Progetto Babele Rivista Letteraria
© 2002 - Progetto Babele Rivista Letteraria - fondata da Marco R. Capelli
Audiolibri BookShop SCARICA O COMPRA I NUMERI ARRETRATI DELLA RIVISTA
HomePage Contatta PB Il gruppo di Progetto Babele su Facebook Seguici su Youtube Linkedin
TeleScrivente:    SOSTENETE “ILCORSARONERO” RINNOVANDO L’ABBONAMENTO (07/09/2019)    Eugraphia seleziona opere per ragazzi (da sei a quindici anni) (05/09/2019)    Black Window: al via la seconda edizione! (24/06/2019)    Anobii lascia Mondadori (30/05/2019)    I libri di PB, saldi di fine stagione (28/12/2018)    [13/12/2019] 3 concorsi letterari in scadenza nei prossimi quattordici giorni    Festival Nazionale di Poesia per e dei Bambini scadenza 2019-12-14    La diversità dell'Italia scadenza 2019-12-20    Concorso Letterario Tre Colori scadenza 2019-12-20    EVENTI, PRESENTAZIONI, CORSI, SEMINARI, FIERE E SPETTACOLI    AUDIOLIBRI     La porta di Cesarina Bo letto da Alberto Morella (Realizzato da Riccardo Cerutti)     La Strega di Marco R. Capelli letto da C. Fratarcangeli e S.Ferrara     Quella casa sulla collina di Marcello Caccialanza letto da Alberto Sannazzaro     Fino alla fine dell`alba di Matteo Bertone letto da Samuele Arena     Carrozza n.6 di Matteo Bertone letto da Samuele Arena    RECENSIONI    I Figli di Dio di Glen Cooper    La cripta dei teschi forati di Luigi Tortora    Il Barone di Giuseppe Antonio Martino    Il Barone di Giuseppe Antonio Martino     Fossi in te io insisterei di Carlo Giuseppe Gabardini    Il Parere di PB     Cambi di prospettive di Ilaria Ferramosca     Express Tramway di Vittorio Baccelli     Promesse da marinaio di Daniele Filzi    Il lungo viaggio di Chaetodon Vagabundus di Francesco Sciortino    I buoni ed i cattivi frutti di Francesca Ricci    Articoli e saggi     Lorenzo Calogero, il “folle” medico-poeta di Melicuccà     Congiunzione e disgiunzione in Eugenio Montale     Ernest Hemingway e le Isole Borromee     Lingua e poesia nelle opere di Nino De Vita     Jack London (1876-1916), ovvero il mare sfidato    Racconti     Fonzo di Don pompeo Mongiello     Sembra avere un senso… di Carla Montuschi     Qualcosa è cambiato di Milos Fabbri     The Unknown Victim di John gerard Sapodilla     Identità riservata di Cinzia Baldini    Biografie     Svevo, Italo (1861-1928)     Deledda,Grazia (1871-1936)     Némirovsky,Irene (1903-1942)     Walsh, Rodolfo (1927-1977)     Sturluson, Snorri (1176-1241)    Traduzioni     Der Panther / La Pantera di Rainer Maria Rilke trad. di Paolo Esposito     Maternità trad. di Maria giovanna Varasano     Il silenzio del mare trad. di Nicoletta Isola     Strana contrada trad. di Nicoletta Isola     L'oscurità amica trad. di Nicoletta Isola    Poesie     Francesco di Eva Rando     Occhi di Luna di Elisabetta Santirocchi     Assenzio di Sandro Lillo Spallino     Poesie Nuove (silloge) di Alberto Accorsi     Istantanea di Natascia Secchi    Cinema     Forbidden Voices - How to start a revolution with a laptop (Svizzera 2012) regia di Barbara Miller     The Blind Side (USA - con Sandra Bullock: Leigh Anne Tuohy Tim McGraw: Sean Tuohy Quinton Aaron: Michael Oher Jae Head: S.J. Tuohy Kathy Bates: Miss Sue 2010) regia di John Lee Hancock     Becoming Jane (Con Anne Hathaway, James McAvoy, Julie Walters, Maggie Smith, James Cromwell 2007) regia di Julian Jarrold    Musica     Scimpanzè (2015) - Loris Dalì     FIN (2014) - - Thomas -     Chimera (2014) - Ottodix    
Email
PSWD
AddsZone
Save the Children Italia Onlus


Le Vendicatrici
La Rivista
Copertina
Scarica gratuitamente
l'ultimo numero della rivista
Cart ARRETRATI
BookShop
PB Interactive
>>Stazione di servizio
Consigli & indirizzi per aspiranti scrittori
>>Telescrivente
Le NEWS di PB - quasi un Blog
>>L'angolo di Simone
Dedicato ai più piccoli
>>Piccolo spazio pubblicità
Le vostre inserzioni su PB
PB consiglia
Concorsi e premi letterari
30 concorsi in archivio
Eventi Mostre Presentazioni Spettacoli
0 eventi in archivio
Novità in libreria
NOVITA' IN LIBRERIA
6 novità in archivio
Assaggi
Le Recensioni
     

La prima pubblicazione di Italo Svevo : il racconto Una lotta
a cura di Alessandra Pappaterra
Pubblicato su SITO


VOTA QUESTO TESTO
Insufficiente Sufficiente Discreto Buono Ottimo

Votanti: 1920
Media 80.56 %

Articoli

Il racconto venne pubblicato per la prima volta nel 1888 a puntate nell’elzeviro dell’ “Indipendente”, giornale triestino fondato  nel 1877, che consentì all’autore un immediato inserimento nelle cerchie letterarie dell’epoca.

Il  testo qui analizzato è uno degli esperimenti incipitari del giovane Svevo, risalente al periodo in cui ancora soleva usare lo pseudonimo Ettore Samigli (denota interesse la scelta di nomi

che solevano avere come iniziale la lettera S, a mo’di rimando al suo cognome reale,  Schmitz ).

Il titolo del racconto allude ad uno scontro in campo amoroso: Arturo Marchetti, celebre poeta, e Ariodante Chigi, cultore dello sport, si contendono l’amore della bella Rosina che nell’epilogo deciderà di fuggire col secondo pretendente dopo che questi aveva percosso il povero poeta .

Dal punto di vista cronotopico Svevo ambienta la scena in una anonima città “N.”, contrariamente ai successivi scritti in cui Trieste assume la costante di sfondo, analizzata e contestualizzata in base alla trama da trattare: ad esempio nel racconto L’assassinio di via Belpoggio (1890) la città è il labirinto in cui Giorgio, dopo l’omicidio cerca di nascondersi e apparire inosservato; nel romanzo Una Vita (1892) Svevo annuncia il malessere del protagonista Alfonso Nitti che non riesce ad inserirsi nello sviluppo industriale del luogo; in Senilità (1898) invece riscontriamo un ambiente che fa da sfondo alla tormentata storia amorosa tra Emilio e Angiolina, in l’autore svariate volte descrive dettagliatamente i luoghi dei loro incontri segreti;  nella Coscienza di Zeno (1923)  Trieste assume importanza sociale, è l’espressione della borghesia avanzante, degli affari e del commercio.

Il tempo del racconto non è ben scandito: dopo alcune visite nel salotto della fanciulla i due rivali si scontrano e lo sfortunato poeta, in seguito allo svenimento, si ritrova nella sua stanza dove apprenderà da alcune lettere la sua triste sconfitta.

Arturo è l’unico personaggio a tutto tondo e la vicenda è quasi totalmente esposta dalla sua ottica. Ariodante e Rosina invece sono focalizzati in maniera alquanto repentina.

Svevo definisce a grandi linee il loro aspetto fisico: Rosina era una “bella biondina” che camminava  un po’ curvata. Ci  appare come una figura marginalmente abbozzata e approfondita solo nel suo secondo romanzo con il personaggio di Angiolina; di Ariodante conosciamo solo le sue doti fisiche e la virile bellezza.

Arturo, “fornito di due occhi azzurri espressivi quanto la sua parola”, sviluppa nella lotta amorosa una mediazione del desiderio, di invidia narcisistica nei confronti del rivale (considerato paradossalmente inetto) che crede di poter sconfiggere con le sue consolidate doti intellettuali e una sorta di bramosia di possesso che gli faranno corteggiare e credere di amare una donna solo per la soddisfazione di legarla a sé, dimostrando una perdita di spontaneità dei sentimenti amorosi tipici della narrativa ottocentesca. Il possesso tanto agognato, infondato e illusorio non farà altro che collocarlo nel girone degli inetti che, sognatori e affabulatori, non sono capaci di creare un percorso vitale stabile da seguire e molti di loro avranno anche un triste epilogo: si pensi a Giorgio l'assassino di via Belpoggio che, credendo di far tacere il proprio senso morale, seminerà ovunque  prove della sua colpevolezza tanto da venir subito arrestato; Alfonso Nitti, incapace di integrarsi nella società triestina industriale e titubante nelle proprie decisioni amorose, si lascerà morire per annichilire un'esistenza da ignavo.

Tra dimensione onirica e realtà Arturo fonde la propria vita amorosa con la letteratura, presentandosi in maniera altamente bovaristica: è dal suo bagaglio culturale che idealizza e crea una donna da introdurre nella sua vita quale musa ispiratrice che in realtà non possiede doti artistiche, infatti così scrive Svevo: «questa donna sognata e sognata sua doveva essere un essere del tutto speciale e doveva avere una testina degna di portare la corona d’alloro che egli voleva applicarvi»; ma Rosina è una semplice fanciulla «che vive sola e che riceve liberamente uomini in casa». Subito dopo aver cristallizzato la perfezione della donna quale antica figura stilnovista , il poeta scivola nella sfera della mondanità pensando alla fanciulla come una giocattolo con cui divertirsi: « voglio almeno divertirmi; se trovo di meglio la lascio, altrimenti ne faccio il romanzo della mia vita» echeggiando i propositi di Emilio Brentani che, vivendo con mente senile un amore giovane, ma soprattutto frivolo e di poco conto con una donna di facili costumi, si lascia incatenare da un’inettitudine sfociante in gelosia e incapacità di adempiere ai propri doveri familiari.

L’espressione “scrivere il romanzo della mia vita” è quasi topico in Svevo : Alfonso Nitti tentò di vergare con la sua amata Annetta Maller un romanzo a quattro mani in cui avrebbe riversato le proprie vicende sentimentali, allo stesso modo tentò  di fare Emilio Brentani, ma il sentimento malato per Angiolina non gli permisero di portare a termine il progetto, così anche Zeno Cosini sotto la prescrizione del suo psicanalista scrisse  la sua “inattendibile” autobiografia.

L’approccio letterario di tutti questi personaggi  è indice di autobiografismo, infatti Svevo più volte dichiarò di non riuscire a pensare se non con la penna in mano. Ciò nonostante l’autore svilupperà sin da questo suo primo racconto una sorta di distacco con la sorte del protagonista adottando una narrazione non empatica.

La dimensione onirica del protagonista del racconto non fa altro che aumentare la gelosia nei confronti del rivale, tale tematica è fondamentale ancora una volta in Senilità, tanto che questo breve racconto sperimentale della narrativa sveviana rappresenta una sorta di cartone preparatorio per il secondo romanzo, un canovaccio in cui sintetizza temi che affronterà e perfezionerà solamente in seguito.

La lotta amorosa condotta da Arturo appare quasi unilaterale: assumendo un atteggiamento di sfida e ironico nei confronti di chi non può competere fisicamente, perderà nello scontro finale decisivo con Ariodante; ma in realtà Arturo sfida se stesso, le proprie convinzioni e, malato di attitudine onirica perde il vero contatto con la realtà degenerando conseguentemente da contemplatore in senso shopenaueriano a  inetto.

© Alessandra Pappaterra




Recensioni ed articoli relativi a Alessandra Pappaterra

Nessun record trovato

Testi di Alessandra Pappaterra pubblicati su Progetto Babele

(1) La prima pubblicazione di Italo Svevo : il racconto Una lotta a cura di Alessandra Pappaterra - ARTICOLO
(2) Rovistando fra gli scartafacci di Jane Austen: Lady Susan. a cura di Alessandra Pappaterra - ARTICOLO


>>ARCHIVIO ARTICOLI

>>Archivio vecchi articoli (fno al 21/05/2007)

 

 




-

dal 2013-06-29
VISITE: 1729


© Copyright Note: Tutto il materiale qui pubblicato è proprietà intellettuale degli autori.
Come tale non può essere riprodotto, tutto o in parte, senza preventivo consenso degli autori stessi.