© 2002 - Progetto Babele Rivista Letteraria - fondata da Marco R. Capelli
Il gruppo di Progetto Babele su Facebook
SCARICA GRATUITAMENTE LA RIVISTA IN FORMATO PDF ACQUISTA UNA COPIA STAMPATA DELLA RIVISTA SCARICA O COMPRA I NUMERI ARRETRATI DELLA RIVISTA
HomePage Contatta PB Contatta il WebMaster help&faq
 
 
PB NEWS:    [19/07/2017] Lacrime d’Inchiostro    [24/03/2017] L'editore più povero del mondo parla sul blog "La Casa di Carta"    [25/04/2015] Audio Antologia della Letteratura Italiana Vol. I e Vol. II    [13/06/2012] Terremoto in Emilia - sospensione temporanea attività Progetto Babele    [20/08/2017] 3 concorsi letterari in scadenza nei prossimi quattordici giorni    EVENTI, PRESENTAZIONI, CORSI, SEMINARI, FIERE E SPETTACOLI    ULTIMI INSERIMENTI SUL SITO AL 20/08/2017    Recensioni     Memorie di un ragazzo di borgata di Mario Rosati     Amore incompatibile di Francesco Dell´Olio     Andata e ritorno di Elena Ciurli     L´anno prossimo a Gerusalemme di Andrè Kaminski    Il ritorno di Nibiru di Massimo Fratini    Il parere di PB     Sesso, droga e rococò - Storia del falsetto dai castrati all di Massimo Di Vincenzo     C è un tempo per gioire, c è un tempo per patire di Manrico A.G. Mansueti     Papà mi presti i soldi che devo lavorare? di Alessia Bottone    Le rose di Eusebia di Claudio Secci    La lama nera di Dario De Judicibus    Articoli e saggi     L´horror psicologico di Michele Pastrello     ANTONIO ALTOMONTE «emblematico ricostruttore di perdute dimensioni».     Il mondo poetico del calabrese Rocco Nassi     FRANCESCO PERRI (Careri 1885 – Pavia 1975): il primo scrittore antifascista della letteratura italiana e il primo cantore dell’emigrazione meridionale     La donna indiana tra letteratura e realtà. Anita Desai e Kamala Markandaya.    Racconti     I bossoli dei fratelli James di Massimo Martinelli     Ambrosia per due di Francesco Nucera     Compagni di scuola di Maria cristina Pazzini     La via uruguagia alla felicità di Frank Iodice     Lettera ad una cucciola di Cinzia Baldini    AUDIOLIBRI     Carrozza n.6 di Matteo Bertone letto da Samuele Arena     Fino alla fine dell`alba di Matteo Bertone letto da Samuele Arena     Hannah di Beppe Calabretta letto da Sandra Tedeschi     Delusione di Christian Bigiarini letto da Alberto Sannazzaro     L`ultimo di Giuseppe Foderaro letto da Luca Govoni    Biografie     Svevo, Italo (1861-1928)     Deledda,Grazia (1871-1936)     Némirovsky,Irene (1903-1942)     Rodolfo Walsh (1927-1977)     Sturluson, Snorri (1176-1241)    Traduzioni     Der Panther / La Pantera di Rainer Maria Rilke trad. di Paolo Esposito     Maternità trad. di Maria giovanna Varasano     L'oscurità amica trad. di Nicoletta Isola     Strana contrada trad. di Nicoletta Isola     Il silenzio del mare trad. di Nicoletta Isola    Poesie     Poesie Nuove (silloge) di Alberto Accorsi     Istantanea di Natascia Secchi     Gemme rare di Elisabetta Santirocchi     Semplicemente luce di Elisabetta Santirocchi     Testamento di Antonio Sacco    Cinema     Forbidden Voices - How to start a revolution with a laptop (Svizzera 2012) regia di Barbara Miller     Hamlet (UK - USA con Kenneth Branagh: Amleto Julie Christie: Gertrude Derek Jacobi: Claudio Kate Winslet: Ofelia 1996) regia di Kenneth Branagh     Becoming Jane (Con Anne Hathaway, James McAvoy, Julie Walters, Maggie Smith, James Cromwell 2007) regia di Julian Jarrold     The Blind Side (USA - con Sandra Bullock: Leigh Anne Tuohy Tim McGraw: Sean Tuohy Quinton Aaron: Michael Oher Jae Head: S.J. Tuohy Kathy Bates: Miss Sue 2010) regia di John Lee Hancock    Una vita nel mistero (ITALIA 2010) regia di Stefano Simone    Musica     Scimpanzè (2015) - Loris Dalì     FIN (2014) - - Thomas -     Chimera (2014) - Ottodix     Tapes (2008) - Alanis Morissette    IL FORUM DI PB    Ultimo topic: EXPO DI ARTE CONTEMPORANEA di Marche Centro d'Arte - parte la V edizione inserito il 2015-04-11 (ultimo aggiornamento 2015-04-11)    Ultimo post: inserito da dariociferri il 2015-04-11 sul topic EXPO DI ARTE CONTEMPORANEA di Marche Centro d'Arte - parte la V edizione    
 
 
Email
PSWD
CONSIGLI DI LETTURA
Arretrati e copie stampate
PB International
PB Interactive
IN PRIMO PIANO


OnlineUtenti connessi: 16
Utenti collegati in chat 0

Dal 01/01/2003
questo sito ha generato
96.344.268
esposizioni

 
     

Delectatio morosa, ovvero gli spiriti letterari di Pitigrilli
a cura di Carlo Santulli
Pubblicato su SITO



VOTA QUESTO TESTO
Insufficiente Sufficiente Discreto Buono Ottimo

Votanti: 16370
Media 79.88 %

Articoli

Delectatio morosa, ovvero gli spiriti letterari di Pitigrilli

In un suo saggio musicale degli anni '70, Paolo Isotta si chiede se si sia mai dato il caso di un musicista che, morto giovane, abbia poi pubblicato altra musica da vecchio, dimostrando una certa evoluzione verso nuovi modi espressivi1. Un'opera di un Mozart sessantenne o di un Bellini ottantenne, insomma una "delectatio morosa", piacere tardivo. E, pur essendo evidente che un'opera del genere non può esistere, Isotta prosegue dicendo che un caso in realtà c'è: Rossini, sparito dalle scene a trentasette anni con il Guglielmo Tell, molti e molti anni dopo, ormai vecchio, scrive quella "Petite messe solennelle", compiuta nel 1863, ed è un musicista del tutto nuovo, appena lievemente somigliante all'operista di trenta o quaranta anni prima.

La morte di Rossini, però, era solo "artistica": dopo aver tanto sudato tra cantanti, impresari e palcoscenici, aveva deciso di godersi un po' la vita e, francamente, non mi sento di dargli torto. La "Petite messe solennelle" incrina appena la forma del silenzio rossiniano, ma non la sostanza della sua maturità e vecchiaia vissuta con calma, dopo una giovinezza più concitata e vorticosa dei finali di certe sue opere buffe.

Pensate però se la morte è reale, e qualcuno ti presenta una poesia, non uscita postuma, ma scritta dopo la morte. Pitigrilli (Dino Segre, 1893-1975), lo scrittore piemontese di origine ebraica, trascrive la seguente poesia di Guido Gozzano, suo amico di gioventù, datata 1941, venticinque anni dopo la morte del poeta:

Mamma

Te lo ricordi più quel coso strambo,

dolente e pensieroso,

conscio del suo destino doloroso,

che come fiore reclinò sul gambo?

Quel coso che passò nella tua vita

solo a darti dolore,

e che ti dié in ricambio del tuo amore

un'ansietà infinita.

Oggi quel coso, come risvegliato

dal sonno della morte al (...?) conviene,

e nel veder curvar sotto le pene

il tuo corpo adorato, inorridisce tutto e si tormenta,

ché nulla può se non volerti bene,

oh, tanto bene, e questo bene aumenta

con le tue pene.

La poesia non è forse bellissima, anche se il sentimento appare sincero. A renderla "abbastanza" gozzaniana è il riferimento alla madre, con cui Gozzano aveva un rapporto molto forte e profondo (capita a molti poeti, basta pensare a Pasolini, per esempio), ed il fatto che il poeta si definisca "coso", termine che Gozzano prediligeva per indicare, un po' anti-dannunzianamente, la propria natura persa di fronte al mistero universale. Tutt'altro che un superuomo insomma, che aveva anzi il vezzo di definirsi tutto minuscolo ed in una sola parola "guidogozzano".

Pitigrilli, seguace della teosofia, afferma che la poesia gli venne inviata da una medium, nella quale lo spirito del suo amico Guido si era manifestato2. C'era stato anche qualche problema di comunicazione, che spiega la lacuna al sestultimo verso.

Che ci crediamo o no, in un suo gustosissimo (oltre che piuttosto introvabile oggi) libro autobiografico, "Pitigrilli parla di Pitigrilli" (1948), scritto in Argentina, dove visse per parte del dopoguerra, l'autore si dilunga sulla produzione letteraria degli spiriti che si manifestavano alle sedute. E non erano spiriti da poco, perfino Leopardi si era trovato a passare (ma i suoi versi non vengono citati) ed aveva espresso ammirazione per Carducci e Pascoli e, meno, per D'Annunzio (!). Pitigrilli riporta poesie di Pascoli e di Fogazzaro, e così di poeti più moderni, di quella stessa Amalia Guglielminetti, che era stata l'amante di Gozzano: di lei lo stesso Gozzano, in spirito ovviamente, predice la morte, che avvenne proprio nel 1941 per setticemia in seguito ad una banale caduta. Ma Pitigrilli ammette di non aver avuto il coraggio, anche su consiglio dell'amico Pastonchi, di andarlo a riferire all'Amalia prima che morisse (né la cosa stupisce, onestamente).

Notare che Leopardi della Guglielminetti non vuol sapere, dicendo che ormai ci sono troppi poeti, e c'è poca poesia, trattandola un po' come certi vecchi burberi parlano dei giovani che non capiscono (Totò non diceva cose molto diverse dei cantanti di Sanremo, in una delle sue ultime interviste degli anni '60).

E si manifesta anche un amico umorista ed autore di libri per ragazzi, Carlo Dadone (1864-1931), che propone a Pitigrilli di realizzare una rivista, con alcuni autori "al di qua" ed altri "al di là". La cosa non si realizzò, ma è comprensibile che avere a disposizione Pascarella, Vamba, Yorick, Ricci, Ragazzoni, ecc., insomma tutti i più famosi umoristi di inizio secolo, tentasse un pochino Pitigrilli. Sarebbe stato indubbiamente un esperimento interessante, anche se le battute nascevano già vecchie di trent'anni.

Già: perché la differenza notevole, a quanto pare, rispetto al Rossini "redivivo" di Paolo Isotta, è che gli "spiriti letterari" di Pitigrilli (o della sua medium) non mostrano nessuna evoluzione evidente: le sedute erano affollate, e si presentavano persino spiriti vissuti nel '600 o giù di lì, che si esprimevano però in una lingua barocca. E non nascondo che piuttosto che un Gozzano che ancora nel 1941 scrive come nel 1910, sarebbe stato ancora più intrigante se si fosse espresso con la metrica ed il linguaggio, che so, de "Le occasioni" di Montale. Ma è evidente che non si può chiedere ad uno spirito di aggiornarsi (almeno, la medium di Pitigrilli non lo fece).

Qualche parola sul personaggio Pitigrilli: "Pitigrilli parla di Pitigrilli" fu scritto di getto (un mesetto di lavoro appena) per "La razón" di Buenos Aires3 e nasce anche come apologia "globale" contro varie accuse rivoltegli durante la sua carriera. Con la consueta abilità del romanziere di successo, la logica del discorso a volte barcolla, anche se lo stile non ha mai cadute di rilievo.

Romanziere scandaloso? No, piuttosto uno scrittore che mette in guardia contro i rischi della cocaina: "Non uso eccitanti. Ho provato per due settimane la cocaina nel 19224, per studiarne gli effetti e scrivere un romanzo e il sedicesimo giorno ho smesso: ne sapevo abbastanza" (p. 152).

Fascista allora5? No, nega di essere stato mai iscritto al Partito. E a Mussolini che lo invitava a farlo, intorno al 1922: "Non faccio della politica - risposi - Non mi iscriverò mai a nessun partito, perché al fesso del mio partito preferirei sempre l'intelligente del partito avversario" (p. 238), anzi racconta di come salvò la "Gazzetta del popolo" dalla distruzione dopo il 25 luglio, al punto da dover fuggire in Svizzera dopo l'armistizio, in un'avventurosa traversata del Lago Maggiore da Baveno a Locarno nella notte tra il 16 ed il 17 settembre 1943, anche perché i redattori esautorati volevano vendicarsi6.

Spiritista? Certo, ma quasi per caso: "Il 10 giugno 1940 fui mandato al confino di polizia, in un paesino della riviera ligure7 [...] Seppi da un frammento di conversazione che in una città, a un'ora e mezzo di treno, viveva una medium, e accondiscesi a invitarla" (p. 180). Curiosamente, dopo aver presentato questa specie di storia della letteratura scritta dagli spiriti, Pitigrilli spende una ventina di pagine per far un mezzo passo indietro: se pure c'è qualcosa di vero nello spiritismo, non è qualcosa di cui la Chiesa Cattolica debba aver paura, nonostante la condanna totale delle pratiche spiritistiche messa in opera dalla Congregazione del Sant'Uffizio il 27 aprile 1917 (Notare che nel dopoguerra Pitigrilli, fino ad allora ateo, si converte alla fede e vieta di ripubblicare tutti i suoi romanzi e raccolte di racconti degli anni '20, da "Cocaina" a "Mammiferi di lusso" ad "Oltraggio al pudore", ma non quelli degli anni '30, come "L'esperimento di Pott" e "Dolicocefala bionda"8).

L'acrobazia verbale si insinua nel ragionamento, e in un certo senso lo rende vero (la realtà autentica, chi la conosce, in fondo?). Pitigrilli è uno spirito vivace, e sempre pronto alle novità: la sua conversione fece molto rumore, e non fu l'ultima volta che si parlò di lui. Quando venne ammesso il divorzio in Italia nel 1970, Pitigrilli, che era separato da prima della guerra (ed a rigore non aveva bisogno di divorziare, in quanto già risposatosi in chiesa, però in Svizzera, nel 1943, ed inoltre viveva a Parigi, e non in Italia dal 1957) fu uno dei primi a regolarizzare la sua posizione, a beneficio della prima moglie. Gesto in fondo generoso, che ebbe anch'esso una certa copertura giornalistica, e che forse dispiacque a certi cattolici, pronti ad un referendum contro la legge Baslini-Fortuna. Anche qui, in fondo, rispetto alla conversione, un passo in una direzione ed uno in un'altra. Ma Pitigrilli non ebbe il tempo, o il bisogno, di fare, ormai ottantenne, apologia anche per questo.

I testi sono da "Pitigrilli parla di Pitigrilli" Sonzogno, Milano, 1949

La foto di Pitigrilli è presa da: www.pitigrilli.com/pitibio/bio.htm

1 Vedi P. Isotta, I sentieri della musica, Mondadori, Milano 1978, pp. 402

2 Ed all'idea che fosse proprio lui, oltre che il fatto di chiamar l'amico semplicemente Piti, concorreva anche la citazione di una serie di amici e circostanze comuni

3 Altri scritti autobiografici di Pitigrilli sullo spiritismo si trovano in "Gusto per il mistero", selezione di articoli giornalistici, uscita nel 1954, sempre presso Sonzogno

4 Qui la memoria di Pitigrilli è un po' approssimativa, perché "Cocaina" uscì nel 1921 (se la "sperimentazione" sia continuata dopo l'uscita del romanzo, non saprei dire)

5 Una delle accuse più frequenti rivolte a Pitigrilli fu quella di essere stato un delatore dell'OVRA, l'agenzia di spionaggio del governo fascista, dal 1930 fino al 1938, quando dovette sospendere l'attività perché colpito dalle leggi razziali. Questo ha dato origine ad una lunghissima querelle (vedi anche D. Zucàro, Lettere di una spia, Pitigrilli e l'O.V.R.A., Milano, Sugarco, 1977, pp. 189 e M. Franzinelli, I tentacoli dell'OVRA. Agenti, collaboratori e vittime della polizia politica fascista, Bollati Boringhieri, Milano, 1999, pp. 765), e fu forse una delle cause per cui lo scrittore visse più in Sudamerica che in Italia nel dopoguerra

6 Ma sarà davvero questo il motivo della fuga? O più in generale la sua attività durante i quarantacinque giorni di Badoglio?

7 Pitigrilli non specifica quale, ma nei colloqui mediatici con Guido dice che il paesino era vicino a Bogliasco, luogo di vacanza abituale dei Gozzano

8 Sulla conversione si veda "La piscina di Siloe", Sonzogno, Milano, 1948.

© Carlo Santulli



Recensioni ed articoli relativi a Pitigrilli

(1) Pitigrilli e L'OVRA a cura di Silvano Volk - ARTICOLO
(2) Pitigrilli e Amalia a cura di Silvano Volk - ARTICOLO
(3) Delectatio morosa, ovvero gli spiriti letterari di Pitigrilli a cura di Carlo Santulli - ARTICOLO
(4) Incontro semiserio con Conversazioni in Sicilia di Elio Vittorini a cura di Carlo Santulli - ARTICOLO


Recensioni ed articoli relativi a Carlo Santulli

Nessun record trovato

Testi di Carlo Santulli pubblicati su Progetto Babele

(1) Color di Rosa e senza boccioli di Carlo Santulli - RACCONTO
(2) Musica e neorealismo: il caso di Alessandro Cicognini a cura di Carlo Santulli - ARTICOLO
(3) Intervista a Flaviano Di Franza a cura di Carlo Santulli - ARTICOLO
(4) Un anno, il 1929, e due idee di una crisi: Arnaldo Fraccaroli e Orio Vergani a cura di Carlo Santulli - ARTICOLO
(5) Delectatio morosa, ovvero gli spiriti letterari di Pitigrilli a cura di Carlo Santulli - ARTICOLO
(6) O dolce voluttà desio d'amor gentil a cura di Carlo Santulli - ARTICOLO
(7) Da D'annunzio a Pirandello di Mario Puccini - Storia di un libro ritrovato di Carlo Santulli - ARTICOLO
(8) Le smanie per la tinteggiatura di Carlo Santulli - RACCONTO
(9) Tibidabo di Carlo Santulli - RACCONTO
(10) Cortàzar, Julio di Carlo Santulli - BIOGRAFIA
(11) Il rientro di Carlo Santulli - RACCONTO
(12) Milly Molly Mandy (quattro libri: 1925-1948) di Joyce Lankester Brisley (1896-1978) a cura di Carlo Santulli - ARTICOLO
(13) Té e mandarini di Carlo Santulli - RACCONTO
(14) Emilio Salgari narrato dal figlio Omar (1940) a cura di Carlo Santulli - ARTICOLO
(15) La lettura in Italia ed in Inghilterra: qualche nota per un confronto a cura di Carlo Santulli - ARTICOLO
(20) Papà mi presti i soldi che devo lavorare? di Alessia Bottone - IL PARERE DI PB
(21) Il grido della terra. Missione Emilia di Fabio Clerici - IL PARERE DI PB
(22) Dio tu e le rose di Brunetto Salvarani e Odoardo Semellini - IL PARERE DI PB
(23) Amore ai tempi dello stage. Manuale per coppie di precari. di Alessia Bottone - IL PARERE DI PB
(24) A piedi scalzi dentro l anima di Sergio De Angelis - IL PARERE DI PB
(25) Lucide ossessioni di Valeria Francese, Roberta De Tomi, Claudia Barbarano - IL PARERE DI PB
(26) Quando gli squali mangiano vento di Enrico Meloni - IL PARERE DI PB
(27) Sia fatta la tua comicità. Paradise strips di Pietro Pancamo - IL PARERE DI PB
(28) Il senso del viaggio. Viaggiando nei sensi. Atlante poetico di Fabio Clerici - IL PARERE DI PB
(29) Scrivere sceneggiature per il cinema e la TV di Francesco Spagnuolo - IL PARERE DI PB
(30) L apostolo sciagurato di Maddalena Lonati - IL PARERE DI PB
(31) Le parole e la pietra di Fabio Clerici - IL PARERE DI PB
(32) Due ali nel buio di Alessandro Annulli - IL PARERE DI PB
(33) Leggerezza di Sergio De Angelis - IL PARERE DI PB
(34) Heartjob di Marco Mazzucchelli - IL PARERE DI PB
(35) Il dottor Maus e il settimo piano di Nino Genovese - IL PARERE DI PB
(36) Vento scomposto di Simonetta Agnello Hornby - IL PARERE DI PB
(37) Il favoloso teatro del gigante di David Machado - IL PARERE DI PB
>>Continua (click here)


>>ARCHIVIO ARTICOLI

>>Archivio vecchi articoli (fno al 21/05/2007)

 

 





-

dal 2009-09-10
VISITE: 30593