Progetto Babele Rivista Letteraria
© 2002 - Progetto Babele Rivista Letteraria - fondata da Marco R. Capelli
Audiolibri BookShop SCARICA O COMPRA I NUMERI ARRETRATI DELLA RIVISTA
HomePage Contatta PB Il gruppo di Progetto Babele su Facebook Seguici su Youtube Linkedin
TeleScrivente:    Nasce FIAMMIFERI, la nuova collana della casa editrice Pagine d’Arte (08/11/2018)    Concorso Letterario Nazionale di Ostia “500 PAROLE”: annunciati i 18 finalisti (27/09/2018)    Versante Ripido è morto? (27/09/2018)    Arriva Solaris, e ci (ri) porta i capolavori della fantascienza russa (08/05/2018)    Dopo quindici anni, chiude la rivista Segreti di Pulcinella (ma resta il BLOG) (03/05/2018)    [16/11/2018] 5 concorsi letterari in scadenza nei prossimi quattordici giorni    CartaBianca scadenza 2018-11-20    Premio Letterario Orizzonti scadenza 2018-11-20    Premio Poesia Di Liegro scadenza 2018-11-24    Rosso d'inverno scadenza 2018-11-30    LUCENERA scadenza 2018-11-30    EVENTI, PRESENTAZIONI, CORSI, SEMINARI, FIERE E SPETTACOLI    AUDIOLIBRI     La Strega di Marco R. Capelli letto da C. Fratarcangeli e S.Ferrara     Carrozza n.6 di Matteo Bertone letto da Samuele Arena     Fino alla fine dell`alba di Matteo Bertone letto da Samuele Arena     Hannah di Beppe Calabretta letto da Sandra Tedeschi     Delusione di Christian Bigiarini letto da Alberto Sannazzaro    RECENSIONI     Capelli struggenti di Franz Krauspenhaar     L’incredibile vicenda che portò Jack Lanarco a salvare l’iperspazio da fine certa di Vincenzo Trama     Polaroid di Davide Rocco Colacrai     Ce sto io … poi ce sta De Niro - Mario Brega Biografia di Ezio Cardarelli     Breve inventario di un’assenza di Michele Paoletti    Il Parere di PB     Sandino Il generale degli uomini liberi di Maurizio Campisi    La gallina volante di Paola Mastrocola    Il 1848 e le cinque giornate di Milano di Antonio Monti     Rapsodia su un solo tema - Colloqui con Rafail Dvoinikov di Claudio Morandini    La vigilia di Natale di Maurizio Bassani    Articoli e saggi     La scienza dell’impresa secondo Filippo Picinelli (1604-1679): indagine sulle fonti dell’Introduzione al “Mondo Simbolico”.     Joseph Conrad ovvero il mare professionale     Apollo e Dafne: Quando il marmo diventa carne     L´horror psicologico di Michele Pastrello     ANTONIO ALTOMONTE «emblematico ricostruttore di perdute dimensioni».    Racconti     La Strega di Marco R. Capelli     I bossoli dei fratelli James di Massimo Martinelli     Ambrosia per due di Francesco Nucera     Compagni di scuola di Maria cristina Pazzini     La via uruguagia alla felicità di Frank Iodice    Biografie     Svevo, Italo (1861-1928)     Deledda,Grazia (1871-1936)     Némirovsky,Irene (1903-1942)     Walsh, Rodolfo (1927-1977)     Sturluson, Snorri (1176-1241)    Traduzioni     Der Panther / La Pantera di Rainer Maria Rilke trad. di Paolo Esposito     Maternità trad. di Maria giovanna Varasano     L'oscurità amica trad. di Nicoletta Isola     Strana contrada trad. di Nicoletta Isola     Il silenzio del mare trad. di Nicoletta Isola    Poesie     Poesie Nuove (silloge) di Alberto Accorsi     Istantanea di Natascia Secchi     Gemme rare di Elisabetta Santirocchi     Semplicemente luce di Elisabetta Santirocchi     Testamento di Antonio Sacco    Cinema     Forbidden Voices - How to start a revolution with a laptop (Svizzera 2012) regia di Barbara Miller     Hamlet (UK - USA con Kenneth Branagh: Amleto Julie Christie: Gertrude Derek Jacobi: Claudio Kate Winslet: Ofelia 1996) regia di Kenneth Branagh     Becoming Jane (Con Anne Hathaway, James McAvoy, Julie Walters, Maggie Smith, James Cromwell 2007) regia di Julian Jarrold    Musica     Scimpanzè (2015) - Loris Dalì     FIN (2014) - - Thomas -     Chimera (2014) - Ottodix    
Email
PSWD
AddsZone
Save the Children Italia Onlus
Angolo di SImone
La Rivista
Copertina
Scarica gratuitamente
l'ultimo numero della rivista
Cart ARRETRATI
BookShop
PB Interactive
>>Stazione di servizio
Consigli & indirizzi per aspiranti scrittori
>>Telescrivente
Le NEWS di PB - quasi un Blog
>>L'angolo di Simone
Dedicato ai più piccoli
>>Piccolo spazio pubblicità
Le vostre inserzioni su PB
PB consiglia
Concorsi e premi letterari
47 concorsi in archivio
Eventi Mostre Presentazioni Spettacoli
1 eventi in archivio
Novità in libreria
NOVITA' IN LIBRERIA
13 novità in archivio
Assaggi
Le Recensioni
     

Blas de Otero: una vita alla ricerca di Dio
a cura di Maria pina Iannuzzi
Pubblicato su SITO


VOTA QUESTO TESTO
Insufficiente Sufficiente Discreto Buono Ottimo

Votanti: 8293
Media 79.9 %

Articoli

Blas de Otero (Bilbao 1916 – Madrid 1979) scrittore del novecento spagnolo, nelle sue pagine ha sapientemente rappresentato i contrasti: amore e morte, religione e fede perduta, carne e anima. Dopo un’infanzia in collegio, ritorna in un ambiente familiare burrascoso, segnato dalla morte del fratello maggiore, del padre e da svariati problemi economici. Queste due perdite daranno origine ad una presenza costante dell’idea di morte nella vita poetica di Otero. Il trasferimento a Madrid sarà poi una situazione nuova intrisa di maggiore libertà, avvicinamento alla scrittura e religiosità. Dopo una crisi depressiva arriva la scelta definitiva di dedicarsi alla poesia considerata come una terapia ai suoi turbamenti, ai momenti bui di confusione personale. Si può perdere tutto: il tempo, la serenità, la fiducia nella vita, nella realtà ma un’arma resta sempre per opporsi all’insoddisfazione e al senso di vuoto, la forza della parola.

Si he perdido la vida, el tiempo, todo
si he perdido la voz en la maleza,
Si he sufrido la sed, el hambre, todo
lo que era mío y resultó ser nada,
si he segado las sombras en silencio,
me queda la palabra (…).

Tale cammino poetico è segnato da tre momenti, un’evoluzione nella vita e nell’opera. La prima tappa mostra un Otero credente, appassionato, che vede in Dio la soluzione a tutti i problemi reali e spirituali dell’uomo. Appartiene a questo periodo la pubblicazione di Cántico espiritual (1942), un dialogo amoroso tra l’Io poetico e il Tu divino. Risalta verso dopo verso una forte necessità, una vera aspirazione all’unione con Dio e un bisogno di partecipare al sentimento di eternità divina. Aspirazione irrealizzabile poiché l’uomo è metà corpo e metà anima e l’avvicinamento a Dio risulterà dunque sempre imperfetto dal momento che non è solo legato alla conoscenza, alla ragione ma anche ai piaceri, ai sensi. L’Io poetico è pertanto sempre in lotta tra ascensione e caduta, alto e basso, grazia e peccato. L’unica soluzione possibile che l’autore intravede per arrivare all’unione con Dio è la morte.
La seconda fase, quella esistenziale, risente del movimento più ampio dell’esistenzialismo nato dal filosofo Kierkegaard, la cui tesi principale si fonda sulla distinzione tra l’Essere e l’Esistere. La parola essere indica l’atto passivo e statico al quale si deve opporre l’esistere, vale a dire, la possibilità di “essere e vivere in relazione con il mondo”. L’uomo rifiutato dalla realtà e abbandonato al suo determinismo deve reagire, prendere le redini della propria vita e iniziare a scegliere, a decidere. Si rende essenziale la trasformazione in una presenza attiva, dinamica, in grado di agire senza lasciarsi soffocare dal mondo circostante. Le opere rappresentative di questo secondo momento sono: Ángel fieramente humano (1950), Redoble de Cociencia (1951) y Ancia (1958). Anche qui domina la conversazione a due tra l’Io poetico e il Tu divino, ma i ruoli sembrano cambiati, il Tu è quasi assente e l’Io stanco di non ricevere risposte sposta l’attenzione su sé stesso, cercando nella propria interiorità delle risposte all’insoddisfazione della vita terrena. Le risposte tanto desiderate non arrivano neppure dal mondo interiore, quindi il poeta individua due elementi che possono alleviare le inquietudini provocate dalla mancanza di risposte, l’amore e la poesia.
Ultima tappa, inevitabile punto d’approdo nella vita di Otero, è quella sociale. Il poeta sembra aver accettato l’impossibilità di innalzarsi a Dio, di condividere la condizione di eternità divina e rassegnato cerca un ruolo nella società, trova il suo posto e la sua ragione di vita nella solidarietà. In questi anni si iscrive al PCE (1952), contrasta la dittatura di Franco, guarda con favore alla lotta operaia e si avvicina agli ideali di “comunitarismo”. Punto centrale nella trasformazione verso il sociale è il cambio di persona, dall’Io al Noi rintracciabile nelle opere Pido la paz y la palabra (1955), En castellano (1959), Hacia la inmensa mayoría (1962) y Que trata de España (1964).
Temi differenti si sovrappongono, si intrecciano ma ciò che cattura l’attenzione è il modo nuovo e intimo di parlare d’amore. Primo oggetto d’amore è Dio che rappresenta un bisogno di luce, un rifugio contro le negatività della realtà. Secondo oggetto d’amore è la donna, un interlocutore terreno. Il sentimento amoroso non è fonte di felicità, al contrario crea angoscia, turbamenti e un senso di solitudine totale, così apostrofa lo scrittore: “Sentiamo la solitudine di due (…)”, verso che ben esprime la forte sensazione che ferisce l’Io poetico. Terzo oggetto d’amore è l’uomo, l’umanità, l’attenzione verso il prossimo. Amori diversi, ma tutti tesi a raggiungere l’unico vero amore: dio. Dietro tutte le varie forme si nasconde, difatti, la necessità di spiritualità, eternità, di ciò che insomma non possiamo toccare con mano. Sovente ci lasciamo trascinare dall’impossibile.
La concezione amorosa di Otero risente inoltre di una chiara influenza neoplatonica. L’idea di un amore puro e spirituale, fondato sui sensi più elevati (vista, ascolto, pensiero) e di un amante che solo aspira al fulgore di Dio. Le donne descritte non sono mai riconoscibili, non sappiamo nulla di loro, del loro carattere, del passato, nessuna descrizione fisica. Ogni rappresentazione della donna si attiene alla sfera della vista e ancor più alla sfera mentale perché ella rappresenta solo un mezzo per elevarsi a Dio, con il fine di vivere in armonia con il mondo e nel mondo. Eppure l’assenza di carnalità non è totale nell’opera del poeta. Vi sono alcune, poche poesie nelle quali la sfumatura erotica è centrale e davvero intensa: “Porque quiero tu cuerpo y lo persigo (…)”, anche se attraverso l’amore carnale si aspira sempre a bere l’amore divino.
Otero è poeta religioso e al tempo stesso così lontano dalla religione in senso tradizionale, intimista, estremamente attento alla propria interiorità. Colpisce nella sua poesia la necessità quasi vitale di cercare la serenità nel sentimento divino. L’incontro con Dio tanto sognato rappresenta la prima tappa verso una tranquillità interiore mai raggiunta. Tuttavia il poeta continua a vivere in una realtà nella quale non si riconosce, e che non lo soddisfa appieno. La poesia oteriana comunica alla fine un forte senso di solitudine dell’uomo nel mondo circostante, di insofferenza infinita sperimentata giorno dopo giorno:

Hay días malos, días que crecen
en un charco de lágrimas.

© Maria pina Iannuzzi




Recensioni ed articoli relativi a Maria pina Iannuzzi

Nessun record trovato

Testi di Maria pina Iannuzzi pubblicati su Progetto Babele

(1) Il calice di Verlaine di Emilio Carrère trad.di Maria pina Iannuzzi - TRADUZIONE
(2) Ancora una primavera di Aloysius Bertrand (1807-1841) trad.di Maria pina Iannuzzi - TRADUZIONE
(3) Eduardo Halfon tra il sorprendente e il quotidiano a cura di Maria pina Iannuzzi - ARTICOLO
(4) Il giornalista ed il suo merito letterario di Rubén Darío trad.di Maria pina Iannuzzi - TRADUZIONE
(5) Blas de Otero: una vita alla ricerca di Dio a cura di Maria pina Iannuzzi - ARTICOLO


>>ARCHIVIO ARTICOLI

>>Archivio vecchi articoli (fno al 21/05/2007)

 

 




-

dal 2009-11-09
VISITE: 18395


© Copyright Note: Tutto il materiale qui pubblicato è proprietà intellettuale degli autori.
Come tale non può essere riprodotto, tutto o in parte, senza preventivo consenso degli autori stessi.