© 2002 - Progetto Babele Rivista Letteraria - fondata da Marco R. Capelli
Il gruppo di Progetto Babele su Facebook
SCARICA GRATUITAMENTE LA RIVISTA IN FORMATO PDF ACQUISTA UNA COPIA STAMPATA DELLA RIVISTA SCARICA O COMPRA I NUMERI ARRETRATI DELLA RIVISTA
HomePage Contatta PB Contatta il WebMaster help&faq
 
 
TeleScrivente:    Lo stagno dei caimani - ritrovato il racconto perduto di Salgari (12/04/2018)    Il 12 Ottobre 2017 chiude i battenti la storica NETEDITOR (06/10/2017)    Lacrime d’Inchiostro (19/07/2017)    L'editore più povero del mondo parla sul blog "La Casa di Carta" (24/03/2017)    Audio Antologia della Letteratura Italiana Vol. I e Vol. II (25/04/2015)    [19/04/2018] 14 concorsi letterari in scadenza nei prossimi quattordici giorni    X Premio Navarro scadenza 2018-04-20    Racconti di Donna scadenza 2018-04-20    Vinòforum scadenza 2018-04-20    Trofeo RiLL, il miglior racconto fantastico scadenza 2018-04-27    Fuori dal cassetto scadenza 2018-04-27    Le Occasioni scadenza 2018-04-29    Concorso Internazionale di Saggistica “Riscontri” scadenza 2018-04-30    Città di Latina scadenza 2018-04-30    Riviera Adriatica scadenza 2018-04-30    “Caro Fabrizio, ti racconto di un ritorno” scadenza 2018-04-30    Premio Antonio Fogazzaro scadenza 2018-04-30    Pietro Corsi scadenza 2018-04-30    Tra Secchia e Panaro scadenza 2018-04-30    Il Sogno del Poeta scadenza 2018-04-30    EVENTI, PRESENTAZIONI, CORSI, SEMINARI, FIERE E SPETTACOLI    AUDIOLIBRI     Carrozza n.6 di Matteo Bertone letto da Samuele Arena     Fino alla fine dell`alba di Matteo Bertone letto da Samuele Arena     Hannah di Beppe Calabretta letto da Sandra Tedeschi     Delusione di Christian Bigiarini letto da Alberto Sannazzaro     L`ultimo di Giuseppe Foderaro letto da Luca Govoni    RECENSIONI     Verde Limone di Marcial Gala     Quei gran pezzi dell'Emilia Romagna di Brunetto Salvarani e Odoardo Semellini     Memorie di un ragazzo di borgata di Mario Rosati     Amore incompatibile di Francesco Dell´Olio     Andata e ritorno di Elena Ciurli    Il Parere di PB     Sandino Il generale degli uomini liberi di Maurizio Campisi    La gallina volante di Paola Mastrocola    Il 1848 e le cinque giornate di Milano di Antonio Monti     Rapsodia su un solo tema - Colloqui con Rafail Dvoinikov di Claudio Morandini    La vigilia di Natale di Maurizio Bassani    Articoli e saggi     L´horror psicologico di Michele Pastrello     ANTONIO ALTOMONTE «emblematico ricostruttore di perdute dimensioni».     Il mondo poetico del calabrese Rocco Nassi     FRANCESCO PERRI (Careri 1885 – Pavia 1975): il primo scrittore antifascista della letteratura italiana e il primo cantore dell’emigrazione meridionale     La donna indiana tra letteratura e realtà. Anita Desai e Kamala Markandaya.    Racconti     I bossoli dei fratelli James di Massimo Martinelli     Ambrosia per due di Francesco Nucera     Compagni di scuola di Maria cristina Pazzini     La via uruguagia alla felicità di Frank Iodice     Lettera ad una cucciola di Cinzia Baldini    Biografie     Svevo, Italo (1861-1928)     Deledda,Grazia (1871-1936)     Némirovsky,Irene (1903-1942)     Rodolfo Walsh (1927-1977)     Sturluson, Snorri (1176-1241)    Traduzioni     Der Panther / La Pantera di Rainer Maria Rilke trad. di Paolo Esposito     Maternità trad. di Maria giovanna Varasano     L'oscurità amica trad. di Nicoletta Isola     Strana contrada trad. di Nicoletta Isola     Il silenzio del mare trad. di Nicoletta Isola    Poesie     Poesie Nuove (silloge) di Alberto Accorsi     Istantanea di Natascia Secchi     Gemme rare di Elisabetta Santirocchi     Semplicemente luce di Elisabetta Santirocchi     Testamento di Antonio Sacco    Cinema     Forbidden Voices - How to start a revolution with a laptop (Svizzera 2012) regia di Barbara Miller     Hamlet (UK - USA con Kenneth Branagh: Amleto Julie Christie: Gertrude Derek Jacobi: Claudio Kate Winslet: Ofelia 1996) regia di Kenneth Branagh     Becoming Jane (Con Anne Hathaway, James McAvoy, Julie Walters, Maggie Smith, James Cromwell 2007) regia di Julian Jarrold    Musica     Scimpanzè (2015) - Loris Dalì     FIN (2014) - - Thomas -     Chimera (2014) - Ottodix    
 
 
Email
PSWD
CONSIGLI DI LETTURA
Arretrati e copie stampate
PB International
PB Interactive
IN PRIMO PIANO


OnlineUtenti connessi: 9
Utenti collegati in chat 0

Dal 01/01/2003
questo sito ha generato
99.602.089
esposizioni

 
     

Linguaggi Paralleli:
L’EDIPO RE per Sofocle e per Pasolini
a cura di Mirko Cantale
Pubblicato su SITO



VOTA QUESTO TESTO
Insufficiente Sufficiente Discreto Buono Ottimo

Votanti: 8103
Media 79.56 %

Articoli Premessa

Il primo dato che emerge nel comparare un’opera letteraria con la sua relativa trasposizione cinematografica, sono le differenze. Di questi cambiamenti alcuni sono fisiologici e riguardano la diversa natura dei due linguaggi, altri, invece, sono voluti e su questi ci si deve soffermare per capire cosa è diventata l’opera nel “passaggio” ad un altro linguaggio.
La trasposizione che prendiamo in esame riguarda l’Edipo re di Sofocle da cui nel 1967 Pasolini trasse l’omonimo film, è una trasposizione anomala e ardua nella quale i temi e la filosofia di Sofocle sono inquadrati (è il caso di dirlo) da Pasolini in modo che possano, ancora oggi, comunicare.
In questo caso non so quanto sia corretto parlare di trasposizione, infatti più che “trasportare” il mito di Edipo, Pasolini sembra partire dal mito di Edipo per arrivare ad altro.


EDIPO RE Sofocle

Autore: Sofocle
Titolo originale: Οlδίπoυς τύραννoς
Anno: 530 a.C. circa


EDIPO RE Pasolini

Regia: Pier Paolo Pasolini
Titolo originale: Edipo Re
Paese: Italia, Marocco
Anno: 1967
Soggetto: Edipo re di Sofocle
Sceneggiatura: P.P.Pasolini


Partiamo dal titolo: L’Edipo re per Sofocle e per Pasolini. Per e no di Sofocle; perché quella di Sofocle è già una trasposizione in senso lato, infatti, il mito di Edipo già esiste quando Sofocle decide di metterlo in scena introno al 530 A.C.
Ricordiamo brevemente la vicenda trattata nella tragedia:
A Tebe, di cui Edipo è Re, si abbatte un’epidemia di peste, Edipo decide di indagare sui motivi di questo castigo, la ricerca sarà scandita da una serie di indizi che porteranno al quadro completo. La colpa sembra risiedere in Edipo, il quale, inconsapevole, ha ucciso Laio (precedente re di Tebe) e ne ha sposato la moglie, Giocasta, ma Laio altro non è che il vero padre di Edipo e Giocata la madre, incesto e parricidio due colpe che vanno espiate. Giocasta davanti all’atroce scoperta si toglie la vita, mentre Edipo si toglie la vista divenendo un uomo indifeso in balia del mondo. In realtà Edipo si assume la responsabilità di una colpa originata da Laio, che, trasgredendo all’oracolo che gli predisse la morte per mano di suo figlio, incaricò un servo di eliminare il piccolo Edipo, ma il servo spinto da compassione decise di abbandonarlo, lasciando in vita il futuro assassino del re.
Sofocle punta alla rappresentazione del processo per individuare la colpa che genera l’epidemia, gli ateniesi conoscevano il mito di Edipo, ma gli avvenimenti che lo portarono alla verità l’ignoravano. Quindi la colpa non è imputabile direttamente a Edipo, ma risiede nell’antefatto della vicenda almeno dal punto di vista dell’opera sofoclea. Tutto ciò che accade è per l’autore segno del destino che Edipo stesso conferma con le proprie azioni, non c’è una colpa superiore, attribuibile agli dei, che ha determinato il fato dell’eroe; Sofocle lascia intendere che le sofferenze in cui incorre Edipo, quindi gli uomini, sono inevitabili: sulla terra risiedono dolore e sofferenza e gli uomini devono saperle affrontare con dignità poiché non è possibile fuggirne.
Nel v secolo a. C. il tema della colpa e della sua espiazione ricorreva sovente nelle tragedie ( ricordiamo che il teatro aveva un fine educativo per i cittadini); di tutto questo, cosa è rimasto nell’opera di Pier Paolo Pasolini?
Forse poco.
Tra Sofocle e Pasolini c’è Freud, e se parliamo di Edipo la ovvia precisazione non è così banale.
Pasolini stesso dichiara: "In Edipo racconto la storia del mio complesso di Edipo" , quindi è subito chiaro che l’attenzione di Pasolini rispetto all’opera di Sofocle riguarda un aspetto ignoto a Sofocle stesso.
Il film si apre negli anni ’30 del 1900. In una bella casa borghese una donna mette al mondo un bambino. Il piccolo cresce con le cure e le attenzioni della madre nella confortante villa e nel verde parco di pioppi. Il padre, un ufficiale di fanteria, matura in se un pericoloso pensiero: quel bambino toglierà a lui le attenzioni, l’affetto e l’amore della sua sposa.
Il pensiero matura finché una notte l’uomo, mosso da gelosia, prende il bambino per i piedi e glieli stringe, quindi uno stacco ci porta sul monte Citerone un ambiente arcaico dove un uomo, servo di Laio, porta appeso ad un bastone un bambino, l’ordine è di ucciderlo, ma il vecchio servo decide di abbandonarlo, un gesto di pietà che, come abbiamo ricordato prima, sarà decisivo.
Le prime differenze evidenti riguardano il prologo moderno e la ripresa da parte di Pasolini del mito. Pasolini ci racconta la storia di Edipo da quando, neonato, viene portato a Corinto dal re Polibo che lo alleverà come suo figlio. Mentre Sofocle ci mostra, come abbiamo già detto, Edipo già Re di Tebe.
E poi il bellissimo prologo in cui l’autobiografismo di Pasolini risulta subito evidente, ma a conferma ci sono le parole dell’autore stesso: " il bambino del prologo sono io, suo padre è mio padre, ufficiale di fanteria, e la madre, una maestra è mia madre. Racconto la mia vita, mitizzata naturalmente, resa epica dalla leggenda di Edipo." .
Altre varianti del mito sono: il coro, sostituito nel film da canti rumeni registrati dal vivo " ho deferito a questo canto incessante, continuo e lontano di popolo, la funzione sia pure embrionale del coro", la figlia di Edipo sostituita da Angelo, che l’ accompagnerà una volta cieco. E poi la sfinge.
La sfinge nel mito è la chiave d’accesso verso il terribile destino di Edipo.
Questo la incontra a Tebe. Edipo giunge nella città dopo l’infausta previsione rivelatagli dall’oracolo (l’uccisione del padre e il rapporto incestuoso con la madre). Edipo scappa da Corinto e dai suoi presunti genitori e vaga finché a un trivio incontra degli uomini che l’ostacolano, nasce una lotta e gli uccide, tra questi c’è Laio re di tebe e padre di Edipo. Si compie, inconsapevolmente per Edipo, parte della previsione. Dopo poco Edipo giunge a tebe e scopre la città sotto la morsa della sfinge che pone un indovinello a chiunque passi nei suoi pressi e chi non risponde correttamente viene ucciso.
Ma Edipo riesce a battere la sfinge, così si arreca il diritto di sposare la regina Giocasta e divenire re di Tebe. In questo modo si compie totalmente l’ anticipazione dell’oracolo.
La sfinge è importante per la dimensione freudiana del film, infatti, quando si troverà davanti a Edipo non gli proporrà l’indovinello, ormai celebre: "Chi all’alba cammina a quattro zampe a mezzogiorno a due e la sera a tre?" Nella mitologia Edipo saprà rispondere: "L’ uomo" e la sfinge abbandonerà la città.
L’enigma di Pasolini è tutto interiore.

SFINGE: "c’è un enigma nella tua vita, qual è?"
EDIPO: "non lo so e non voglio saperlo"
SFINGE:"è inutile. L’abisso i cui mi spingi è dentro di te"

Quindi siamo nell’inconscio dell’uomo, siamo nelle mani di Freud.
E’ chiaro che ai fini della trasposizione di Pasolini ciò che ne viene fuori è un’opera personale, quindi la trasposizione diventa un veicolo e non un fine. Veicolo per un nuovo discorso, differente dalla ricerca della verità e della conoscenza drammatica che è l’essenza del mito di Edipo, nonostante Pasolini sostenne che l’aspetto che più lo interessò dell’opera di Sofocle era proprio "il contrasto tra la totale innocenza e l’obbligo del sapere" questo aspetto non sembra approfondito nel film.

Il film è possibile dividerlo in questo modo:

MITO

MITOLOGIA TRAGEDIA

PROLOGO SOFOCLEA EPILOGO

La parte che fa riferimento al mito, la più lunga, è suddivisibile in altre due sottocategorie: una prima che tratta la vita di Edipo prima che questi diventi re di Tebe (mitologia), la seconda, sofoclea, in cui si narra l’indagine che porta Edipo alla “conoscenza” (trasposizione vera e propria della tragedia).
In questa ultima, in cui è ripresa la tragedia, un importante cambiamento risiede nella presenza di Angelo interpretato da Ninetto Davoli, che nel film lo vediamo la prima volta all’arrivo di Edipo a tebe, poi lo incontriamo come accompagnatore di Tiresia, il veggente cieco, e poi, ancora, come accompagnatore di Edipo quando si toglierà la vista, in Sofocle saranno i figli (nell’Edipo a colono Antigone) di Edipo a stargli vicino nelle tenebre in cui è calato mentre nel film sarà Angelo, in questa variante si può riscontrare un altro riferimento autobiografico: più di una volta si è parlato del rapporto paterno di Pier Paolo nei confronti di Ninetto, ma forse si rischia di esagerare.
Poi L’epilogo. Nuovamente in ambiente moderno, Edipo cieco cammina supportato da Angelo per i portici di Bologna, dopo un lungo peregrinare, trovano il “Luogo” dove fermarsi, forse per sempre, il luogo è il parco di pioppi dove il piccolo del prologo era allattato dalla madre; questo finale suggerisce una vittoria di Freud su Sofocle, ma Pasolini lo smentisce e fa notare che il finale del film sembra ispirato dall’Edipo a Colono, quindi: "nell’arbitrario impasto fra il suggerimento freudiano e quello sofocleo, la vince quest’ ultimo"1

Ma quest’epilogo è, soprattutto, sintesi del percorso di Pasolini da poeta decadente a poeta per la borghesia e ancora poeta civile, fino alla ricerca dell’origine, della propria madre, della vita, e qui il cerchio si chiude, della morte.
In questa ricerca dell’origine c’è anche la poetica di Pasolini tesa verso il puro, verso ciò che è ancora umanamente puro, un precorso che va dal dialetto friulano alle borgate romane, per poi allontanarsi nel mito, nella fantasia, fino al corpo luogo incontaminato e quindi elogiato nella trilogia della vita (Decameron, I racconti di Canterbury e Il fiore delle mille e una notte) ma anche il corpo sarà sopraffatto dal potere e Salò o le 120 giornate di Sodoma ne sono una prova inconfutabile.
Torniamo alla trasposizione. Si era posto in forse che la dimensione dell’inconsapevolezza e della colpa, che portano Edipo a diventare cieco, nel film di Pasolini siano marginali rispetto all’aspetto freudiano, ma se consideriamo i film precedenti, in particolare i film sul sottoproletariato per intenderci, notiamo che l’ingenuità e l’inconsapevolezza di Edipo riportano all’ingenuità di Accattone, che ha sempre il volto di Citti, ad esempio. Uomini che sono vittime di una vita che non comprendono e che attraversano ignari, parlando di Edipo Pasolini dice: " è uno che non vuole guardare dentro le cose, come tutti gli ingenui, gli innocenti che vivono la loro vita quali prede della vita e delle proprie emozioni" . A questo punto il tema sofocleo dell’inconsapevolezza e della colpa è chiaro anche nell’opera di Pasolini, ovviamente riletto in chiave moderna; dovremmo, quindi, rivedere tutto sotto questo aspetto, ripartire da capo, tornare, in sostanza, all’origine.

Note: 1) Perché quella di Edipo è una storia in Edipo Re, garzanti, Milano, 1967

© Mirko Cantale



Recensioni ed articoli relativi a Sofocle

(1) L’enigma dell’Uomo dei Lupi: Sigmund Freud e la psicoanalisi a cura di Bruno Corino - ARTICOLO
(2) Umberto Eco, Pericle, la democrazia e il populismo... a cura di Bruno Corino - ARTICOLO
(3) A lullaby for the poetry - Studio comparato tra Edgar Allan Poe e Dylan Thomas a cura di Michele claudio Napolitano - ARTICOLO
(4) Linguaggi Paralleli:
L’EDIPO RE per Sofocle e per Pasolini a cura di Mirko Cantale
- ARTICOLO
(5) Wolfgang Schadewaldt und die Gräzistik des 20. Jahrhunderts
„Wolfgang Schadewaldt e la Grecistica del XX secolo“ di Thomas Alexander Slezák con la collaborazione di Karl-Heinz Stanzel
- RECENSIONE

Recensioni ed articoli relativi a Pasolini

(1) Immagini e poesie nei cantautori contemporanei di Paolo Talanca- Il Parere di PB
(2) Un ritmo per l'esistenza e per il verso - metrica e stile nella poesia di A.Bertolucci di Fabio Magro- Il Parere di PB
(3) Memorie di un ragazzo di borgata di Mario Rosati - RECENSIONE
(4) L`odore della notte di Paolo DAnna - RECENSIONE
(5) Se fossi postumo sarei (Ba)ricco di Vincenzo Trama - RECENSIONE
(6) Leo Longanesi - Il borghese conservatore di Francesco Giubilei - RECENSIONE
(7) T. S.Eliot e P.P. Pasolini: The Waste Land e La muart ta l`aga a cura di Lara Scifoni - ARTICOLO
(8) Dio è distratto di Gianluca Liguori - RECENSIONE
(9) Neoplasie civili di Lorenzo Spurio - RECENSIONE
(10) L'Estetica dell'Oltre di Michela Zanarella - RECENSIONE
(11) Pol Pot – L’assassino sorridente di Domenico Vecchioni - RECENSIONE
(12) Il sogno di una cosa di Pier Paolo Pasolini - RECENSIONE
(13) Il mito del Nord-Est tra storia e letteratura a cura di Lara Scifoni - ARTICOLO
(15) Nascosta e lo Specchio di Maria Carla Trapani - RECENSIONE
(16) La cultura italiana nel Novecento a cura di Angela Rigamo - ARTICOLO


Recensioni ed articoli relativi a Mirko Cantale

Nessun record trovato

Testi di Mirko Cantale pubblicati su Progetto Babele

(1) Linguaggi Paralleli:
L’EDIPO RE per Sofocle e per Pasolini a cura di Mirko Cantale
- ARTICOLO


>>ARCHIVIO ARTICOLI

>>Archivio vecchi articoli (fno al 21/05/2007)

 

 





-

dal 2007-09-21
VISITE: 23133