© 2002 - Progetto Babele Rivista Letteraria - fondata da Marco R. Capelli
Il gruppo di Progetto Babele su Facebook
SCARICA GRATUITAMENTE LA RIVISTA IN FORMATO PDF ACQUISTA UNA COPIA STAMPATA DELLA RIVISTA SCARICA O COMPRA I NUMERI ARRETRATI DELLA RIVISTA
HomePage Contatta PB Contatta il WebMaster help&faq
 
 
PB NEWS:    [24/03/2017] L'editore più povero del mondo parla sul blog "La Casa di Carta"    [13/06/2012] Terremoto in Emilia - sospensione temporanea attività Progetto Babele    [18/03/2012] Novità in arrivo per le edizioni Anordest    [13/10/2011] Il cacciatore di titoli    [29/05/2017] 14 concorsi letterari in scadenza nei prossimi quattordici giorni    EVENTI, PRESENTAZIONI, CORSI, SEMINARI, FIERE E SPETTACOLI    Grani dautore scadenza 2017-06-01    ULTIMI INSERIMENTI SUL SITO AL 29/05/2017    Recensioni     Il lungo cammino del fulmine di Guglielmo Campione     È vero che il giorno sapeva di sporco di Mario Bonanno     Brando Street. La scomparsa di una comparsa di Marisa Cecchetti     Sharaz-De Le mille e una notte di Sergio Toppi    La versione di Gipo di Alberto Facchinetti    Il parere di PB     Papà mi presti i soldi che devo lavorare? di Alessia Bottone    Le rose di Eusebia di Claudio Secci    La lama nera di Dario De Judicibus    Le coincidenze necessarie di Patrizia Marzocchi    Il 18° vampiro di Claudio Vergnani    Articoli e saggi     ANTONIO ALTOMONTE «emblematico ricostruttore di perdute dimensioni».     Il mondo poetico del calabrese Rocco Nassi     FRANCESCO PERRI (Careri 1885 – Pavia 1975): il primo scrittore antifascista della letteratura italiana e il primo cantore dell’emigrazione meridionale     La donna indiana tra letteratura e realtà. Anita Desai e Kamala Markandaya.     L'esclusa di Luigi Pirandello    Racconti     I bossoli dei fratelli James di Massimo Martinelli     Ambrosia per due di Francesco Nucera     Compagni di scuola di Maria cristina Pazzini     La via uruguagia alla felicità di Frank Iodice     Lettera ad una cucciola di Cinzia Baldini    AUDIOLIBRI     Carrozza n.6 di Matteo Bertone letto da Samuele Arena     Fino alla fine dell`alba di Matteo Bertone letto da Samuele Arena     Hannah di Beppe Calabretta letto da Sandra Tedeschi     Delusione di Christian Bigiarini letto da Alberto Sannazzaro     L`ultimo di Giuseppe Foderaro letto da Luca Govoni    Biografie     Svevo, Italo (1861-1928)     Deledda,Grazia (1871-1936)     Némirovsky,Irene (1903-1942)     Rodolfo Walsh (1927-1977)     Sturluson, Snorri (1176-1241)    Traduzioni     Der Panther / La Pantera di Rainer Maria Rilke trad. di Paolo Esposito     Maternità trad. di Maria giovanna Varasano     L'oscurità amica trad. di Nicoletta Isola     Strana contrada trad. di Nicoletta Isola     Il silenzio del mare trad. di Nicoletta Isola    Poesie     Gemme rare di Elisabetta Santirocchi     Semplicemente luce di Elisabetta Santirocchi     Frantumi di Edoardo Firpo     Ricordo di Edoardo Firpo     Gioco di Edoardo Firpo    Cinema     Forbidden Voices - How to start a revolution with a laptop (Svizzera 2012) regia di Barbara Miller     Hamlet (UK - USA con Kenneth Branagh: Amleto Julie Christie: Gertrude Derek Jacobi: Claudio Kate Winslet: Ofelia 1996) regia di Kenneth Branagh     Becoming Jane (Con Anne Hathaway, James McAvoy, Julie Walters, Maggie Smith, James Cromwell 2007) regia di Julian Jarrold     The Blind Side (USA - con Sandra Bullock: Leigh Anne Tuohy Tim McGraw: Sean Tuohy Quinton Aaron: Michael Oher Jae Head: S.J. Tuohy Kathy Bates: Miss Sue 2010) regia di John Lee Hancock    Una vita nel mistero (ITALIA 2010) regia di Stefano Simone    Musica     Scimpanzè (2015) - Loris Dalì     FIN (2014) - - Thomas -     Chimera (2014) - Ottodix     Tapes (2008) - Alanis Morissette    IL FORUM DI PB    Ultimo topic: Verona Segway Tour inserito il 2017-03-22 (ultimo aggiornamento 2017-03-22)    Ultimo post: inserito da il 2017-03-22 sul topic Verona Segway Tour    
 
 
Email
PSWD
CONSIGLI DI LETTURA
Arretrati e copie stampate
PB International
PB Interactive
IN PRIMO PIANO


OnlineUtenti connessi: 10
Utenti collegati in chat 0

Dal 01/01/2003
questo sito ha generato
95.908.468
esposizioni

 
     

Alla maniera di Orfeo - Il passato e lo stile in Michele Mari
a cura di Alberto Volpi
Pubblicato su SITO



VOTA QUESTO TESTO
Insufficiente Sufficiente Discreto Buono Ottimo

Votanti: 8759
Media 79.28 %

Articoli

E’ degli addii,
fissare per sempre
le posizioni

Mari

Michele Mari ha per un discreto tempo ingannato i suoi recensori, attirandoli come ovvio sull’abnorme dato linguistico e l’eccezionale perizia nella manipolazione di lingua, stile, generi e strutture romanzesche; di qui l’insistere sulla definizione di scrittore manierista . Via via le opere pubblicate hanno offerto però un’altra chiave d’accesso che, senza rimuovere l’elemento linguistico, non lo lascia campeggiare nel vuoto secondo un’estetica letteraria puramente formalista. Direi che il contenuto in affioramento sempre più prepotente ruota attorno al passato. Il primo sospetto mi venne leggendo I palloni del signor Kurz che comincia così: “Per Bragonzi l’unica cosa bella, nella triste vita del Collegio di Quarto dei Mille, erano le partite di pallone. Eppure, anche quella beltà era angosciata.” La cura dei ragazzi è evitare che il pallone finisca aldilà del muro di cinta dove comincia l’oscuro dominio di Kurz, il quale non restituisce mai nulla di quanto finisce nel suo cortile, nemmeno su sollecitazione delle istitutrici. La foga e la vita sono tuttavia incoercibili nei bimbi, che non badano troppo al pericolo, cosicché lo spazio nero insondabile attira irrimediabilmente come un buco nero una serie di palloni, facendo smorire il sorriso e il chiasso gioioso dei giocatori. Una notte Bragonzi, con ardimento di ragazzo della via Paal e velleità vendicativa dei soprusi collettivi, scavalca di nascosto il muro e penetra nella serra di Kurz: qui esterrefatto osserva alla luce della torcia elettrica i palloni posati nei vasi e catalogati con etichette temporali a partire dal 1933. Il ragazzo riflette allora che il destino dei palloni sembra proprio essere quello di perdersi “lacerati dai denti dei cani o bolliti dal sole […] ciulati nel parco” (p. 15) e allora il giorno seguente calcerà volontariamente il suo nuovissimo “Derby Star Deliciae Platearum” nel regno della conservazione. Tanto più che Kurz “aveva disposto ogni pallone nel vaso in modo da porne in vista la parte migliore, quella meno ammaccata o meno scucita, o quella con le facce o le firme, come se a quei palloni volesse bene” (p. 15). Il pallone allora è una sineddoche che sta per l’esperienza individuale o forse per l’infanzia e Kurz una personificazione del deus absconditus, dello scrittore che armonizza ed eterna la memoria di quella giornata, di quella partita e di quei bambini.
Il passato va fissato per poterlo mantenere con sé e farlo rilampeggiare attraverso oggetti parziali, frammenti evocatori di un tutto assolutamente personale. Mari in questo senso è uno scrittore feticista, gelosissimo delle polverose schegge, quasi paranoico come il Michele Apicella dei film anni ottanta di Nanni Moretti. “Quando seppe che sarebbe diventato padre, il professor *** si chiuse a lungo nel suo studio per riordinare le idee. Nell’incertezza del futuro uscì da quella stanza con una certezza: i giornalini, i cari giornalini della sua infanzia dovevano essere in salvo” . L’atteggiamento iperprotettivo verso il passato, ostile a che si banalizzi nel futuro, mostra un ironico e rovesciato complesso di Edipo; per restare se stessi attraverso la memoria si soffoca il figlio in culla. Questa protezione maniacale attira, come ancora per Moretti, l’ironia del lettore sull’atteggiamento del narratore-protagonista ma non lo attenua in nulla: il “malloppino” dei giornalini è la fonte di tutte le altre letture serie ed infino accademiche secondo una tipica nevrosi cronologica e filogenetica. Il lettore si stupisce nel pensare questo narratore divenire padre, così come il pubblico di Moretti si è sentito a disagio nel vedere crescere Michele fino ad Aprile, come lo sarebbe, poniamo, nel proiettare Don Gonzalo Pirobutirro verso il matrimonio. “Solo io so che cosa sono”, dice con comico parossismo il professore a proposito delle sue reliquie cartacee che profumano del passato e che seppellirà ben imballate in cantina a fondamento della casa.
Nei vagabondaggi descritti in Tutto il ferro della Tour Eiffel mi pare che a un certo punto Benjamin si imbatta in un museo proustiano nella cui sala centrale, sotto una gran teca, riposa una maestosa madeleine a precisa forma di grosso stronzo o uno stronzo a forma di madeleine. Ciò a dire che l’idoleggiamento del passato viene sempre sfregiato, deformato comicamente come un vizio, e implicato con la sofferenza. Per custodire il passato bisogna infatti sempre preliminarmente conoscerlo e definirlo e, come sostenne Nietzsche, in ogni volontà conoscitiva si nasconde una goccia di veleno. “Non potrebbe essere diversamente, perché il sapere è permeato d’angoscia, sempre” , dice il Capitano di La stiva e l’abisso, ma per sapere è indispensabile padroneggiare il passato. Così, quando in Verderame il vecchio famiglio perde progressivamente la memoria, Michelino, il nipote dei padroni che lo ama, cerca di contrastare la degenerazione coincidente con il perdersi della personalità; tuttavia riportandolo indietro gli fa scoprire anche dolorosi ricordi e rompe antiche autocensure. La spinta resta però invincibile: Tardegardo, il Leopardi mannaro, di Io venìa pien d’angoscia a rimirarti, cerca disperatamente una risposta alla propria natura occulta nella biblioteca paterna, scavando nella storia locale e scrutando tra i lupigni ritratti degli avi. Accanto sta la scrittura, sua e del fratello diarista, quale strumento necessario d’analisi. Il significato più puro della filologia applicata al sé riguarda il ripristino dell’originale dopo aver tolto errori e lezioni fuorvianti o di comodo come insegna Lorenzo Valla: fissare la verità del passato, fissarla negli occhi.
Rondini sul filo rappresenta il più cospicuo esempio dell’ossessione memoriale lacerante. Il narratore, in preda alla gelosia retrospettiva, dall’amante amatissima ha voluto subito “saper tutto di tutti, senza vaghezze, una vertigine cognitiva una cognizione assassina.” Mai pago della situazione privilegiata del presente, l’indagatore va frugando in ogni recesso dell’altrui passato: ciò che crede gli venga tenuto nascosto è causa di sofferenze quanto ciò che scopre (“mi strazia tutto, quel che so e quel che ignoro” ib.). In tale posizione chiusa di scacco una volta si gira da una parte una volta dall’altra al modo dell’ammalato dantesco, ma continua l’indagine fino alla scarnificazione. Si arriva inevitabilmente allo scheletro, il “fossile irreversibile” (p. 10) di un passato raggelato in formalina che, sebbene lontano, resta, incancellabile, c’è stato. Gli antichi amanti sono cadaveri ancora putrescenti che vanno ricoperti di carne attraverso il racconto dell’amata, attraverso inesauste inquisizioni. Eppure quando rivivono, o addirittura si rincontrano in giro come zombie, possono essere anche peggio: gettano una luce mortificante sulla donna idoleggiata e comunque restano nell’area d’ombra “dell’impartecipabile” (ib). Il passato differente divide per sempre gli amanti che dovrebbero esserlo quindi dal primo bacio verginale fino all’ultimo sull’orlo del sepolcro.
Non potendo fermare lo scorrere del tempo o farlo coincidere con l’altrui, il fine allora è di portare tutto il passato con sé: oggetti, ambienti ed esperienze, persone. Per prelevare il passato bisogna, seguendo la legge di reversibilità, addentrarsi nei suoi territori; ecco dunque che il mito centrale della scrittura di Mari si rivela quello di Euridice. Nel racconto che da il nome alla raccolta Euridice aveva un cane il finale, elegiaco e struggente, vede il giovane Michele attendere di notte, in riva al fiume, la vecchia Flora ed il suo cane Tabù, tanto amati nelle vacanze estive passate a Scalna con i nonni: “basta che io non mi volti, che rimanga così ancora un po’, a carezzare quel bel sasso piatto che riflette la luna. Al primo fruscìo alle mie spalle saprò che sono arrivati” (p. 83). Il senso di questa scrittura sta quindi nello sprofondare nell’Ade per far rivivere i morti. Il passato deve essere restituito nella piena integrità secondo un’acribia filologica nevroticamente e comicamente resa: “Il paese è cambiato. Anche se rimango chiuso in biblioteca sento tutti i cambiamenti, li sento uno sopra l’altro come cicatrici di frustate sopra la mia schiena, i più remoti scandalosamente attuali come i più freschi” (p. 61).
Se lo scribacchino “deve tenere di conto con la testa all’indietro” , ne consegue il recupero di alcune forma temporali quali il diario di Io venìa pien d’angoscia a rimirarti o della sincronia tra passato e presente nella coscienza allucinata di Rondini sul filo, compiuta grazie allo slittamento dei tre puntini. Anche le forme letterarie rientrano nella logica del recupero memoriale, spesso legato a generi praticati nell’infanzia: il romanzo gotico (Di bestia in bestia), quello d’avventure marinaresche (La stiva e l’abisso) o il biografico-storico-giallo edipico (Io venìa pien d’angoscia a rimirarti). Si incontrano poi singoli personaggi come il già citato Kurz o autori quali gli Otto scrittori di mare di cui si cerca, in una gara per esclusione condotta con il “rigore fanatico” dell’infanzia, quello che meglio incarna l’essenza del genere. Gli ambienti stessi riecheggiano spazi letterari a partire dalla casa di campagna, dalla biblioteca dove Michele si rinchiude per escludere il presente rumore, che pare la biblioteca leopardiana contenuta, come per scatole cinesi, nell’umbratile magione landorfiana.
I protagonisti dei primi romanzi di Mari sono figure esterne, quindi si fa avanti sempre più scopertamente l’autobiografia; per entrambi i gruppi di voci vale una battuta del testo d’esordio: “sembrava che quell’uomo non sapesse esprimersi senza retorica e senza insieme irriderla nell’atto stesso di farne impiego.” Però ci pare di aver dimostrato quanto la letterarietà non sia fine a se stessa, ma si compenetri a un nucleo esistenziale fortissimo e dolente. Chiudiamo dunque accostando la Giustificazione posta all’inizio di Filologia dell’anfibio, con una risentita rivendicazione di stile:

Ci sono persone per le quali il passato è la sola dimensione reale. Per queste persone vivere significa essenzialmente aggiornare il proprio passato; di tale aggiornamento esse hanno coscienza discontinua, apparendo loro talvolta come conservazione, talvolta invece come perdita. E’ in simili momenti di lutto che queste persone, inorridite dal dilapidante cangiare della vita, chiedono soccorso alla letteratura. Ma la letteratura è dea intollerante, e gelosa della vita esige da loro il sacrificio di ciò che più le ricorda la rivale: va così che quelle persone debbano rinunciare a ciò che più premeva loro, riprodurre la continuità della vita fra il suo accendersi nella nascita e il suo spegnersi nella morte.

[…] la letteratura è tanto più forte quanto più essa è tautologicamente letteraria (come la pietra più petrosa, la scimmia più scimmiesca, il gas più gassoso).

© Alberto Volpi




Recensioni ed articoli relativi a Alberto Volpi

Nessun record trovato

Testi di Alberto Volpi pubblicati su Progetto Babele

(1) Alla maniera di Orfeo - Il passato e lo stile in Michele Mari a cura di Alberto Volpi - ARTICOLO
(2) Lo spagnolo senza sforzo di Gabriele Pedullà - RECENSIONE
(3) La letteratura pecorile a cura di Alberto Volpi - ARTICOLO
(4) Scrittura e nulla nelle traduzioni di Ungaretti e Montale a cura di Alberto Volpi - ARTICOLO
(5) Ipocondria ambientale a cura di Alberto Volpi - ARTICOLO


>>ARCHIVIO ARTICOLI

>>Archivio vecchi articoli (fno al 21/05/2007)

 

 





-

dal 2009-08-12
VISITE: 18784