Progetto Babele Rivista Letteraria
© 2002 - Progetto Babele Rivista Letteraria - fondata da Marco R. Capelli
Audiolibri BookShop SCARICA O COMPRA I NUMERI ARRETRATI DELLA RIVISTA
HomePage Contatta PB Il gruppo di Progetto Babele su Facebook Seguici su Youtube Linkedin
TeleScrivente:    SOSTENETE “ILCORSARONERO” RINNOVANDO L’ABBONAMENTO (07/09/2019)    Eugraphia seleziona opere per ragazzi (da sei a quindici anni) (05/09/2019)    Black Window: al via la seconda edizione! (24/06/2019)    Anobii lascia Mondadori (30/05/2019)    I libri di PB, saldi di fine stagione (28/12/2018)    [21/09/2019] 5 concorsi letterari in scadenza nei prossimi quattordici giorni    360 Autori per tutto l’anno scadenza 2019-09-21    Fiori d'Inverno scadenza 2019-09-28    Tema: “Lo scrittore Michele Malanca attraverso la sua ultima opera: Storia di Andrea Pagani e altri racconti” scadenza 2019-09-30    Mario Zanaria scadenza 2019-09-30    PREMIO LETTERARIO DAUNIA&SANNIO scadenza 2019-09-30    EVENTI, PRESENTAZIONI, CORSI, SEMINARI, FIERE E SPETTACOLI    CartaCarbone Festival Letterario Autobiografia e dintorni 2019 | Presentazione della sesa edizione - Treviso, Sabato 21 Settembre 2019, ore 11, Chiesa di San Teonisto (FESTIVAL LETTERARIO 2019-09-21)    PAT - Percorsi di Avvicinamento al Teatro - II edizione - 6 incontri, tutti gratuiti (Roma) (NOSCELTA 2019-09-26)    Festival Letterario CartaCarbone “Autobiografia e dintorni” - Sesta Edizione (NOSCELTA 2019-10-13)    AUDIOLIBRI     La porta di Cesarina Bo letto da Alberto Morella (Realizzato da Riccardo Cerutti)     La Strega di Marco R. Capelli letto da C. Fratarcangeli e S.Ferrara     Quella casa sulla collina di Marcello Caccialanza letto da Alberto Sannazzaro     Fino alla fine dell`alba di Matteo Bertone letto da Samuele Arena     Carrozza n.6 di Matteo Bertone letto da Samuele Arena    RECENSIONI    I Figli di Dio di Glen Cooper    La cripta dei teschi forati di Luigi Tortora    Il Barone di Giuseppe Antonio Martino    Il Barone di Giuseppe Antonio Martino     Fossi in te io insisterei di Carlo Giuseppe Gabardini    Il Parere di PB     Cambi di prospettive di Ilaria Ferramosca     Express Tramway di Vittorio Baccelli     Promesse da marinaio di Daniele Filzi    Il lungo viaggio di Chaetodon Vagabundus di Francesco Sciortino    I buoni ed i cattivi frutti di Francesca Ricci    Articoli e saggi     Lorenzo Calogero, il “folle” medico-poeta di Melicuccà     Congiunzione e disgiunzione in Eugenio Montale     Ernest Hemingway e le Isole Borromee     Lingua e poesia nelle opere di Nino De Vita     Jack London (1876-1916), ovvero il mare sfidato    Racconti     Identità riservata di Cinzia Baldini     Punti di vista di Gaia Borella     Come una madre di Maria cristina Piazza     Mio figlio e Bukowski di Massimo Martinelli     Un Brandello di storia di Alessio Salerno    Biografie     Svevo, Italo (1861-1928)     Deledda,Grazia (1871-1936)     Némirovsky,Irene (1903-1942)     Walsh, Rodolfo (1927-1977)     Sturluson, Snorri (1176-1241)    Traduzioni     Der Panther / La Pantera di Rainer Maria Rilke trad. di Paolo Esposito     Maternità trad. di Maria giovanna Varasano     Il silenzio del mare trad. di Nicoletta Isola     Strana contrada trad. di Nicoletta Isola     L'oscurità amica trad. di Nicoletta Isola    Poesie     Francesco di Eva Rando     Occhi di Luna di Elisabetta Santirocchi     Assenzio di Sandro Lillo Spallino     Poesie Nuove (silloge) di Alberto Accorsi     Istantanea di Natascia Secchi    Cinema     Forbidden Voices - How to start a revolution with a laptop (Svizzera 2012) regia di Barbara Miller     The Blind Side (USA - con Sandra Bullock: Leigh Anne Tuohy Tim McGraw: Sean Tuohy Quinton Aaron: Michael Oher Jae Head: S.J. Tuohy Kathy Bates: Miss Sue 2010) regia di John Lee Hancock     Becoming Jane (Con Anne Hathaway, James McAvoy, Julie Walters, Maggie Smith, James Cromwell 2007) regia di Julian Jarrold    Musica     Scimpanzè (2015) - Loris Dalì     FIN (2014) - - Thomas -     Chimera (2014) - Ottodix    
Email
PSWD
AddsZone
Save the Children Italia Onlus


Le Vendicatrici
La Rivista
Copertina
Scarica gratuitamente
l'ultimo numero della rivista
Cart ARRETRATI
BookShop
PB Interactive
>>Stazione di servizio
Consigli & indirizzi per aspiranti scrittori
>>Telescrivente
Le NEWS di PB - quasi un Blog
>>L'angolo di Simone
Dedicato ai più piccoli
>>Piccolo spazio pubblicità
Le vostre inserzioni su PB
PB consiglia
Concorsi e premi letterari
27 concorsi in archivio
Eventi Mostre Presentazioni Spettacoli
3 eventi in archivio
Novità in libreria
NOVITA' IN LIBRERIA
6 novità in archivio
Assaggi
Le Recensioni
     

Pascoli prosatore (Studi di lingua e letteratura italiana)
a cura di Enzo Sardellaro
Pubblicato su SITO


VOTA QUESTO TESTO
Insufficiente Sufficiente Discreto Buono Ottimo

Votanti: 16793
Media 80.18 %

Articoli

I decadenti europei non ebbero accoglienza favorevole di pubblico, anzi, al contrario si potrebbe affermare che il grande pubblico dimostrò un'aperta insofferenza nei loro confronti. Sostanzialmente diversa fu invece l'accoglienza che ricevettero i nostri decadenti, da D'Annunzio a Pascoli. Osserviamo anzitutto che ambedue ebbero rapporti significativi con le ideologie imperanti alla fine dell'Ottocento e gli inizi del Novecento; bene o male, vi fu una loro "compartecipazione" alle politiche ufficiali. Rimandando il discorso su D'Annunzio ad altra occasione, osserveremo che, per quanto riguarda Pascoli, si è da più versanti rilevato il suo aperto sostegno alla politica giolittiana rispetto, per esempio, alla guerra di Libia, che Pascoli sostenne in una sua prosa famosa, "La grande proletaria s'è mossa", in cui condivideva l'idea allora generalmente diffusa che la Libia potesse costituire un'ottima soluzione per la nostra emigrazione. E' indubbio che Pascoli non è un decadente "alla francese"; non si notano in lui scatti di forte ribellione alla società in cui vive, di cui, anzi, tenderebbe quasi a farsi interprete in un ruolo, quello del poeta "Vate", già ricoperto con notevole successo e prestigio da Carducci. In questo senso, al di là del supporto offerto alla guerra di Libia, non si può certamente dimenticare l'Inno dedicato a re Umberto I. Se dunque il decadentismo del Pascoli non sta nello scatto di ribellione sociale, nel rifiuto del mondo borghese che il "porro unum et necessarium" dei decadenti francesi, e non solo, dove sta il decadentismo pascoliano? In realtà il rapporto che si può istituire con i decadenti francesi è estremamente debole, e ritengo davvero che non vada al di là dell'assunzione, a livello di produzione poetica, della poesia come frammento baluginante, carico di misteri e di simboli. E' poi abbastanza semplice rilevare in Pascoli una tensione molto forte al "privato", alla chiusura dentro il rassicurante "nido" familiare, in un periodo poi tra i più tumultuosi della storia politica del nostro Paese. Le divisioni politiche furono in quegli anni profonde e laceranti, e il Pascoli, quasi in controtendenza, e con una visione fortemente avversa agli scontri, personali o sociali che fossero, si pose in una posizione di "recupero" non solo della "pace", specie sociale, ma soprattutto di un'unità sociale che egli vedeva alle soglie della disgregazione. Stabiliti i contorni della sua ideologia, che era indubbiamente interclassista e piccolo-borghese, e stabilito che  il  "maledettismo" europeo non faceva davvero per lui, in questa sede si affronta il tema del Pascoli prosatore, anziché quello specifico del poeta, su cui tra l'altro la critica ha acquisito risultati di indubbio valore, riconoscendo i meriti che il Pascoli ebbe nel rinnovamento del linguaggio poetico italiano, sperimentando nuove forme sintattiche, neologismi, tecniche onomatopeiche e lessico estremamente preciso e tecnico, specie se legato agli ambienti e alla natura della campagna. Se, dunque, il Pascoli poeta è stato oggetto di indagini molto approfondite (1), l'attenzione verso il Pascoli "prosatore" è stata non particolarmente marcata, per cui, ancora oggi, le idee sulla prosa del Pascoli o sono del tutto assenti o, per lo meno, sono piuttosto deboli, a parte qualche rilievo sulla prosa del "Fanciullino". Ma, in realtà, com'era fatta la prosa di Pascoli? E' sostanzialmente una prosa "poetica", fortemente influenzata dalla psicologia di uno scrittore che si esprime anche in prosa  per "illuminazioni". Quella del Pascoli è una prosa "sincopata",  che non avanza mai con toni lineari e secondo un andamento logico e razionale tipico della struttura saggistica: è franta, con una sequenza ininterrotta di punteggiatura forte. Punti interrogativi, cui seguono, moltissimi punti esclamativi, punti fermi, punti e virgola. E' la prosa di chi ragiona su un tema e si pone costantemente interrogativi; oppure è asseverativo, pensa che quanto va dicendo non possa essere messo in dubbio, ma che anzi costituisca una verità evidente e condivisa. In conclusione la prosa di Pascoli è, sotto il profilo stilistico, una spia del modo di ragionare del poeta, che è pieno di perplessità e ritiene al contempo di possedere molte verità evidenti, che egli sottolinea soprattutto con una dose massiccia di punti esclamativi. Se non fosse "troppo soggettiva", si potrebbe dire che la prosa del Pascoli è estremamente moderna e, sotto un certo aspetto,  "contemporanea". Il periodare pascoliano è infatti estremamente paratattico, le frasi sono brevi, alcune brevissime, secondo uno stile fortemente lirico. Uno scrittore quindi  impostato su toni lirici, per cui la sua prosa, pur risultando per moltissimi versi estremamente moderna, fa sentire troppo, nello stile, il continuo rovello delle idee: quindi una prosa "lirica".

Qualche esempio:
"...Libertà! Libertà! Questa, è l'idea, che pervade il libricciolo, che io v' offro: libertà da cima a fondo. 
E perciò lo dedico a voi , che non solo assomigliate a me, nel disdegnare ciò che mette i ceppi al pensiero, ma che, nel mio cuore, figurate, uno, giovane, ardente di fede e parco di parole , franco ma a monosillabi , libero ma a cennii, la vostra Sicilia. La Sicilia, con tutti i discorsi che si sono fatti sulla mafia siciliana , non è terreno da piantarvi la selva oscura del partito, ossia del non-volere, ossia del non contare se non come uno sterpo in un gran viluppo inerte e infecondo. Che! In ogni siciliano il proprio io è lì che negli occhi grandi e profondi sta in guardia della persona, piccola (come la. vostra) e  cara! E la Sicilia tutta non vuol liquefarsi nel resto d' Italia: bene! E, per questo suo medesimo sentimento, non vuole che l'Italia sia annullata dal resto del mondo: benissimo! Caro Vincenzo, e io non ho trovato in Sicilia uno pili siciliano di voi e più italiano di voi. E perciò vi amo. E siete fiero. E perciò vi ammiro. E lavorate in silenzio. E perciò vi venero. E vi arriderà il successo? cioè, avrete mai la ricchezza, e quella, che non pare si possa avere, se non dopo avuta la prima, e ciò per la forza delle cose piuttosto che per mal volere degli uomini, la croce del lavoro? Voi vi armate: sarete mai armato cavaliere. Che vuol dir questa Solitudine immensa? ed io che sono? Sì: la coscienza umana chiede ancora quello che chiedeva allora. Dobbiamo credere che ciò sia un sintomo di malattia o degenerazione?...".

Lo stesso stile che si riscontra in tutte le poesie, come questa, dedicata al re Umberto I, ucciso in un attentato, di cui si riporta una strofa, davvero emblematica ed estremamente esemplificativa dello "stil breve" di Giovanni Pascoli. 

XII

Va!... all'Ideale la barra!
Va!... all' Ideale ch' è un punto,
ch' è un nulla; e la morte lo sbarra;
ma quando sei giunto... sei giunto!

Va, principe giovane e giovane
Italia! Nel pelago eterno,
va, cerca il tuo Polo; va, trova
nel mondo infinito il tuo perno!  

Va, in mezzo alla grigia bufera,
va, dove s' incontra e s' indora
con questa che sembra una sera,
la subita aurora! (2)

Per la prosa in esame, siamo di fronte, osservava Mario Marti, allo "spappolamento del periodare classico" (3). Marti è stato uno dei pochi che abbia studiato con una notevole acribia il periodo del Pascoli; e, grazie al puntiglio dell'illustre studioso, si è quasi in grado di stilare una "statistica" dei periodi lunghi e brevi nelle diverse prose dello scrittore. Marti si è soffermato, fra gli altri casi, su una prosa estremamente nota del Pascoli, largamente antologizzata e, ritengo, sufficientemente nota a ogni studente di scuola superiore. Intendo riferirmi a quel "manifesto" di poetica che fu "Il Fanciullino". "... In esso - sottolinea Marti - abbiamo contato 650 periodi... e li abbiamo poi ripartiti secondo la loro lunghezza: periodi lunghi che superano i tre righi...; periodi fra due e tre righi...; periodi da uno a due righi, e infine di un solo rigo, e ancor meno...". In conclusione, secondo la "statistica" approntata da Mario Marti, che ha contato complessivamente nel "Fanciullino" 650 periodi, quelli che superano i tre "righi" sono 165: fra i due e tre righi 130; meno di due righi 183; meno di un rigo 172 periodi. Il che dimostra, anche statisticamente, l'assoluta predilezione del Pascoli prosatore per la "prosa poetica", breve, rapida, e, potremmo quasi dire con Ungaretti, "essenziale".

Note

1) Per il Pascoli poeta cfr. P.V. Mengaldo, "La tradizione del Novecento", Milano, Feltrinelli, 1975.
2) G. Pascoli. "Odi e Inni", Bologna, Zanichelli, 1906, p. 129.
3) M. Marti, "Appunti sul Pascoli prosatore", in "Dal Certo al Vero", Roma, Edizioni dell'Ateneo, 1962, pp. 301-313, per la citazione, p. 305.

© Enzo Sardellaro




Recensioni ed articoli relativi a Enzo Sardellaro

Nessun record trovato

Testi di Enzo Sardellaro pubblicati su Progetto Babele

(1) L'arte del periodo nel Decameron di Giovanni Boccaccio a cura di Enzo Sardellaro - ARTICOLO
(2) Alberto Moravia, note sullo stile a cura di Enzo Sardellaro - ARTICOLO
(3) Pascoli prosatore (Studi di lingua e letteratura italiana) a cura di Enzo Sardellaro - ARTICOLO
(4) Vincenzo Cardarelli e la lingua italiana nel 50° anniversario della morte a cura di Enzo Sardellaro - ARTICOLO
(5) Gabriele D'Annunzio (notarella sul lessico) a cura di Enzo Sardellaro - ARTICOLO
(6) Naba di Enzo Sardellaro - RACCONTO


>>ARCHIVIO ARTICOLI

>>Archivio vecchi articoli (fno al 21/05/2007)

 

 




-

dal 2009-06-26
VISITE: 28897


© Copyright Note: Tutto il materiale qui pubblicato è proprietà intellettuale degli autori.
Come tale non può essere riprodotto, tutto o in parte, senza preventivo consenso degli autori stessi.