© 2002 - Progetto Babele Rivista Letteraria - fondata da Marco R. Capelli
Il gruppo di Progetto Babele su Facebook
SCARICA GRATUITAMENTE LA RIVISTA IN FORMATO PDF ACQUISTA UNA COPIA STAMPATA DELLA RIVISTA SCARICA O COMPRA I NUMERI ARRETRATI DELLA RIVISTA
HomePage Contatta PB Contatta il WebMaster help&faq
 
 
PB NEWS:    [19/07/2017] Lacrime d’Inchiostro    [24/03/2017] L'editore più povero del mondo parla sul blog "La Casa di Carta"    [25/04/2015] Audio Antologia della Letteratura Italiana Vol. I e Vol. II    [13/06/2012] Terremoto in Emilia - sospensione temporanea attività Progetto Babele    [26/07/2017] 7 concorsi letterari in scadenza nei prossimi quattordici giorni    EVENTI, PRESENTAZIONI, CORSI, SEMINARI, FIERE E SPETTACOLI    Yoga della risata a LAlba Big Fish scadenza 2017-07-27    ULTIMI INSERIMENTI SUL SITO AL 26/07/2017    Recensioni     Amore incompatibile di Francesco Dell´Olio     Andata e ritorno di Elena Ciurli     L´anno prossimo a Gerusalemme di Andrè Kaminski    Il ritorno di Nibiru di Massimo Fratini     Sesso, droga e Rococò di Massimo Di Vincenzo    Il parere di PB     Sesso, droga e rococò - Storia del falsetto dai castrati all di Massimo Di Vincenzo     C è un tempo per gioire, c è un tempo per patire di Manrico A.G. Mansueti     Papà mi presti i soldi che devo lavorare? di Alessia Bottone    Le rose di Eusebia di Claudio Secci    La lama nera di Dario De Judicibus    Articoli e saggi     L´horror psicologico di Michele Pastrello     ANTONIO ALTOMONTE «emblematico ricostruttore di perdute dimensioni».     Il mondo poetico del calabrese Rocco Nassi     FRANCESCO PERRI (Careri 1885 – Pavia 1975): il primo scrittore antifascista della letteratura italiana e il primo cantore dell’emigrazione meridionale     La donna indiana tra letteratura e realtà. Anita Desai e Kamala Markandaya.    Racconti     I bossoli dei fratelli James di Massimo Martinelli     Ambrosia per due di Francesco Nucera     Compagni di scuola di Maria cristina Pazzini     La via uruguagia alla felicità di Frank Iodice     Lettera ad una cucciola di Cinzia Baldini    AUDIOLIBRI     Carrozza n.6 di Matteo Bertone letto da Samuele Arena     Fino alla fine dell`alba di Matteo Bertone letto da Samuele Arena     Hannah di Beppe Calabretta letto da Sandra Tedeschi     Delusione di Christian Bigiarini letto da Alberto Sannazzaro     L`ultimo di Giuseppe Foderaro letto da Luca Govoni    Biografie     Svevo, Italo (1861-1928)     Deledda,Grazia (1871-1936)     Némirovsky,Irene (1903-1942)     Rodolfo Walsh (1927-1977)     Sturluson, Snorri (1176-1241)    Traduzioni     Der Panther / La Pantera di Rainer Maria Rilke trad. di Paolo Esposito     Maternità trad. di Maria giovanna Varasano     L'oscurità amica trad. di Nicoletta Isola     Strana contrada trad. di Nicoletta Isola     Il silenzio del mare trad. di Nicoletta Isola    Poesie     Istantanea di Natascia Secchi     Gemme rare di Elisabetta Santirocchi     Semplicemente luce di Elisabetta Santirocchi     Testamento di Antonio Sacco     Frantumi di Edoardo Firpo    Cinema     Forbidden Voices - How to start a revolution with a laptop (Svizzera 2012) regia di Barbara Miller     Hamlet (UK - USA con Kenneth Branagh: Amleto Julie Christie: Gertrude Derek Jacobi: Claudio Kate Winslet: Ofelia 1996) regia di Kenneth Branagh     Becoming Jane (Con Anne Hathaway, James McAvoy, Julie Walters, Maggie Smith, James Cromwell 2007) regia di Julian Jarrold     The Blind Side (USA - con Sandra Bullock: Leigh Anne Tuohy Tim McGraw: Sean Tuohy Quinton Aaron: Michael Oher Jae Head: S.J. Tuohy Kathy Bates: Miss Sue 2010) regia di John Lee Hancock    Una vita nel mistero (ITALIA 2010) regia di Stefano Simone    Musica     Scimpanzè (2015) - Loris Dalì     FIN (2014) - - Thomas -     Chimera (2014) - Ottodix     Tapes (2008) - Alanis Morissette    IL FORUM DI PB    Ultimo topic: EXPO DI ARTE CONTEMPORANEA di Marche Centro d'Arte - parte la V edizione inserito il 2015-04-11 (ultimo aggiornamento 2015-04-11)    Ultimo post: inserito da dariociferri il 2015-04-11 sul topic EXPO DI ARTE CONTEMPORANEA di Marche Centro d'Arte - parte la V edizione    
 
 
Email
PSWD
CONSIGLI DI LETTURA
Arretrati e copie stampate
PB International
PB Interactive
IN PRIMO PIANO


OnlineUtenti connessi: 13
Utenti collegati in chat 0

Dal 01/01/2003
questo sito ha generato
96.225.833
esposizioni

 
     

L'ozio: tra antichità e contemporaneità...
a cura di Emanuela Ferrari
Pubblicato su SITO



VOTA QUESTO TESTO
Insufficiente Sufficiente Discreto Buono Ottimo

Votanti: 4669
Media 79.42 %

Articoli

Nell’ambito della storia del pensiero filosofico la parola ozio è sempre stata “catalogata” come espressione di inoperosità, inerzia, non-fare…L’ozio produce uno stato di improduttività pericoloso e degenerante; è un peccato ma, in prevalenza, è un vizio da evitare poiché l’essere umano, quando può, cerca di attorniarsi di questo sentimento ozioso.
Ma è davvero così? L’essere umano, per sua natura innata, è un homo faber nel senso più esteso del termine. Fin dal suo apparire nel mondo ha sempre cercato di progredire, di modificare il suo status. Alla sua ingegnosità ed industria delle mani si devono numerose scoperte e valevoli invenzioni. Non dimentichiamo che questi è portato a commerciare, barattare e scambiare, come affermava Adam Smith. E’ dotato di questa attitudine innata che lo conduce alla socialità, al confrontarsi e scontrarsi con i suoi simili.
Non è esagerato affermare che l’uomo è proprio un essere in continuo “movimento”. Anche il sonno diventa “luogo” di produzione in qualche modo; è la “zona” in cui gli impulsi vengono fuori poiché il dinamismo della quotidianità non permette all’individuo di dare adeguato “spazio” alle molteplici componenti della natura umana. Ma ancor prima di arrivare alla dimensione onirica, la semplice astensione, seppur momentanea, dalla azione pratica non è da considerarsi negativa. Un momento di silenzio, una pausa di raccoglimento sono necessari per concentrarsi, o distogliere lo sguardo da una pensiero fisso. Quindi una sosta, una distensione o il semplice non-fare, per distaccarsi dalla realtà non è ascrivibile ad un peccato e tanto meno ad un gesto ozioso.
Queste ultime connotazioni negative sono applicabili davanti a situazioni che richiedono una prontezza di spirito e di intervento pratico che vengono a mancare per disinteresse, negligenza, inaffidabilità. In questi casi il termine ozio è accompagnato da appellativi vari e marcati.
Nella dimensione della nostra contemporaneità questi diversi “attributi” ben si accostano al significato di ozio mentre da un punto di vista filosofico, e morale, il discorso è più complesso e coinvolge ambiti molto più estesi rispetto al comune modo di pensare.
Thomas Hobbes, nel Leviatano edito nel 1651, descrive uno Stato forte, assoluto, in grado di imporsi e di farsi “ascoltare” dagli uomini, i quali vivono seguendo solamente i propri interessi e passioni. Sono esseri pieni di vizi per natura, mentre per Bernard de Mandeville anche i vizi contribuiscono al benessere pubblico. La condizione oziosa in cui molte attività sono realizzate permette ad una folta schiera di api, quindi di uomini, di trarre benefici da questa realtà viziata. Se ogni lavoro venisse realizzato nel giusto modo e nei tempi previsti non si verificherebbero tanti sprechi, elargizioni e manomissioni che costituiscono la linfa per altri speculatori che “mandano avanti” l’ingranaggio sociale. Di conseguenza la società diventerebbe meno operosa, molte persone abbandonerebbero il territorio e, di fronte ad una possibile invasione di un alveare avversario, non ci sarebbero le forze necessarie per difendersi. Questi passaggi sono ben descritti nel libro più famoso di Mandeville intitolato: La favola delle api.
Un contributo ulteriore, e più completo, è compiuto dal moralista scozzese Adam Smith. L’individuo cerca di promuovere il suo self-interest (interesse personale) ma inevitabilmente, e a sua insaputa, egli non fa altro che promuovere il benessere diffuso nella società. Ciò accade per la presenza di un elemento ordinatore: la mano invisibile che ri-equilibra le azioni individuali a favore del beneficio pubblico. In realtà le tendenze egoistiche, personali, individuali vengono sempre e comunque ri-orientate verso la società producendo risultati favorevoli. Questa visione armonica, in grado di coniugare positivamente movente iniziale e risultato finale, trova una sua specifica giustificazione storica proprio durante l’Illuminismo, quale periodo in cui è presente una visione appunto armonico-ottimistica che governa il mondo. La teoria delle conseguenze inintenzionali delle azioni intenzionali, che racchiude questi contenuti, si stava affermando in Europa e tra i suoi maggiori aderenti c’erano appunto Mandeville e Smith.
Ed ancora si può considerare la realtà protestante, di matrice calvinista, che ha dato un notevole impulso al riconoscimento e valorizzazione dell’operato umano. L’essere umano deve fare, lavorare e produrre, non può “attendere” solamente che Dio lo chiami ma deve rendersi “utile” durante la sua esistenza terrena.
Un altro pensatore che ci fa riflettere sul tema dell’ozio è Schopenhauer, conosciuto come il filosofo del pessimismo cosmico. Nel suo pensiero la volontà di vivere diventa l’energia vitale per andare avanti, per non rinunciare mai a vivere nonostante l’esistenza sia solo sofferenza. C’è la possibilità di riscattarsi facendo, ovvero portando avanti delle condotte di vita produttive come la via dell’arte con le sue molteplici manifestazioni; scultura, architettura, musica... Oppure si può intraprendere la strada della partecipazione sociale, legata a forme di solidarietà verso gli altri. Si tratta di una forma di assistenza ed incontro con l’altro. Un percorso alternativo è rappresentato dal raggiungimento di una condizione di elevazione dal mondo: quindi lo stato ascetico a cui si arriva con il nirvana buddista.
Secondo Nietzsche abbiamo due modi per affrontare la vita: con il modello dionisiaco o con quello apollineo. Lo studioso ritiene che quest’ultimo sia più appropriato in quanto permette di accogliere la vita come si presenta anche se è importante cercare di cambiarla con tutte le proprie forze anziché divertirsi, quasi inconsapevolmente, tramite l’approccio dionisiaco. Quindi ancora una volta il fare vince, e supera nettamente, il non prendere parte e l’essere passivi.
L’essere umano - spiega Pascal - dimostra la sua grandezza dal momento in cui riconosce la sua “miseria” davanti alla Natura. La sua esistenza è paragonabile ad una esile canna che si muove ma risulta fragile ad ogni intervento della natura. Di fronte a questa consapevolezza ognuno di noi può scegliere se dedicarsi all’ozio; ovvero se trascorrere il tempo in giochi e sollazzi, che distraggono dal pensare, o se rendersi conto della propria condizione di piccolezza rispetto al Creato.
In base a questa dimensione filosofica il tema dell’ozio assume un “sapore” più complicato. Allora che “valore” riveste attualmente? E’ catalogabile come un comportamento vizioso o necessita di una re-interpretazione alla luce del contesto storico-temporale in cui ci troviamo a vivere? Non è facile rispondere ed è ancora più arduo fornire una risposta definitiva, o comunque attendibile.
Dunque riuscire ad avere dei momenti di relax nell’arco delle nostre giornate, che scorrono così veloci e piene di impegni, risulta tanto difficile che non ci rimane altro che “programmare”, quando è possibile, anche i pochi spazi o residui di tempo che possono presentarsi. Allora non siamo liberi affatto di improvvisare neanche sul tempo libero.
In questa chiave interpretativa l’ozio rimane un’idea, un progetto utopistico che si vorrebbe raggiungere ma a cui non si arriva mai perché il tempo che abbiamo scorre via velocemente…

© Emanuela Ferrari




Recensioni ed articoli relativi a Emanuela Ferrari

Nessun record trovato

Testi di Emanuela Ferrari pubblicati su Progetto Babele

(1) Il generale De La Moriciére una vita per la causa pontificia di Massimo Coltrinari - RECENSIONE
(2) Liberarsi dai condizionamenti di Krishnamurti - RECENSIONE
(3) Io e te di Niccolò Ammaniti - RECENSIONE
(4) L'erede del templare di Jan Guillou - RECENSIONE
(5) Nuovi segni dei tempi di Camillo Ruini - RECENSIONE
(6) La solitudine dei numeri primi di Paolo Giordano - RECENSIONE
(7) Adam Smith: pensiero ed opere a cura di Emanuela Ferrari - ARTICOLO
(8) L'ozio: tra antichità e contemporaneità... a cura di Emanuela Ferrari - ARTICOLO
(9) Adam Smith: un problema di interpretazione a cura di Emanuela Ferrari - ARTICOLO
(10) Distruzione e conservazione. La tutela del patrimonio artistico durante la prima guerra mondiale. di Giuseppe Talamo - RECENSIONE


>>ARCHIVIO ARTICOLI

>>Archivio vecchi articoli (fno al 21/05/2007)

 

 





-

dal 2009-11-28
VISITE: 8855