Progetto Babele Rivista Letteraria
© 2002 - Progetto Babele Rivista Letteraria - fondata da Marco R. Capelli
Audiolibri BookShop SCARICA O COMPRA I NUMERI ARRETRATI DELLA RIVISTA
HomePage Contatta PB Il gruppo di Progetto Babele su Facebook Seguici su Youtube Linkedin
TeleScrivente:    Concorso Letterario Nazionale di Ostia “500 PAROLE”: annunciati i 18 finalisti (27/09/2018)    Versante Ripido è morto? (27/09/2018)    Arriva Solaris, e ci (ri) porta i capolavori della fantascienza russa (08/05/2018)    Dopo quindici anni, chiude la rivista Segreti di Pulcinella (ma resta il BLOG) (03/05/2018)    La biblioteca più alta del mondo (forse) (01/05/2018)    [23/10/2018] 3 concorsi letterari in scadenza nei prossimi quattordici giorni    Un Museo senza pareti. Alla scoperta degli Ecomusei del Trentino scadenza 2018-10-26    Il Prete Bambino scadenza 2018-10-30    Socc'mel...che viaggio! scadenza 2018-10-31    EVENTI, PRESENTAZIONI, CORSI, SEMINARI, FIERE E SPETTACOLI    AUDIOLIBRI     La Strega di Marco R. Capelli letto da C. Fratarcangeli e S.Ferrara     Carrozza n.6 di Matteo Bertone letto da Samuele Arena     Fino alla fine dell`alba di Matteo Bertone letto da Samuele Arena     Hannah di Beppe Calabretta letto da Sandra Tedeschi     Delusione di Christian Bigiarini letto da Alberto Sannazzaro    RECENSIONI     Capelli struggenti di Franz Krauspenhaar     L’incredibile vicenda che portò Jack Lanarco a salvare l’iperspazio da fine certa di Vincenzo Trama     Polaroid di Davide Rocco Colacrai     Ce sto io … poi ce sta De Niro - Mario Brega Biografia di Ezio Cardarelli     Breve inventario di un’assenza di Michele Paoletti    Il Parere di PB     Sandino Il generale degli uomini liberi di Maurizio Campisi    La gallina volante di Paola Mastrocola    Il 1848 e le cinque giornate di Milano di Antonio Monti     Rapsodia su un solo tema - Colloqui con Rafail Dvoinikov di Claudio Morandini    La vigilia di Natale di Maurizio Bassani    Articoli e saggi     Joseph Conrad ovvero il mare professionale     Apollo e Dafne: Quando il marmo diventa carne     L´horror psicologico di Michele Pastrello     ANTONIO ALTOMONTE «emblematico ricostruttore di perdute dimensioni».     Il mondo poetico del calabrese Rocco Nassi    Racconti     La Strega di Marco R. Capelli     I bossoli dei fratelli James di Massimo Martinelli     Ambrosia per due di Francesco Nucera     Compagni di scuola di Maria cristina Pazzini     La via uruguagia alla felicità di Frank Iodice    Biografie     Svevo, Italo (1861-1928)     Deledda,Grazia (1871-1936)     Némirovsky,Irene (1903-1942)     Walsh, Rodolfo (1927-1977)     Sturluson, Snorri (1176-1241)    Traduzioni     Der Panther / La Pantera di Rainer Maria Rilke trad. di Paolo Esposito     Maternità trad. di Maria giovanna Varasano     L'oscurità amica trad. di Nicoletta Isola     Strana contrada trad. di Nicoletta Isola     Il silenzio del mare trad. di Nicoletta Isola    Poesie     Poesie Nuove (silloge) di Alberto Accorsi     Istantanea di Natascia Secchi     Gemme rare di Elisabetta Santirocchi     Semplicemente luce di Elisabetta Santirocchi     Testamento di Antonio Sacco    Cinema     Forbidden Voices - How to start a revolution with a laptop (Svizzera 2012) regia di Barbara Miller     Hamlet (UK - USA con Kenneth Branagh: Amleto Julie Christie: Gertrude Derek Jacobi: Claudio Kate Winslet: Ofelia 1996) regia di Kenneth Branagh     Becoming Jane (Con Anne Hathaway, James McAvoy, Julie Walters, Maggie Smith, James Cromwell 2007) regia di Julian Jarrold    Musica     Scimpanzè (2015) - Loris Dalì     FIN (2014) - - Thomas -     Chimera (2014) - Ottodix    
Email
PSWD
AddsZone
Save the Children Italia Onlus
View Redazione Babele's profile on LinkedIn
La Rivista
Copertina
Scarica gratuitamente
l'ultimo numero della rivista
Cart ARRETRATI
BookShop
PB Interactive
>>Stazione di servizio
Consigli & indirizzi per aspiranti scrittori
>>Telescrivente
Le NEWS di PB - quasi un Blog
>>L'angolo di Simone
Dedicato ai più piccoli
>>Piccolo spazio pubblicità
Le vostre inserzioni su PB
PB consiglia
Concorsi e premi letterari
32 concorsi in archivio
Eventi Mostre Presentazioni Spettacoli
1 eventi in archivio
Novità in libreria
NOVITA' IN LIBRERIA
8 novità in archivio
Assaggi
Le Recensioni
     

Eduardo Halfon tra il sorprendente e il quotidiano
a cura di Maria pina Iannuzzi
Pubblicato su SITO



VOTA QUESTO TESTO
Insufficiente Sufficiente Discreto Buono Ottimo

Votanti: 9103
Media 80.15 %

Articoli

Eduardo Halfón Tenenbaum nasce nel 1971 a Ciudad de Guatemala. Ingegnere industriale prima, oggi scrittore di preziosi e coinvolgenti racconti. Avvertiva probabilmente sin dai suoi primi passi universitari quella strana difformità che lo ha poi portato inconsapevolmente verso la letteratura. Dopo un’infanzia trascorsa negli Stati Uniti e gli studi di Ingegneria industriale all’università del Nord Carolina, ritorna a Ciudad de Guatemala avendo quasi dimenticato lo spagnolo. Decide così di frequentare la facoltà di lettere e filosofia: “Mi sentivo disorientato nel linguaggio, nella religione… dopo aver trascorso cinque anni con questa inquietudine sono arrivato all’università Rafael Landívar (Ciudad de Guatemala) e mi sono iscritto a due corsi di filosofia. Lì ho incontrato la letteratura che mi ha sedotto all'istante, un vero colpo di fulmine”.

Abbandona dunque il mondo della razionalità per dedicarsi al mondo delle lettere, alla scrittura. Diventa docente universitario di letteratura presso l’università Francisco Marroquín del Guatemala. “È stato un processo difficile vedersi avvolto nella letteratura… ed arrivare poi alla scrittura, il processo in assoluto più irrazionale”.

Si concede un anno sabatico a Matute, paesino di centosettantanove abitanti (La Rioja, Spagna) per affrontare, almeno in parte, l’innegabile necessità di dedicarsi alla letteratura.
Ha pubblicato le opere: Esto no es una pipa, Saturno (Alfaguara, 2003 e 2007), De Cabo roto (Littera Books, 2003), El ángel literario (Editorial Anagrama, 2004) Siete minutos de desasosiego (Panamericana, 2007), El boxeador polaco (Pre-Textos, 2008), Clases de hebreo (AMG Editor, 2008), Morirse un poco (Galería Estampa, 2009), Clases de dibujo (AMG Editor, 2009), La pirueta (Pre-Textos, 2010).

Guatemalteco di nascita, cresciuto negli Stati Uniti e con radici libanesi e polacche, profondamente innamorato dell’Europa è sicuramente un cittadino del mondo o forse come egli stesso si definisce “straniero in ogni luogo”. Colpisce del giovane scrittore una voglia continua di comunicare e la capacità tanto più immediata di farlo anche con testi davvero brevi eppur in grado di lasciare una traccia, una sensazione, un’immagine.
Emoziona la sapiente unione di detto e non-detto, colpisce quando fa sì che gli episodi accadano, quasi senza controllarli e riesce ad ammaliare, comunicare persino nei silenzi, altrettanto fondamentali nell’opera. Nei suoi racconti si ravvisa una mescolanza virtuosa tra il sorprendente e il quotidiano. Un continuo fluire di immagini, personaggi, situazioni. Tutto costruito con grande rigore e perfezione formale. Seducente El ángel literario, sapiente combinazione di generi: racconto, diario, saggio, intervista sul processo inconsapevole e alle volte assurdo dell’ispirazione poetica. L’autore in questo libro si pone alla ricerca del momento della prima ispirazione narrativa e attraverso i frammenti di vita di scrittori che ammira profondamente e ai quali si ispira procede alla ricerca della propria nascita letteraria. E’ dunque un’analisi interiore di Halfon scrittore attraverso Hermann Hesse, Raymond Carver, Ernest Hemingway, Ricardo Piglia, Vladimir Nabokov e molti altri ancora ricordati qua e là. Riesce a coinvolgere il lettore in questo viaggio:

“Dicho de otro modo: en qué momento una persona se convierte en escritor. Dicho de aún otro modo: en qué momento una persona queda preñada de ese extraño anhelo por narrar, por contar, por escribir, por adoptar las palabras como su forma de expresión y, en ciertos casos, su modus vivendi. Encontrar ese instante y narrarlo. Encontrar el momento preciso en que una persona cualquiera deja de ser una virgen literaria, y empieza a hacer el amor con las palabras”
Traduz.:
“Detto in un altro modo: in quale momento una persona diviene uno scrittore. Detto ancora in un altro modo: in quale momento una persona si vede ricolma di questo strano anelito di narrare, di raccontare, di scrivere, di adoperare le parole come forma d’espressione e, in alcuni casi, modus vivendi. Trovare questo istante e narrarlo. Trovare il momento preciso nel quale una persona qualunque smette di essere una vergine letteraria e inizia a fare l’amore con le parole”

E ancora

“Por qué empecé yo a escribir. Por qué escribo. Quizás investigaba las vidas de otros buscándome a mí mismo, buscando el momento en que me voló por encima ese ángel literario y, maldiciéndome, injuriándome, derramó sobre mi cabeza tantas palabras”.
Traduz.:
“Perché ho iniziato a scrivere. Perché scrivo. Forse cercavo nella vita di altri cercando me stesso, cercando il momento in cui volò su di me questo angelo letterario e, condannandomi, schernendomi, sparse sulla mia testa tante parole”.

Con El boxeador polaco, la prosa elegante di Halfon si mantiene uguale a se stessa ma i racconti hanno un valore aggiunto: un filo conduttore rappresentato da un episodio che Halfon ripesca nel passato del nonno e nel periodo che trascorse ad Auschwitz in un campo di concentramento. Il tema viene trattato in maniera appena accennata, con discrezione e senza retorica. Due i racconti che personalmente ho preferito, Lejano, il primo della raccolta nasce nell’ambiente universitario. Il protagonista è un professore che si chiama proprio Eduardo Halfon e che tenta di trasmettere ai suoi allievi la magia e la particolarità di racconti di grandi autori. E gli unici disposti ad accogliere il suo insegnamento sono una ragazza che sembra essersi innamorata del professore e un giovane studente di ingegneria e autore di poesie. Poi Fumata Blanca un racconto di velato erotismo, costruito sull’idea del desiderio che resta desiderio, che mai giunge a realizzarsi.
Halfon è uno scrittore pronto a sorprendere continuamente, a risvegliare la curiosità del lettore e capace di lasciare ‘quel qualcosa’ difficile da definire ma che porta con sé la voglia di continuare a leggere i suoi racconti, di continuare a viverli attraverso le sue trascinanti parole.

© Maria pina Iannuzzi



Recensioni ed articoli relativi a Eduardo Halfon

(1) Eduardo Halfon tra il sorprendente e il quotidiano a cura di Maria pina Iannuzzi - ARTICOLO


Recensioni ed articoli relativi a Maria pina Iannuzzi

Nessun record trovato

Testi di Maria pina Iannuzzi pubblicati su Progetto Babele

(1) Il calice di Verlaine di Emilio Carrère trad.di Maria pina Iannuzzi - TRADUZIONE
(2) Ancora una primavera di Aloysius Bertrand (1807-1841) trad.di Maria pina Iannuzzi - TRADUZIONE
(3) Eduardo Halfon tra il sorprendente e il quotidiano a cura di Maria pina Iannuzzi - ARTICOLO
(4) Il giornalista ed il suo merito letterario di Rubén Darío trad.di Maria pina Iannuzzi - TRADUZIONE
(5) Blas de Otero: una vita alla ricerca di Dio a cura di Maria pina Iannuzzi - ARTICOLO


>>ARCHIVIO ARTICOLI

>>Archivio vecchi articoli (fno al 21/05/2007)

 

 




-

dal 2010-06-12
VISITE: 14678


© Copyright Note: Tutto il materiale qui pubblicato è proprietà intellettuale degli autori.
Come tale non può essere riprodotto, tutto o in parte, senza preventivo consenso degli autori stessi.