAMPATA DELLA RIVISTA SCARICA O COMPRA I NUMERI ARRETRATI DELLA RIVISTA
HomePage Contatta PB Contatta il WebMaster help&faq
 
 
TeleScrivente:    Lo stagno dei caimani - ritrovato il racconto perduto di Salgari (12/04/2018)    Il 12 Ottobre 2017 chiude i battenti la storica NETEDITOR (06/10/2017)    Lacrime d’Inchiostro (19/07/2017)    L'editore più povero del mondo parla sul blog "La Casa di Carta" (24/03/2017)    Audio Antologia della Letteratura Italiana Vol. I e Vol. II (25/04/2015)    [22/04/2018] 12 concorsi letterari in scadenza nei prossimi quattordici giorni    Trofeo RiLL, il miglior racconto fantastico scadenza 2018-04-27    Fuori dal cassetto scadenza 2018-04-27    Le Occasioni scadenza 2018-04-29    Concorso Internazionale di Saggistica “Riscontri” scadenza 2018-04-30    Città di Latina scadenza 2018-04-30    Riviera Adriatica scadenza 2018-04-30    “Caro Fabrizio, ti racconto di un ritorno” scadenza 2018-04-30    Premio Antonio Fogazzaro scadenza 2018-04-30    Pietro Corsi scadenza 2018-04-30    Tra Secchia e Panaro scadenza 2018-04-30    Il Sogno del Poeta scadenza 2018-04-30    Premio Ipazia 2018 città di Eboli scadenza 2018-05-05    EVENTI, PRESENTAZIONI, CORSI, SEMINARI, FIERE E SPETTACOLI    AUDIOLIBRI     Carrozza n.6 di Matteo Bertone letto da Samuele Arena     Fino alla fine dell`alba di Matteo Bertone letto da Samuele Arena     Hannah di Beppe Calabretta letto da Sandra Tedeschi     Delusione di Christian Bigiarini letto da Alberto Sannazzaro     L`ultimo di Giuseppe Foderaro letto da Luca Govoni    RECENSIONI     Verde Limone di Marcial Gala     Quei gran pezzi dell'Emilia Romagna di Brunetto Salvarani e Odoardo Semellini     Memorie di un ragazzo di borgata di Mario Rosati     Amore incompatibile di Francesco Dell´Olio     Andata e ritorno di Elena Ciurli    Il Parere di PB     Sandino Il generale degli uomini liberi di Maurizio Campisi    La gallina volante di Paola Mastrocola    Il 1848 e le cinque giornate di Milano di Antonio Monti     Rapsodia su un solo tema - Colloqui con Rafail Dvoinikov di Claudio Morandini    La vigilia di Natale di Maurizio Bassani    Articoli e saggi     L´horror psicologico di Michele Pastrello     ANTONIO ALTOMONTE «emblematico ricostruttore di perdute dimensioni».     Il mondo poetico del calabrese Rocco Nassi     FRANCESCO PERRI (Careri 1885 – Pavia 1975): il primo scrittore antifascista della letteratura italiana e il primo cantore dell’emigrazione meridionale     La donna indiana tra letteratura e realtà. Anita Desai e Kamala Markandaya.    Racconti     I bossoli dei fratelli James di Massimo Martinelli     Ambrosia per due di Francesco Nucera     Compagni di scuola di Maria cristina Pazzini     La via uruguagia alla felicità di Frank Iodice     Lettera ad una cucciola di Cinzia Baldini    Biografie     Svevo, Italo (1861-1928)     Deledda,Grazia (1871-1936)     Némirovsky,Irene (1903-1942)     Rodolfo Walsh (1927-1977)     Sturluson, Snorri (1176-1241)    Traduzioni     Der Panther / La Pantera di Rainer Maria Rilke trad. di Paolo Esposito     Maternità trad. di Maria giovanna Varasano     L'oscurità amica trad. di Nicoletta Isola     Strana contrada trad. di Nicoletta Isola     Il silenzio del mare trad. di Nicoletta Isola    Poesie     Poesie Nuove (silloge) di Alberto Accorsi     Istantanea di Natascia Secchi     Gemme rare di Elisabetta Santirocchi     Semplicemente luce di Elisabetta Santirocchi     Testamento di Antonio Sacco    Cinema     Forbidden Voices - How to start a revolution with a laptop (Svizzera 2012) regia di Barbara Miller     Hamlet (UK - USA con Kenneth Branagh: Amleto Julie Christie: Gertrude Derek Jacobi: Claudio Kate Winslet: Ofelia 1996) regia di Kenneth Branagh     Becoming Jane (Con Anne Hathaway, James McAvoy, Julie Walters, Maggie Smith, James Cromwell 2007) regia di Julian Jarrold    Musica     Scimpanzè (2015) - Loris Dalì     FIN (2014) - - Thomas -     Chimera (2014) - Ottodix    
 
 
Email
PSWD
CONSIGLI DI LETTURA
Arretrati e copie stampate
PB International
PB Interactive
IN PRIMO PIANO


OnlineUtenti connessi: 11
Utenti collegati in chat 0

Dal 01/01/2003
questo sito ha generato
99.612.838
esposizioni

 
     

L'apparizione del Babau nei racconti di Dino Buzzati
a cura di Francesca Lagomarsini
Pubblicato su PB15



VOTA QUESTO TESTO
Insufficiente Sufficiente Discreto Buono Ottimo

Votanti: 7864
Media 80.8 %

Articoli Spesso capita che un incontro, l’inciampo in qualcosa di insolito e banalmente straordinario possa cambiare la nostra esistenza, si tratti pure di una piccolezza. Posso affermare senza aver paura di esagerare che così è successo per quanto mi riguarda con il libro, la raccolta di racconti di Dino Buzzati dal titolo “Le notti difficili” (Mondadori). Si tratta di 51 racconti brevi spesso anche suddivisi in più episodi, che intrecciano i temi cari all’autore fino a renderli universali: il mistero, la morte, l’attesa, il non senso, il lato tragicomico, surreale dell’esistenza.
Devo per sincerità confessare di non essermi troppo accostata in passato a Dino Buzzati se non per il “Deserto dei tartari” e “Il segreto del bosco vecchio” ma, dopo essermi trovata tra le mani questi racconti difficilmente credo riuscirò a non annoverarlo tra una delle letture più entusiasmanti che abbia mai fatto. In particolare ho gustato uno tra i racconti della raccolta, il “Babau” che narra appunto di un misterioso esserino da tempo immemore presente negli incubi e nell’immaginario di ogni bambino che si rispetti.
Il Babau è una figura emblematica, un simbolo, quello che, per dirla con Jung, riflette in modo palese “l’inconscio collettivo” ovvero una rappresentazione delle nostre paure, dei nostri demoni più nascosti, seppelliti dalla razionalità, dalle esigenze di un Io distinto dall’ES (le pulsioni per schematizzare) e dal SUPER-IO (la realtà circostante). Il concetto di inconscio collettivo è di ampio respiro, non è, per dirla con Jung “di natura individuale ma universale e cioè ha contenuti e comportamenti che sono gli stessi dappertutto e per tutti gli individui”. Come non pensare, a questo proposito, alle paure incarnate proprio dal Babau, alla sua doppia valenza di spauracchio ma anche di tenera creatura che rappresenta la fantasia, la libertà di pensiero? Non è un caso, infatti, che i bambini e le donne in particolare, siano gli eletti, le uniche creature sensibili in grado di percepire questa fragilità del Babau, gli unici che possono pregare per lui “ridestati da un oscuro richiamo” e sotto lo splendore della luna. Sterili e ridicoli appaiono i tentativi delle istituzioni, di uomini mediocri, marionette che si dibattono nel tentativo di cercare soluzioni per eliminare il turbatore della quiete, il capro espiatorio per eccellenza, colui di cui negavano l’esistenza ma che tormentava le notti ed i sogni, il Babau, appunto. In questo quadro surreale ed ironico la scena madre che si compone a poco a poco è proprio quella dell’eliminazione dell’esserino, scena bizzarra e dai toni angoscianti che svela in toto la duplice natura del Babau,che si sgonfia come palloncino bucato, ridicolizzando così i timori e le paure dell’allarmata comunità.

La mediazione psichica che si opera tra le angosce più pressanti e questo aspetto “creativo” e formativo, proprio del crescere dell’individuo, rappresentate appunto sotto forma di un qualsiasi Babau è stata spesso materia, terreno fertile per la letteratura che da sempre si è occupata di questi terreni di confine. Basti pensare ad Oscar Wilde, ad Edgar Allan Poe, ai poeti maledetti ed ai loro demoni, a Dino Campana, al tema della follia che spesso si intreccia sapientemente a quello della paura della morte ma anche della vita stessa. Ritroviamo così anche il “doppio”, la natura ambigua dell’uomo, del suo essere nel mondo mai senza contraddizione, quindi per parafrasare J. Hillman la messa in risalto, in primo piano, della “parte in ombra” , quella celata anche all’individuo stesso, della sua stessa Anima.
Il negativo dell’anima è anche al centro da sempre dell’interesse delle fiabe, dei racconti popolari, è parte integrante della struttura stessa del sapere tramandato di generazione in generazione; sarebbe però più corretto parlare di racconto fantastico nel caso del “Babau” di Dino Buzzati conferendogli le connotazioni che allo stesso attribuisce Caillois in “Dalla fiaba alla fantascienza” quando afferma che: “il fantastico presuppone la solidità del mondo reale ma per meglio distruggerla…L’apparizione è lo strumento essenziale del fantastico: ciò che non può accadere e che tuttavia si produce, in un punto e in un istante precisi, nel cuore di un universo perfettamente sondato e dal quale si credeva bandito per sempre il mistero. Tutto appare come ogni giorno: tranquillo, banale, senza nulla di insolito, ed ecco che lentamente si insinua, o all’improvviso erompe, l’inammissibile.”
Come chiarisce sempre Caillois, la letteratura fantastica è prima di tutto un “gioco” con la paura in cui gli autori lasciano il lettore libero di scegliere, lo inchiodano all’angosciante responsabilità di negare o affermare il soprannaturale.
E’ un richiamo proprio a questa enorme, illimitata libertà quella che Buzzati si concede alla fine del racconto, è un inno alla fantasia, schiacciata sempre di più da un mondo che ha necessità di eliminarla :
“Galoppa, fuggi, galoppa, superstite fantasia. Avidi di sterminarti ilo mondo civile ti incalza alle calcagna, mai più ti darà pace…”.




© Francesca Lagomarsini



Recensioni ed articoli relativi a Dino Buzzati

(1) Il dottor Maus e il settimo piano di Nino Genovese- Il Parere di PB
(2) Leo Longanesi - Il borghese conservatore di Francesco Giubilei - RECENSIONE
(3) Fuori gioco di Salvatore Scalia - RECENSIONE
(4) I primi protagonisti della fantascienza italiana post-bellica a cura di Ugo Malaguti - ARTICOLO
(5) Serial killer italiani di Gordiano Lupi - RECENSIONE
(6) Con le peggiori intenzioni di Alessandro Piperno - RECENSIONE
(7) Il distributore di volantini di Maurizio Cometto - RECENSIONE
(8) L'apparizione del Babau nei racconti di Dino Buzzati a cura di Francesca Lagomarsini - ARTICOLO
(9) La Saga del REgno dei Fanes nell'opera di Karl Felix Wolff a cura di Giuliano Giachino - ARTICOLO


Recensioni ed articoli relativi a Francesca Lagomarsini

Nessun record trovato

Testi di Francesca Lagomarsini pubblicati su Progetto Babele

(1) Compolenimenti -di sogno d'amore e d'anarchia di Ruggero Lazzari- Il Parere di PB
(2) Io vivo di tenerezze di Nelson Hoffmann- Il Parere di PB
(3) Kandahar di Francesca Lagomarsini - RECENSIONE
(4) Gaetano Ravizza: il poeta randagio a cura di Pierpaolo Pracca e Francesca Lagomarsini - ARTICOLO
(5) Cedri di Gaza di Francesca Lagomarsini - RACCONTO
(6) L'apparizione del Babau nei racconti di Dino Buzzati a cura di Francesca Lagomarsini - ARTICOLO
(7) Le Langhe di Cesare Pavese: diario di un viaggio di Francesca Lagomarsini - ARTICOLO
(8) Conosco delle vite di cui potrei fare a meno di Francesca Lagomarsini - RACCONTO
(9) Chi Sono io? di Francesca Lagomarsini - RACCONTO


>>ARCHIVIO ARTICOLI

>>Archivio vecchi articoli (fno al 21/05/2007)

 

 





-

dal 2005-04-18
VISITE: 19846