Progetto Babele Rivista Letteraria
© 2002 - Progetto Babele Rivista Letteraria - fondata da Marco R. Capelli
Audiolibri BookShop SCARICA O COMPRA I NUMERI ARRETRATI DELLA RIVISTA
HomePage Contatta PB Il gruppo di Progetto Babele su Facebook Seguici su Youtube Linkedin
TeleScrivente:    Nasce FIAMMIFERI, la nuova collana della casa editrice Pagine d’Arte (08/11/2018)    Concorso Letterario Nazionale di Ostia “500 PAROLE”: annunciati i 18 finalisti (27/09/2018)    Versante Ripido è morto? (27/09/2018)    Arriva Solaris, e ci (ri) porta i capolavori della fantascienza russa (08/05/2018)    Dopo quindici anni, chiude la rivista Segreti di Pulcinella (ma resta il BLOG) (03/05/2018)    [19/12/2018] 7 concorsi letterari in scadenza nei prossimi quattordici giorni    Ritratti di Poesia.280: la poesia all’epoca di Twitter. scadenza 2018-12-20    Concorso Letterario Tre Colori scadenza 2018-12-20    1 Giallo x 1.000 scadenza 2018-12-31    IMPAVIDARTE - la biennale della cultura 2018/2019 scadenza 2018-12-31    La diversità della follia scadenza 2018-12-31    5° Premio Letterario Città di fermo scadenza 2018-12-31    Il Litorale scadenza 2018-12-31    EVENTI, PRESENTAZIONI, CORSI, SEMINARI, FIERE E SPETTACOLI    AUDIOLIBRI     La Strega di Marco R. Capelli letto da C. Fratarcangeli e S.Ferrara     Carrozza n.6 di Matteo Bertone letto da Samuele Arena     Fino alla fine dell`alba di Matteo Bertone letto da Samuele Arena     Hannah di Beppe Calabretta letto da Sandra Tedeschi     Delusione di Christian Bigiarini letto da Alberto Sannazzaro    RECENSIONI     Epiphaino di Guglielmo Campione     Fermento di Falesia di Stefano Giannotti     Guida ai cantautori italiani - Gli anni Settanta di Mario Bonanno     Epiphaino di Guglielmo Campione     Nuda Poesia (Poésie Dénudée) di Greta Cipriani    Il Parere di PB     Sandino Il generale degli uomini liberi di Maurizio Campisi    La gallina volante di Paola Mastrocola    Il 1848 e le cinque giornate di Milano di Antonio Monti     Rapsodia su un solo tema - Colloqui con Rafail Dvoinikov di Claudio Morandini    La vigilia di Natale di Maurizio Bassani    Articoli e saggi     Jack London (1876-1916), ovvero il mare sfidato     La scienza dell’impresa secondo Filippo Picinelli (1604-1679): indagine sulle fonti dell’Introduzione al “Mondo Simbolico”.     Joseph Conrad ovvero il mare professionale     Apollo e Dafne: Quando il marmo diventa carne     L´horror psicologico di Michele Pastrello    Racconti     La Strega di Marco R. Capelli     I bossoli dei fratelli James di Massimo Martinelli     Ambrosia per due di Francesco Nucera     Compagni di scuola di Maria cristina Pazzini     La via uruguagia alla felicità di Frank Iodice    Biografie     Svevo, Italo (1861-1928)     Deledda,Grazia (1871-1936)     Némirovsky,Irene (1903-1942)     Walsh, Rodolfo (1927-1977)     Sturluson, Snorri (1176-1241)    Traduzioni     Der Panther / La Pantera di Rainer Maria Rilke trad. di Paolo Esposito     Maternità trad. di Maria giovanna Varasano     L'oscurità amica trad. di Nicoletta Isola     Strana contrada trad. di Nicoletta Isola     Il silenzio del mare trad. di Nicoletta Isola    Poesie     Poesie Nuove (silloge) di Alberto Accorsi     Istantanea di Natascia Secchi     Gemme rare di Elisabetta Santirocchi     Semplicemente luce di Elisabetta Santirocchi     Testamento di Antonio Sacco    Cinema     Forbidden Voices - How to start a revolution with a laptop (Svizzera 2012) regia di Barbara Miller     Hamlet (UK - USA con Kenneth Branagh: Amleto Julie Christie: Gertrude Derek Jacobi: Claudio Kate Winslet: Ofelia 1996) regia di Kenneth Branagh     Becoming Jane (Con Anne Hathaway, James McAvoy, Julie Walters, Maggie Smith, James Cromwell 2007) regia di Julian Jarrold    Musica     Scimpanzè (2015) - Loris Dalì     FIN (2014) - - Thomas -     Chimera (2014) - Ottodix    
Email
PSWD
AddsZone
Save the Children Italia Onlus
Angolo di SImone
La Rivista
Copertina
Scarica gratuitamente
l'ultimo numero della rivista
Cart ARRETRATI
BookShop
PB Interactive
>>Stazione di servizio
Consigli & indirizzi per aspiranti scrittori
>>Telescrivente
Le NEWS di PB - quasi un Blog
>>L'angolo di Simone
Dedicato ai più piccoli
>>Piccolo spazio pubblicità
Le vostre inserzioni su PB
PB consiglia
Concorsi e premi letterari
45 concorsi in archivio
Eventi Mostre Presentazioni Spettacoli
1 eventi in archivio
Novità in libreria
NOVITA' IN LIBRERIA
11 novità in archivio
Assaggi
Le Recensioni
     

Che gli occhi bastino agli occhi. Antonia Pozzi nel settantesimo anniversario della morte.
a cura di Katia Piccinini
Pubblicato su SITO


VOTA QUESTO TESTO
Insufficiente Sufficiente Discreto Buono Ottimo

Votanti: 9152
Media 79.82 %

Articoli

…che gli occhi bastino agli occhi…

Come si guarda una stella? Con stupore. E con pari dolore del bello.
E così, nel venire ormai prossimo di un nuovo dicembre, il settantesimo dalla morte, l’occhio indugia sul nome – già questo aperto, limpido e terso- della giovinetta milanese, leggera come un capriolo pauroso sulla neve, tutta tesa – e quanto coraggio in questo sbalzarsi- alla trasparenza traslucida del cielo. E se l’occhio cercando, tra le altre, le parole più intime e domestiche - quelle che per delicatezza e riservatezza del dire soffondono una certa rêverie -, si ferma sulle così belle lettere di tutta una vita la memoria torna al piccolo cimitero di Pasturo, a quelle tre pietre della Grigna che, pietose e ferme sorelle, invocate nuove antigoni, difendono, con la purezza degli elementi, lo spirito così forte eppur così feribile di Antonia Pozzi.
E in queste lettere, cui la mano giovane affida il disegno dell’anima e dei suoi slanci costellati, troviamo quella verticale profondità del sentire che, improvvisa e sorpresa quasi, si intenerisce e si colma come il dissolversi al vento della apparente compatta densità delle nuvole: e quali siano stati gli effetti di tutta questa bianchezza non te lo so dire: so che ritorno col cuore che straripa di poesia.

Sceglie l’inverno per il suo silenzio più lungo, quando il cielo si fa via via bianco e inanimato all’occhio: anch’io ho tanta paura dell’inverno: anch’io, forse, devo scontare.
Creatura estiva, Antonia, di estati di montagna dove ogni cosa si fa assoluta, e sola, e si staglia netta e pulita contro, e davanti: ma ora voglio tornare sulle alte rupi, dissetare alle sorgenti la bocca in cui è rimasto tanto amaro. Con una luna che inondava tutta la valle, sono salita sulla Grigna, ed ero lassù prima dell’alba, sola sulla vetta, sotto il sorriso gelido delle ultime stelle.
Estati di montagna come gli amati ritiri in Valsassina, tra le letture e le cime, tra il getto estatico dei massi e l’acqua bevuta da terra, quando riprende la vita a sé, quando la vita le ritorna, finalmente, trasparente e semplice. Come il verso: fermo, nitido, snello. Mattutino. Quando rientro in questa stanza […] tutto quello che ho vissuto fuori di qui, quello che ho aggiunto alla mia anima e che queste pareti non sanno ancora, mi si riassume così nitidamente al pensiero…ad ogni ritorno fra queste cose fedeli e uguali, di volta in volta ho deposto e chiarificato a me stessa i miei pensieri, i miei sentimenti più veri.

E nelle lettere lo slancio brioso e tintinnante come una monetina al rimbalzo delle parole alla nonna e agli amici; il trattenuto azzurro - l’azzurro caro al “suo” Flaubert - delle parole tonde, innamorate e buone di quando Antonia è tutta il suo sentimento del mondo, senza spacchi tremendi, senza squarci e strazi: tutta d’azzurro mi sentivo l’anima; e poi più giù, verso l’addensarsi del fiato e la dolorosa intensità dell’accordare temi lontanissimi, smarriti con l’ansia della nuova primavera che non ha più voce per Antonia: ah, l’ansia di questa inutile fioritura!
E poi ancora più giù, ma anche più in là, di poco sempre più rivolta e inclinata al forte del cielo che scavalca le vette: non ho più pensieri né parole. Soltanto occhi per guardare e muscoli per camminare.

Forse, Antonia Pozzi, ha trovato quel cielo di cui parlava Campana: quel cielo sgombro, liberato e libero, vuoto e totalmente sidereo.
Che la terra, che ha inghiottito una stella, sappia lasciare la levità di quel cielo su quella esile scia di silenzio.

ANTONIA POZZI (1912-1938)
Figlia di Roberto, importante avvocato milanese e della contessa Lina Cavagna Sangiuliani, nipote di Tommaso Grossi, scrive le prime poesie ancora adolescente. Studia nel liceo classico Manzoni di Milano, dove inizia con il suo professore di latino e greco, Antonio Maria Cervi, una relazione che, a causa dei pesanti ostacoli frapposti dalla famiglia Pozzi, verrà interrotta dal Cervi nel 1933, procurandole la depressione - «e tu sei entrata / nella strada del morire», scrive di sé in quell'anno - che contribuirà a condurla al suicidio.
Nel 1930 si iscrive alla facoltà di filologia dell'Università statale di Milano, frequentando coetanei quali Vittorio Sereni, suo amico fraterno, Enzo Paci, Luciano Anceschi, Remo Cantoni, del quale sembra si innamorasse non ricambiata, le lezioni del germanista Vincenzo Errante e del docente di estetica Antonio Banfi, forse il più aperto e moderno docente universitario italiano del tempo, col quale si laurea nel 1935 discutendo una tesi su Gustave Flaubert.
Tiene un diario e scrive lettere che manifestano i suoi tanti interessi culturali, coltiva la fotografia, ama le lunghe escursioni in bicicletta, progetta un romanzo storico sulla Lombardia, conosce il tedesco, il francese e l'inglese, viaggia, pur brevemente, oltre che in Italia, in Francia, Austria, Germania e Inghilterra ma il suo luogo prediletto è la settecentesca villa di famiglia, a Pasturo, ai piedi delle Grigne, dove è la sua biblioteca e dove studia, scrive e cerca un sollievo nel contatto con la natura solitaria e severa della montagna. Di questi luoghi si trovano descrizioni, sfondi ed echi espliciti nelle sue poesie; mai invece degli eleganti ambienti milanesi, che pure conosceva bene. (...) Avverte certamente il cupo clima politico italiano ed europeo: le leggi razziali del 1938 colpiscono alcuni dei suoi amici più cari; «forse l'età delle parole è finita per sempre», scrive quell'anno a Sereni.
Nel suo biglietto di addio ai genitori scrive di disperazione mortale e si uccide con i barbiturici. La famiglia negherà la circostanza «scandalosa» del suicidio, attribuendo la morte a polmonite; il suo testamento fu però distrutto dal padre, che manipolò anche le sue poesie, scritte su quaderni e allora ancora tutte inedite; la storia d'amore con il Cervi sarà falsamente descritta come una relazione platonica.
È sepolta nel piccolo cimitero di Pasturo, il monumento, un bellissimo Cristo in bronzo è opera dello scultore Giannino Castiglioni. (FONTE WIKIPEDIA:
http://it.wikipedia.org/wiki/Antonia_Pozzi)

 

© Katia Piccinini




Recensioni ed articoli relativi a Katia Piccinini

Nessun record trovato

Testi di Katia Piccinini pubblicati su Progetto Babele

(1) Rose rampicanti. Appunti di viaggio nelle terre dei trovatori di Ezra Pound - RECENSIONE
(2) Che gli occhi bastino agli occhi. Antonia Pozzi nel settantesimo anniversario della morte. a cura di Katia Piccinini - ARTICOLO
(3) Lettere a Felician di Ingeborg Bachmann - RECENSIONE
(4) La schizofrenia non esiste e se esistesse io vorrei averla di Gianna Schiavetti - RECENSIONE
(5) Sirene di Laura Pugno - RECENSIONE
(6) La perdita di Manuela Fraire - Rossana Rossanda - RECENSIONE


>>ARCHIVIO ARTICOLI

>>Archivio vecchi articoli (fno al 21/05/2007)

 

 




-

dal 2008-12-03
VISITE: 22491


© Copyright Note: Tutto il materiale qui pubblicato è proprietà intellettuale degli autori.
Come tale non può essere riprodotto, tutto o in parte, senza preventivo consenso degli autori stessi.