Progetto Babele Rivista Letteraria
© 2002 - Progetto Babele Rivista Letteraria - fondata da Marco R. Capelli
Audiolibri BookShop SCARICA O COMPRA I NUMERI ARRETRATI DELLA RIVISTA
HomePage Contatta PB Il gruppo di Progetto Babele su Facebook Seguici su Youtube Linkedin
TeleScrivente:    SOSTENETE “ILCORSARONERO” RINNOVANDO L’ABBONAMENTO (07/09/2019)    Eugraphia seleziona opere per ragazzi (da sei a quindici anni) (05/09/2019)    Black Window: al via la seconda edizione! (24/06/2019)    Anobii lascia Mondadori (30/05/2019)    I libri di PB, saldi di fine stagione (28/12/2018)    [22/11/2019] 4 concorsi letterari in scadenza nei prossimi quattordici giorni    PREMIO NABOKOV scadenza 2019-11-30    Residenze Gregoriane 2019 scadenza 2019-11-30    Premio Poesia dell'Anno” (2019) scadenza 2019-11-30    Ironicomico2 scadenza 2019-12-06    EVENTI, PRESENTAZIONI, CORSI, SEMINARI, FIERE E SPETTACOLI    AUDIOLIBRI     La porta di Cesarina Bo letto da Alberto Morella (Realizzato da Riccardo Cerutti)     La Strega di Marco R. Capelli letto da C. Fratarcangeli e S.Ferrara     Quella casa sulla collina di Marcello Caccialanza letto da Alberto Sannazzaro     Fino alla fine dell`alba di Matteo Bertone letto da Samuele Arena     Carrozza n.6 di Matteo Bertone letto da Samuele Arena    RECENSIONI    I Figli di Dio di Glen Cooper    La cripta dei teschi forati di Luigi Tortora    Il Barone di Giuseppe Antonio Martino    Il Barone di Giuseppe Antonio Martino     Fossi in te io insisterei di Carlo Giuseppe Gabardini    Il Parere di PB     Cambi di prospettive di Ilaria Ferramosca     Express Tramway di Vittorio Baccelli     Promesse da marinaio di Daniele Filzi    Il lungo viaggio di Chaetodon Vagabundus di Francesco Sciortino    I buoni ed i cattivi frutti di Francesca Ricci    Articoli e saggi     Lorenzo Calogero, il “folle” medico-poeta di Melicuccà     Congiunzione e disgiunzione in Eugenio Montale     Ernest Hemingway e le Isole Borromee     Lingua e poesia nelle opere di Nino De Vita     Jack London (1876-1916), ovvero il mare sfidato    Racconti     Fonzo di Don pompeo Mongiello     Sembra avere un senso… di Carla Montuschi     Qualcosa è cambiato di Milos Fabbri     The Unknown Victim di John gerard Sapodilla     Identità riservata di Cinzia Baldini    Biografie     Svevo, Italo (1861-1928)     Deledda,Grazia (1871-1936)     Némirovsky,Irene (1903-1942)     Walsh, Rodolfo (1927-1977)     Sturluson, Snorri (1176-1241)    Traduzioni     Der Panther / La Pantera di Rainer Maria Rilke trad. di Paolo Esposito     Maternità trad. di Maria giovanna Varasano     Il silenzio del mare trad. di Nicoletta Isola     Strana contrada trad. di Nicoletta Isola     L'oscurità amica trad. di Nicoletta Isola    Poesie     Francesco di Eva Rando     Occhi di Luna di Elisabetta Santirocchi     Assenzio di Sandro Lillo Spallino     Poesie Nuove (silloge) di Alberto Accorsi     Istantanea di Natascia Secchi    Cinema     Forbidden Voices - How to start a revolution with a laptop (Svizzera 2012) regia di Barbara Miller     The Blind Side (USA - con Sandra Bullock: Leigh Anne Tuohy Tim McGraw: Sean Tuohy Quinton Aaron: Michael Oher Jae Head: S.J. Tuohy Kathy Bates: Miss Sue 2010) regia di John Lee Hancock     Becoming Jane (Con Anne Hathaway, James McAvoy, Julie Walters, Maggie Smith, James Cromwell 2007) regia di Julian Jarrold    Musica     Scimpanzè (2015) - Loris Dalì     FIN (2014) - - Thomas -     Chimera (2014) - Ottodix    
Email
PSWD
AddsZone
Save the Children Italia Onlus
Audiolibri
La Rivista
Copertina
Scarica gratuitamente
l'ultimo numero della rivista
Cart ARRETRATI
BookShop
PB Interactive
>>Stazione di servizio
Consigli & indirizzi per aspiranti scrittori
>>Telescrivente
Le NEWS di PB - quasi un Blog
>>L'angolo di Simone
Dedicato ai più piccoli
>>Piccolo spazio pubblicità
Le vostre inserzioni su PB
PB consiglia
Concorsi e premi letterari
30 concorsi in archivio
Eventi Mostre Presentazioni Spettacoli
0 eventi in archivio
Novità in libreria
NOVITA' IN LIBRERIA
6 novità in archivio
Assaggi
Le Recensioni
     

L'Egmont di Goethe tra fascino e lacune storiche
a cura di Marcello Caccialanza
Pubblicato su SITO


VOTA QUESTO TESTO
Insufficiente Sufficiente Discreto Buono Ottimo

Votanti: 10486
Media 79.98 %

Articoli

L’Egmont è un dramma storico costruito con dovizia di particolari. L’ ambientazione nei Paesi Bassi è ben disegnata e ricostruita. Goethe, con maestria di fine ed arguto letterato, offre al lettore sì  lo spaccato di un popolo oppresso, ma ben impressionato dalle conquiste imperialistiche di Carlo V. Un nuovo padrone alquanto ingombrante , sia a causa del suo carisma , sia per la sua innegabile intelligenza politica, con la quale ha mantenuto le autonomie mercantili e ha consentito che l'amministrazione fosse affidata alla nobiltà locale.
Con Filippo II però gli equilibri cambiano sostanzialmente.  Egli preferisce rinchiudersi nei suoi palazzi di Madrid e dirigere il suo vasto impero delegando compiti delicati a suoi ministri e funzionari  di assoluta fiducia e Il duca d'Alba all’interno dell’economia di questo dramma ne è il più palese esempio. Nel frattempo  è anche peggiorata la situazione finanziaria della Spagna e dei possedimenti a lei satelliti. Per  questa ragione il successore di Carlo V si vede inevitabilmente costretto a tassare le attività mercantili dei Paesi Bassi, mortificando in questo modo la vitalità di un intero popolo. E’ rivolta!

L'eco del malumore giunge nelle piazze, che Goethe anima opportunamente di personaggi che potremmo col senno di poi tranquillamente definire piccolo e medio borghesi. Tutti questi attori rappresentano le diverse  matrici che compongono il tessuto sociale dei Paesi Bassi: dalla matrice economica, che rivendica l'autonomia amministrativa a quella religiosa, che vuole recuperare una propria indipendenza dalla Chiesa di Roma, rea di nascondere al suo interno una spiacevole corruzione...per poi giungere alla matrice politica, che grida a gran voce la sua insofferenza nei confronti del dispotismo imperiale.
La cornice storica di questo dramma è dunque   ricostruita  fedelmente da Goethe, ma ciò nonostante nell’intreccio vi sono  alcune lacune da evidenziare.
La nostra analisi può partire tranquillamente da Egmont,il protagonista. Secondo la versione di Goethe, questo eroe romantico   apprende da Orange la notizia dell’imminente arrivo del duca d'Alba, designato dalle alte sfere a sostituire la Reggente, giudicata troppo permissiva. In verità nella versione ufficiale Egmont  è  stato inviato dalla nobiltà fiamminga presso Filippo II per ottenere ampia garanzia di un governo più liberale, ma la risposta del sovrano è stata di totale chiusura con la conseguenza della nomina dello stesso duca d’Alba.
L'Egmont di Goethe, inoltre, attribuisce interamente la colpa della durissima  repressione solo al duca, il quale sarebbe andato ben oltre alle direttive generali dettate da Filippo II. Tutto ciò lo avrebbe fatto solamente  per eccesso di solerzia  e soprattutto  per  questione di prestigio personale.
La storia dice , invece, che il duca d'Alba, di certo ambizioso e zelante, obbedisce solamente ad ordini precisi di Filippo II.
 Nel dramma compare la figura di Chiaretta. E’ personaggio di candida freschezza e audacia, maturato nella fantasia dell'autore, dopo la triste rottura con l’amata  Lili Schonemann.  Per Chiaretta  nesuno ha tentato di fatto di liberare Egmont e l’ esecuzione dell’uomo è maturata repentinamente senza il rispetto di alcun meccanismo di autodifesa,la tragedia si è consumata nell’arco  di una sola notte di carcere. Mai i fatti dicono altro... non ci sono stati  eventuali e comprovate azioni di interessamento da parte della Reggente; al contrario documenti attestano il disperato tentativo della  moglie di Egmont , Sabina di Baviera, di prodigarsi per la salvezza del marito.  Lunga è stata infatti la sua attività in favore di Egmont, ha lottato  per un anno ,tanto è durata la prigionia dell’amato consorte. Invano si è prostrata al cospetto di quasi  tutti principi germanici, ha perfino giocato la carta  dell’imperatore Massimiliano II.

Come si può dunque spiegare tutte queste lacune storiche? Non si può pensare che una personalità del calibro di Goethe  non abbia potuto accedere alla documentazione originale di tale vicenda, o peggio ancora che abbia giocato di superficialità e pressapochismo.
E’ legittimo dunque pensare che   un autore- letterato è chiamato    nel dramma storico non a riscrivere eventi mediante  verità comprovata; ma  egli ha l’obbligo morale di  riportare alla superficie quello che la storia non si sofferma a raccontare: i moti dell'animo, i sentimenti,le paure e le certezze dei protagonisti della vicenda.

© Marcello Caccialanza




Recensioni ed articoli relativi a Marcello Caccialanza

Nessun record trovato

Testi di Marcello Caccialanza pubblicati su Progetto Babele

(1) I Figli di Dio di Glen Cooper - RECENSIONE
(2) L’uomo che non sapeva amare di Marcello Caccialanza - RACCONTO
(3) Il principe di hombourg di Heinrich Von Kleist - RECENSIONE
(4) La marchesa di O... di Heinrich Von Kleist - RECENSIONE
(5) Egmont di Goethe tra fascino e lacune storiche;L' a cura di Marcello Caccialanza - ARTICOLO
(6) L'uso delle parole in Emilio Gadda a cura di Marcello Caccialanza - ARTICOLO
(7) Le affinità elettive di Wolfgang Goethe - RECENSIONE
(8) Il fuoco di Gabriele D'Annunzio - RECENSIONE
(9) Ernesto di Umberto Saba - RECENSIONE
(10) Donne in poesia: Bice Benvenuti, usignolo di provincia a cura di Marcello Caccialanza - ARTICOLO
(11) Quella casa sulla collina di Marcello Caccialanza - RACCONTO


>>ARCHIVIO ARTICOLI

>>Archivio vecchi articoli (fno al 21/05/2007)

 

 




-

dal 2010-11-26
VISITE: 19367


© Copyright Note: Tutto il materiale qui pubblicato è proprietà intellettuale degli autori.
Come tale non può essere riprodotto, tutto o in parte, senza preventivo consenso degli autori stessi.