© 2002 - Progetto Babele Rivista Letteraria - fondata da Marco R. Capelli
Il gruppo di Progetto Babele su Facebook
SCARICA GRATUITAMENTE LA RIVISTA IN FORMATO PDF ACQUISTA UNA COPIA STAMPATA DELLA RIVISTA SCARICA O COMPRA I NUMERI ARRETRATI DELLA RIVISTA
HomePage Contatta PB Contatta il WebMaster help&faq
 
 
PB NEWS:    [24/03/2017] L'editore più povero del mondo parla sul blog "La Casa di Carta"    [13/06/2012] Terremoto in Emilia - sospensione temporanea attività Progetto Babele    [18/03/2012] Novità in arrivo per le edizioni Anordest    [13/10/2011] Il cacciatore di titoli    [29/04/2017] 14 concorsi letterari in scadenza nei prossimi quattordici giorni    EVENTI, PRESENTAZIONI, CORSI, SEMINARI, FIERE E SPETTACOLI    Presentazione del libro Come impronte nella neve scadenza 2017-05-06    ULTIMI INSERIMENTI SUL SITO AL 29/04/2017    Recensioni     Il lungo cammino del fulmine di Guglielmo Campione     È vero che il giorno sapeva di sporco di Mario Bonanno     Brando Street. La scomparsa di una comparsa di Marisa Cecchetti     Sharaz-De Le mille e una notte di Sergio Toppi    La versione di Gipo di Alberto Facchinetti    Il parere di PB     Papà mi presti i soldi che devo lavorare? di Alessia Bottone    Le rose di Eusebia di Claudio Secci    La lama nera di Dario De Judicibus    Le coincidenze necessarie di Patrizia Marzocchi    Il 18° vampiro di Claudio Vergnani    Articoli e saggi     ANTONIO ALTOMONTE «emblematico ricostruttore di perdute dimensioni».     Il mondo poetico del calabrese Rocco Nassi     FRANCESCO PERRI (Careri 1885 – Pavia 1975): il primo scrittore antifascista della letteratura italiana e il primo cantore dell’emigrazione meridionale     La donna indiana tra letteratura e realtà. Anita Desai e Kamala Markandaya.     L'esclusa di Luigi Pirandello    Racconti     I bossoli dei fratelli James di Massimo Martinelli     Ambrosia per due di Francesco Nucera     Compagni di scuola di Maria cristina Pazzini     La via uruguagia alla felicità di Frank Iodice     Lettera ad una cucciola di Cinzia Baldini    AUDIOLIBRI     Carrozza n.6 di Matteo Bertone letto da Samuele Arena     Fino alla fine dell`alba di Matteo Bertone letto da Samuele Arena     Hannah di Beppe Calabretta letto da Sandra Tedeschi     Delusione di Christian Bigiarini letto da Alberto Sannazzaro     L`ultimo di Giuseppe Foderaro letto da Luca Govoni    Biografie     Svevo, Italo (1861-1928)     Deledda,Grazia (1871-1936)     Némirovsky,Irene (1903-1942)     Rodolfo Walsh (1927-1977)     Sturluson, Snorri (1176-1241)    Traduzioni     Der Panther / La Pantera di Rainer Maria Rilke trad. di Paolo Esposito     Maternità trad. di Maria giovanna Varasano     L'oscurità amica trad. di Nicoletta Isola     Strana contrada trad. di Nicoletta Isola     Il silenzio del mare trad. di Nicoletta Isola    Poesie     Gemme rare di Elisabetta Santirocchi     Semplicemente luce di Elisabetta Santirocchi     Frantumi di Edoardo Firpo     Ricordo di Edoardo Firpo     Gioco di Edoardo Firpo    Cinema     Forbidden Voices - How to start a revolution with a laptop (Svizzera 2012) regia di Barbara Miller     Hamlet (UK - USA con Kenneth Branagh: Amleto Julie Christie: Gertrude Derek Jacobi: Claudio Kate Winslet: Ofelia 1996) regia di Kenneth Branagh     Becoming Jane (Con Anne Hathaway, James McAvoy, Julie Walters, Maggie Smith, James Cromwell 2007) regia di Julian Jarrold     The Blind Side (USA - con Sandra Bullock: Leigh Anne Tuohy Tim McGraw: Sean Tuohy Quinton Aaron: Michael Oher Jae Head: S.J. Tuohy Kathy Bates: Miss Sue 2010) regia di John Lee Hancock    Una vita nel mistero (ITALIA 2010) regia di Stefano Simone    Musica     Scimpanzè (2015) - Loris Dalì     FIN (2014) - - Thomas -     Chimera (2014) - Ottodix     Tapes (2008) - Alanis Morissette    IL FORUM DI PB    Ultimo topic: Verona Segway Tour inserito il 2017-03-22 (ultimo aggiornamento 2017-03-22)    Ultimo post: inserito da il 2017-03-22 sul topic Verona Segway Tour    
 
 
Email
PSWD
CONSIGLI DI LETTURA
Arretrati e copie stampate
PB International
PB Interactive
IN PRIMO PIANO


OnlineUtenti connessi: 7
Utenti collegati in chat 0

Dal 01/01/2003
questo sito ha generato
95.730.743
esposizioni

 
     

Retromania di Simon Reynolds
a cura di Luca Toni
Pubblicato su SITO



VOTA QUESTO TESTO
Insufficiente Sufficiente Discreto Buono Ottimo

Votanti: 14741
Media 80.15 %

Articoli

Questo nuovo libro di Simon Reynolds, probabilmente il miglior critico musicale in circolazione, è un libro che parlando di musica ci mostra semplicemente un punto di vista attraverso il quale guardare alla crisi della nostra cultura, dei valori, della società.
Dove sono finiti i giovani? Cosa ne è del loro irrompere sulla scena sociale esplosa a partire dagli anni cinquanta? Sembra che non ne sia rimasto granché. Forse è anche una questione demografica. La demografia è una scienza sottovalutata. Semplicemente nelle nostre società vecchie i giovani non sono più maggioranza ma una trascurabile minoranza. E l’esplosione del rock era stato il potente simbolo del venire alla ribalta dei giovani occidentali. Il rock come arte innovativa, rivoluzionaria, provocatrice, scandalo e avanguardia, addirittura, ritengo, la vera arte definitiva del secondo novecento come il romanzo e le arti figurative lo erano state del primo. Un’arte che si attanagliava perfettamente alla forma del giovane con la sua ricerca del nuovo e del rivoluzionario, dell’epater le bourgeous!
Ebbene è innegabile che oggi, oggi si, il rock, il mainstream, ma anche la musica underground non scioccano e non ricercano più,anzi si limitano a prendere ispirazione dal passato, a indugiare in una rapporto incestuoso con i genitori, e forse i nonni, in un trionfo di quella che appunto Reynolds definisce retromania.
Come siamo giunti a questo? Cosa ci dice  su di noi e sulla nostra società?
Prima di tutto la tecnologia ha avuto ed ha un ruolo importantissimo. Youtube è il luogo virtuale ma reale in cui tutta la nostra esistenza sembra (ri)vivere. You-tube come metafora, ma anche l’ipod, l’accesso infinito, esaltante ma anche debilitante ad un archivio inesauribile che è come una droga, un passato che non passa mai. Inevitabilmente dunque la musica e la cultura attuale hanno preso un aspetto di patchwork, un mosaico di stili e suoni del passato. L’analisi di come le tecnologie stanno modificando la nostra vita quotidiana  è uno dei capitolo più interessanti del saggio. Passiamo letteralmente le nostre vite a rivedere cose successe decine di anni fa ma il discorso vale anche per eventi di pochi giorni prima  che sono rivedibili eternamente. Fino a poco tempo fa un evento era unico o quasi, chi se lo era perso non lo poteva più rivivere.
Inoltre la tecnologia è sempre più il fine in se piuttosto che un mezzo. Oggi non abbiamo più un rapporto ossessivo e totalizzante con un divo (nei primi del novecento e oltre anche il cinema aveva offerto questa relazione salvatrice tra spettatore e divo) bensì con la tecnologia. Non si fa la fila per vedere l’ultimo film del grande attore o acquistare l’ultimo album del proprio cantante preferito. Si fa la fila appunto per l’ipod o l’ipad e lo schermo lcd, tutti mezzi che sono più importanti di ciò che riprodurranno (il romanzo, l’album, la televisione, il  cinema. Tutte arti in crisi!)
Potrebbero però non essere queste le uniche ragioni a spiegare l’attuale stallo. In fondo tutto l’Occidente sembra preso da un senso di estenuazione, di tramonto e non è un caso se Reynolds cita la distinzione tra civiltà e civilizzazione proposta da Spengler nel tramonto dell’occidente: si parla di civiltà per descrivere una cultura nella fase propulsiva, giovanile, creatrice e di civilizzazione per la sua fase ripropositrice, senile, conservatrice.
Dobbiamo rassegnarci allora? Stiamo diventando tutti giapponesi (cfr il capitolo turning japanese?)
La domanda è legittima: esiste ancora qualcuno o qualcosa nel panorama della musica attuale che sfugga alle leggi della riproposizione del passato? Non completamente no, ma ci sono alcuni movimenti che perlomeno cercano di partire dal passato per riproporre qualcosa di nuovo, di elevare la nostalgia a nuova musa ispiratrice. È il fenomeno di ultranicchia ma molto interessante di musica che Reynolds e altri chiamano hauntology (termine coniato da Derrida per unire le parole haunt, aleggiare, infestare, e ontology, ontologia), una musica fatta principalmente in Gran Bretagna che parte dai suoni prodotti dalla BBC per la televisione nel corso degli anni cinquanta sessanta /settanta come colonne sonore o jingle di cartoni animatie sigle dal gruppo interno alla BBC denominato radiophonic workshops, laboratorio radiofonico.
Questi suoni che hanno aleggiato nell’infanzia dei compositori, oggi essi stessi li ripropongono in una nuova veste, come colonna sonora dei tempi odierni, una sorta di manifesto minimalista dell’esser creativi oggi. E’ musica sognante, evanescente, quasi svuotata di forza. Sentire per credere Belbury Poly, Moon Wiring Club, Advisor Circle Mordant Music.










Vorrei concludere con una nota non pienamente negativa. Proprio basandosi sulla definizione di Spengler possiamo dare per certo che le società le epoche, proprio come gli organismi, hanno una storia, un picco, una fase di stallo e una fine. In fondo possiamo quindi guardare con più tenerezza ai giovani che fanno musica oggi. Non possiamo chiedergli di rivoluzionare la musica eternamente, per le molteplici ragioni sovra accennate : perché sono minoranza, perché le tecnologie oggi sono tutto, perché il mezzo trionfa sul fine e ci immerge dolcemente nel passato come un feto nel liquido amniotico, perché le ere finiscono etc etc . Non possiamo pretendere cosi tanto, la musica pop è diventata come la letteratura, come la musica classica, come il jazz. Musica che ha terminato la sua Storia. Continuano molte storie, molte canzoni belle vengono ancora scritte oggi, solo non chiediamogli di essere il Nuovo! Per quello magari ci penserà un'altra Civiltà!

 

NOTE:
L'intero documentario della BBC "The Alchemist of sound" può essere visto su youtube.
Link alla prima parte: http://www.youtube.com/watch?v=cKPGzX5kZd0

Retromania. Musica, cultura pop e la nostra ossessione per il passato
di Reynolds Simon - ISBN Edizioni
ISBN 9788876381706 - Traduttore M.Piumini Anno 2011 471p.
Per acquistarlo su IBS.IT

© Luca Toni




Recensioni ed articoli relativi a Luca Toni

Nessun record trovato

Testi di Luca Toni pubblicati su Progetto Babele

(1) Retromania di Simon Reynolds a cura di Luca Toni - ARTICOLO
(2) Me and you and everyone we know di Luca Toni - RECENSIONE
(3) Utopian Dreams - In search of a good life di Tobias Jones - RECENSIONE
(4) Norwegian Wood di Murakami Haruki - RECENSIONE
(5) Le città senza tempo di B. Akunin - RECENSIONE


>>ARCHIVIO ARTICOLI

>>Archivio vecchi articoli (fno al 21/05/2007)

 

 





-

dal 2011-09-24
VISITE: 22613