© 2002 - Progetto Babele Rivista Letteraria - fondata da Marco R. Capelli
Il gruppo di Progetto Babele su Facebook
SCARICA GRATUITAMENTE LA RIVISTA IN FORMATO PDF ACQUISTA UNA COPIA STAMPATA DELLA RIVISTA SCARICA O COMPRA I NUMERI ARRETRATI DELLA RIVISTA
HomePage Contatta PB Contatta il WebMaster help&faq
 
 
PB NEWS:    [06/10/2017] Il 12 Ottobre 2017 chiude i battenti la storica NETEDITOR    [19/07/2017] Lacrime d’Inchiostro    [24/03/2017] L'editore più povero del mondo parla sul blog "La Casa di Carta"    [25/04/2015] Audio Antologia della Letteratura Italiana Vol. I e Vol. II    [13/12/2017] 4 concorsi letterari in scadenza nei prossimi quattordici giorni    EVENTI, PRESENTAZIONI, CORSI, SEMINARI, FIERE E SPETTACOLI    Concorso Ritratti di Poesia.140 quinta edizione scadenza 2017-12-20    SanPellegrino Festival Nazionale di Poesia per e dei Bambini 2017-2018 scadenza 2017-12-16    ULTIMI INSERIMENTI SUL SITO AL 13/12/2017    Recensioni     Memorie di un ragazzo di borgata di Mario Rosati     Amore incompatibile di Francesco Dell´Olio     Andata e ritorno di Elena Ciurli     L´anno prossimo a Gerusalemme di Andrè Kaminski    Il ritorno di Nibiru di Massimo Fratini    Il parere di PB     Sesso, droga e rococò - Storia del falsetto dai castrati all di Massimo Di Vincenzo     C è un tempo per gioire, c è un tempo per patire di Manrico A.G. Mansueti     Papà mi presti i soldi che devo lavorare? di Alessia Bottone    Le rose di Eusebia di Claudio Secci    La lama nera di Dario De Judicibus    Articoli e saggi     L´horror psicologico di Michele Pastrello     ANTONIO ALTOMONTE «emblematico ricostruttore di perdute dimensioni».     Il mondo poetico del calabrese Rocco Nassi     FRANCESCO PERRI (Careri 1885 – Pavia 1975): il primo scrittore antifascista della letteratura italiana e il primo cantore dell’emigrazione meridionale     La donna indiana tra letteratura e realtà. Anita Desai e Kamala Markandaya.    Racconti     I bossoli dei fratelli James di Massimo Martinelli     Ambrosia per due di Francesco Nucera     Compagni di scuola di Maria cristina Pazzini     La via uruguagia alla felicità di Frank Iodice     Lettera ad una cucciola di Cinzia Baldini    AUDIOLIBRI     Carrozza n.6 di Matteo Bertone letto da Samuele Arena     Fino alla fine dell`alba di Matteo Bertone letto da Samuele Arena     Hannah di Beppe Calabretta letto da Sandra Tedeschi     Delusione di Christian Bigiarini letto da Alberto Sannazzaro     L`ultimo di Giuseppe Foderaro letto da Luca Govoni    Biografie     Svevo, Italo (1861-1928)     Deledda,Grazia (1871-1936)     Némirovsky,Irene (1903-1942)     Rodolfo Walsh (1927-1977)     Sturluson, Snorri (1176-1241)    Traduzioni     Der Panther / La Pantera di Rainer Maria Rilke trad. di Paolo Esposito     Maternità trad. di Maria giovanna Varasano     L'oscurità amica trad. di Nicoletta Isola     Strana contrada trad. di Nicoletta Isola     Il silenzio del mare trad. di Nicoletta Isola    Poesie     Poesie Nuove (silloge) di Alberto Accorsi     Istantanea di Natascia Secchi     Gemme rare di Elisabetta Santirocchi     Semplicemente luce di Elisabetta Santirocchi     Testamento di Antonio Sacco    Cinema     Forbidden Voices - How to start a revolution with a laptop (Svizzera 2012) regia di Barbara Miller     Hamlet (UK - USA con Kenneth Branagh: Amleto Julie Christie: Gertrude Derek Jacobi: Claudio Kate Winslet: Ofelia 1996) regia di Kenneth Branagh     Becoming Jane (Con Anne Hathaway, James McAvoy, Julie Walters, Maggie Smith, James Cromwell 2007) regia di Julian Jarrold     The Blind Side (USA - con Sandra Bullock: Leigh Anne Tuohy Tim McGraw: Sean Tuohy Quinton Aaron: Michael Oher Jae Head: S.J. Tuohy Kathy Bates: Miss Sue 2010) regia di John Lee Hancock    Una vita nel mistero (ITALIA 2010) regia di Stefano Simone    Musica     Scimpanzè (2015) - Loris Dalì     FIN (2014) - - Thomas -     Chimera (2014) - Ottodix     Tapes (2008) - Alanis Morissette    IL FORUM DI PB    Ultimo topic: Friends bradycardia hypoechoic astigmatic population. inserito il 2017-12-12 (ultimo aggiornamento 2017-12-12)    Ultimo post: inserito da il 2017-12-12 sul topic Friends bradycardia hypoechoic astigmatic population.    
 
 
Email
PSWD
CONSIGLI DI LETTURA
Arretrati e copie stampate
PB International
PB Interactive
IN PRIMO PIANO


OnlineUtenti connessi: 16
Utenti collegati in chat 0

Dal 01/01/2003
questo sito ha generato
96.972.613
esposizioni

 
     

Baricco e la crisi della repubblica delle lettere in Italia
a cura di Marco Montanari
Pubblicato su SITO



VOTA QUESTO TESTO
Insufficiente Sufficiente Discreto Buono Ottimo

Votanti: 7924
Media 79 %

Articoli A dicembre l’evento del mondo letterario italiano, la strenna natalizia più ghiotta, era lui: Baricco e il suo ultimo romanzo QUESTA STORIA. Era anche la sua prima uscita con una nuova casa editrice, la Fandango, di cui era anche diventato socio.
A marzo, di nuovo, Baricco è il tema del giorno, almeno nel settore della critica letteraria. Non per il successo di vendite ma per una sua circostanziata denuncia apparsa sul quotidiano la Repubblica: Citati e Ferroni vanno ad allusioni perché non hanno il coraggio di recensirmi, malgrado mi disprezzino. E giu` botte, verrebbe da aggiungere. Perché un articolo pubblicato sulla prima pagina del secondo giornale più venduto in Italia, quello più autenticamente “nazionale” non può che innescare polemiche a non finire. Oltretutto se a lanciarlo, lancia in resta, è un autore popolare contro il circolo accademico che non lo vuole riconoscerlo: tema popolare come pochi. E l’articolo, si sa, non è un dibattito, non lascia la possibilita` di una pronta risposta.
L’effetto infatti è stato notevole: per giorni e giorni non si è parlato che di questo, almeno tra chi si interessa di queste cose e legge le pagine di cultura. In tanti hanno espresso la propria opinione sui blog, diversi giornali hanno ripreso l’argomento col parere di un proprio critico. Perfino la Repubblica non ha trovato di meglio che far esprimere sul tema una delle sue firme più prestigiose per allunare il brodo.
Un risultato eccezionale vista l’evoluzione reale della polemica innestata da Baricco. Il giorno dopo il “fattaccio”, infatti, lo stesso Ferroni aveva risposto a tono, con un suo articolo in prima pagina sulla Repubblica. E il critico scriveva: guarda che ho recensito il tuo libro alla sua uscita, di che parli?
E infatti Baricco non ha più detto niente sull’argomento, lasciando parlare gli altri. Neanche ci ha pensato a chiedere scusa.
La cosa che lascia pensare è il fatto che entrambi i protagonisti di questa storia hanno attaccato l’altro accusandolo di non averlo letto. Il che, per persone per cui leggere e scrivere sono tutto, non è un’accusa da poco. Ed è la spia dell’unico dato interessante di questa polemica sterile: la presa d’atto della scomparsa di una qualsivoglia repubblica letteraria in Italia. Cosa avvenuta prima allegoricamente, con la diffusione del mito negativo del “salotto letterario” indicato come un covo quasi mafioso con cui si facevano e disfacevano scrittori vari. Poi economicamente, con la scomparsa dell’editore “puro” e la trasformazione del libro in un prodotto commerciale da vendere esattamente come tutta l’altra merce (come ha dimostrato anche il passaggio del direttore del settore vendite della Esselunga allo stesso ruolo all’interno del gruppo Feltrinelli). E, soprattutto, con la scomparsa di un qualsivoglia spazio di confronto pubblico condiviso, come poteva essere una rivista letteraria qualche decennio or sono.
L’ultimo punto è forse il più rappresentativo dello stato della repubblica delle lettere. Infatti chi scrive lo fa per comunicare e, quindi, il fatto che il gruppo degli scrittore italiani non sia in grado di avere dei mezzi di comunicazione di riferimento è una cosa notevole.
Certo, andando all’indietro coi tempi si vede che, una volta, bastavano i caffè letterari. Gli stessi che ancora si possono ritrovare in tutte le città italiana (un esempio è il Giube Rosse di Firenze). L’unico problema è che gli scrittori italiani sono ormai sparsi per la penisola e mancano di un centro aggregativi reale. E allora i caffè rimangono importanti come punti d’incontro locale e poco più. Come le librerie, del resto. Che, non a caso, spesso si re-inventano anche caffè letterario.
I giornali e le riviste dovrebbero essere i mass media d’elezione di questa fantomatica repubblica delle lettere. Non a caso anche la polemica di Baricco è nata dalle pagine del giornale e dopo la lettura di altri giornali. Purtroppo, tranne poche eccezioni, le pagine culturali dei quotidiani sono tutto tranne che un punto di contatto di questa repubblica. Le critiche possibili sono tante, ma le principali sono che ci scrivono sempre gli stessi nomi (come Baricco, per esempio) e che si parla quasi sempre delle pubblicazioni delle case editrici principali (ma guarda caso…). Ci sono le riviste, è vero. Purtroppo, nel complesso, sono o troppo generaliste (penso ai vari Espresso), o troppo locali (penso a un Terza Pagina) o, infine, maldistribuite (ad esempio Inchiostro). Non sempre è così, per fortuna, ma anche in quesi fortunati casi (penso a Giudizio Universale, a Il diario della settimana e a L’Indice dei libri) capita spesso di incontrare scrittori che non sanno neanche che roba siano. Come Barricco, che forse non ha mai letto Giudizio Universale e non sapeva neanche della sua esistenza fino all’articolo di risposta di Ferroni (sempre che poi sia andato a cercarsi l’arretrato).
Internet ha dato una soluzione drastica a questo problema: ha riabilitato il mestiere di scrivere, ha definitivamente distrutto ogni possibile parvenza di repubblica delle lettere sostituendola conun’anarchia virtuale e, soprattutto, ha dato la voce ai lettori. Regalando così l’illusione di aver dato il via ad un’era in cui il contatto tra autore e lettore è diretto e spontaneo, non più mediato dal critico o dalla casa editrice: insomma, la democrazia assoluta nella repubblica delle lettere, a morte l’oligarchia dei critici!
Un esempio valido in questo senso riguarda proprio il delicato tema delle recensioni. Basta andare sul sito www.ibs.it e cercare QUESTA STORIA di Baricco per trovare delle recensioni spontanee e veraci. Ad oggi ci sono 123 commenti volontari di lettori qualunque. Il loro giudizio, a volte lapidario e volte un poco più approfondito, positivo o negativo che sia, dovrebbe valere mille recensioni di Ferroni perché sono critiche passionali. E leggere non è altro che passione.
Anche se, purtroppo, osservando il grafico delle vendite si nota come, spesso, una recensione di Ferroni vale ancora moltissimo. Addirittura si era calcolato che una sola apparizione nelle pagine di cultura di un quotidiano come Repubblica valeva qualche migliaia di copie vendute in più. Questo testimonia il limite più grande di internet, quello di creare un mondo virtuale in grado di autoalimentarsi indipendentemente dalla realtà: come ha dimostrato proprio la polemica Baricco-Ferroni che ha continuato su internet incurante di quello che si dicevano i due.
Insomma, internet fa girare le idee, i giornali fanno vendere. I commenti dei lettori sui forum sono letti da altri lettori, quindi non fanno aumentare il successo del libro. Al contrario, una recensione di un qualche critico su un quotidiano è letta da cani e gatti e rende un relativo best seller il titolo di cui tratta. E forse anche per questo Baricco si è lamentato con Ferroni…

Le fonti di questa polemica raggiungibili attraverso internet:
L’articolo iniziale di Baricco (Repubblica del 1 marzo 2006) );

la risposta di Ferroni (Repubblica del 2 marzo 2006);
Il commento di Berselli (Repubblica del 3 marzo 2006);

Commenti vari sulla rete:
http://www.ilprimoamore.com/testo_75.html e Vibrisse;

Le due puntate dedicate al tema di Fahrenait con la partecipazione, tra gli altri, del direttore di Giudizio Universale (http://www.radio.rai.it/radio3/fahrenheit/mostra_evento.cfm?Q_EV_ID=166216 e http://www.radio.rai.it/radio3/fahrenheit/mostra_evento.cfm?Q_EV_ID=166071 ).


>>QUESTA STORIA recensione a cura di

© Marco Montanari



Recensioni ed articoli relativi a Baricco

(1) Amore incompatibile di Francesco Dell´Olio - RECENSIONE
(2) Se fossi postumo sarei (Ba)ricco di Vincenzo Trama - RECENSIONE
(3) Io non sono la Coop di Alessandro Angeli - RECENSIONE
(4) Velina e calciatore, altro che scrittore! di Gordiano Lupi - RECENSIONE
(5) Seta di Alessandro Baricco - RECENSIONE
(6) Questa Storia di Alessandro Baricco - RECENSIONE
(7) Baricco e la crisi della repubblica delle lettere in Italia a cura di Marco Montanari - ARTICOLO
(8) Come si diventa un intellettuale di Luciano Bianciardi - RECENSIONE
(9) Punto, punto e virgola, un punto e un punto e virgola. Meglio che abbondiamo. di Stefano Lanuzza - RECENSIONE
(10) I ragazzi del coprifuoco di Giuseppe D'Agata - RECENSIONE
(11) Carne racconta di Riccardo Geminiani - RECENSIONE
(12) Trucchi d'autore di Mariano Sabatini - RECENSIONE
(13) Solo per caso di Jacopo Reali - RECENSIONE
(14) La spirale di Archimede di Roberto Mistretta - RECENSIONE


Recensioni ed articoli relativi a Marco Montanari

(1) Mishima, Yukio(1925-1970) a cura di Marco Montanari - BIOGRAFIA
(2) La fantascienza italiana ad una svolta a cura di Fabio Calabrese - ARTICOLO
(4) Tokyo andata e ritorno di Marco Montanari - IL PARERE DI PB
(5) Basta Domandare di Marco Montanari - IL PARERE DI PB

Testi di Marco Montanari pubblicati su Progetto Babele

(1) Mishima, Yukio(1925-1970) a cura di Marco Montanari - BIOGRAFIA
(2) Questa Storia di Alessandro Baricco - RECENSIONE
(3) Baricco e la crisi della repubblica delle lettere in Italia a cura di Marco Montanari - ARTICOLO
(4) La fantascienza italiana ad una svolta (replica) a cura di Marco Montanari - ARTICOLO


>>ARCHIVIO ARTICOLI

>>Archivio vecchi articoli (fno al 21/05/2007)

 

 





-

dal 2007-06-09
VISITE: 23010